Chiesa di Santa Maria Immacolata e San Giovanni Berchmans (Roma)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Disambig-dark.svg
Nota di disambigua - Se stai cercando altri significati del nome Santa Maria, vedi Santa Maria (disambigua).
1leftarrow.png Voce principale: Chiese di Roma.
Chiesa di Santa Maria Immacolata e San Giovanni Berchmans
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO
Tiburtino - Santa Maria Immacolata e San Giovanni Berchmans.JPG
Roma, Chiesa di Santa Maria Immacolata e San Giovanni Berchmans
Altre denominazioni
Stato bandiera Italia
Regione bandiera Lazio


Regione ecclesiastica Lazio

Provincia Roma
Comune Stemma Roma
Località
Diocesi Roma
Vicariatus Urbis
Religione Cattolica
Indirizzo Via degli Etruschi, 36
00185 Roma (RM)
Telefono +39 06 4461979
Fax +39 06 4456810
Posta elettronica rm.immacolata@murialdo.org
Sito web

Sito ufficiale

Sito web 2
Proprietà Santa Sede
Oggetto tipo Chiesa
Oggetto qualificazione parrocchiale
Dedicazione Maria Vergine
San Giovanni Berchmans
Vescovo
Sigla Ordine qualificante C.S.I.
Sigla Ordine reggente C.S.I.
Fondatore San Pio X
Data fondazione 1906
Architetti

Costantino Schneider (progetto)
Francesco Storchi (progetto e direzione dei lavori)

Stile architettonico Neoromanico, neogotico
Inizio della costruzione 1906
Completamento 1909
Distruzione
Soppressione
Ripristino {{{Ripristino}}}
Scomparsa {{{Scomparsa}}}
Data di inaugurazione
Inaugurato da
Data di consacrazione 19 marzo 1909
Consacrato da cardinale Desiré-Félicien-François-Joseph Mercier
Titolo Santa Maria della Salute a Primavalle (titolo cardinalizio)
Strutture preesistenti
Pianta croce latina
Tecnica costruttiva
Materiali laterizi, travertino
Data della scoperta {{{Data scoperta}}}
Nome scopritore {{{Nome scopritore}}}
Datazione scavi {{{Datazione scavi}}}
Scavi condotti da {{{Scavi condotti da}}}
Altezza Massima
Larghezza Massima 19,20 m
Lunghezza Massima 52,80 m
Profondità Massima
Diametro Massimo
Altezza Navata
Larghezza Navata
Altitudine
Iscrizioni
Marcatura
Utilizzazione
Note
Coordinate geografiche
41°53′49″N 12°30′54″E / 41.89692, 12.51494 Stemma Roma
Mappa di localizzazione New: Roma
Chiesa di S. Maria Immacolata e S. Giovanni Berchmans
Chiesa di S. Maria Immacolata e S. Giovanni Berchmans
Basilica di S. Pietro
Basilica di S. Pietro
Basilica di S. Giovanni in Laterano
Basilica di S. Giovanni in Laterano
Patrimonio UNESCO.png Patrimonio dell'umanità
{{{nome}}}
{{{nomeInglese}}}
[[Immagine:{{{immagine}}}|240px]]
Tipologia {{{tipologia}}}
Criterio {{{criterio}}}
Pericolo Bene non in pericolo
Anno [[{{{anno}}}]]
Scheda UNESCO
[[Immagine:{{{linkMappa}}}|300px]]
[[:Categoria:Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}|Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}]]

La Chiesa di Santa Maria Immacolata e San Giovanni Berchmans è un edificio di culto di Roma, che si affaccia sull'omonima piazza, situato nella periferia settentrionale della città, nel quartiere Tiburtino.

Storia

Dalla fondazione ad oggi

La chiesa fu costruita, tra il 1906 e il 1909, per volere di papa Pio X (1903 - 1914) con il contributo dei cattolici belgi[1] su progetto dell'architetto Costantino Schneider e di Francesco Storchi, che diresse anche i lavori. Fu solennemente consacrata il 19 marzo 1909 dal cardinale Desiré-Félicien-François-Joseph Mercier (1851-1926), arcivescovo di Malines-Bruxelles.

La chiesa è sede parrocchiale, eretta da papa Pio X il 12 marzo 1909 con la lettera apostolica In ordinandis e affidata alla Congregazione di San Giuseppe.

Nel 1972 l'edificio fu restaurato e in tale occasione venne messo in opera un nuovo pavimento marmoreo; tra il 1982 e il 1983 si ebbe un ulteriore complessiva ristrutturazione, durante la quale fu rifatto il tetto e venne risistemato il campanile.

Essa, inoltre, è sede del titolo cardinalizio dell'Immacolata al Tiburtino istituito il 29 aprile 1969 da papa Paolo VI (1963 - 1978): l'attuale titolare è il cardinale Raymundo Damasceno Assis.

Titolo cardinalizio

La chiesa è sede del titolo cardinalizio dell'Immacolata al Tiburtino, istituito da papa Paolo VI il 29 aprile 1969: l'attuale titolare è il cardinale Raymundo Damasceno Assis.

Descrizione

Esterno

La chiesa presenta una facciata a salienti, rivestita di laterizi a vista e tripartita da due alte paraste; è caratterizzata nella parte superiore da un elegante timpano con peducci e pinnacoli, e aperto al centro da un rosone, mentre in quella inferiore da un portale, sormontato da un timpano a due archi concentrici e modanati, sorretti da altrettante colonnine con capitelli corinzi e ornato dalla lunetta che accoglie un mosaico raffigurante:

Chiesa di Santa Maria Immacolata e San Giovanni Berchmans (interno)

A sinistra, nella parte posteriore dell'edificio, s'innalza il campanile (h. 50 m.), a pianta quadrangolare, costruito nel 1929 strutturalmente simile a quello della Basilica di San Marco, a Venezia, ma di minori dimensioni. Le due celle campanarie sovrapposte sono decorate con travertino e ornate con colonnine e trifore.

Interno

L'interno, a pianta a croce latina, è suddiviso in tre navate da pilastri bicromi cruciformi con agli spigoli slanciate colonnine e sul lato interno alla navata centrale semicolonne addossate. La chiesa è coperta con volte a crociera, articolate in cinque campate, e illuminata da finestre con vetri policromi.

L'apparato decorativo presenta un pregevole ciclo di dipinti murali, ad affresco, con Storie della vita di Maria Vergine[2] eseguito, tra il 1946 e il 1954, da Mario Prayer (1887-1959), tra i quali si nota:

Note
  1. Per questo motivo la chiesa ha come contitolare san Giovanni Berchmans (1599 - 1621), religioso e gesuita fiammingo.
  2. Vari personaggi raffigurati nel ciclo sono tratti da fotografie di uomini e donne che furono uccisi durante i bombardamenti del 19 luglio 1943.
Bibliografia
  • Massimo Alemanno, Le chiese di Roma moderna, vol. I, Armando Editore, Roma, 2004, pp. 149-151, ISBN 9788860811479
  • Parrocchia di S. Maria Immacolata e S. Giovanni Berchmans (a cura di), San Lorenzo, il Paese nella Città... e la sua Immacolata, NeP edizioni, Roma, 2018
  • Claudio Rendina, Le Chiese di Roma. Storia e segreti, col. "Tradizioni italiane", Newton & Compton, Roma, 2017, p. 228, ISBN 9788854188358
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.