Polittico di Sant'Antonio di Issenheim (Matthias Grünewald)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
FRA Colmar MuUnterlinden M.Grunewald PolitticoS.VincenzoIssenheim-A Crocifissione 1512-16.JPG
Matthias Grünewald, Polittico di Sant'Antonio di Issenheim (part. Crocifissione di Gesù), 1512 - 1516, olio su tavola
Polittico o Pala d'altare di Issenheim
Opera d'arte
Stato

bandiera Francia

Regione Alsazia
Regione ecclesiastica [[|]]
Dipartimento Alto Reno
Comune

Colmar

Località
Diocesi
Parrocchia o Ente ecclesiastico
Ubicazione specifica Musée d'Unterlinden
Uso liturgico nessuno
Comune di provenienza Issenheim
Luogo di provenienza Monastero di Sant'Antonio Abate sotto il Monte
Oggetto polittico
Soggetto Crocifissione di Gesù; Sant'Antonio abate; San Sebastiano; Natività di Gesù; Annunciazione; Resurrezione di Gesù Cristo
Datazione 1512 - 1516
Datazione
Datazione Fine del {{{fine del}}}
inizio del {{{inizio del}}}
Ambito culturale
Autore

Matthias Grünewald (Mathis Neithardt Gothart)

Altre attribuzioni
Materia e tecnica olio su tavola
Misure h. 269 cm; l. 307 cm
Iscrizioni
Stemmi, Punzoni, Marchi
Note
Collegamenti esterni

Il Polittico di Sant'Antonio di Issenheim è un dipinto, eseguito tra il 1512 - 1516, ad olio su tavola, dal pittore tedesco Mathis Neithardt Gothart detto Matthias Grünewald (1480 ca. - 1528), proveniente dal Monastero di Sant'Antonio Abate sotto il Monte di Issenheim e ora conservato nel Musée d'Unterlinden di Colmar (Francia).

Descrizione

Il grandioso polittico costituito d'ante apribili che potevano assumere tre diverse configurazioni all'altare, che misura circa sei metri in larghezza e oltre tre in altezza. È costituito di quattro grandi ante mobili, dipinte su entrambi le facce, di due sportelli fissi e di una predella, dipinti su di un'unica faccia.

Il polittico è articolato su tre facce ed impostato su una predella.

Lato A

Matthias Grünewald, Polittico di Sant'Antonio di Issenheim (part. Lato A), 1512 - 1516, olio su tavola

Nella prima faccia, formata dal polittico a scomparti chiusi, compaiono:

Scomparto centrale

Nello scomparto centrale è raffigurata la Crocifissione di Gesù, la cui immagine è formata da due pannelli congiunti d'eguali dimensioni, dove compaiono:

  • Gesù Cristo, reso verdastro dalla morte, presenta il volto storpiato in un'espressione che vuole suggerire il dolore drammatico della sua esecuzione e mostra sul corpo i segni della bestiale violenza, simboleggiata anche dalla spaventosa corona di spine. La sua figura è più grande degli altri personaggi.
  • Santa Maria Maddalena prega disperatamente ai piedi della Croce. Ha accanto a sé un vasetto d'unguenti, il suo tipico attributo iconografico, come riferimento sia alla cena evangelica durante la quale lei ha lavato e profumato i piedi di Gesù, sia alla necessità preparare il corpo di Cristo per la sua sepoltura.
  • San Giovanni Battista (personaggio del tutto inaspettato ed anacronistico) indica Gesù Cristo commentandone la morte con la frase contenuta nel Vangelo aperto che tiene in mano (Gv 3,30):
« Egli deve crescere e io, invece, diminuire. »

Da notare:

Matthias Grünewald, Polittico di Sant'Antonio di Issenheim (part. Piedi di Gesù Cristo crocifisso), 1512 - 1516, olio su tavola
  • Le Rivelazioni di santa Brigida, un testo mistico, che fu tradotto in tedesco dal latino nel 1502, sembra aver fatto da riferimento ad alcuni particolari della concezione pittorica della Crocifissione:
« Tu sei l'agnello che Giovanni ha mostrato col dito. [...] I suoi piedi si erano girati intorno ai chiodi come sui cardini di una porta, voltandosi dall'altra parte. »

Scomparti laterali

Nei due scomparti laterali sono rappresentati:

  • a sinistra: San Sebastiano, invocato contro la peste, è raffigurato secondo modelli dell'arte rinascimentale italiana, in particolare Mantegna e Raffaello.
  • a destra: Sant'Antonio abate, invocato contro l'herpes zoster, detto popolarmente "fuoco di sant'Antonio".

Lo scomparto con San Sebastiano fu scambiato negli anni Sessanta del XVI secolo con quello del Sant'Antonio, in modo da figurare a sinistra rispetto all'osservatore (e dunque a destra rispetto alla Crocifissione), non tanto per ragioni di stile compositivo, quanto per riferimenti biblici (1Re 7,21):

« Eresse le colonne nel vestibolo del tempio. Eresse la colonna di destra, che chiamò Iachin ed eresse la colonna di sinistra, che chiamò Boaz. »

Infatti, per ragioni simboliche, la colonna di Iachin, la «luminosa colonna della vita» è rappresentata nello scomparto con san Sebastiano, deve stare a destra, mentre la colonna di Boaz, il «pilastro d'ombra della morte» dipinto nello scomparto con sant'Antonio abate, deve stare a sinistra della Crocifissione. Ma vi sono anche, se non soprattutto, ragioni di stile: pilastro e colonna si trovano in questo modo alla stessa distanza dalla croce e gli sfondi presenti negli scomparti sono collocati, più ragionevolmente, all'estremità del polittico.

Predella

Nella predella è rappresentato:

Lato B

Nella seconda faccia, ottenuta aprendo i primi scomparti, sono raffigurati:

Matthias Grünewald, Polittico di Sant'Antonio di Issenheim (part. Lato B), 1512 - 1516, olio su tavola

Nella predella permane visibile il Compianto su Gesù Cristo morto.

Scomparto centrale

Nello scomparto centrale è raffigurata la Natività di Gesù, un'allegoria di difficile decifrazione, ambientata all'interno di un'architettura gotica, dove compaiono:

  • Angelo biondo che suona la viola;
  • Tre angeli musicanti, all'interno di una cappella gotica, tengono un concerto per annunciare la nascita di Gesù; uno di essi, piumato come un uccello fantastico, si volge a contemplare alcuni angeli azzurri che circondano una figura femminile orante;
  • Donna (da alcuni studiosi interpretata come la figura allegorica della Chiesa), prega inginocchiata dinanzi ad un vaso di cristallo e guarda verso la Madonna con Gesù Bambino;
  • Madonna con Gesù Bambino, circondato da comuni oggetti domestici; alle loro spalle è il giardino, al cui centro s'innalza un fico, che allude all'albero della conoscenza.
Matthias Grünewald, Polittico di Sant'Antonio di Issenheim (part. Lato B), 1512 - 1516, olio su tavola

Sullo sondo si eleva una montagna, dove si vedono:

  • due angeli annunciano l'evento la nascita di Gesù a due trasparenti pastori;
  • Re-Dio, seduto in trono, con lo scettro in mano e circondato da angeli, si nota oltre la cima avvolta da nuvole, in un alone di luce.

Scomparti laterali

Nello scomparto sinistro è raffigurata:

« Ecco una vergine concepirà e partorirà un figlio, che chiamerà Emmanuele. »

Nello scomparto destro è presentata:

  • Resurrezione di Gesù Cristo, nella quale Matthias Grünewald adotta una versione del tema pittorico fortemente dinamica e mistica, e sembra sintetizzare, in un'unica scena, altri due episodi evangelici, la Trasfigurazione e l'Ascensione, dove compaiono:
    • in alto, Gesù Cristo risorto si erge libero con un corpo bianco, nudo e viogroso, sotto le vesti sciolte, con volto radioso che emana una forte luminosità, talmente intensa da cancellare quasi i lineamenti. Uno straordinario alone di luce e di colore si diffonde intorno alla figura di Gesù che richiama l'arcobaleno, simbolo dell'alleanza tra Dio e gli uomini. Gesù s'innalza dal sepolcro come sospinto da un vortice di potenza, mentre il gesto delle mani segnate dalle stigmate trasforma la posa del crocifisso in un grandioso saluto di pace.
    • in basso, soldati, posti a sorvegliare il sepolcro, sono presentati supini o curvi, imprigionati da pesanti armature, spaventati e travolti dall'esplosione di potenza provocata dall'uscita di Gesù dal sepolcro.

Lato C

Matthias Grünewald, Polittico di Sant'Antonio di Issenheim (part. Lato C), 1512 - 1516, olio su tavola

Nella terza faccia appaiono, dopo aver aperto i successivi scomparti:

Nella predella è rappresentato, a rilievo:

Scomparti laterali

I due scomparti laterali furono realizzati prendendo spunto dalla Legenda aurea di Jacopo da Varagine (1228 - 1298).

Nello scomparto sinistro è raffigurata:

  • Sant'Antonio abate visita san Paolo di Tebe, al quale, per l'occasione, un corvo reca, anziché un pezzo pane quotidiano, un intero da dividere con l'ospite. Inquietante e desolato è il paesaggio che circonda i due santi, fatto di rocce spigolose ed alberi secchi, nel quale, tuttavia, spicca rigogliosa una palma.
Matthias Grünewald, Polittico di Sant'Antonio di Issenheim (part. Sant'Antonio abate visita san Paolo di Tebe), 1512 - 1516, olio su tavola

Nello scomparto destro sono rappresentate:

  • Tentazioni di sant'Antonio abate, sotto gli occhi di Dio, in alto nel cielo dove combattono angeli e demoni, e di là di un lontano paesaggio di montagne bianche e rosate, mostri infernali tormentano il Santo, sdraiato a terra, mentre la sua capanna è andata distrutta dal fuoco. I demoni sono incroci di vari elementi tratti dal mondo animale composti in esseri fantastici. L'unico che abbia una parvenza di umano è il demone della peste raffigurato, in basso a sinistra, col ventre rigonfio e la pelle verdastra riporta di pustole sanguinolente: l'immagine è sicuramente raccapricciante, ma è il modo migliore per rendere la bruttezza del Male.

Iscrizioni

Sul lato A, nello scomparto centrale del polittico si trovano due iscrizioni, nella quale si legge:

(LA) (IT)
« I(esus) N(azarenus) R(ex) I(udaeorum) » « Gesù il Nazareno, Re dei Giudei »
(LA) (IT)
« ILLUM OPORTET / CRESCERE / ME AUTEM / MINUI » « Egli deve crescere e io, invece, diminuire »

Inoltre, sul lato C, nello scomparto destro, in un cartiglio, posto in basso a destra, si legge la frase di sant'Anastasio, vescovo di Alessandria:

« Dov'eri, buon Gesù, perché non accorresti a sanare le mie ferite? »

Notizie storico-critiche

Il polittico venne commissionato nel 1512 a Matthias Grünewald, dal priore siciliano Guido Guersi, per l'altare della chiesa del Monastero di Sant'Antonio Abate sotto il Monte, noto come il Grand Ballon d'Alsace, appena fuori il borgo di Issenheim. Il monastero ospitava un ospedale per gli afflitti di malattie della pelle, tra cui il cosiddetto "fuoco di sant'Antonio", e le immagini dell'opera alludono alle sofferenze degli assistiti: la terribile Crocifissione che i pazienti dell'ospedale vedevano a scomparti chiusi, nei giorni feriali, invitava ad associare la loro condizione con il corpo martoriato del Cristo. Quando si aprivano gli scomparti nelle domeniche, però, gli ammalati vedevano scene relative al corpo sano o sanato, accompagnandoli nella speranza della guarigione e nella fede della salvezza.

L'opera è rimasta integra per quasi tre secoli, accuratamente conservata dai monaci, ma soprattutto preservata dal fatto che il borgo di Isenheim si trovava lontano dalle grandi vie di comunicazione, anche se alla fine del XVI secolo, Rodolfo II (1552 - 1612), imperatore del Sacro Romano Impero, fece forti pressioni per entrarne in possesso, da come si ricava da tre lettere, datate dal luglio all'ottobre del 1597, con il pretesto di un incombente pericolo derivato dai frequenti passaggi di truppe e proponendo di riprodurla e quindi sostituirla con la copia.

Matthias Grünewald, Polittico di Sant'Antonio di Issenheim (part. Gesù Cristo risorto), 1512 - 1516, olio su tavola

Dal 1832, l'opera è conservata presso il Musée d'Unterlinden di Colmar.

Bibliografia
  • Matilde Battistini, Simboli e allegorie, col. "Dizionari dell'Arte", Editore Mondadori-Electa, Milano 2002, p. 105 ISBN 9788843581740
  • Amedeo Giampaglia, Il Rinascimento in Europa: Dürer, Bruegel, El Greco: la riscoperta di Dio nell'uomo, col. "La Bellezza di Dio. L'Arte ispirata dal Cristianesimo", Edizioni San Paolo, Palazzolo sull'Oglio (BS) 2003, pp. 11 - 15
  • Rosa Giorgi, Santi, col. "Dizionari dell'Arte", Mondadori Electa Editore, Milano 2002, p. 174 ISBN 9788843596744
  • Giovanni Reale, Elisabetta Sgarbi, I misteri di Grunewald e dell'altare di Isenheim, Editore Bompiani, 2008
  • Timothy Verdon, La bellezza nella Parola. L'arte a commento delle letture festive. Anno B, Edizioni San Paolo, Milano 2008, pp. 124 - 127 ISBN 9788821563904
  • Timothy Verdon, La bellezza nella Parola. L'arte a commento delle letture festive. Anno C, Edizioni San Paolo, Milano 2008, pp. 366 - 369 ISBN 9788821566134
  • Stefano Zuffi, Episodi e personaggi del Vangelo, col. "Dizionari dell'Arte", Mondadori Electa Editore, Milano 2002, pp. 300 - 301, 340 ISBN 9788843582594
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.