Trasfigurazione di Gesù Cristo (Raffaello)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
MuVa PinVa Raffaello Trafigurazione 1516-1520.jpg
Raffaello Sanzio, Trasfigurazione di Gesù Cristo (1518 - 1520), olio su tavola
Trasfigurazione di Gesù Cristo
Opera d'arte
Stato

bandiera Città del Vaticano

Regione [[]]
Regione ecclesiastica [[|]]
Provincia
Comune

bandiera Città del Vaticano

Località
Diocesi Roma
Vicariato Generale dello Stato della Città del Vaticano
Parrocchia o Ente ecclesiastico
Ubicazione specifica Pinacoteca Vaticana
Uso liturgico nessuno
Comune di provenienza Roma
Luogo di provenienza Chiesa di San Pietro in Montorio , altare maggiore
Oggetto pala d'altare
Soggetto Trasfigurazione di Gesù Cristo
Datazione 1518 - 1520
Datazione
Datazione Fine del {{{fine del}}}
inizio del {{{inizio del}}}
Ambito culturale
Autori
  • Raffaello Sanzio
  • Giulio Romano (Giulio Pippi)
Altre attribuzioni
Materia e tecnica olio su tavola
Misure h. 410 cm; l. 279 cm
Iscrizioni
Stemmi, Punzoni, Marchi
Note
Collegamenti esterni
Virgolette aperte.png

2Sei giorni dopo, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni e li condusse su un alto monte, in disparte, loro soli. Fu trasfigurato davanti a loro 3e le sue vesti divennero splendenti, bianchissime: nessun lavandaio sulla terra potrebbe renderle così bianche. 4E apparve loro Elia con Mosè e conversavano con Gesù. 5Prendendo la parola, Pietro disse a Gesù: «Rabbì, è bello per noi essere qui; facciamo tre capanne, una per te, una per Mosè e una per Elia». 6Non sapeva infatti che cosa dire, perché erano spaventati. 7Venne una nube che li coprì con la sua ombra e dalla nube uscì una voce: «Questi è il Figlio mio, l'amato: ascoltatelo!»...
8E improvvisamente, guardandosi attorno, non videro più nessuno, se non Gesù solo, con loro. 9Mentre scendevano dal monte, ordinò loro di non raccontare ad alcuno ciò che avevano visto, se non dopo che il Figlio dell'uomo fosse risorto dai morti. 10Ed essi tennero fra loro la cosa, chiedendosi che cosa volesse dire risorgere dai morti. 14E arrivando presso i discepoli, videro attorno a loro molta folla e alcuni scribi che discutevano con loro. 15E subito tutta la folla, al vederlo, fu presa da meraviglia e corse a salutarlo. 16Ed egli li interrogò: «Di che cosa discutete con loro?». 17E dalla folla uno gli rispose: «Maestro, ho portato da te mio figlio, che ha uno spirito muto».
Virgolette chiuse.png

La Trasfigurazione di Gesù Cristo è una pala d'altare, eseguita tra il 1511 ed il 1512, ad olio su tavola trasportata su tela, da Raffaello Sanzio (1483 - 1520) e completata da Giulio Pippi, detto Giulio Romano (1499 - 1546); l'opera, proveniente dall'altare maggiore della Chiesa di San Pietro in Montorio, di Roma, è ora conservata nella Pinacoteca Vaticana, presso i Musei Vaticani.

Descrizione

Nella pala, che si articola in due registri sovrapposti, sono rappresentati altrettanti episodi narrati in successione nel Vangelo:

Soggetto

Raffaello Sanzio, Trasfigurazione di Gesù Cristo (part. Gesù Cristo trasfigurato) 1518 - 1520), olio su tavola

La scena, ambientata sul monte Tabor, si articola in due registri sovrapposti, dove compaiono:

  • nel registro superiore:
    • Gesù Cristo trasfigurato, rivela la sua natura divina alla presenza di tre apostoli: egli indossa delle vesti bianche, che hanno il nitore, la trasparenza e la bellezza della luce; infatti, la sua figura si staglia, bianco su bianco, entro una nube luminosa, che abbaglia gli astanti. Gesù è il centro di tutta la struttura compositiva, l'inizio e la fine d'ogni cosa. L'inquadratura di Cristo è frontale: le braccia aperte, la cui disposizione imita e preannuncia la croce. L'artista, infatti, evoca contemporaneamente la morte del salvatore, nella posa cruciforme assunta da Cristo, e la sua vita immortale, svelata dalla trasfigurazione.
    • Profeti si sono materializzati, accanto a Gesù, e "conversano" con lui della sua imminente passione e morte; essi riassumono il suo esser venuto a completare la Legge e sono il simbolo dell'avverarsi delle profezie dell'Antico Testamento. I due profeti sono posti ai lati di Cristo:
      • a sinistra, Mosè si libra in aria reggendo le tavole della Legge;
      • a destra, Elia tiene in mano i libri delle profezie;
    • Tre apostoli (san Pietro, san Giacomo e San Giovanni), storditi dall'evento, sono atterrati come folgorati dalla splendida visione; tra loro solo san Pietro è l'unico a guardare la scena della Trasfigurazione, e negli Atti degli Apostoli è appunto lui a descriverla in prima persona ai fedeli.
    • a sinistra, Due santi, inginocchiati, si uniscono all'adorazione del Cristo. Secondo alcuni studiosi sarebbero san Pastore e san Giusto, patroni della città di Narbona, alla cui cattedrale il dipinto era dedicato. Mentre per altri, invece, si tratterebbe di san Felicissimo e sant'Agapito, la cui festa si celebra il 6 agosto, giorno anche della solennità della Trasfigurazione del Signore: si tratta quindi di un inserto legato ad un significato liturgico.
  • nel registro superiore:
    • a sinistra: Nove apostoli rimasti incontrano il ragazzo indemoniato con i familiari;
    • a destra:
      • Ragazzo indemoniato rotea innaturalmente gli occhi, mentre i parenti e gli Apostoli si agitano nella speranza di ottenere un miracolo da Gesù;
      • Padre del giovane che premurosamente sorregge il figlio;
      • Madre del ragazzo, inginocchiata, indica agli Apostoli l'arrivo di un'ennesima crisi: la guarigione verrà compiuta da Gesù dopo la Trasfigurazione.

Note stilistiche, iconografiche ed iconologiche

  • Nell'opera, si avverte chiaramente come Raffaello abbia distinto i due momenti narrativi: in basso la scena è concitata e nervosa, mentre quella superiore è ordinata e simmetrica. La diversità tra le due metà, simmetrica ed astrattamente divina quella superiore, convulsa e irregolare quella inferiore, non compromettono però l'armonia dell'insieme, facendone "un assoluto capolavoro di movimento e organizzazione delle masse, in cui figure singole e gruppi d'eccellente fattura si combinano con grandi moltitudini in un mobile insieme di grande vitalità". Sull'asse verticale si consuma, infatti, la relazione tra l'epifania di Cristo, che scioglie tutto il dramma della metà inferiore in una contemplazione incondizionatamente ammirata. Inoltre, il legame iconologico tra la trasfigurazione e la guarigione è che, in entrambe le scene, vi è un padre che ama e sorregge un figlio.
Raffaello Sanzio, Trasfigurazione di Gesù Cristo (part. Ragazzo indemoniato sorretto dal padre) 1518 - 1520, olio su tavola
  • L'uso della luce, proveniente da fonti diverse e con differenti graduazioni, è particolarmente scenografico, nonché l'estremo dinamismo e la forza che scaturisce dalla contrapposizione tra le due scene. In definitiva si tratta di due composizioni circolari, una parallela al piano dell'osservatore, in alto, e una scorciata nell'emiciclo di personaggi in basso. Il movimento di Gesù Cristo che si libra in volo, sollevando le braccia, estrema sintesi personale dell'energia michelangiolesca, era già stato sperimentata in figure minori d'affreschi o in opere come la Visione di Ezechiele (1518 ca.), anche se qui acquista una vitalità e una forza espressiva del tutto inedita, dando il via a reazioni a catena che animano tutta la pala.
  • La nube luminosa, che lo circonda, sembra spirare un forte vento che agita le vesti dei profeti e schiaccia i tre apostoli sulla piattaforma montuosa, mentre in basso una luce cruda ed incidente, alternata ad ombre profonde, rivela un concitato protendersi di braccia e mani, con il fulcro visivo spostato a destra, sulla figura dell'indemoniato, bilanciato dai rimandi, altrettanto numerosi, verso la miracolosa apparizione superiore. Qui i volti sono fortemente caratterizzati e legati a moti di stupore, sull'esempio di Leonardo da Vinci.

Notizie storico-critiche

Il cardinale Giulio de' Medici (futuro papa Clemente VII) commissionò tra il 1516 ed il 1517 due dipinti destinati alla Cattedrale di San Giusto di Narbona, città di cui era divenuto vescovo nel 1515: la Trasfigurazione per la quale fu dato incarico a Raffaello Sanzio e la Resurrezione di Lazzaro (oggi alla National Gallery di Londra), ordinata a Sebastiano del Piombo.

In una lettera di Leonardo Sellaio a Michelangelo Buonarroti, datata 19 gennaio 1517, accenna alla doppia commissione, ricordando il disappunto di Raffaello Sanzio per essere finito in quella sorta di competizione:

« Ora mi pare che Raffaello metta sottosopra el mondo, perché lui [il Piombo] non la faca [faccia], per non venire a' paraghonj. »

Il 7 aprile 1520, quando doveva essere forse a metà della pala d'altare, Raffaello Sanzio morì e in quella circostanza, riporta Giorgio Vasari, la Trasfigurazione fu prelevata dal suo studio e collocata davanti al letto di morte[1]: per questo l'opera è oggi ritenuta un vero e proprio testamento spirituale dell'artista.

La Trasfigurazione fu completata, in seguito, nella parte inferiore da Giulio Romano, allievo di Raffaello Sanzio, entro il 1522, non fu mai inviata in Francia, poiché dopo la morte di Raffaello Sanzio (1520) il cardinale la trattenne presso di sé, donandola in seguito alla Chiesa di San Pietro in Montorio, dove fu collocata sull'altare maggiore.

Nel 1797, in seguito al Trattato di Tolentino, quest'opera, come molte altre, fu trasportata a Parigi e restituita nel 1816, dopo la caduta di Napoleone. Fu allora che entrò a far parte della Pinacoteca Vaticana per volontà di papa Pio VII (1800 - 1823).

Note
  1. Giorgio Vasari, Vite de' più eccellenti pittori, scultori e architettori italiani, da Cimabue insino a' tempi nostri (1568)
Bibliografia
  • Carlo Bertelli et. al., Storia dell'Arte Italiana, vol. 3, Editore Electa-Bruno Mondadori, Milano 1991, pp. 149, 151 ISBN 9788842445234
  • M. Calvesi, Raffaello. La Trasfigurazione, in L. Cassanelli, S. Rossi (a cura di), Oltre Raffaello. Aspetti della cultura figurativa del '500 romano, Roma 1984, pp. 33-41
  • Giorgio Cricco et. al., Itinerario nell'arte, vol. 2, Editore Zanichelli, Bologna 1999, pp. 402-403 ISBN 9788808079503
  • Paolo Franzese, Raffaello, col. "I Geni dell'Arte", Editore Mondadori, Milano 2007, pp. 124-127 ISBN 9771721718390
  • Monica Girardi, Raffaello. La ricerca della perfezione e la tenerezza della natura, col. "Art Book", Editore Leonardo Arte, Milano 1999, pp. 122-123 ISBN 9788878138698
  • Timothy Verdon, La bellezza nella Parola. L'arte a commento delle letture festive. Anno B, Editore San Paolo, Milano 2008, pp. 88-91 ISBN 9788821563904
  • Rolf Toman, Arte italiana del Rinascimento: architettura, scultura e pittura, Editore Könemann, Colonia 1998, pp. 338-339 ISBN 9783829020404
  • Stefano Zuffi, Episodi e personaggi del Vangelo, col. "Dizionari dell'Arte", Editore Mondadori-Electa, Milano 2002, p. 203 ISBN 9788843582594
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.