Lunedì dell'Angelo

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark

Lunedì dell'Angelo

W.A.Bouguereau TreMariealSepolcro 1876.jpg
William-Adolphe Bouguereau, Tre Marie al sepolcro (1876), olio su tela
Mistero celebrato Apparizione dell'Angelo alle donne presso il Sepolcro di Gesù.
Riferimenti
Periodo Tempo di Pasqua
(Ottava di Pasqua)
Data
Data mobile Lunedì dopo Pasqua

Data nel 2020: 13 aprile
Data nel 2021: 05 aprile
Data nel 2022: 18 aprile

Colore liturgico {{{colore}}}
Rito
Note
Rito Romano
Tipologia {{{tipologiaRR}}}
Periodo
Colore liturgico {{{coloreRR}}}
Data {{{dataRR}}}
Data {{{data mobileRR}}}
Data nel 2020: 13 aprile

Data nel 2021: 05 aprile
Data nel 2022: 18 aprile

Rito Ambrosiano
Tipologia {{{tipologiaRA}}}
Periodo
Colore liturgico {{{coloreRA}}}
Data {{{dataRA}}}
Data {{{data mobileRA}}}
Data nel 2020: Errore nell'espressione: operatore < inatteso.

Data nel 2021: Errore nell'espressione: operatore < inatteso.
Data nel 2022: Errore nell'espressione: operatore < inatteso.

Di precetto in
Celebrata in
Celebrata a
Tradizioni religiose
Data d'istituzione In Italia nel 1947
Chiamata anche Lunedì in Albis
Feste correlate Pasqua

Lunedì dell'Angelo è il nome che in Italia si usa per il lunedì dell'Ottava di Pasqua, cioè per il giorno immediatamente seguente alla solennità pasquale.

In Italia è giorno non lavorativo; non è però festa di precetto della Chiesa Cattolica: non è cioè obbligatoria per i cristiani la partecipazione alla Messa.

Nella liturgia romana

La liturgia romana usa il colore bianco come in tutto il Tempo di Pasqua.

Le letture che vengono proclamate sono le seguenti:

Nel rito ambrosiano

Anche la liturgia ambrosiana usa il colore bianco.

Si differenzia da quella romana per la struttura festiva del giorno e per le letture:

Nel Rito ambrosiano antico

Il messale ambrosiano antico riporta questo titolo alla festività:

FERIA SECUNDA IN ALBIS
ALIAS LUNEDÌ DELL’ANGELO (MISSA DE OCTAVA IN OMNI ECCLESIA)

Il rito ambrosiano moderno ha mantenuto le stesse letture presenti nel Rito ambrosiano antico. Fanno eccezione il Salmo e il Canto al Vangelo che recitano come segue:

  • Psalmellus: Hæc dies, quam fecit Dominus: exultemus, et lætemur in ea. Confitemini Domino, quoniam bonus: quoniam in sæculum misericordia ejus. (È questo il giorno stabilito dal Signore: esultiamo e rallegriamoci in esso. Date lode al Signore, perché è buono: perché eterna è la sua misericordia.)

Halleluja: Venite, exultemus Domino, jubilemus Deo salutari nostro. (Venite, esultiamo nel Signore, inneggiamo a Dio, nostra salvezza.)

Successivamente all'antifona dopo il Vangelo, il celebrante stende solennemente la Sindone[1] e recita la preghiera utilizzata in ogni celebrazione eucaristica, denominata Oratio Super Sindonem (Orazione sulla Sindone):

(LA) (IT)
{{{titolo1}}}
« Perfice, Domine, benignus in nobis paschalium munerum votiva commercia: ut a terrenis affectibus, ad cæleste desiderium transferamur. » « Perfeziona, Signore, in noi con bontà gli scambi votivi dei doni pasquali: affinché siamo elevati dagli affetti delle cose terrene all’aspirazione delle cose celesti. »
({{{4}}})
Note
  1. Velo che copre le Oblate, il pane e il vino posti sull'altare per il sacrificio.
Bibliografia
  • Piccolo messale ambrosiano festivo, Tipografia G. De Silvestri, Milano, 1957
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.