Beato Peter Friedhofen

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Beato Pietro Friedhofen, F.M.M.A.
Religioso
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo Peter
Beato

91904B.JPG

{{{motto}}}
Titolo
fondatore
Età alla morte 41 anni
Nascita Weitersburg
25 febbraio 1819
Morte Coblenza
21 dicembre 1860
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa 28 febbraio 1852
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale [[{{{aO}}}]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi

Iter verso la canonizzazione

Venerato da Chiesa cattolica
Venerabile il [[]]
Beatificazione 23 giugno 1985, da Giovanni Paolo II
Canonizzazione [[]]
Ricorrenza 21 dicembre
Altre ricorrenze
Santuario principale
Attributi
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di
Collegamenti esterni
Scheda su santiebeati.it
Tutti-i-santi.jpgNel Martirologio Romano, 21 dicembre:
« A Coblenza nella Renania in Germania, beato Pietro Friedhofen, religioso, che, dapprima spazzacamino, fondò poi la Congregazione dei Frati della Misericordia di Maria Ausiliatrice, per la quale dovette sopportare con mitezza e serenità d'animo derisioni e molestie. »

Beato Pietro Friedhofen, al secolo Peter (Weitersburg, 25 febbraio 1819; † Coblenza, 21 dicembre 1860) è stato un presbitero e fondatore tedesco della congregazione dei Frati della Misericordia di Maria Ausiliatrice, nel 1850.

Biografia

Nacque a Weitersburg presso Vallendar (Coblenza), in Germania, sesto dei sette figli di Peter Friedhofen e Anna Maria Klug.

Orfano

A un anno perse il padre e a nove anni rimase orfano anche della madre; il comune di Vallendar si dovette assumere l'onere della loro assistenza.

Una donna del paese si prese cura dei tre figli più piccoli; le misere condizioni di quella famiglia non permisero a Peter una frequenza regolare della scuola.

Spazzacamino

Giunto ai tredici anni, dopo aver ricevuto la Prima Comunione, raggiunse il fratello maggiore Giacobbe ad Ahrweiler, per apprendere anche lui il mestiere di spazzacamino. A diciotto anni divenne spazzacamino, e, grazie alla sua serietà e competenza, nel 1842, a 23 anni, fu assunto dal Comune di Vallendar come mastro spazzacamino.

Nel 1845 fu per un breve periodo ospite nel noviziato dei Redentoristi a Wittem, in Olanda; fu molto colpito dal fervore che lì si viveva e si accese in lui l'amore per la vita religiosa.

Il 27 ottobre 1845 morì suo fratello Giacobbe, lasciando dieci figli e la moglie incinta. Per soccorrere la vedova e gli orfani Peter ritornò in Germania e si fece assumere come spazzacamino a Ahrweiler, nonostante la sua salute e i problemi polmonari.

Le prime esperienze di vita religiosa

In quello stesso periodo organizzò con alcuni giovani un'associazione intitolata a San Luigi Gonzaga; il vescovo di Treviri, Guglielmo Arnoldi, lo ricevette il 2 luglio 1847 insieme a una delegazione dell'associazione e ne approvò la regola di vita, scritta dallo stesso Peter.

Il vescovo, che ormai lo conosceva, credette che Peter fosse la persona adatta per restaurare l'Ordine dei Celliti, religiosi infermieri, detti anche Fratelli della Misericordia e lo mandò assieme al suo compagno Carlo Marchand a fare un anno di noviziato presso di loro ad Aquisgrana, per apprenderne lo stile di vita religiosa e l'arte dell'assistenza agli ammalati.

L'Ordine dei Fratelli

Nel 1850 Peter terminò il noviziato presso i Celliti e il vescovo si convinse che quell'Istituto non confaceva alle idee del suo protetto. Il 16 novembre di quell'anno Peter poté iniziare l'Ordine dei Fratelli della Misericordia di Maria Ausiliatrice e inaugurare il convento di Weitersburg.

Il 15 febbraio 1851 Peter trasferì la sua sede a Coblenza. Là gli inizi furono aspri, ma trovò nel parroco De Lorenzi una generosa e valida assistenza spirituale ed economica, per sé e per l'Opera, che nel frattempo andava prendendo forma.

Il 25 marzo ricevette l'abito e il 28 febbraio 1852 il vescovo di Treviri Arnoldi decretò l'erezione canonica della nuova Istituzione e autorizzò l'emissione dei voti di Peter e di un compagno. Lo stesso vescovo assegnò ai membri una regola di vita, stabilì il loro fine nell'assistenza ai malati e prescrisse che l'abito fosse quello dei Fratelli della Misericordia di Aquisgrana; nominò infine il già citato parroco di Coblenza, Filippo De Lorenzi, loro superiore ecclesiastico.

Con l'aiuto del De Lorenzi, partendo dalla Regola dei Celliti, Peter Friedhofen compose la Regola della nuova Congregazione; il numero dei Fratelli si moltiplicò in breve tempo, come pure il numero degli assistiti in ospedale e a domicilio.

Peter fu dal 14 marzo 1852 superiore dei Fratelli e in tale carica rimase fino alla morte.

I problemi di salute e la morte

Le sue condizioni di salute non erano buone: fin dal 1843 soffriva per una grave forma di tubercolosi e dal 1857 durante l'inverno non riusciva più a visitare i fratelli residenti fuori Coblenza; per questo scriveva loro lettere e redasse anche un testamento spirituale, con cui cercò di trasfondere nei Fratelli, il suo spirito contemplativo: era convinto che non si potesse compiere un efficace apostolato senza santificazione.

Nelle prime ore del 21 dicembre 1860 si spense santamente a Coblenza; una grande folla partecipò ai suoi funerali. L'imperatrice Augusta fece sistemare sulla tomba dell'ex umile spazzacamino una grande croce di pietra.

Voci correlate

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.