Giornata Mondiale della Gioventù 2005

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark

Coordinate: 50°53′15″N 06°44′40″E / 50.8875, 6.74444

Logo GMG 2005.gif
(DE) Weltjugendtag 2005
Edizione XX
Nazione ospitante

bandiera Germania

Città ospitante

Wappen Koeln.svg Colonia

Tema dell'incontro Siamo venuti per adorarlo (Mt 2,2)
Periodo di svolgimento 15 - 21 agosto 2005
Pontefice Benedetto XVI
Luogo veglia conclusiva Spianata di Marienfield, Kerpen-Türnich
Partecipanti alla messa 1.200.000
Numero di nazioni presenti 197
Edizione precedente Toronto 2002
Edizione successiva Sydney 2008

La Giornata Mondiale della Gioventù 2005 ebbe luogo dal 15 al 21 agosto 2005 a Colonia, in Germania. Fu il primo viaggio fuori dall'Italia per Benedetto XVI dopo la sua elezione.

Il tema dell'Incontro fu "Siamo venuti per adorarlo" (Mt 2,2): con questa frase il Papa volle invitare i giovani a mettersi nell'atteggiamento interiore dei Magi che andarono a Betlemme ad adorare Gesù.

All'incontro parteciparono circa un milione e duecentomila giovani, provenienti da centoventi nazioni del mondo[1].

La scelta della sede

Papa Giovanni Paolo II proclamò ufficialmente la celebrazione della Giornata Mondiale 2005 a Colonia al termine di quella del 2002, tenutasi a Toronto, con queste parole:

« Desidero annunciare ufficialmente che la prossima Giornata Mondiale della Gioventù si svolgerà nel 2005 a Colonia, in Germania. Nell'imponente Cattedrale di Colonia si venera la memoria dei Magi, i Sapienti venuti dall'Oriente al seguito della stella che li condusse a Cristo. Come pellegrini, il vostro cammino verso Colonia comincia oggi. Cristo vi attende là per la celebrazione della XX Giornata Mondiale della Gioventù.
Vi accompagni la Vergine Maria, Madre nostra nel pellegrinaggio della fede»
((Toronto, Angelus del 28 luglio 2002))

Qualche anno prima, Giovanni Paolo II aveva preannunciato la scelta della città di Colonia per una delle prime GMG del nuovo millennio, perché "dalla Germania sono venute nel secolo passato catastrofi gravi per l'umanità, ed è bello che venga adesso un grande segno di speranza".

Il logo della GMG 2005 è composto da 5 simboli:

  • la Croce rossa, che domina il logo. Il color rosso richiama l'amore, la passione e la sofferenza. Allo stesso tempo rimanda all'amore di Dio e alla morte di Gesù sulla Croce nonché alle varie forme di sofferenza nella nostra vita personale e in tutto il mondo. La Croce è il segno centrale della speranza cristiana e della redenzione in Gesù Cristo, che supera ogni sofferenza;
  • la stella cometa, quale segno indicatore, esprime che Dio ci guida. È un segnale di Dio che brilla sopra il luogo della nascita di Gesù. Secondo la tradizione biblica la stella ha guidato i tre Re Magi al Signore. Dopo un lungo pellegrinaggio hanno incontrato il Signore e - trasformati da quest'incontro - sono tornati a casa. Brillava allora sopra la stalla di Betlemme e ora splende sopra la dimora di Dio a Colonia. La stella vuole guidare i giovani del mondo verso la Giornata Mondiale della Gioventù a Colonia nel 2005;
  • il Duomo di Colonia, dove si svolgerà la Giornata Mondiale della Gioventù. In questa cattedrale si venerano da secoli le reliquie dei tre Re Magi. Il color rosso del duomo lega la Chiesa alla Croce: la Chiesa e Cristo sono inseparabili;
  • l'arco ellittico, che contiene vari livelli d'interpretazione. Avendo la forma stilizzata di un C, esso sta per Cristo e anche per la comunione universale della Chiesa (communio). Inoltre esprime l'abbraccio protettore da parte di Dio: il cielo, la grazia di Dio, abbraccia e ripara la Chiesa e il mondo;
  • la parte inferiore, portante, dell'arco, che fa pensare al Reno e ad una barca, come la barca del Santo pescatore Pietro, di cui il Papa è successore. Il color azzurro, che simboleggia l'acqua, ricorda l'acqua del battesimo.

Durante la cerimonia di chiusura il grande logo della spianata di Marienfeld è stato rotto in cinque pezzi, consegnati ad altrettanti rappresentanti dei cinque continenti.

Lo svolgimento

Giovani a Colonia

Da giovedì 11 a Domenica 14 agosto

In tutta la Germania si svolgono le Giornate d'incontro con le Diocesi tedesche: una sorta di gemellaggio con le Diocesi straniere.

Venerdì 12 agosto

Un'iniziativa tra cattolici e musulmani avviene a Munster, durante la tradizionale preghiera del Venerdì. La locale moschea accoglie 35 ragazzi e i loro preti, provenienti dalla diocesi italiana di Cesena e l'imam tiene un intervento sul tema della pace e dell'unione fra i popoli.

Martedì 16 agosto

La ventesima GMG ha avuto inizio ufficialmente nel pomeriggio con la S. Messa di apertura nei tre stadi principali della città. Presiede l'Arcivescovo di Colonia Joachim Meisner. Contemporaneamente si sono svolte altre due Sante Messe a Bonn e a Düsseldorf, le altre due città che ospitano i partecipanti alla GMG: in tutti e tre i casi è stato registrato il tutto esaurito, costringendo molti pellegrini all'esterno[2].

Mercoledì 17 agosto

Inizio della tre giorni di catechesi mattutina per i partecipanti, tenute da vari vescovi nelle chiese di Colonia, Bonn e Düsseldorf, dove sono ospitati i giovani pellegrini.

Italyani Köln: allo stadio di Colonia si è tenuta nel pomeriggio una festa dei giovani pellegrini provenienti dall'Italia e di tutti gli italiani emigrati all'estero e in particolare in Germania. Il tema dell'accoglienza e della compenetrazione di culture è stato affrontato in numerosi momenti. Momenti di musica e di spettacolo con cantanti italiani e internazionali, cori, animatori e comici. Momenti di riflessione e preghiera con gli interventi dei cardinali Ruini (presidente della CEI), il già citato Meisner e Lehman (presidente della Conferenza episcopale tedesca) e la testimonianza di don Oreste Benzi. La manifestazione, presentata da Paola Saluzzi, ha visto intervenire: l'ex commissario tecnico della nazionale italiana di calcio Giovanni Trapattoni, Miss Italia 2003 Francesca Chillemi e i cantanti Povia, Marco Masini, Linda, Tosca e i Modà. È stato trasmesso sui maxischermi anche un messaggio inviato dal Presidente della Repubblica Italiana Carlo Azeglio Ciampi.

Giovedì 18 agosto

Arrivo sulla barca di Pietro

Ore 12: Arrivo di Benedetto XVI a Colonia. Il Papa è stato calorosamente accolto da una rappresentanza di centinaia di giovani e dal presidente tedesco Horst Köhler e dal cancelliere Gerhard Schröder con le rispettive consorti. Dopo i discorsi di benvenuto, il Papa si è detto felice di essere nella sua terra natale nel suo primo viaggio fuori dall'Italia, "felice di stare in mezzo ai giovani, di sostenerne la fede e di animarne la speranza" e sicuro di essere arricchito "dal loro entusiasmo, dalla loro sensibilità e dalla loro disponibilità ad affrontare le sfide del futuro".

Ore 17: il Pontefice è giunto alla città di Colonia attraverso un'imbarcazione (i pellegrini che raggiungevano Colonia erano soliti navigare il Reno). La barca, prima di giungere al duomo, ha attraccato alla Banchina del Poller Rheinwiesen da cui il Papa ha pronunciato il suo discorso di saluto ai ragazzi. Ad attendere il suo arrivo circa ottocentomila giovani, stipati lungo il Reno[3].

Venerdì 19 agosto

In mattinata Benedetto XVI è in visita di cortesia al Presidente della Repubblica Federale di Germania nella Villa Hammerschmidt di Bonn.

A mezzogiorno è avvenuta una storica visita alla sinagoga di Colonia.

Alle 17 ha incontrato i seminaristi nella Chiesa di S. Pantaleon a Colonia.

In serata un incontro ecumenico nell'Arcivescovado di Colonia.

Sabato 20 agosto

In mattinata Benedetto XVI ha dato udienza nell'Arcivescovado di Colonia ad alcune autorità politiche e civili della Germania: Gerhard Schroeder, Cancelliere Federale); Wolfgang Thierse, Presidente del Parlamento; Angela Merkel, Presidente del Partito CDU; Jürgen Rüttgers, Ministro Presidente del Land Renania Settentrionale-Westfalia e ad altre autorità locali.

Verso sera l'udienza ai rappresentanti di alcune comunità musulmane

I giovani, raggiunta la Spianata di Marienfeld (ex miniera di lignite), presso Türnich e Kerpen, hanno partecipato dalle 19,30 fino alle 23 alla veglia con il Papa. In serata il numero di presenti raggiunge quota un milione.

Domenica 21 agosto

In mattinata messa nella spianata di Marienfeld, a cui è seguita la recita dell'Angelus. Un milione e duecentomila i presenti.

Nel pomeriggio l'incontro con i vescovi della Germania nella Piussaal del Seminario di Colonia.

Saluto al Comitato Organizzatore della GMG 2005 e congedo.

Concessione dell'indulgenza plenaria

Il Papa ha deciso di concedere l'indulgenza plenaria a quanti hanno partecipato alla Giornata Mondiale della Gioventù di Colonia e l'indulgenza parziale agli altri fedeli, ovunque si trovino durante la GMG, qualora preghino per i giovani.

L'indulgenza plenaria (cioè la remissione della pena ancora da scontare per i peccati) avviene alle solite condizioni richieste dalla Chiesa e cioè che il fedele si sia confessato, abbia fatto la comunione e abbia pregato secondo l'intenzione del Sommo pontefice. Tale indulgenza è stata concessa ai fedeli che, con animo distaccato da qualunque peccato, hanno partecipato attentamente e devotamente a qualche funzione, durante la XX Giornata Mondiale della Gioventù a Colonia e alla sua solenne conclusione.

Agli altri fedeli, dovunque si trovino nei giorni della GMG, viene invece concessa l'indulgenza parziale se, almeno con animo contrito, chiederanno a Dio, con ferventi preghiere, che i giovani cristiani si rafforzino nella professione della fede, si confermino nell'amore e nel rispetto verso i propri genitori e si impegnino fermamente a modellare secondo le sante norme del Vangelo e della Madre Chiesa la nuova famiglia che essi stessi formeranno o hanno già formata, oppure la propria vita secondo la vocazione che Dio ha indicato ad ognuno.

Secondo il card. Ruini[4], il Papa a Colonia ha chiesto ai giovani di

« non commettere l'errore delle grandi rivoluzioni del XX secolo, il cui programma comune era di non attendere più l'intervento di Dio, ma di prendere totalmente nelle proprie mani il destino del mondo. Bisogna, invece, di diventare capaci di sottometterci a Dio, di fare di Lui la misura del nostro vivere. »

I numeri

Distribuzione dei pasti

I numeri di questa giornata danno un'idea delle proporzioni dell'evento. Nella settimana delle Giornate Mondiali sono stati presenti a Colonia oltre 800.000 giovani, di cui oltre 100.000 erano i pellegrini italiani, il gruppo più numeroso. Sono giunti oltre un milione di partecipanti alla Messa finale. 20.000 sono stati i giovani volontari da tutta la Germania[1].

Il gran numero dei partecipanti ha creato gravi difficoltà all'organizzazione tedesca: i momenti più critici sono stati le distribuzione dei pasti e il deflusso dalla cerimonia conclusiva avvenuta a Marienfeld (20 km dal centro di Colonia)[5][1].

I pellegrini iscritti ufficialmente sono stati 415.000, circa un terzo quindi dei presenti al Marienfeld, provenienti da 197 paesi del mondo, oltre a 800 cardinali e vescovi e 7000 giornalisti accreditati[6].

L'inno

L'inno ufficiale della XX GMG è Venimus Adorare Eum (Gregor Linßen).

Predecessore: Giornata mondiale della Gioventù Successore: Quadrato trasparente.png
Toronto 2002 16-21 agosto 2005 Sidney 2008 I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Toronto 2002 {{{data}}} Sidney 2008
Bibliografia
Note
  1. 1,0 1,1 1,2 Avvenire, 22 agosto 2005.
  2. Avvenire, 17 agosto 2005.
  3. Avvenire', 19 agosto 2005
  4. Benedetto XVI, La Rivoluzione di Dio, Edizioni San Paolo (2005)
  5. Avvenire', 18 agosto 2005.
  6. Avvenire', 17 agosto 2005.
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.