Annunciazione (Pinturicchio)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Disambig-dark.svg
Nota di disambigua - Se stai cercando altro voci riguardanti l'Annunciazione, vedi Annunciazione (Disambigua).
Spello ChSMMaggiore Pinturicchio Annunciazione 1500-1501.jpg
Pinturicchio, Annunciazione (1500 - 1501), affresco
Annunciazione
Opera d'arte
Stato

bandiera Italia

Regione Flag of Umbria.svg Umbria
Regione ecclesiastica Umbria
Provincia Perugia
Comune

Spello

Località
Diocesi Foligno
Parrocchia o Ente ecclesiastico
Ubicazione specifica Chiesa Collegiata di Santa Maria Maggiore, Cappella Baglioni, parete sinistra
Uso liturgico quotidiano
Comune di provenienza Spello
Luogo di provenienza ubicazione originaria
Oggetto dipinto murale
Soggetto San Gabriele arcangelo annuncia a Maria la nascita di Gesù
Datazione 1500 - 1501
Datazione
Datazione Fine del {{{fine del}}}
inizio del {{{inizio del}}}
Ambito culturale scuola umbra
Autore

Pinturicchio (Bernardino di Betto) e bottega

Altre attribuzioni
Materia e tecnica affresco
Misure
Iscrizioni BERNARDINUS / PICTORICIUS / PERUSINUS; MCCCCCI
Stemmi, Punzoni, Marchi
Note
opera firmata e datata
Collegamenti esterni
Virgolette aperte.png

26Al sesto mese, l'angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazaret, 27a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. 28Entrando da lei, disse: "Rallégrati, piena di grazia: il Signore è con te". 29A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. 30L'angelo le disse: "Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. 31Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. 32Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell'Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre 33e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine"....
34Allora Maria disse all'angelo: "Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?". 35Le rispose l'angelo: "Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell'Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. 36Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch'essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: 37nulla è impossibile a Dio". 38Allora Maria disse: "Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola". E l'angelo si allontanò da lei.
Virgolette chiuse.png

L'Annunciazione è un dipinto murale, eseguito tra il 1500 e il 1501, ad affresco, dal pittore Bernardino di Betto, detto il Pinturicchio (1452 ca. - 1513), ubicato nella Cappella Baglioni (o "Cappella Bella") della Chiesa Collegiata di Santa Maria Maggiore a Spello (Perugia).

Descrizione

Ambientazione

L'Annunciazione, ambientata davanti ad un ampio loggiato rinascimentale con archi sostenuti da raffinati pilastri decorati da grottesche, il soffitto a cassettoni, il cui pavimento geometrico scorciato in prospettiva, conduce l'occhio dello spettatore a:

  • un giardino chiuso da steccati e ordinatamente diviso in aiuole, ossia l'hortus conclusus, il giardino recintato, attributo di Maria, simbolo del Paradiso e della purezza verginale;
  • un paesaggio aperto, in lontananza, ricco di dettagli.

Soggetto

Nella scena compaiono:

  • Maria Vergine, vestita con la tunica rossa (simbolo della regalità) e un ampio mantello blu, che richiama il cielo (simbolo della trascendenza e della spiritualità), viene sorpresa dall'angelo, mentre sta leggendo la Parola di Dio, collocata su leggio. La Vergine piega il capo in segno di devota sottomissione.
  • San Gabriele arcangelo s'inginocchia devotamente davanti alla Madonna, con la mano destra compie il gesto della benedizione e con la sinistra tiene un giglio bianco, simbolo della purezza virginale di Maria;
  • Dio Padre benedicente (in alto a sinistra), con il globo in mano, circondato da angeli. Da lui parte un raggio di luce diretto alla Madonna che improvvisamente diventa una bianca colomba, simbolo dello Spirito Santo, che in Maria realizza il progetto salvifico. Infatti, è per opera dello Spirito che la Vergine concepisce il Figlio di Dio.

Note stilistiche, iconografiche e iconologiche

  • La porta chiusa, così come l'arco d'ingresso al giardino, fanno probabilmente riferimento alla definizione rituale di Maria come "porta del cielo".
  • Particolarmente curata appare illusionisticamente la parte destra, dove si apre una piccola finestra con grata su sui è appoggiata un'anfora e una mensola di libri con sotto un dipinto appeso con l'Autoritratto del pittore.

Iscrizione

Pinturicchio, Annunciazione (part. Autoritratto del pittore), 1500 - 1501, affresco

Nell'opera si trovano due iscrizioni:

  • sotto l'Autoritratto del pittore, entro una tabella ingioiellata, è riportata l'iscrizione dedicatoria:
« BERNARDINUS / PICTORICIUS / PERUSINUS »
  • sul pilastro a sinistra, dell'Autoritratto, entro una candelabra:
« MCCCCCI »

Notizie storico-critiche

La decorazione della cappella venne commissionata da Troilo Baglioni, allora priore della Chiesa Collegiata di Santa Maria Maggiore, poi arcivescovo di Perugia (1501 - 1503), membro della potente famiglia che proprio in quel periodo tentava di instaurare in quest'ultima città una signoria, ma al tempo padrona di Spello, fra il 1499 e il 1500 si rivolse al Pinturicchio né momento in cui l'artista era all'apice della sua carriera. Il pittore dovette accettare la commessa di buon grado, sebbene immerso negli impegni romani, poiché con molta probabilità teneva a consolidare la sua posizione in Umbria e i Baglioni erano in grado di aprirgli tutte le porte.

L'impresa, come di consueto per Pinturicchio, fu condotta con notevole rapidità grazie all'utilizzo di una ben organizzata bottega, con l'impiego d'altri maestri che dipingevano su suo disegno.

Il pittore e i suoi collaboratori iniziarono a decorare la cappella a partire dalla volta per passare poi alla parete destra dovettero iniziare Disputa di Gesù con i dottori del Tempio, successivamente a quella centrale con lAdorazione dei pastori, infine alla parete sinistra con lAnnunciazione. Lo spettatore moderno potrebbe trovare strano che l'ordine di esecuzione dei dipinti sia contrario a quello di lettura. L'apparente singolarità invece è spiegabile, se si riflette su due aspetti fondamentali nell'arte rinascimentale:

  • L'artista si accingeva alla realizzazione del ciclo decorativo solo dopo che il programma iconografico era stato definito nei minimi dettagli e pertanto era indifferente da quale parte iniziare, dato che si sapeva già a quali spazi fosse destinata ciascuna scena.
  • La frescatura, come tecnica pittorica, è fortemente influenzata dai fattori ambientali (temperatura, umidità e luce). Il Pinturicchio, come ogni grande pittore, era molto attento a questi fattori materiali, perciò dovette cominciare con la parete che al momento si prestava come la più idonea ad essere dipinta e sperimentare la reazione di questi agenti condizionanti.
Bibliografia
  • Corrado Fratini, Giulio Proietti Bocchini, Gli affreschi della Cappella Baglioni nella Collegiata di Santa Maria Maggiore a Spello in Pintoricchio. Catalogo della mostra, Editore Silvana, Milano 2008, pp. 111 - 119
  • Claudia La Malfa, Pintoricchio, Editore Giunti, Firenze 2008, pp. 40 - 43
  • Vittorio Peri et al., La Cappella Baglioni di Spello. 500 anni dopo, Editore Velar, Gorle 2001
  • Stefano Zuffi, Episodi e personaggi del Vangelo, Editore Mondadori-Electa, Milano 2002, p. 59 ISBN 9788843582594
  • Stefano Zuffi, La pittura italiana, Editore Mondadori-Electa, Milano 1997, p. 129 ISBN 9788843559114
Voci correlate
Collegamenti esterni
Firma documento.png

Il contenuto di questa voce è stato firmato il giorno 18 giugno 2013 da Teresa Morettoni, esperta in museologia, archeologia e storia dell'arte.

Il firmatario ne garantisce la correttezza, la scientificità, l'equilibrio delle sue parti.

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.