Adriana Zarri

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Adriana Zarri
Laica
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

Adriana Zarri.jpg

{{{didascalia}}}
{{{motto}}}
Titolo
{{{titolo}}}
Età alla morte 91 anni
Nascita San Lazzaro di Savena
26 aprile 1919
Morte Crotte di Strambino
18 novembre 2010
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale [[{{{aO}}}]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerata da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrona di {{{patrono di}}}
Collegamenti esterni

Adriana Zarri (San Lazzaro di Savena, 26 aprile 1919; † Crotte di Strambino, 18 novembre 2010) è stata una teologa, eremita, scrittrice, giornalista italiana.

Biografia

Nata nel 1919 a San Lazzaro di Savena, nelle immediate vicinanze di Bologna, figlia di un mugnaio, già bracciante e della figlia di un capomastro.

Nel periodo giovanile ebbe esperienze in un Istituto Secolare e nell'Azione Cattolica.

Dopo aver vissuto in diverse città italiane (Roma, soprattutto), dal settembre 1975[1], per una scelta di tipo eremitico, si ritirò prima ad Albiano, poi a Fiorano Canavese e a Perosa Canavese, e infine, dalla metà degli anni '90, a Crotte, frazione di Strambino (To), nella Diocesi di Ivrea[2], dove visse nella preghiera, nello studio e nel silenzio. Ivi morì il 18 novembre 2010.

Attività pubblicistica

Cominciò giovanissima a collaborare con testate cattoliche, da L'Osservatore Romano a Studium, da Il Regno a Concilium, fino a Rocca e Servitium.

A partire dal 1952 fu giornalista pubblicista. Scrisse sistematicamente su giornali come Politica o Sette Giorni, già giudicati cattocomunisti, evolvendo sempre più nel segno della laicità, con una rubrica domenicale sul Manifesto e apparendo in TV nel programma Samarcanda di Michele Santoro.

Per il suo volume Vita e morte senza miracoli di Celestino VI vinse, nel 2008, la quattordicesima edizione del "Premio Letterario Domenico Rea", nella sezione "Narrativa"[3] e la quarta edizione del "Premio letterario Alessandro Tassoni", sempre per la sezione "Narrativa"[4].

Attività teologica

Fu, con Vilma Gozzini, la prima donna laureata teologa accolta nelle associazioni teologiche fino allora solo maschili e riservate al clero. Fu attiva nell'Associazione Teologica Italiana.

Come teologa fu affascinata dalla Trinità. Lamentava nella mancanza della dimensione trinitaria "un dato tragico della cultura cattolica".

Fu teologa da alcuni ritenuta "progressista": ebbe sui temi del divorzio, dell'aborto, del celibato del clero, visioni contrastanti con quella della Chiesa, ma senza mai negare il giudizio dottrinale della Chiesa sul divorzio e sull'aborto procurato. Insisteva sui temi dell'educazione e della preparazione al matrimonio e sulla responsabilità verso la vita in qualunque stato[5]

Più volte criticò quello che a lei sembrava il manicheismo di don Lorenzo Milani o le indicazioni nate dal collateralismo fra Chiesa e Democrazia Cristiana; più recentemente ebbe come bersaglio le scelte degli ultimi papi, con pesanti riserve su Giovanni Paolo II o Benedetto XVI, che definiva "restauratori" e su parecchi Vescovi, che definiva "ciechi, muti, afoni". Accusò di fondamentalismo il Cammino neocatecumenale, Comunione e Liberazione, l'Opus Dei.

Scrittrice

Adriana Zarri fu scrittrice multiforme: libri di vario genere, saggi, articoli; il suo stile, felice letterariamente, era spesso impietoso[6].

Le sue opere principali:

  • Tu. Quasi preghiere, 1985, Gribaudi
  • È più facile che un cammello..., 1990, Gribaudi
  • Figlio perduto. La parola che viene dal silenzio, 1991, La Piccola
  • Nostro Signore del deserto. Teologia e antropologia della preghiera, 1991, Cittadella
  • Dedicato a, 1998, Frontiera
  • Erba della mia erba. Resoconto di vita, 1998, Cittadella
  • Dio che viene. Il Natale e i nostri nata, 2007, La Piccola
  • Vita e morte senza miracoli di Celestino VI, 2008, Diabasis
Note
  1. Uomini profeti su radio.rai.it. URL consultato il 27-12-2019 (archiviato dall'url originale in data 26-01-2012)
  2. Bruno Quaranta, Intervista a Adriana Zarri - Vorrei un papa laico in "La Stampa" del 16 aprile 2008 su liberstef.myblog.it. URL consultato il 27-12-2019
  3. Adriana Zari vince la 14ª edizione del premio letterario Domenico Rea[Pagina eliminata dal sito] su ischia.tv. URL consultato il 27-12-2019
  4. Premio Alessandro Tassoni 4ª edizione su premioalessandrotassoni.it. URL consultato il 27-12-2019
  5. Gianni Gennari, Dialoghi e battibecchi con un'amica indomita, in "Avvenire", 19 novembre 2010, p. 29.
  6. Marco Roncalli, Adriana, fede ribelle di una donna "ruvida", in "Avvenire", 19 novembre 2010, p. 29.
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.