Sant'Angilberto di Centula

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Sant'Angilberto di Centula, O.S.B.
Abate
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
Santo
{{{note}}}

S.Angilberto.jpg

{{{didascalia}}}
{{{motto}}}
Titolo
{{{titolo}}}
Età alla morte circa 69 anni
Nascita Neustria
745 ca.
Morte Saint-Riquier
18 febbraio 814
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale [[{{{aO}}}]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi

Iter verso la canonizzazione

Venerato da Chiesa cattolica
Venerabile il [[]]
Beatificazione [[]]
Canonizzazione 1100, da Pasquale II
Ricorrenza 18 febbraio
Altre ricorrenze
Santuario principale
Attributi
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di
Collegamenti esterni
Scheda su santiebeati.it
Tutti-i-santi.jpgNel Martirologio Romano, 18 febbraio, n. 4:
« Nel monastero di Centule nel territorio di Amiens in Francia, sant'Angilberto, abate, che, abbandonati gli incarichi di palazzo e militari, con il consenso della moglie Berta, che prese lei pure il sacro velo, si ritirò a vita monastica e resse felicemente il cenobio di Centule. »
(Santo di venerazione particolare o locale)

Sant'Angilberto di Centula, o anche Angilberto di Saint-Riquier o Enghelberto (Neustria, 745 ca.; † Saint-Riquier, 18 febbraio 814), è stato un abate francese.

Biografia

Ambasciatore di Carlo Magno presso il papa, fu grande amico e consigliere dell'imperatore: lo accompagnò all'incoronazione e fu uno dei quattro testimoni che firmarono il testamento del monarca nell'811. Convisse con Berta (779-829) figlia dell'imperatore e della sua terza moglie Ildegarda; da tale unione nacquero alcuni figli, fra i quali lo storico Nitardo.

Fu avviato alle lettere alla scuola di Alcuino e San Paolino d'Aquileia e, come poeta, fece parte dell'Accademia palatina col soprannome di Omero. A lui fu attribuito, probabilmente a torto, il frammento del Karolus Magnus et Leo papa, poema in esametri sulle gesta dell'imperatore. Si ritirò in seguito in penitenza.

Nutrì una profonda venerazione verso San Richiero, colpito da una grave malattia, pensò dunque di fare egli stesso un voto: se fosse guarito avrebbe intrapreso la vita religiosa nell'abbazia di cui egli stesso era già abate commendatario. Guarito fu impegnato nel difendere le sue terre dalle invasioni dei Danesi. La grande vittoria che riportò su di loro, che attribuì nuovamente all'intercessione del santo, lo convinse a soddisfare il voto.

A Saint-Riquier-sur-Somme Angilberto divenne sacerdote e edificò tutti i confratelli con la sua umiltà e l'esercizio della penitenza. Alla morte dell'abate Sinforiano, i monaci all'unanimità lo elessero abate, con la piena approvazione di Carlo Magno.

Consumato dai digiuni e dalle penitenze, spirò nella sua abbazia il 18 febbraio 814. Fu sepolto, secondo le sue volontà, davanti alla porta principale della basilica conventuale, per essere calpestato da quanti si sarebbero recati nel tempio a pregare.

Voci correlate

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.