Adorazione dei Magi con Gesù Cristo crocifisso (Benedetto Bonfigli)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
GBR Londra NationalGallery B.Bonfigli NativitàGesù+crocifisso 1465-75ca.jpg
Benedetto Bonfigli, Adorazione dei Magi con Gesù Cristo crocifisso (1465 - 1475), tempera su tavola
Adorazione dei Magi con Gesù Cristo crocifisso
Opera d'arte
Stato

bandiera Regno Unito

Nazione bandiera Inghilterra
Regione ecclesiastica [[|]]
Contea City of London
Comune

Londra

Località
Diocesi Westminster
Parrocchia o Ente ecclesiastico
Ubicazione specifica National Gallery
Uso liturgico nessuno
Comune di provenienza
Luogo di provenienza
Oggetto dipinto
Soggetto Adorazione dei Magi con Gesù Cristo crocifisso
Datazione 1465 - 1475 ca.
Datazione
Datazione Fine del {{{fine del}}}
inizio del {{{inizio del}}}
Ambito culturale scuola umbra
Autore

Benedetto Bonfigli

Altre attribuzioni Bartolomeo Caporali
Materia e tecnica tempera su tavola
Misure h. 37,5 cm; l. 49,5 cm
Iscrizioni
Stemmi, Punzoni, Marchi
Note
Collegamenti esterni
Virgolette aperte.png

1Nato Gesù a Betlemme di Giudea, al tempo del re Erode, ecco, alcuni Magi vennero da oriente a Gerusalemme 2e dicevano: «Dov'è colui che è nato, il re dei Giudei? Abbiamo visto spuntare la sua stella e siamo venuti ad adorarlo». 3All'udire questo, il re Erode restò turbato e con lui tutta Gerusalemme. 4Riuniti tutti i capi dei sacerdoti e gli scribi del popolo, si informava da loro sul luogo in cui doveva nascere il Cristo. 5Gli risposero: «A Betlemme di Giudea, perché così è scritto per mezzo del profeta: 6E tu, Betlemme, terra di Giuda, non sei davvero l'ultima delle città principali di Giuda: da te infatti uscirà un capo che sarà il pastore del mio popolo, Israele»....
7Allora Erode, chiamati segretamente i Magi, si fece dire da loro con esattezza il tempo in cui era apparsa la stella 8e li inviò a Betlemme dicendo: «Andate e informatevi accuratamente sul bambino e, quando l'avrete trovato, fatemelo sapere, perché anch'io venga ad adorarlo». 9Udito il re, essi partirono. Ed ecco, la stella, che avevano visto spuntare, li precedeva, finché giunse e si fermò sopra il luogo dove si trovava il bambino. 10Al vedere la stella, provarono una gioia grandissima. 11Entrati nella casa, videro il bambino con Maria sua madre, si prostrarono e lo adorarono. Poi aprirono i loro scrigni e gli offrirono in dono oro, incenso e mirra.
Virgolette chiuse.png

L'Adorazione dei Magi con Gesù Cristo crocifisso è un dipinto, eseguito tra il 1465 e il 1475 circa, ad olio su tavola, da Benedetto Bonfigli (1420 - 1496), conservato presso la National Gallery di Londra.

Descrizione

La scena dell'Adorazione dei Magi si svolge all'esterno della capanna della Natività, all'interno della quale s'intravedono il bue e l'asino e dove all'esterno compaiono:

  • Maria, avvolta in un manto blu notte, sta seduta su una roccia e offre Gesù Bambino all'adorazione dei Magi.
  • San Giuseppe seduto in disparte, nell'angolo in basso a sinistra, osserva la scena in alto quasi incredulo davanti a quanto sta avvenendo; è di fronte ad un mistero più grande di lui.
  • Magi: indossano splendide vesti e portano doni in preziose pissidi. Essi, come di consueto, rappresentano le tre diverse età dell'uomo (gioventù, maturità e vecchiaia):
    • Magio anziano con la barba bianca, inginocchiato, ha posto in terra la sua corona, è colto nell'atto di sfiorare teneramente i piedi del piccolo Gesù, al quale ha già offerto il suo dono;
    • Magio giovane, in piedi, tiene nella mano una splendida pisside contenente la mirra;
    • Magio d'età matura, in piedi tra i due compagni, tiene in mano una preziosa pisside contenente l'incenso e il suo sguardo è fisso sul Bambino.

Inoltre, inaspettatamente, nella parte destra del dipinto è raffigurato:

« L'unico scopo della nascita del Figlio di Dio era di rendere possibile la crocifissione. [...] Nel grembo della Vergine egli assunse la carne mortale, e in quella carne poi si compì la sua passione»
(san Leone Magno, Trattato 48, 1 CCL 138A, 279 - 280)

Notizie storico-critiche

Il dipinto è forse un frammento di una predella, che, dopo alcuni passaggi in varie collezioni, nel 1901 è stata acquistata dalla National Gallery di Londra.

Bibliografia
  • Timothy Verdon, La bellezza nella Parola. L'arte a commento delle letture festive. Anno B, Editore San Paolo, Milano 2008, pp. 40 - 43 ISBN 9788821563904
  • Federico Zeri, Due predelle di Bartolomeo Caporali , in "Bollettino d'Arte ", 1961
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.