Cammino neocatecumenale

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Cammino neocatecumenale
in latino '''''
Normal Camino-Neocatecumenal-logo.jpg
Logo del Cammino Neocatecumenale.

Movimenti di livello pontificio

Altri nomi
Neocatecumenali
Sigla

Leader

Kiko Argüello
Prima fondazione
Fondatore
Nome
Data {{{data prima fondazione}}}
Luogo {{{luogo prima fondazione}}}
Sigla {{{sigla prima fondazione}}}
Fondazione
Fondatori
Cofondatore
Luogo Spagna
Data Anni sessanta
Prima approvazione
Da {{{approvato da1}}}
Luogo {{{luogo di approvazione1}}}
Data {{{data di approvazione1}}}
Documento {{{documento di approvazione1}}}
Approvazione
Da Pontificio Consiglio per i laici
Luogo {{{luogo di approvazione}}}
Data 11 maggio 2008
Documento
Soppressione {{{soppressione}}}
Filiali
Finalità
Formare i suoi membri al cattolicesimo prefiggendosi per essi la riscoperta del battesimo attraverso un percorso spirituale.
Costituzione interna
Data costituzione interna
  • Statuto ad experimentum (2002)
  • Statuto definitivo (2008)
Motto
Abito {{{abito}}}
Santo patrono
Collegamenti esterni

Sito ufficiale

Virgolette aperte.png
Il Cammino Neocatecumenale non è un movimento o un'associazione, ma uno strumento nelle parrocchie al servizio dei Vescovi per riportare alla fede tanta gente che l'ha abbandonata.
Virgolette chiuse.png
La Vergine del Cammino, icona del Cammino neocatecumenale

Il Cammino neocatecumenale è un itinerario di formazione nato in Spagna nella metà degli anni sessanta su iniziativa del pittore Kiko Argüello e di Carmen Hernández.

È un itinerario di fede che si prefigge la riscoperta del battesimo, e per Statuto è rivolto principalmente a[1]:

  • quelli che pur battezzati si sono allontanati dalla Chiesa;
  • quelli che non sono stati sufficientemente evangelizzati e catechizzati;
  • quelli che desiderano approfondire e maturare la loro fede;
  • quelli che provengono da confessioni cristiane non in piena comunione con la Chiesa cattolica.

Storia

Le origini

Nei primi anni 60, Francisco José Gómez Argüello Wirtz, detto Kiko, era un pittore ateo attratto dal pensiero esistenzialista di Sartre [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] [9]. La sua conversione al cristianesimo seguì ad un periodo di crisi esistenziale durante il quale l'incontro con l'estetica e la filosofia spiritualista di Henri Bergson (che dava importanza al ruolo dell'intuizione come strumento di conoscenza del reale superiore alla ragione), gli aprì la strada al dubbio religioso. Negli anni successivi, lavorando con un gruppo di artisti e architetti di arte sacra, entrò in contatto con la spiritualità di Charles de Foucauld, la quale rappresentò un momento di svolta nel suo percorso interiore che lo portò ad abbandonare il suo precedente stile di vita, le sue precedenti convinzioni filosofiche e l'attività di pittore per andare a vivere nella baraccopoli di Palomeras Altas, alla periferia di Madrid, dove vivevano famiglie di zingari e quinquilleros[10] emarginati.

A Palomeras Altas, in un contesto sociale caratterizzato da forte marginalità e degrado, Kiko si trovò presto impegnato nell'opera di evangelizzazione dei baraccati, nonostante che questa non fosse stata inizialmente la sua intenzione. Lì incontrò Carmen Hernández (laureata in chimica e associata per alcuni anni all'Istituto Misioneras de Cristo Jesús), e dal 1964 al 1967 collaborò con lei all'elaborazione di una "sintesi kerigmatico-catechetica" ispirata al Concilio Vaticano II e fondata su un connubio tra Parola di Dio, Liturgia ed esperienza comunitaria che sarà la base dottrinale del futuro Cammino neocatecumenale[11].

Argüello confidò a Carmen che in quegli anni aveva vissuto esperienze mistiche e apparizioni mariane[12] nelle quali Maria, madre di Gesù, lo esortava a dar vita a "comunità come la Sacra Famiglia di Nazaret".

Kiko racconta che l'allora arcivescovo di Madrid, Casimiro Morcillo (1904-1971), venuto a conoscenza dei piccoli gruppi che si stavano formando nelle baraccopoli, li invitò ad estendere quell'esperienza ad alcune parrocchie delle città di Madrid e di Zamora. L'esperienza delle parrocchie cittadine, generalmente benestanti, era però diversa da quelle degli emarginati delle baracche. Molti cittadini non avevano evidenti bisogni materiali e le catechesi venivano vissute come conferenze di teologia, come occasioni di crescita intellettuale e non, come nelle intenzioni degli iniziatori, come un cammino di conversione e di kenosis dove, gradualmente, la spiritualità dell'uomo vecchio si spogliasse per poter essere rivestita della Nuova creazione nello Spirito Santo. Per tali motivi, gli iniziatori pensarono ad un percorso di riscoperta del Battesimo (denominato neo-catecumenato post-battesimale) finalizzato alla preparazione spirituale degli adulti, con l'ambizione di rispondere ai cambiamenti sociali di quegli anni.

Nel 1968 Kiko e Carmen furono invitati in Italia da mons. Dino Torreggiani (1905-1983), fondatore della congregazione religiosa Servi della Chiesa, mentre lo stesso Casimiro Morcillo scrisse una lettera di presentazione[2][13][14][15] per il cardinale Angelo Dell'Acqua (1903-1972), allora vicario di Paolo VI. Andarono a vivere nelle baracche del Borghetto Latino a Roma e avviarono il Cammino nella parrocchia di Nostra Signora del Santissimo Sacramento e Santi Martiri Canadesi, nel quartiere Nomentano, ed in seguito in molte altre parrocchie della città. Da Roma il Cammino si diffuse successivamente in molte altre diocesi di Italia e del mondo.

Natura e missione della comunità neocatecumenale

Nell'aprile del 1970, a Majadahonda, nei pressi di Madrid, Kiko e Carmen, insieme ad altri responsabili e parroci, si posero il problema circa l'identità delle comunità che si stavano formando nelle parrocchie. Da tale riflessione furono definite le caratteristiche fondamentali del Cammino neocatecumenale come movimento organizzato e strutturato sul territorio.

In quell'occasione, i seguenti capisaldi furono fissati dagli iniziatori, insieme con i parroci che avevano accolto il Cammino e altri catechisti e responsabili.

  • La nascita di ogni singola comunità, che segue l'annuncio del Kerigma, è interpretata come la Chiesa che, ogni volta, scaturisce dalla Buona Novella, Chiesa intesa dunque come Corpo Mistico di Cristo, Comunità dei Santi.
  • Gli aderenti al Cammino sono chiamati ad essere "sacramento di salvezza" all'interno della parrocchia, in cammino verso una fede matura, sostenuti dal Tripode: Parola di Dio, Liturgia, Comunione fraterna.
  • Il Cammino è detto neocatecumenato o catecumenato, rispettivamente a seconda del caso che l'adulto sia già battezzato o meno[16] e si ispira al catecumenato antico (con tappe come gli Scrutini battesimali, l'Iniziazione alla preghiera, la Traditio Symboli, la Redditio, ecc.).
  • Compito della comunità è rendere visibile un nuovo modo di vivere il Vangelo, tenendo presenti le esigenze degli uomini contemporanei.
  • Gli aderenti al Cammino sono chiamati a non distruggere niente, a rispettare tutto, presentando il frutto di una Chiesa che si rinnova.
  • Le comunità sono tenute a rimanere all'interno delle parrocchie, e sono tenute alla comunione con il parroco che le ospita.

Alcuni anni più tardi, quando il Cammino era già diffuso in molte diocesi italiane, i responsabili furono convocati dalla Congregazione del Culto Divino per presentare il loro itinerario di riscoperta del Battesimo[17]. L'allora Segretario della Congregazione, mons. Annibale Bugnini, e gli esperti che lo coadiuvavano rimasero stupiti del valore di questa nuova realtà ecclesiale[18]. Dopo due anni di studio della prassi del Cammino, la Congregazione pubblicò sulla sua rivista ufficiale la breve nota Praeclarum exemplar di apprezzamento dell'opera delle comunità neocatecumenali[19]. È in questi anni che viene scelto, su proposta della stessa Congregazione, il nome di Cammino neocatecumenale ovvero catecumenato post-battesimale.

Struttura del Cammino

Il Cammino neocatecumenale si ispira alla costituzione Sacrosanctum Concilium del Concilio Vaticano II, la quale al punto n°64 afferma:

« Si ristabilisca il catecumenato degli adulti diviso in più gradi, da attuarsi a giudizio dell'ordinario del luogo; in questa maniera il tempo del catecumenato, destinato ad una conveniente formazione, potrà essere santificato con riti sacri da celebrarsi in tempi successivi »

Rifacendosi al catecumenato antico, si struttura come un itinerario comunitario a tappe, ispirandosi all'idea originaria di "fare comunità cristiane come la Sacra Famiglia di Nazaret che vivano in umiltà, semplicità e lode e dove l'altro è Cristo".

Il percorso neocatecumenale prende inizio da un ciclo di catechesi, che si distende sull'arco di quattordici incontri, che durano all'incirca due mesi, in cui viene preparato il Kerigma, cioè l'annuncio della Resurrezione di Gesù, Dio fatto uomo, morto sulla croce per la salvezza dell'umanità, per il riscatto di ognuno dal peccato e dal male. Al termine di questo "primo annuncio", se il numero di partecipanti lo consente, viene avviata una nuova comunità che è invitata ad intraprendere il suo cammino di crescita e maturazione in seno alla parrocchia, alimentata dal tripode Parola di Dio-Liturgia-Comunione fraterna. Nella metafora neocatecumenale, la neonata comunità è paragonata ad un embrione appena concepito che inizia il processo che lo porterà a diventare un organismo completo e, poi, concluso il periodo di gestazione, al parto.

Prima fase

La prima fase, il pre-catecumenato post-battesimale, è un tempo di kenosis. cioè di scoperta dell'umiltà, di abbandono delle idolatrie e delle certezze quotidiane.

  • La prima tappa di questa fase è denominata genericamente "Primo Passaggio" ed è concentrata nella scoperta della Croce, cioè nell'individuazione di quegli aspetti della personalità e della storia personale di ciascuno che provocano stati di angoscia e sofferenza nell'intimo.
  • Segue la tappa denominata dello Shemà, in cui si meditano le Scritture bibliche e la persona si apre all'ascolto della Parola di Dio come ispirazione e termine di paragone per la propria vita.
  • Completa la fase del pre-catecumenato la tappa del "Secondo Passaggio", in cui ognuno viene invitato a riconoscere e ad individuare i propri idoli, cioè tutti quei beni, materiali o spirituali, su cui l'aderente fonda le proprie "sicurezze".

Seconda fase

Rivivendo le tappe del "Primo" e del "Secondo Scrutinio battesimale", che costituiscono la prima parte del battesimo, si passa al "catecumenato post-battesimale", che è un tempo di combattimento spirituale per acquistare la semplicità interiore dell'uomo nuovo che viva lo Shemà ebraico, «ama Dio come unico Signore, con tutto il cuore, con tutta la mente, con tutte le forze» e che viva il precetto evangelico, «ama il prossimo come se stesso». Il movimento insiste sul fatto che la Chiesa, intesa come comunità dei santi, li soccorre nel combattimento interiore, attraverso la consegna graduale di armi spirituali:

Terza fase

Dopo la seconda fase, si apre la fase della riscoperta dell'elezione, "cardine di tutto il neocatecumenato", tempo di grazia, dove i neocatecumeni con l'aiuto dello Spirito Santo, sono chiamati a camminare nella lode. Questo tempo culmina con il rinnovo delle promesse battesimali durante la Veglia Pasquale, che tipicamente è presieduta dal vescovo.

Aspetto economico

Le attività del Cammino neocatecumenale sono interamente autofinanziate: ogni membro, dopo il Secondo Passaggio, è invitato a versare la decima in base alla propria disponibilità economica, alla propria comunità di riferimento. Gli introiti derivanti dalle decime, che rimangono del tutto anonime, vengono utilizzati per il fabbisogno della comunità stessa, per il sostenimento delle famiglie neocatecumenali in missione all'estero, per il sostenimento delle famiglie o dei fratelli della comunità o della parrocchia, che si trovino temporaneamente in periodi di difficoltà economica.

Le offerte raccolte durante i passaggi e le convivenze d'inizio corso, vengono inviate alla fondazione del cammino neocatecumenale, il cui presidente è il cardinale Camillo Ruini. Tutte le strutture del cammino, i seminari, la casa di accoglienza dei pellegrini in Terra Santa (Domus Galileae) sono di proprietà della diocesi di appartenenza.

Responsabili del Cammino

Attualmente l'équipe responsabile internazionale del Cammino neocatecumenale è composta dagli iniziatori Kiko Argüello e Carmen Hernández, affiancati da un sacerdote, Mario Pezzi[20]. L'équipe internazionale nomina il collegio elettivo (da ottanta a centoventi membri, nominati a vita[21]).

Dall'équipe responsabile internazionale dipendono le èquipes dei cosiddetti "catechisti itineranti" (ad oggi circa settecento) le quali, per conto dell'équipe internazionale, sono responsabili del Cammino neocatecumenale nelle varie regioni del mondo, contribuiscono a formare le prime comunità e a mantenere regolari contatti con i vescovi delle diocesi in cui operano. Le èquipes itineranti mantengono un legame costante con i responsabili internazionali del Cammino (in occasione delle "convivenze degli itineranti"), visitano periodicamente le comunità da loro catechizzate e curano lo sviluppo del Cammino nel territorio loro assegnato, nella fedeltà al carisma degli iniziatori.

Le èquipes di "catechisti itineranti" per l'evangelizzazione sono formate da uomini o donne celibi, da coppie sposate e da un sacerdote (che abbia ottenuto il permesso dal proprio vescovo o dal proprio superiore religioso). Questi si offrono spontaneamente; devono essere disponibili a lasciare casa, lavoro e amicizie per essere mandati in qualunque parte del mondo nella precarietà, senza ricevere compensi e confidando nella Provvidenza. I "catechisti itineranti" restano legati alla propria parrocchia e alla propria comunità originaria, alla quale ritornano periodicamente. Inoltre sono liberi di interrompere in qualsiasi momento la propria esperienza missionaria.

Le "équipes itineranti" si recano in un'altra diocesi, su invito del Vescovo locale e di almeno un parroco interessato, per avviare il Cammino neocatecumenale in una parrocchia dove questo non sia ancora esistente. Le èquipes sono composte, abitualmente, secondo uno schema che prevede la presenza, oltre a quella fissa del presbitero, di una coppia e di un celibe oppure - in mancanza di una coppia - di un celibe e una nubile. La scelta avviene generalmente attraverso un sorteggio tra quanti abbiano completato (o quasi) tutte le tappe del Cammino e si siano al contempo dichiarati disponibili.

Attività missionaria

Di fronte alla situazione di forte secolarizzazione del Nord Europa e di vaste aree del mondo, Kiko e Carmen hanno avviato, agli inizi degli anni '80, l'esperienza delle "Famiglie in missione", per fondare la Chiesa in paesi dove essa è inesistente ("Implantatio Ecclesiae") o per aiutare a rafforzare le comunità lì presenti. Queste famiglie restano legate alla propria parrocchia e alla propria comunità originaria, e sono da queste sostenute per quanto concerne le spese per i viaggi, l'abitazione, il sostegno morale, le preghiere. La più recente partenza di famiglie in missione è avvenuta il 12 gennaio 2006, alla presenza di papa Benedetto XVI[22], ha riguardato duecento famiglie ed ha portato così ad oltre cinquecento il numero di "famiglie in missione" nel mondo.

All'opera di evangelizzazione iniziata dalle famiglie in missione, si è ben presto affiancata anche quella dei sacerdoti missionari, con l'istituzione, in diverse diocesi e dietro esplicita richiesta dell'ordinario del luogo, di seminari Redemptoris Mater, che sono seminari diocesani, internazionali, missionari, in cui vengono accolte gran parte delle vocazioni al sacerdozio nate in seno al Cammino. Attualmente sono attivi circa settantadue seminari.

Un'altra iniziativa significativa è stata la costruzione e la gestione della Domus Galilaeae sul monte delle Beatitudini in Galilea, opera inaugurata da papa Giovanni Paolo II nel 2000 durante il suo storico viaggio in Terra Santa, che in quell'occasione celebrò l'Eucarestia con decine di migliaia di giovani, giunti in pellegrinaggio da tutto il mondo. La Domus Galilaeae è un luogo di incontro e ritiro per i membri delle comunità neocatecumenali, durante il pellegrinaggio in Israele che viene compiuto in occasione della conclusione dell'itinerario neocatecumenale. È diventato anche un luogo di incontro tra cristiani ed ebrei, in occasione delle visite che molti ebrei fanno in questo luogo.

Il Cammino, pur avendo una struttura propria con responsabili "vita natural durante"[23], non ha un patrimonio proprio[24], pertanto la Domus Galilaeae e il terreno stesso su cui l'edificio sorge non sono di proprietà del Cammino, ma dell'ordine dei francescani. Allo stesso modo, i seminari "Redemptoris Mater" non appartengono al Cammino bensì sono proprietà delle diocesi territoriali ed i sacerdoti ordinati sono sacerdoti diocesani incardinati al servizio del vescovo della diocesi locale.

Riconoscimenti nel mondo cattolico

Il Cammino neocatecumenale è una realtà ecclesiale pienamente riconosciuta dalla Chiesa cattolica e in piena comunione con il suo Magistero. Nei suoi oltre quaranta anni di diffusione ha goduto della stima dei pontefici e del favore di molti ecclesiastici[25]. Nel corso degli anni, ha raccolto numerosi elogi ed incoraggiamenti. Già il Servo di Dio Paolo VI, in un'udienza generale, nel 1974, affermava:

« Quanta gioia e quanta speranza ci date con la vostra presenza e con la vostra attività [...] Vivere e promuovere questo risveglio è quanto voi chiamate una forma di "dopo Battesimo" che potrà rinnovare nelle odierne comunità cristiane quegli effetti di maturità e di approfondimento, che nella Chiesa primitiva erano realizzati dal periodo di preparazione al Battesimo »
(Paolo VI alle Comunità Neocatecumenali, Udienza Generale, 8 maggio 1974, in Notitiae 96-96, 1974, 230)

Anche le celebrazioni eucaristiche del Cammino neocatecumenale sono state elogiate dalle autorità ecclesiastiche e, particolarmente, dalla Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti. Nel 1974, la Congregazione pubblicava su Notitiae, il suo bollettino ufficiale, una nota laudatoria sulle celebrazioni eucaristiche del Cammino neocatecumenale[26]:

« Tutte le riforme, nella Chiesa, hanno apportato nuovi principi e promosso nuove norme, che hanno tradotto in pratica gli intenti della riforma stessa.

Così accadde dopo il Concilio di Trento; né poteva essere diversamente ai giorni nostri. Il rinnovamento liturgico incide profondamente sulla vita della Chiesa. C'è necessità che la spiritualità liturgica germini nuovi fiori di santità e di grazia, nonché di apostolato cristiano più intenso e di azione spirituale.

Un modello eccellente di questo rinnovamento si trova nelle «Comunità neo-catecumenali» che sorsero a Madrid, nel 1962, per iniziativa di alcuni giovani laici, con il permesso, l'incoraggiamento e la benedizione dell'eccellentissimo Pastore madrileno, Casimiro Morcillo. Le comunità hanno lo scopo di rendere visibile nelle parrocchie il segno della Chiesa Missionaria, e si sforzano di aprire la strada all'evangelizzazione di coloro che hanno quasi abbandonato la vita cristiana.

A questo fine i Membri delle «Comunità» cercano di vivere più intensamente la vita liturgica cristiana incominciando dalla nuova catechesi e dalla preparazione «catecumenale», percorrendo cioè, con un cammino spirituale, tutte quelle fasi, che, nella Chiesa primitiva, i catecumeni percorrevano prima di ricevere il sacramento del battesimo. Poiché si tratta non di battezzandi, ma di battezzati, la catechesi è la medesima, ma i riti liturgici si adattano allo stato di cristiani battezzati secondo le direttive già date dalla Congregazione per il Culto Divino.

Le «Comunità» nelle parrocchie vengono erette sotto la direzione del parroco. I membri, una volta o due la settimana, si riuniscono per ascoltare la parola divina, per avere colloqui spirituali, per partecipare all'Eucaristia.
 »
(Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti, Notitiae, 01/08/1974)

La stessa Congregazione, nel 1988, pubblicava una Notificazione[27] in cui autorizzava le celebrazioni dei neocatecumenali ricordando che «le celebrazioni di gruppi particolari riuniti per una specifica formazione loro propria sono previste nelle istituzioni Eucharisticum Mysterium, del 25 maggio 1967, nn. 27 e 30 (AAS 59, 1967, 556-557) e Actio Pastoralis, del 15 maggio 1969 (AAS 61, 1969, 806-811)»; autorizzava «la comunione sotto le due specie» e incoraggiava inoltre i vescovi «a voler considerare e approfondire il valore spirituale e formativo di queste celebrazioni».

Molte sono poi le occasioni nelle quali il Servo di Dio Giovanni Paolo II espresse la propria stima e affetto. Lo stesso si esprimeva con parole di elogio nella sua Lettera Ogniqualvolta del 30 agosto 1990[28], indirizzata a mons. Paul Josef Cordes, Vice Presidente del Pontificio Consiglio per i Laici, incaricato "ad personam" per l'Apostolato delle Comunità Neocatecumenali[29]:

« Ogniqualvolta lo Spirito Santo fa germinare nella Chiesa impulsi di una maggiore fedeltà al Vangelo, fioriscono nuovi carismi che manifestano tali realtà e nuove istituzioni che le mettono in pratica. È stato così dopo il Concilio di Trento e dopo il Concilio Vaticano II.

Tra le realtà generate dallo Spirito ai nostri giorni figurano le Comunità Neocatecumenali, iniziate dal Signor K. Argúello e dalla Signora C. Hernandez (Madrid, Spagna), la cui efficacia per il rinnovamento della vita cristiana veniva salutata dal mio predecessore Paolo VI come frutto del Concilio [...]

Anch'io, nei tanti incontri avuti come Vescovo di Roma, nelle parrocchie romane, con le Comunità Neocatecumenali e con i loro Pastori e nei miei viaggi apostolici in molte nazioni, ho potuto constatare copiosi frutti di conversione personale e fecondo impulso missionario.

Tali Comunità rendono visibile, nelle parrocchie, il segno della Chiesa missionaria e "si sforzano di aprire la strada all'evangelizzazione di coloro che hanno quasi abbandonato la vita cristiana, offrendo loro un itinerario di tipo catecumenale, che percorre tutte quelle fasi che nella Chiesa primitiva i catecumeni percorrevano prima di ricevere il sacramento del Battesimo; li riavvicina alla Chiesa ed a Cristo" (cfr. Catecumenato postbattesimale in Notitiae 96-96, 1974, 229). Sono l'annuncio del Vangelo, la testimonianza in piccole comunità e la celebrazione eucaristica in gruppi (cfr. Notificazione sulle celebrazioni nei gruppi del "Cammino neocatecumenale" in L'Osservatore Romano, 24 dicembre 1988) che permettono ai membri di porsi al servizio del rinnovamento della Chiesa. [...]

[...] riconosco il Cammino neocatecumenale come un itinerario di formazione cattolica, valida per la società e per i tempi odierni.

Auspico, pertanto, che i Fratelli nell'Episcopato valorizzino e aiutino - insieme con i loro presbiteri - quest'opera per la nuova evangelizzazione, perché essa si realizzi secondo le linee proposte dagli iniziatori, nello spirito di servizio all'Ordinario del luogo e di comunione con lui e nel contesto dell'unità della Chiesa particolare con la Chiesa universale
[30] »

Il 29 giugno 2002 (Solennità di San Pietro e Paolo), lo statuto del Cammino neocatecumenale fu approvato ad experimentum dal Pontificio Consiglio per i Laici. Il 21 settembre 2002, Giovanni Paolo II ricevette in udienza a Castel Gandolfo gli iniziatori del Cammino e, commentando l'approvazione dello statuto, volle nuovamente esprimere il suo incoraggiamento[31]:

« Come non ringraziare il Signore per i frutti portati dal Cammino neocatecumenale nei suoi oltre trent'anni di esistenza [...] In una società secolarizzata come la nostra, dove dilaga l'indifferenza religiosa e molte persone vivono come se Dio non ci fosse, sono in tanti ad aver bisogno di una nuova scoperta dei Sacramenti dell'iniziazione cristiana; specialmente di quello del Battesimo. Il Cammino è senz'altro una delle risposte provvidenziali a questa urgente necessità. Desidero sottolineare l'importanza degli Statuti appena approvati per la vita presente e futura del Cammino neocatecumenale che, come ho già avuto modo di dire alcuni anni fa, costituisce "un itinerario di formazione cattolica, valida per la società e per i tempi odierni". Gli Statuti costituiscono altresì, un importante aiuto per tutti i pastori della Chiesa, particolarmente per i Vescovi diocesani, ai quali è affidata dal Signore, la cura pastorale e, in particolare, l'iniziazione cristiana delle persone nella Diocesi [...] Gli Ordinari Diocesani potranno trovare negli Statuti i principi base di attuazione del Cammino neocatecumenale in fedeltà al suo progetto originario »

Al termine dei cinque anni canonici lo Statuto è stato approvato definitivamente l'11 maggio 2008 (Solennità di Pentecoste), con Decreto del Pontificio Consiglio per i Laici, il quale sancisce

« l'approvazione definitiva dello statuto del Cammino neocatecumenale debitamente autenticato dal Dicastero e depositato in copia nei suoi archivi. Ciò nella fiducia che queste norme statutarie costituiscano linee guida ferme e sicure per la vita del Cammino e che esse siano di aiuto ai Pastori nel loro paterno e vigile accompagnamento delle comunità neocatecumenali nelle Chiese particolari.[32] »

Con l'approvazione dello statuto, il Cammino neocatecumenale è definitivamente riconosciuto dalla Chiesa cattolica come una realtà ecclesiale, un carisma fedele al magistero e un valido strumento di evangelizzazione all'interno della parrocchia.

Il 10 gennaio 2009, papa Benedetto XVI, incontrando le comunità neocatecumenali di Roma, nella basilica di S. Pietro in occasione dei 40 anni dalla nascita della prima comunità di Roma nella parrocchia dei SS. Martiri Canadesi, ha avuto parole di conferma e di elogio:

« Come non benedire il Signore per i frutti spirituali che, attraverso il metodo di evangelizzazione da voi attuato, si sono potuti raccogliere in questi anni? Quante fresche energie apostoliche sono state suscitate sia tra i sacerdoti che tra i laici! Quanti uomini e donne, e quante famiglie, che si erano allontanate dalla comunità ecclesiale o avevano abbandonato la pratica della vita cristiana, attraverso l'annuncio del kerigma e l'itinerario di riscoperta del Battesimo sono state aiutate a ritrovare la gioia della fede e l'entusiasmo della testimonianza evangelica! [...] La recente approvazione degli Statuti del Cammino è venuta a suggellare la stima e la benevolenza con cui la Santa Sede segue l'opera che il Signore ha suscitato attraverso i vostri Iniziatori.[33][34] »

Approvazione dello Statuto da parte della Santa Sede

All'inizio del 1997 Giovanni Paolo II chiese ai responsabili del Cammino una regolazione statutaria[35], in cui il Papa ricorda che i neocatecumenali hanno già iniziato il processo di stesura dello Statuto. Giovanni Paolo II, dopo l'approvazione dello Statuto nel 2002, confermerà che «...gli Statuti devono costituire per il Cammino neocatecumenale una "chiara e sicura regola di vita", un punto di riferimento fondamentale affinché questo processo di formazione, che ha come obiettivo di portare i fedeli ad una fede matura, possa essere realizzato in un modo confacente alla dottrina e alla disciplina della Chiesa» ([36]). Una prima versione degli Statuti del Cammino neocatecumenale fu respinta all'inizio del 1999 (il giurista neocatecumenale padre Javier Sotil, rettore del Redemptoris Mater di Brasilia, nel maggio 1999, durante una convivenza al Centro Neocatecumenale internazionale di Porto San Giorgio con Kiko Argüello e Carmen Hernández, annunciava che la bocciatura era stata «provvidenziale» perché aveva dato modo di «pensare e ripensare, consultare tante persone per preparare una seconda bozza che è qui pronta»[37]). Lo Statuto venne finalmente approvato nel 2002 per un periodo ad experimentum scaduto a giugno 2007 (l'intervento di Kiko Argüello alla consegna dello Statuto del Cammino neocatecumenale il 29 giugno 2002 comincerà con: «siamo contentissimi che dopo tutto il travaglio di questi anni si sia potuti arrivare alla approvazione dello Statuto»)[38].

Il decreto di approvazione[39] del Pontificio Consiglio per i Laici recitava infatti: «Tenuto conto dei numerosi frutti spirituali apportati alla nuova evangelizzazione dalla prassi del Cammino neocatecumenale - accolto e valorizzato nei suoi oltre trent'anni di vita in molte Chiese locali - segnalati al Pontificio Consiglio per il Laici da numerose lettere raccomandatizie di cardinali, patriarchi e vescovi; dopo attento esame del testo degli Statuti, frutto di un laborioso processo di collaborazione tra gli iniziatori del Cammino neocatecumenale e il Pontificio Consiglio per i Laici, che si è avvalso del contributo apportato nell'ambito delle competenze loro proprie da diversi dicasteri della Curia Romana (...) il Pontificio Consiglio per i Laici DECRETA l'approvazione "ad experimentum" per un periodo di cinque anni degli Statuti del Cammino neocatecumenale...»

Nei discorsi e omelie di Giovanni Paolo II del 29 giugno 2002 e dei giorni successivi, non appare alcuna menzione dell'approvazione degli Statuti[40], nonostante Kiko Argüello abbia ringraziato personalmente il Papa per aver «voluto in prima persona questa approvazione»[41]; solo nel settembre successivo il Papa ne parlerà precisando che «spetta ora ai Dicasteri competenti della Santa Sede esaminare il Direttorio catechetico e tutta la prassi catechetica nonché liturgica del Cammino stesso. Sono certo che i suoi membri non mancheranno di assecondare con generosa disponibilità le indicazioni che loro verranno da tali autorevoli fonti»[42].

Lo Statuto rinviava ad un Direttorio Catechetico che raccoglie la tradizione orale e indica la prassi del Cammino[43]; il materiale raccolto per la creazione del Direttorio (quattordici volumi) è tuttora in fase di esame da parte delle congregazioni vaticane. Si trattava perciò di un'approvazione parziale (oltre che temporanea), poiché durante l'arco di validità dello Statuto ad experimentum il Direttorio contenente le catechesi e la prassi del Cammino (non scindibili dal Cammino stesso) non è stato pubblicato.

Lo Statuto del Cammino neocatecumenale fu approvato in forma definitiva l'11 maggio 2008, giorno di Pentecoste[44]. Il Presidente del Pontificio Consiglio per i Laici, Cardinale Stanislaw Rylko, consegnò il nuovo testo agli iniziatori del Cammino neocatecumenale, Kiko Arguello e Carmen Hernandez, il 13 giugno 2008, giorno di Sant'Antonio da Padova, francescano portoghese, Dottore della Chiesa.

Queste le parole del Cardinal Rylko, alla domanda su quale significato abbia questa approvazione, per la Chiesa e per il Cammino stesso: «Significa la conferma da parte della Chiesa dell'autenticità, della genuinità del carisma che sta alla loro origine nella vita e nella missione della Chiesa. In modo particolare, questo riguarda il Cammino che ha ormai lunga storia nella Chiesa, più di 40 anni, e porta nella vita della Chiesa tanti frutti, tante vite cambiate in profondità, tante famiglie ricostruite, tante vocazioni religiose, sacerdotali e tanto impegno a favore della nuova evangelizzazione. Quindi, è un momento di grande gioia per la Chiesa, un momento di grande gioia per la realtà ecclesiale che riceve questo riconoscimento»[45][46].

Orientamenti alle Équipes di Catechisti del Cammino neocatecumenale

Secondo il Decreto di approvazione definitiva, e secondo lo Statuto stesso, il cammino va attuato secondo "le linee proposte dagli iniziatori" (Kiko Arguello, Carmen Hernandez) contenute nello Statuto stesso e nei 14 volumi intitolati "Orientamenti alle Equipes dei Catechisti" (cfr. art. 2.2 dello Statuto).

Nella prefazione al primo volume di "Orientamenti per le Equipes di Catechisti", gli iniziatori affermano che già nel 1977 detti volumi furono oggetto di un accurato esame da parte della Congregazione per il Clero. L'analisi fu fatta da un esperto di catechesi antiche, Padre G. Groppo. La prefazione riporta vari stralci della relazione finale di Padre Groppo con relativo numero di protocollo:

« La novità di queste catechesi e il criterio fondamentale per la loro interpretazione è costituito dal fatto che sono espressione orale di un'esperienza vissuta di fede e di conversione e che pertanto si tratta di un linguaggio esistenziale, la cui verità non va ricercata nella singola frase, ma nel contesto generale: un'esperienza vissuta intensamente non si presta a formulazioni teoriche nitide, ma si esprime sempre in modo un po' caotico, con frequenti ripetizioni, con il ricorso a paradossi, più per immagini che per concetti. Intendo ora rilevare un altro aspetto di queste catechesi, o meglio di questo Cammino neocatecumenale. Come studioso della storia della catechesi antica devo dire che il tentativo di Kiko e Carmen di attualizzare il catecumenato è un tentativo riuscito.

L'esperienza ha fatto intuire quello che di profondamente valido conteneva questa istituzione dei primi tre secoli e ha permesso di tradurla in una struttura la quale, pur non ricalcando l'antica, ne assume gli elementi più importanti e li inserisce in un contesto nuovo: quello della conversione di battezzati che però non hanno mai fatto una opzione personale di fede. In questo processo - che implica il suo tempo - questi battezzati delle Comunità Neocatecumenali vengono aiutati a fare la loro opzione fondamentale di fede in un clima di comunità, a rendersi disponibili all'accettazione del radicalismo evangelico; iniziandoli gradualmente e in modo esperienziale sia alla Parola di Dio sia ai Sacramenti della conversione cristiana (Penitenza), sia dell'Eucarestia. Io trovo tutto questo molto positivo »

(Primo volume degli "Orientamenti per le Equipes dei Catechisti", pag. 1, protocollo 156375, 12 settembre 1977.)

Sempre nella prefazione del primo volume di "Orientamenti alle Equipes di Catechisti" (pag.1) si afferma:

« La versione corretta degli "Orientamenti alle Equipes di Catechisti per la fase di conversione", che è stata preparata da una Commissione incaricata dagli iniziatori del Cammino Noecatecumenale ha rispettato il linguaggio originale, vivo ed orale. Ha corretto espressioni incomplete, o meno felici - che potevano anche sembrare ambigue - proprie del linguaggio parlato o semplicemente dovute alla traduzione non sempre accurata dell'originale spagnolo. Ha tenuto conto, inoltre, delle osservazioni fatte dal secondo esame degli Orientamenti da parte della Congregazione per il Clero del 1990. Infine hanno aggiunto le citazioni bibliche a cui fa riferimento o che aiutano a meglio capire il senso del discorso.

Nel rivedere il testo degli Orientamenti alle Equipes di catechisti, su indicazione della Congregazione per la dottrina della Fede, i 14 volumi sono stati corredati con opportuni riferimenti al Catechismo della Chiesa cattolica, che non hanno valore illustrativo, ma normativo.

Per ogni catechesi tale riferimento si articola in due parti:

a) All'inizio si offre una visione panoramica dell'insegnamento del Catechismo della Chiesa cattolica riguardante la tematica affrontata dalla catechesi, per la preparazione dei catechisti;

b) A piè di ogni pagina si riportano alcuni passi su qualche punto particolare delle catechesi »

Il Cammino neocatecumenale dotato di personalità giuridica pubblica

Il Cammino neocatecumenale è stato dotato di personalità giuridica pubblica con decreto del Pontificio Consiglio per i Laici 28 ottobre 2004 Prot.N.1761/04 AIC-110 (Cfr. Statuto, art. 1, comma 3).

Mons. Juan Ignacio Arrieta, Segretario del Pontificio Consiglio per l'interpretazione dei Testi Legislativi e professore ordinario di Diritto Canonico presso la Pontificia Università della Santa Croce a Roma, nonché giudice del Tribunale ecclesiastico dello Stato della Città del Vaticano e consultore di vari Dicasteri della Curia Romana, in un suo intervento alla convivenza di inizio corso del 25-28 settembre 2008 a questo proposito ha affermato:

« A differenza del testo del 2002 gli Statuti ora approvati affermano la personalità giuridica pubblica del Cammino neocatecumenale (art.1, comma 3), erezione che avvenne per iniziativa del Pontificio Consiglio per i Laici, con Decreto del 28 ottobre 2004. Il punto è di particolare rilevanza perché ci porta alla vera novità che, qua e là, emerge dai nuovi Statuti. Quale rilevanza pratica può avere adesso l'erezione della personalità giuridica pubblica?

A mio modo di vedere, la maggiore conseguenza di questa personalità pubblica, applicata all'itinerario di formazione neocatecumenale, riguarda la particolare autorevolezza ecclesiale con la quale, sotto la direzione dei Vescovi diocesani, s'impartisce finora il Cammino, e nel particolare impegno che, di conseguenza, si assume, perché esso sia proposto, come risultava prima ma adesso con rinnovato impegno giuridico, per mezzo di persone particolarmente selezionate e appositamente formate. Quindi essere riconosciuti persona giuridica pubblica vuol dire che il Cammino agisce con l'autorità e a nome della Chiesa. »

Il Cammino neocatecumenale nel mondo

Il Cammino è oggi presente in tutti i continenti, in più di 900 diocesi, per un totale di oltre 40.000 comunità in 6.000 parrocchie. Numerosi sono anche i seminari "Redemptoris Mater", se ne contano 75, sparsi in tutto il mondo. Il Cammino è diffuso principalmente in Europa e nel continente americano. In generale, ogni comunità è composta da un numero compreso tra i venti e i cinquanta membri, ma nella maggior parte dei casi tale cifra varia tra i trenta e i quaranta membri.

Di seguito vengono riportate le statistiche relative alla presenza del Cammino neocatecumenale in Europa e nel continente americano, dove il movimento si è maggiormente diffuso. Le statistiche sono state elaborate dal Centro Neocatecumenale di Roma.

America - Stato Comunità
Bandiera del Brasile Brasile 5.600
Bandiera del Messico Messico 3.200
Bandiera della Colombia Colombia 2.000
Bandiera dell'Argentina Argentina 1.500
Bandiera del Venezuela Venezuela 1.100
Bandiera del Perù Perú 960
Bandiera del Guatemala Guatemala 800
Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti di America 720
Bandiera dell'Ecuador Ecuador 570
Bandiera della Repubblica Dominicana Repubblica Domenicana 560
Bandiera di El Salvador El Salvador 500
Bandiera del Paraguay Paraguay 500
Bandiera del Cile Cile 460
Bandiera dell'Honduras Honduras 440
Bandiera della Bolivia Bolivia 400
Bandiera della Costa Rica Costa Rica 350
Bandiera del Nicaragua Nicaragua 300
Bandiera di Panamá Panamá 200
Bandiera dell'Uruguay Uruguay 200
Bandiera di Porto Rico Puerto Rico 130
Bandiera di Cuba Cuba 45
Bandiera del Canada Canada 44
Medio Oriente - Stato Comunità
Bandiera del Libano Libano 52
Bandiera dell'Egitto Egitto 30
Bandiera della Palestina Palestina 30
Bandiera d'Israele Israele 15
Bandiera dell'Iraq Iraq 9
Bandiera del Kuwait Kuwait 3
Bandiera della Giordania Giordania 1
Asia - Stato Comunità
Bandiera delle Filippine Filippine 700
Bandiera dell'India India 500
Bandiera della Corea del Sud Corea del Sud 40
Bandiera del Giappone Giappone 20
Bandiera della Malesia Malesia 14
Bandiera del Pakistan Pakistan 13
Bandiera di Taiwan Taiwan 13
Bandiera dello Sri Lanka Sri Lanka 10
Bandiera della Cina Cina 9
Bandiera del Kazakistan Kazakistan 9
Bandiera di Singapore Singapore 7
Bandiera di Hong Kong Hong Kong 4
Oceania - Stato Comunità
Bandiera dell'Australia Australia 50
Bandiera di Guam Guam & Saipan 45
Europa - Stato Comunità
Bandiera dell'Italia Italia 10.000
Bandiera della Spagna Spagna 7.002
Bandiera della Polonia Polonia 1.000
Bandiera del Portogallo Portogallo 300
Bandiera della Croazia Croazia 250
Bandiera di Malta Malta 100
Bandiera della Slovacchia Slovacchia 65
Bandiera della Francia Francia 60
Bandiera della Germania Germania 50
Bandiera della Romania Romania 50
Bandiera dell'Ucraina Ucraina 45
Bandiera dei Paesi Bassi Olanda 40
Bandiera della Repubblica Ceca Repubblica Ceca 40
Bandiera della Slovenia Slovenia 40
Bandiera dell'Ungheria Ungheria 40
Bandiera dell'Austria Austria 38
Bandiera dell'Inghilterra Inghilterra 35
Bandiera della Svizzera Svizzera 35
Bandiera del Belgio Belgio 30
Bandiera della Serbia Bandiera della Bosnia-Erzegovina Bandiera della Macedonia Serbia, Bosnia & Macedonia 30
Bandiera dell'Irlanda Irlanda 25
Bandiera dell'Albania Albania 22
Bandiera di Andorra Andorra 20
Bandiera della Lituania Lituania 20
Bandiera della Bielorussia Bielorussia 11
Bandiera della Bulgaria Bulgaria 10
Bandiera della Svezia Svezia 10
Bandiera della Lettonia Lettonia 9
Bandiera della Turchia Turchia 8
File:Flag of Denmark.svg Danimarca 7
Bandiera della Finlandia Finlandia 6
Bandiera della Georgia Georgia 6
Bandiera della Grecia Grecia 6
Bandiera di Cipro Cipro 5
Bandiera dell'Estonia Estonia 5
Bandiera della Russia Russia 5
Bandiera di San Marino San Marino 5
Bandiera di Monaco Monaco 4
Bandiera della Norvegia Norvegia 1
Bandiera della Scozia Scozia 3
Bandiera del Lussemburgo Lussemburgo 1
Africa - Nazione Comunità
Bandiera dell'Egitto Egitto 30
Bandiera della Tunisia Tunisia 2
Bandiera del Marocco Marocco 2

Il maggior numero di comunità, a livello mondiale, si trova in Italia. In Europa, altri paesi dove il Cammino è particolarmente diffuso sono la Spagna, la Polonia, il Portogallo, la Croazia e Malta. Nel continente americano è presente principalmente in Brasile, Messico, Colombia, Argentina, Venezuela.

Altri paesi dove il Cammino sarebbe in espansione sono le Filippine in Asia e l'Australia in Oceania. Il numero di comunità sarebbe in rapida crescita nel continente africano dove sarebbero attualmente circa 800. Il Cammino è presente anche in Medio Oriente. Il Libano presenterebbe il maggior numero di comunità nella regione, pari a circa 50. Vi sarebbero comunità anche in Egitto, in Israele, in Giordania, negli Emirati Arabi Uniti, in Kuwait ed in Iraq.

Curiosamente, la maggior densità di comunità per numero di abitanti si rinverrebbe a Malta (100 comunità su un territorio che ospita solo 400.000 abitanti). Guam sarebbe al secondo posto con 35 comunità (la popolazione cattolica dell'isola è di sole 115.000 unità). In Andorra vi sarebbero 20 comunità ed una popolazione pari a 70.000 abitanti.

Il Cammino Neocatecumenale nella Terra Santa

Durante l'incontro vocazionale in Galilea (Maggio 2009), Kiko Arguello ha descritto la situazione del Cammino Neocatecumenale in Israele e in Palestina. Ci sono circa trenta comunità che seguono denominazioni Cristiane varie e sono un esempio vivo del ecumenismo che ha praticato il Cammino Neocatecumenale nella Terra Santa negli ultimi anni.

Ci sono sette comunità del Rito latino in Jaffa, Tel Aviv, Gerusalemme, Nazaret, Betlemme e Cana.

La Chiesa cattolica greco-melchita (conosciuta anche come Melchita) ha dodici comunità in alcuni villaggi Palestinesi; tre ciascuno a Shefamer, Tarshiha e Melia, due ad Ibilin ed uno in Cana di Galilea. C'è anche un Seminario Redemptoris Mater del rito Melchita accanto al Domus Galilaeae in Galilea.

Due comunità seguono il rito Maronita a Gish e Haifa. Ci sono addirittura due comunità di espressione Ebraica a Haifa e Tel Aviv. Il Cammino Neocatecumenale nella Terra Santa ha cominciato anche nella chiesa greco-ortodossa.

Critiche

Il Cammino è stato in passato oggetto di critiche che hanno dato luogo a molteplici discussioni all'interno della Chiesa cattolica[47].

La polemica intraecclesiale tra parte del mondo cattolico ed il Cammino neocatecumenale riguardava, e in parte riguarda tuttora, principalmente due punti:

  1. l'aspetto liturgico: il Cammino avrebbe introdotto modifiche alla prassi liturgica comunemente accettata dalla Chiesa su questioni considerate delicate[48];
  2. l'aspetto pastorale: il contenuto delle catechesi (che non sono state ancora ufficialmente pubblicate, poiché ancora in esame presso le Congregazioni vaticane) sarebbe caratterizzato da eccessiva riservatezza, la durata effettiva del Cammino sarebbe eccessiva (talvolta vent'anni e più), l'importanza attribuita ai catechisti laici sarebbe talora maggiore di quella attribuita ai sacerdoti, etc.

Nel 1983 Giovanni Paolo II, in un discorso ai neocatecumenali, aveva detto: «Celebrate l'Eucaristia e, soprattutto, la Pasqua, con vera pietà, con grande dignità, con amore per i riti liturgici della Chiesa, con esatta osservanza delle norme stabilite dalla competente autorità, con volontà di comunione con tutti i fratelli [...] Il ministero della riconciliazione [...] è affidato a voi, Sacerdoti. Siatene ministri sempre degni, pronti, zelanti, disponibili, pazienti, sereni, attenendovi con fedele diligenza alle norme stabilite in materia dall'Autorità ecclesiastica [...] in piena adesione al ministero e alla disciplina della Chiesa, con la confessione individuale, come ripetutamente raccomanda il nuovo Codice di Diritto Canonico [...] Non chiudetevi in voi stessi, isolandovi dalla vita della Comunità parrocchiale o diocesana [...] Pertanto le norme giuridiche, come anche quelle liturgiche, vanno osservate senza negligenze e senza omissioni»[49].

Risposte del Cammino neocatecumenale

I neocatecumenali hanno a lungo negato che le celebrazioni e le catechesi fossero svolte a porte chiuse, così come negano incomprensioni con altri movimenti ecclesiastici[50]; insistono sulla devozione mariana[51] e dichiarano che la percezione per cui ai sacerdoti venga attribuita una minore importanza sarebbe dovuta al fatto che questi possono frequentare il Cammino come tutti gli altri fratelli, pur avendo una formazione specifica e la vocazione di essere pastori del gregge. I neocatecumenali lamentano calunnie, equivoci (causati soprattutto dal fatto che le catechesi vengono esposte sempre oralmente e quindi col rischio di essere citate direttamente dal linguaggio parlato), inimicizie o asserendo la compatibilità della prassi del Cammino con il Magistero Pontificio e la Tradizione della Chiesa e ricordando le ripetute dichiarazioni di apprezzamento ricevute dagli ultimi Papi e da molti Vescovi e Cardinali, nonché l'approvazione definitiva dello Statuto da parte delle gerarchie ecclesiastiche[52]. È infatti la gerarchia cattolica stessa - nelle figure del Papa e delle Congregazioni Pontificie della Curia romana - a dover valutare la fedeltà del Cammino alla Chiesa.

Le critiche più comuni si rivolgono alla prassi liturgica del Cammino neocatecumenale in particolare alla celebrazione Eucaristica.

Taluni criticano la prassi del Cammino neocatecumenale di usare un altare o mensa "mobile" posta al centro dell'assemblea liturgica. In realtà le norme liturgiche vigenti, previste nell'Ordinamento Generale del Messale Romano, non lo proibiscono affatto, prevedendo infatti:

299. L'altare sia costruito staccato dalla parete, per potervi facilmente girare intorno e celebrare rivolti verso il popolo: la qual cosa è conveniente realizzare ovunque sia possibile. L'altare sia poi collocato in modo da costituire realmente il centro verso il quale spontaneamente converga l'attenzione dei fedeli [116]. Normalmente sia fisso e dedicato.

Circa, invece, la possibilità di usare un altare mobile (non fisso) le norme liturgiche prevedono ai punti 297 e 298:

297. La celebrazione dell'Eucaristia, nel luogo sacro, si deve compiere sopra un altare; fuori del luogo sacro, invece, si può compiere anche sopra un tavolo adatto, purché vi siano sempre una tovaglia e il corporale, la croce e i candelabri

298. Conviene che in ogni chiesa ci sia l'altare fisso, che significa più chiaramente e permanentemente Gesù Cristo, pietra viva (1Pt 2,4; cf. Ef 2,20); negli altri luoghi, destinati alle celebrazioni sacre, l'altare può essere mobile.

Per quanto concerne i materiali da usare per l'altare mobile le norme liturgiche afferma il punto 301:

301. Secondo un uso e un simbolismo tradizionali nella Chiesa, la mensa dell'altare fisso sia di pietra, e più precisamente di pietra naturale. Tuttavia, a giudizio della Conferenza Episcopale, si può adoperare anche un'altra materia degna, solida e ben lavorata. Gli stipiti però e la base per sostenere la mensa possono essere di qualsiasi materiale, purché conveniente.

L'altare mobile può essere costruito con qualsiasi materiale di un certo pregio e solido, confacente all'uso liturgico, secondo lo stile e gli usi locali delle diverse regioni.

Altre critiche giungono sulla prassi di usare il pane azimo spesso e grande anziché le più comuni ostie piccole e sottili. Anche su questo tema le norme liturgiche non proibiscono la possibilità di utilizzare il pane azimo più spesso. Le norme liturgiche contenute nell'Ordinamento Generale del Messale Romano affermano al punto 320:

320. Il pane per la celebrazione dell'Eucaristia deve essere esclusivamente di frumento, confezionato di recente e azimo, secondo l'antica tradizione della Chiesa latina.

Lo stesso Messale Romano, nella sua ultima versione riveduta nel 2007, su questo argomento afferma che «La natura di segno esige che la materia della celebrazione (il pane) si presenti veramente come cibo».

La prassi quindi di usare il pane per la Messa, in una forma più grande e spessa di quella usata comunemente, non solo non si oppone al principio illustrato dalle norme liturgiche ma lo realizza più pienamente.

Al punto 321 si afferma:

321. La natura di segno esige che la materia della celebrazione eucaristica si presenti veramente come cibo. Conviene quindi che il pane eucaristico, sebbene azimo e confezionato nella forma tradizionale, sia fatto in modo che il sacerdote nella Messa celebrata con il popolo possa spezzare davvero l'ostia in più parti e distribuirle almeno ad alcuni dei fedeli. Le ostie piccole non sono comunque affatto escluse, quando il numero dei comunicandi, o altre ragioni pastorali lo esigano. Il gesto della frazione del pane, con cui l'Eucaristia veniva semplicemente designata nel tempo apostolico, manifesterà sempre più la forza e l'importanza del segno dell'unità di tutti in un unico pane e del segno della carità, per il fatto che un unico pane è distribuito tra i fratelli

Nei seguenti paragrafi vengono presentate alcune delle osservazioni da parte di esponenti del clero e della gerarchia, antecedenti l'approvazione definitiva degli statuti da parte della Chiesa.[53]

Critiche da teologi

Una prima critica al Cammino[54] venne nel 1983 dal sacerdote e teologo mons. Pier Carlo Landucci (1900-1986), di cui è attualmente in corso la causa di beatificazione. Scriveva Landucci, nel 1983, che nel Cammino neocatecumenale non c'era alcuna posizione dottrinale o pratica cattolica che non fosse gravemente deformata. Il tutto presentato con impressionante grossolanità e confusione teologica e biblica, congiunte all'ostentato atteggiamento di acuta riscoperta e di suggestionanti prospettive di personale, elitario impegno e sacrificio.

Un'altra critica agli aspetti dottrinali, liturgici e pastorali del Cammino venne negli anni novanta dagli scritti del teologo e filosofo passionista Enrico Zoffoli (1915-1996), che scrisse diversi libri[55] in cui commentava delle bozze di catechesi neocatecumenali di cui era entrato in possesso. Nel suo Dizionario del Cristianesimo[56], alla voce Neocatecumenali, sosteneva che il loro fondo dottrinale fosse gravemente compromesso da errori che riguardavano i dogmi fondamentali del Cristianesimo; che in tali bozze si negasse il dogma della Redenzione, il carattere sacrificale della morte di Cristo e, quindi, il "Sacrificio dell'altare", con il relativo culto eucaristico (transustanziazione, adorazione); che nelle bozze si negasse la distinzione essenziale tra "sacerdozio ministeriale" e "sacerdozio comune", restando perciò soppressa la Gerarchia, fondata su questa distinzione; che nelle bozze si negasse il dovere e la possibilità dell'imitazione di Cristo; vi si alterasse gravemente la nozione di peccato, della Grazia, del libero arbitrio; che vi si sostenesse "un perdono" concesso a tutti da Dio e che ciò implicasse il rifiuto dell'inferno. Zoffoli concludeva sostenendo che la dottrina fondamentalmente errata del movimento costituisse una gravissima minaccia per tutti.

Osservazioni dalla gerarchia ecclesiastica, precedenti l'approvazione definitiva degli statuti

Prima dell'approvazione definitiva degli statuti da parte della Chiesa, altre critiche al Cammino provennero da alcuni membri della gerarchia ecclesiastica[57].

Nel novembre 1986, il vescovo di Brescia Bruno Foresti rilevava[58] tra le comunità neocatecumenali:

  • una visione pessimistica dell'uomo;
  • un clima di soggezione psicologica ed un'atmosfera di esclusivismo;
  • un certo discredito per la religiosità degli altri;
  • una scarsa attenzione sulla disciplina relativa all'amministrazione dei sacramenti;
  • l'eccessiva dipendenza dei sacerdoti neocatecumenali dal Cammino e la loro comune disattenzione ai richiami del Vescovo.

Nel 1995, il cardinale di Firenze Silvano Piovanelli accusava[59] «rigidità e chiusure» che avevano portato a «tensioni molto acute» nelle parrocchie dove il Cammino era presente, chiedendo ai neocatecumenali di «interrogarsi sul proprio modo di esprimersi e di presentarsi», di superare «la tentazione di credersi migliore degli altri», evidenziando il «contrasto» tra i «recenti documenti del Magistero» e la norma del Cammino di celebrare la Messa festiva il sabato sera.

Il 22 febbraio 1996, il cardinale Salvatore Pappalardo, come ultimo atto di governo dell'arcidiocesi di Palermo, vietò[60] agli aderenti del Cammino la celebrazione di Messe «precluse agli altri fedeli»; scrisse inoltre che «il Cammino, da solo, non è la Chiesa» chiedendo pertanto che il Cammino «non si distacchi dalle liturgie eucaristiche comuni».

Nel 1996 Basil Hume, arcivescovo di Westminster e presidente della Commissione Episcopale dell'Inghilterra e del Galles, si rifiutò[61] di ordinare preti quindici seminaristi di formazione neocatecumenale. La motivazione fu che tali seminaristi, una volta ordinati, avrebbero avuto come punto di riferimento i capi delle loro comunità anziché il proprio vescovo[62].

Nel 1997 Mervyn Alban Alexander, vescovo di Clifton (Inghilterra), proibì[63] il Cammino neocatecumenale nella sua diocesi dichiarando che catechesi ed evangelizzazione del Cammino non erano «né benefici né appropriati per la diocesi».

L'arcivescovo di Catania, mons. Luigi Bommarito, scrisse nel dicembre 2001 una lettera critica rivolta proprio ai membri del Cammino neocatecumenale.[64]

Molte delle critiche passate di singoli membri della gerarchia possono essere considerate come prese di posizioni individuali superate dall'approvazione dello Statuto definitivo da parte della Curia romana.

Richiami successivi all'approvazione degli statuti

Con un decreto[65] del 21 gennaio 2009, Benigno Papa, vescovo di Taranto, ordinò che l'Eucarestia fosse celebrata sull'unico altare dedicato o benedetto e nelle chiese parrocchiali o nei luoghi di culto in cui ha sede l'ordinaria vita della piccola comunità. Decretò inoltre che gli interventi di testimonianza e le cosiddette "risonanze alla Parola" fossero riservati alla Celebrazione settimanale della Parola e che, essendo compito proprio del diacono, aiutato dall'accolito o ministrante, preparare la mensa dell'altare per l'offertorio, non è consentito ad alcun fedele dell'assemblea svolgere questo servizio.

Liturgia

Gli Statuti approvati dalla Chiesa in forma definitiva nel 2008, entrano nel merito delle particolarità liturgiche del Cammino neocatecumenale specificandone le concessioni:

  • i neocatecumenali celebrano l'Eucarestia in piccole comunità dopo i primi vespri della domenica (sabato sera);
  • le celebrazioni dell'Eucaristia delle comunità neocatecumenali al sabato sera fanno parte della pastorale liturgica domenicale della parrocchia e sono aperte anche ad altri fedeli;
  • per quanto concerne la distribuzione della Santa Comunione sotto le due specie, i neocatecumenali la ricevono in piedi, restando al proprio posto.

Nel passato, sono state fonte di preoccupazione per la gerarchia ecclesiastica le particolarità in campo liturgico[66]. I neocatecumenali hanno sostenuto come sia Giovanni Paolo II sia l'allora cardinale Joseph Ratzinger abbiano personalmente celebrato la Messa con le comunità neocatecumenali ma, come per gli elogi e gli incoraggiamenti, tali eventi non sono in sé giuridicamente significativi[67]. A distanza di quasi ventitré anni dalla raccomandazione di osservare «le norme liturgiche» «senza negligenze e senza omissioni»[68], il 1º dicembre 2005 la Congregazione del Culto divino, a firma del cardinale Francis Arinze, ha inviato una lettera[69] a Kiko Argüello, Carmen Hernández e padre Mario Pezzi per comunicare le «decisioni del Santo Padre» a proposito delle liturgie del Cammino neocatecumenale, raccomandando di seguire «i libri liturgici approvati, senza omettere né aggiungere nulla»[70] e richiedendo, fra le altre cose[71]:

  • che «almeno una domenica al mese» le comunità del Cammino partecipino alla Messa della parrocchia;
  • che le «eventuali monizioni» previe alle letture della Messa siano «brevi»;
  • che l'omelia sia «riservata al sacerdote o al diacono»;
  • che il modo di ricevere la Santa Comunione diventi entro «un tempo di transizione (non più di due anni)» (ossia entro dicembre 2007) lo stesso di tutta la Chiesa.

Sul sito ufficiale del Cammino è presente un'interpretazione[72] di Giuseppe Gennarini (responsabile del Cammino per gli Stati Uniti e per i rapporti con la stampa.

La lettera del cardinale Arinze segue di pochi giorni l'incontro di Argüello, Hernández e padre Pezzi prima con la Congregazione del Culto Divino e subito dopo con papa Benedetto XVI[73]. Gli iniziatori del Cammino invieranno il 17 gennaio successivo una lettera[74] di risposta a papa Benedetto XVI, dichiarandosi «contentissimi delle "norme"» ricevute ed esprimendo «gratitudine», dichiarando che «ogni èquipe di catechisti itineranti parlerà con il Vescovo di ogni Diocesi per concordare» la partecipazione dei neocatecumenali alla Messa parrocchiale «almeno una volta al mese», e ringraziando per «i due anni»[75] concessi per adeguarsi al «modo della distribuzione della Comunione»[76].

In una catechesi tenuta ai neocatecumenali di Madrid il 22 febbraio 2006, Kiko Argüello comunque sostiene[77] che la lettera di Arinze conterrebbe concessioni e conferme «alla Messa del Cammino che si celebra ogni domenica da più di trent'anni[78]».

Da un punto di vista giuridico l'approvazione definitiva degli Statuti essendo successiva alla lettera di Arinze, ed essendo uno statuto ecclesiale una fonte di diritto canonico di grado superiore ad una lettera di una congregazione supera e fa testo anche per quanto attiene al tema della Liturgia.

I fuoriusciti

Critiche al Cammino neocatecumenale provengono da alcuni fuorisciti dal movimento. Le critiche riguardano principalmente:

  • presunti casi di plagio psicologico[79][80]
  • una presunta tendenza ad incoraggiare matrimoni endogamici che riguarderebbe gli aderenti non sposati[81][82]. Tale presunto "obbligo di endogamia", tuttavia, non risulta dall'analisi dei documenti del Cammino, ad esempio non se ne fa mai menzione nello Statuto né negli Orientamenti alle Équipes di Catechisti [83] né nel sito Web ufficiale del movimento;
  • la struttura dottrinale e rituale ritenuta eccessivamente rigida e accusata di essere orientata a scoraggiare i dubbi religiosi degli aderenti[84] facendo leva sui sensi di colpa e le paure [85].

Terminologia tipica del Cammino

Tra i componenti del Cammino si è formata da tempo una terminologia tipica, spesso legata alle catechesi e ai discorsi del fondatore, o a particolari celebrazioni o eventi.

  • Il termine sperimentare indica l'avere una esperienza palpabile di qualcosa nel contesto di una situazione vissuta. Gran parte del Cammino si basa sulla esperienza personale del fedele rapportata a Dio. Spesso questo è indicato come la storia che Dio fa con te, il progetto e la relazione che intercorre tra l'esistenza di un uomo e Dio.
  • Il termine lontani si riferisce a chi è lontano dalle leggi di Dio, apostata, pagano o idolatra, non necessariamente estraneo alla chiesa stessa.
  • Il termine convivenza indica un ritiro spirituale di uno o più giorni, nel quale i partecipanti con-vivono, cioè stanno insieme in un clima di preghiera e di condivisione allo scopo di alimentare la comunione fraterna nella propria comunità, condividere l'esperienza di vita alla luce della Parola di Dio e, mediamente una volta l'anno, incontrare i propri catechisti nelle tappe che caratterizzano lo svolgersi del catecumenato post-battesimale.
  • Il termine alzarsi viene utilizzato per indicare gli individui o la famiglia quando sentono il desiderio di offrire la propria vita per il Vangelo e quindi, in occasione di opportuni incontri fatti con gli iniziatori del cammino, con i propri catechisti o in comunità, a seguito di un appello generale[86] si alzano rendendosi visibili ai fratelli mostrando apertamente la propria disponibilità in risposta alla chiamata di Dio. Questa disponibilità sarà poi vagliata dalla Chiesa in opportuni incontri vocazionali.
  • Secondo il racconto di fuorisciti dal movimento, all'interno del Cammino neocatecumenale sarebbe inoltre in uso il termine figlie di Israele.[87] con riferimento alle donne nubili aderenti al Cammino. Ciò tuttavia non risulta dall'analisi dei documenti del Cammino (ad esempio non se ne fa mai menzione nello Statuto né nelle oltre mille pagine che costituiscono gli Orientamenti alle Équipes di Catechisti[83]) né tale espressione compare mai nell'intero sito Web ufficiale del movimento.

Recenti sviluppi

In Rwanda, nell'ottobre del 1994, il sacerdote Justin Furaha[88] ed altre decine di persone tra sacerdoti, suore e laici appartenenti al Cammino, furono uccisi durante il genocidio ruandese in quanto cristiani appartenenti all'etnia Tutsi.

Famiglie in Missione (gennaio 2006)

Il 12 gennaio 2006, duecento famiglie neocatecumenali che sono state mandate da Kiko ad evangelizzare la Francia, il Belgio, la Germania, la Cina, l'Australia e altri paesi, hanno incontrato Benedetto XVI, che ha dato un saluto speciale e una benedizione ai membri del Cammino e alle famiglie appena mandate nella Missione.

Attualmente, ci sono più di 500 famiglie neocatecumenali nel Mondo.[89]

Una lettera al Papa (gennaio 2007)

Il 17 gennaio 2007, Kiko Argüello, Carmen Hernández e padre Mario Pezzi hanno mandato a papa Benedetto XVI una lettera[90] dove hanno manifestato il loro apprezzamento per la concessione di un periodo di due anni per la transizione.

Incontro del Papa con il Clero (febbraio 2007)

Giovedì 22 febbraio 2007, papa Benedetto XVI ha incontrato il clero di Roma e ha parlato brevemente del Cammino neocatecumenale mentre stava rispondendo ad una domanda di padre Gerardo Raul Carcar, che ha chiesto un consiglio su come poter integrare i movimenti per sviluppare un ministero reale di unità nella Chiesa Universale.

Il Papa ha risposto:

« In ogni caso, Io ho conosciuto i neocatecumenali fin dall'inizio. È stata una strada lunga, con complicazioni che esistono fino a oggi, però abbiamo trovato una forma ecclesiale che ha già migliorato la relazione tra il parroco e il Cammino. Stiamo andando avanti così! Lo stesso fu detto per gli altri movimenti. »

Il Papa ha dato due indicazioni per aiutare i movimenti a crescere: rispetto per il carisma e integrazione con il servizio della Chiesa.[91]

Lettera dai vescovi della Terra Santa (febbraio 2007)

Tre giorni dopo, il 25 di febbraio, i vescovi cattolici della Terra Santa hanno scritto una lettera di invito per il Cammino Neocatecumenale[92].

L'Arcivescovo melchita invita il Cammino neocatecumenale

Nel marzo del 2007, Elias Chacour (arcivescovo melchita di Akka) in Galilea, Israele, ha proposto la fondazione di un nuovo ramo del Cammino neocatecumenale per lavorare specificamente nella Chiesa orientale, "Ho pregato e ho cercato qualcuno o qualche comunità per predicare la buona notizia nelle mie parrocchie."

Abuna Elias Chacour ha, inoltre affermato: "Noi conosciamo l'albero dai suoi frutti, e dopo di diversi mesi di lavoro eccezionale nelle diverse parrocchie della diocesi melchita cattolica, il vostro gruppo ha dato frutti eccellenti.... Sarò felice di considerare anche un settore del Cammino neocatecumenale da far entrare nella nostra Chiesa".

Padre Rino Rossi, in un'intervista a ZENIT, ha dichiarato di aver ricevuto la lettera con grande gioia: "Abbiamo anche noi il senso di urgenza di cui ha parlato l'arcivescovo Chacour di evangelizzare "le pietre vive" nella terra del Signore."[93]

Nell'occasione è stata annunciata l'apertura di un seminario Redemptoris Mater di rito melchita in Terra Santa, prevista per il 2008.

Dottorato honoris causa in Sacra Teologia del Matrimonio e Famiglia conferito a Kiko Argüello

Il 13 Maggio 2009, il Pontificio Istituto Giovanni Paolo II, con sede presso la Pontificia Università Lateranense di Roma, ha consegnato a Kiko Argüello il dottorato honoris causa in Sacra Teologia del Matrimonio e Famiglia per la "piena valorizzazione della famiglia come soggetto ecclesiale e sociale, in piena consonanza con l'ideologia di Giovanni Paolo II".

Con questo riconoscimento, l'Istituto, fondato da Papa Giovanni Paolo II, riconosce il contributo teologico e pastorale del Cammino Neocatecumenale nell'opera di difesa della famiglia, attaccata oggi da una cultura "antifamiliare".

Note
  1. Statuto del Cammino neocatecumenale, Capitolo I: Elementi fondamentali del Neocatecumenato, Articolo 5: Destinatari, § 1.
  2. 2,0 2,1 Cfr. Il Cammino neocatecumenale. Intervista a Kiko, di Luc Baresta, tratta da France Catholique, datata 22/02/2004, riportata sul sito Catechumenium
  3. Cfr. Il Cammino neocatecumenale. Intervista a Kiko tratta da France Catholique, datata 22/02/2004, riportata sul sito Camino Neocatecumenal.
  4. Cfr. Kiko Argüello: "La fede è incontro", tratto da Zenit, agenzia cattolica di informazione internazionale.
  5. Cfr. Testimonianza di Kiko Argüello, tratta dal sito Camino Neocatecumenal.
  6. Cfr. J.P.Sartre, l'anti-teista senza speranza, per un resoconto della posizione del Cammino neocatecumenale rispetto alla filosofia del pensatore francese.
  7. Enrico Zoffoli, uno dei più tenaci oppositori del Cammino neocatecumenale verso la fine degli anni Ottanta, accusava questo movimento di essere eccessivamente influenzato dalla filosofia di Sartre. Cfr. Lettera di p. Enrico Zoffoli ai vescovi di alcune principali diocesi d' Italia su geocities.com (archiviato).
  8. Cfr. El sermón de Kiko Argüello, articolo di El Pais che contiene anche un breve resoconto della storia del movimento.
  9. Cfr. KIKO "PINTARA" LA BODA, articolo di El Mundo che contiene anche un breve resoconto della storia del movimento.
  10. Il termine indica una categoria sociale di emarginati che viveva nella baraccopoli, aveva fama di vivere di piccoli furti, ed era generalmente considerata assimilabile ai gruppi di etnia gitana. Cfr. anche:
  11. Dal sito di Propaganda Fide.
  12. Cfr. intervento di Carmen Hernández del 28 giugno 2002] alla consegna dello Statuto del Cammino neocatecumenale:
    « Allora, in quel bar di Palomeras Altas io guardavo Kiko così, perché venivo da grandi sofferenze e lui mi sembrava un giovanotto in pieno cursillismo ... e mi dice che aveva avuto una visione della Madonna che gli aveva detto di fare comunità come la Sacra Famiglia di Nazaret»
  13. Cfr. Kiko, Dossetti e "le ironie della sorte" (Catechumenium.it)), articolo sul ruolo che mons. Dino Torreggiani ebbe nell'ispirazione dei fondatori del Cammino.
  14. Intervento di Kiko Argüello al Meeting per l'amicizia fra i popoli, Rimini, 22 agosto 1996.
  15. Intervento di Kiko Argüello all'assemblea plenaria della Congregazione per l'Evangelizzazione dei Popoli
  16. Cfr. Statuto del Cammino neocatecumenale, rispettivamente titolo II e titolo IV. L'utilizzo del termine catecumenato indica la preparazione al battesimo per un adulto non battezzato, mentre con catecumenato post-battesimale il Catechismo della Chiesa cattolica (al n. 1231) identifica «l'ambito proprio del catechismo».
  17. La Congregazione aveva infatti pubblicato il 6 gennaio 1972 l'Ordo Initiationis Christianae Adultorum, più conosciuto con la sua sigla latina OICA o italiana RICA, per l'amministrazione del sacramento del battesimo agli adulti. L'iniziazione cristiana degli adulti era caduta in disuso poiché fino a tempi recenti il battesimo veniva amministrato ai bambini nella primissima infanzia.
  18. Cfr. Giuseppe Gennarini, in Statuto - Commenti giuridici ed ecclesiali allo Statuto, pag. 103: "...Rimasero impressionati nel vedere che ciò che stavano elaborando da alcuni anni sul catecumenato per gli adulti, lo Spirito Santo, partendo dai poveri, lo stava già mettendo in opera". Cfr. Annibale Bugnini, in La Riforma Liturgica, pag. 579, nota 26: "Un gruppo seriamente impegnato, quello delle comunità neocatecumenali aveva già iniziato a impostare una formazione cristiana dei battezzati... Il merito di questo gruppo sta nell'aver capito l'importanza dello spirito del catecumenato per formare cristiani veri".
  19. Cfr. Notitiae, n. 95-96, luglio-agosto 1974, pp. 229-230
  20. Mario Pezzi è un ex-comboniano che aderì al Cammino nel 1970. Dal 1992, allontanatosi dalla Congregazione dei Comboniani per poter continuare a seguire il Cammino, è incardinato nella diocesi di Roma.
  21. Cfr. art. 35 dello Statuto. L'elenco dei membri del collegio elettivo è depositato presso il Pontificio Consiglio per i Laici, ed è aggiornato ogni cinque anni a causa dei membri che per morte, rinuncia o motivi gravi abbiano cessato di farne parte.
  22. Discorso di papa Benedetto XVI nell'udienza concessa alle famiglie neocatecumenali in partenza per la missione (12 gennaio 2006).
  23. Cfr. art. 34 dello Statuto
  24. Cfr. Statuto del Cammino neocatecumenale, art. 4 § 1. La raccolta delle offerte delle 17.500 comunità del Cammino va alla Fondazione "Famiglia di Nazaret" per l'evangelizzazione itinerante, con sede a Roma, ed a cui è intestata la Domus Galilaeae. Lo stesso Statuto prevede che il Vescovo diocesano, su richiesta dell'Équipe Responsabile internazionale del Cammino, possa «erigere una fondazione autonoma diocesana, con personalità giuridica, regolata da statuti propri, che sarà riconosciuta anche in sede civile» per sostenere altre attività del Cammino.
  25. Una rassegna di interventi di Paolo VI e Giovanni Paolo II tra il 1974 ed il 2000 è presente sul sito ufficiale del Cammino.
  26. Notitiae 01/08/1974
  27. Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti, Notificazione della Sacra Congregazione per il Culto Divino sulle celebrazioni nei gruppi del Cammino neocatecumenale, 19/12/1988. Un estratto è disponibile sul sito dei neocatecumenali di Pescara.
  28. Lettera "Ogniqualvolta" di papa Giovanni Paolo II a mons. Paul Josef Cordes (30 agosto 1990).
  29. Paul Josef Cordes, vicepresidente del Pontificio Consiglio per i Laici dal 1980 al 1995, fu incaricato personalmente da Giovanni Paolo II di seguire il Cammino neocatecumenale.
  30. in Acta Apostolicae Sedis, 82/1990, 1513-1515, con una nota redazionale che precisava che «l'intento del Santo Padre, nel riconoscere il Cammino neocatecumenale come valido itinerario di formazione cattolica, non è quello di dare indicazioni vincolanti agli ordinari del luogo, ma soltanto di incoraggiarli a considerare con attenzione le comunità neocatecumenali, lasciando tuttavia al giudizio degli stessi ordinari di agire secondo le esigenze pastorali delle singole diocesi».
  31. Discorso di Giovanni Paolo II a catechisti e presbiteri del Cammino neocatecumenale, Sabato, 21 settembre 2002.
  32. Decreto di approvazione definitiva degli Statuti del Cammino neocatecumenale, dal sito Zenit.
  33. Discorso del Santo Padre Benedetto XVI in occasione dell'incontro con i membri del Cammino neocatecumenale della diocesi di Roma, Basilica Vaticana, Sabato 10 gennaio 2009.
  34. Il Papa ringrazia per l'opera evangelizzatrice del Cammino neocatecumenale
  35. Discorso di Giovanni Paolo II agli aderenti al Cammino neocatecumenale (24 gennaio 1997)
  36. Discorso di Giovanni Paolo II agli iniziatori, catechisti e presbiteri del Cammino neocatecumenale, 21 settembre 2002
  37. Cammino neocatecumenale: storia, struttura, tappe
  38. L'intervento di Kiko Argüello alla consegna dello Statuto del Cammino neocatecumenale
  39. Decreto di approvazione ad experimentum del Cammino neocatecumenale.
  40. Cfr. Omelia del 29 giugno 2002, Angelus del 30 giugno 2002, Udienza generale del 3 luglio 2002, Angelus del 7 luglio 2002.
  41. Cfr. intervento di Kiko Argüello alla consegna dello Statuto del Cammino neocatecumenale (29 giugno 2002). Nello stesso intervento Kiko riafferma che «con questo Statuto il Papa con coraggio offre ai vescovi ed alle conferenze episcopali un modo di iniziazione e di catecumenato postbattesimale».
  42. Cfr. discorso di Giovanni Paolo II agli iniziatori, catechisti e presbiteri del Cammino neocatecumenale (21 settembre 2002).
  43. Cfr. articoli 2, 9, 11, 16, 19, 28 e 29 dello Statuto del Cammino neocatecumenale. Ciononostante sulla stampa anche cattolica è stato talvolta detto erroneamente che era stato approvato anche il Direttorio Catechetico; per esempio da Saverio Gaeta, caporedattore di Famiglia Cristiana: «insieme con lo Statuto viene di fatto ratificato il testo degli "Orientamenti alle èquipe di catechisti", che rappresenteranno le linee guida della catechesi neocatecumenale» (in Famiglia Cristiana, anno LXXII, n. 27, 7 luglio 2002, pag. 14). La consegna dei testi degli Orientamenti alle Congregazioni vaticane cominciò nel 1977.
  44. http://www.camminoneocatecumenale.it/it/Statuto%20del%20Cammino%20Neocatecumenale%2013-6-2008.pdf
  45. http://www.cardinalrating.com/cardinal_224__article_7143.htm
  46. http://papaboys.wordpress.com/2008/06/14/consegnato-questa-mattina-dal-cardinale-rylko-il-decreto-di-approvazione-definitiva-dello-statuto-del-cammino-neocatecumenale
  47. Le prime accuse di eresia vennero già alla fine degli anni settanta da parte di alcuni sacerdoti canadesi, legati però non alla Chiesa cattolica ma ad alcune frange scismatiche del mondo tradizionalista.
  48. Alcuni punti "contestati": Prima dell'approvazione definitiva degli Statuti la Comunione veniva ricevuta da seduti; gli Statuti definitivi recitano al riguardo: "Per quanto concerne la distribuzione della Santa Comunione sotto le due specie, i neocatecumeni la ricevono in piedi, restando al proprio posto" (art. 13, § 3).
  49. In L'Osservatore Romano, 11 febbraio 1983, pag. 1 e 2.
  50. Cfr. intervento di Kiko Argüello al convegno a Rocca di Papa il 31 maggio 2006.
  51. Secondo Kiko Argüello, il Cammino sarebbe stato ispirato dalla Vergine Maria; numerose sono le icone raffiguranti la Vergine prodotte dal pittore spagnolo e numerosissimi i canti ad essa dedicati.
  52. Nel 2006, l'iniziatore del Cammino, Kiko Argüello, affermava come le istituzioni gerarchiche fatichino ad accettare l'autonomia dei movimenti laici e la necessità della loro presenza nella Chiesa. Presentando il Cammino neocatecumenale in occasione dell'incontro di Papa Benedetto XVI con i movimenti ecclesiali e le nuove comunità del 3 giugno 2006, Kiko infatti osservava: «ma quanto è difficile, Santo Padre, che le istituzioni capiscano che hanno necessità dei carismi!» (cfr. anche Commento all'intervento di Kiko Argüello).
  53. Esistono tuttavia numerose pubblicazioni, testimonianze e prese di posizione anche da parte di laici relative ai primi tre punti (cfr. collegamenti esterni a siti critici ed ex-neocatecumenali).
  54. Il movimento neocatecumenale. Esposizione e giudizio di mons. P. C. Landucci, in Sì sì no no, 31 gennaio 1983, testo riportato e introdotto nel sito di Gino Conti su geocities.com (archiviato) (pagina che erroneamente indica le iniziali di Landucci in "G.C." anziché "P.C.").
  55. Zoffoli è stato però invitato a non esprimersi a nome della Chiesa con i suoi scritti. Nel 1995 il cardinale Camillo Ruini, Vicario di Roma e presidente della Conferenza Episcopale Italiana, ricevendo un libro di Zoffoli sui neocatecumenali, rispose infatti invitandolo «fermamente a non sostituirsi agli Organi competenti e a non emettere, sia pure con buone intenzioni, giudizi personali e prematuri su temi che riguardano l'ortodossia di realtà ecclesiali, o addirittura del Santo Padre» (Vicariato di Roma - Prot. N. 385/95, 8 aprile 1995).
  56. Enrico Zoffoli, Dizionario del Cristianesimo, edizioni Segno, 1992, pag. 338.
  57. Oltre a quelli citati, altri vescovi e cardinali hanno espresso perplessità e critiche, fra i quali i vescovi Lorenzo Bellomi (Trieste, 1 marzo 1989, testo riportato qui su geocities.com (archiviato)), Arduino Bertoldo (Foligno, 1-8-1995; Lettera ai parroci, ai presbiteri e ai catechisti delle comunità neocatecumenali della diocesi su geocities.com (archiviato)), Pietro Nonis (Vicenza, 18-12-1996; Lettera "Centralità della parrocchia" su geocities.com (archiviato)), Benito Cocchi (Modena, 2002), Giulio Sanguineti (Brescia, 25-12-2003), e i cardinali Giovanni Saldarini (Torino, 17-5-1995; Lettera sui neocatecumenali su geocities.com (RTF) (archiviato)), Giacomo Biffi (Bologna, 31-3-1996), Carlo Maria Martini (Milano, 29-10-1999), Ersilio Tonini (5-6-2006), e le Conferenze Episcopali dell'Umbria (2-3-1986), della Puglia (1-12-1996; Nota pastorale sul Cammino neocatecumenale su geocities.com (archiviato)) e della Basilicata (1-3-1998).
  58. Bruno Foresti, Comunicazione al consiglio presbiterale, IX assemblea, pubblicato nella Rivista della diocesi di Brescia, 1/1987; il testo è riportato qui su geocities.com (archiviato). Nello stesso testo Foresti ricorda che nei Capitoli Generali di alcune congregazioni religiose (fra cui i Padri Comboniani) si dichiarava l'incompatibilità dell'appartenenza ai loro istituti con l'appartenenza alle comunità neocatecumenali.
  59. Silvano Piovanelli, lettera Sul Cammino neocatecumenale su geocities.com (archiviato), Firenze, 25 marzo 1995, pubblicata in Il Regno - Documenti, 15/1995, pagg. 491-493.
  60. Salvatore Pappalardo, Cammino neocatecumenale, diocesi e parrocchia su geocities.com (archiviato), in il Regno, n. 9/1996.
  61. Cfr. Adista n. 67/1996 e Jesus del gennaio 1997.
  62. Cfr. anche seminari "Redemptoris Mater".
  63. (EN) Testo del decreto di mons. Mervyn Alban Alexander, vescovo of Clifton (gennaio 1997).
  64. Lettera al Cammino neocatecumenale su geocities.com (archiviato) di mons.
  65. Decreto 21 gennaio 2009 su internetica.it
  66. Per gli abusi liturgici del Cammmino Neocatecumenale si veda il capitolo V e l'appendice del libro di Giovanni Apostoli L'Encicliclica Ecclesia de Eucharistia e la catechesi di Kiko Argüello e Carmen Hérnandez a confronto scaricabile gratuitamente.
  67. Peraltro non è provato che in quelle specifiche celebrazioni siano presenti almeno i maggiori abusi liturgici contestati ai neocatecumenali (per esempio sul modo di ricevere la Comunione). Una Notificazione della Congregazione per il Culto Divino sulle celebrazioni nei gruppi del Cammino neocatecumenale del 19 dicembre 1988 aveva infatti concesso soltanto un indulto sul momento dello scambio della pace e la Comunione sotto le due specie ma «sempre con pane azimo» (secondo quanto già previsto dal Messale Romano), ribadendo che le Messe dei gruppi, nelle forme approvate dal documento Eucharisticum Mysterium del 25 maggio 1967, avvengano sempre informando «abitualmente» e «ad casum» l'Ordinario del luogo, senza la cui autorizzazione non possono essere celebrate.
  68. Giovanni Paolo II, in L'Osservatore Romano, 11 febbraio 1983, sopra citato.
  69. Lettera a Kiko Argüello, Carmen Hernández e padre Mario Pezzi del cardinale Francis Arinze (1 dicembre 2005). Il primo commento apparso sulla stampa è di Andrea Tornielli, "La Messa è una sola: adeguatevi", su Il Giornale del 22 dicembre 2005.
  70. Questa raccomandazione compare sia in apertura che in conclusione della lettera.
  71. Cfr. "Spiegazione della lettera passo per passo".
  72. Intervista a Giuseppe Gennarini sulla lettera di Arinze del 1 dicembre 2005.
  73. Tali incontri sono avvenuti l'11 novembre (con la Congregazione) ed il 19 novembre 2005 (udienza privata dal Papa).
  74. Lettera a papa Benedetto XVI di Kiko Argüello, Carmen Hernández e padre Mario Pezzi (17 gennaio 2006).
  75. Nel testo della lettera di Arinze con le "decisioni del Santo Padre" il termine utilizzato è «non più di due anni» («si dà al Cammino... un tempo di transizione (non più di due anni)»); nel testo della lettera di Argüello, Hernández e Pezzi il termine utilizzato è invece «i due anni» («...ringraziarLa per la benevolenza... nel confermare lo spostamento del gesto della pace e i due anni per adeguare il modo...»).
  76. Cfr. anche "Cronologia delle reazioni alla lettera del cardinale Arinze".
  77. Catechesi di Kiko per la Quaresima 2006. Nel testo Kiko afferma inoltre di aver ottenuto le cinque variazioni alla liturgia che non aveva fatto in tempo ad ottenere da Giovanni Paolo II, e che sarebbe stata «la stampa» a non capire, presentando la lettera come una «bastonata» al Cammino. Quanto al modo della distribuzione della Comunione, Kiko conferma l'interpretazione che aveva fornito nella lettera del 17 gennaio 2006: «...e per la Comunione ci dà due anni». Quando Kiko parla di celebrazione "la domenica", intende la Messa "domenicale" celebrata il sabato in tarda serata dalle comunità neocatecumenali. «Anche se il sabato sera appartiene già alla Domenica (Primi Vespri) ed è permesso di compiere il precetto domenicale con la Messa prefestiva, è necessario rammentare che è il giorno della Domenica in se stesso che merita di essere santificato perché non sia "vuoto di Dio"» (bollettino della XI Assemblea del sinodo dei Vescovi).
  78. Nel 2008 il Cammino neocatecumenale festeggerà il suo quarantennale, invitando papa Benedetto XVI. Secondo le tradizioni neocatecumenali, le Messe del Cammino di "ogni domenica" sono le liturgie celebrate il sabato in tarda serata.
  79. La tela del ragno di Augusto Faustini su geocities.com (archiviato)
  80. Testimonianza di fuorisciuti
  81. cfr. Adista ('agenzia di stampa internazionale) n. 27 del 5 aprile 2003, " Passati per il Cammino. Intervista a una coppia di ex neocatecumenali su geocities.com (archiviato)". Cfr. anche Adista n. 59 del 4 settembre 2004, " Il movimento neo-catecumenale predica l'odio in famiglia. Una lettera a Lopez Trujillo su geocities.com (archiviato)".
  82. Testimonianza di un'esperienza indiretta, del Sig. Augusto Faustini
  83. 83,0 83,1 Testi degli Orientamenti per le Equipe dei Catechisti su geocities.com (archiviato), dal sito Alterinfo su geocities.com (archiviato)
  84. [http://www.internetica.it/neocatecumenali/testimonianze-ex.html Testimonianze di ex
  85. I meccanismi psicologici del condizionamento mentale all'interno delle comunità neocatecumenali su geocities.com (archiviato)
  86. In una catechesi a Perugia del 27 settembre 2006, Kiko Argüello ha raccontato di «aver chiesto famiglie che si offrano al Signore e alla Chiesa per la nuova evangelizzazione (..) per andare ad evangelizzare il mondo. Si sono alzate 1.500 famiglie! Le abbiamo contate dopo (..) 1.500 famiglie!»
  87. In questo caso il termine Israele vuole indicare simbolicamente l'intero Cammino neocatecumenale o la Chiesa, non lo stato di Israele.
  88. Cfr. Il caso del genocidio in Ruanda.
  89. Benedetto XVI invia in missione duecento famiglie di comunità neocatecumenali (12-Gen-2006).
  90. From the bottom of our hearts...: letter by Kiko Argüello, Carmen Hernández, father Mario Pezzi to pope Benedict XVI (17-Jan-2006).
  91. Incontro con i parroci e il clero della Diocesi di Roma: Discorso di Sua Santità Benedetto XVI;
  92. Fratelli e Sorelle del Cammino neocatecumenale, 1. La pace e l'amore di Nostro [[Signore] Gesù Cristo siano sempre con voi. Noi, Ordinari Cattolici di Terra Santa, vi rivolgiamo questa lettera all'inizio della Quaresima, nel quadro del Piano Pastorale comune per quest'anno, che ha come tema la catechesi e l'educazione religiosa nella parrocchia. Fratelli e sorelle del Cammino, siete benvenuti nelle nostre Diocesi. Ringraziamo Dio per la grazia che il Signore vi ha data e per il carisma che il Santo Spirito ha effuso nella Chiesa tramite il vostro ministero della formazione post-battesimale. Siamo riconoscenti per la vostra presenza in alcune delle nostre parrocchie, per la predicazione della Parola di Dio, per l'aiuto offerto ai nostri fedeli nell'approfondimento della loro fede e nel radicarsi nella loro propria chiesa locale, in "una sintesi di predicazione kerygmatica, cambiamento di vita e liturgia" (Statuti, Art 8). In seguito alla Lettera che il Papa Benedetto XVI vi ha indirizzato il 12.1.2006, e a quella della Congregazione del Culto Divino del 1.12.2005, vi domandiamo di prendere posto nel cuore della parrocchia nella quale annunciate la Parola di Dio, evitando di fare un gruppo a parte. Vorremmo che poteste dire con S. Paolo: "Mi sono fatto servo di tutti per guadagnarne il maggior numero" (I Cor 9, 19). Il principio al quale dobbiamo tutti insieme restare fedeli e informare la nostra azione pastorale dovrebbe essere "una parrocchia e una Eucaristia". Il vostro primo dovere perciò, se volete aiutare i fedeli a crescere nella fede, è di radicarli nelle parrocchie e nelle proprie tradizioni liturgiche nelle quali sono cresciuti da generazioni. In Oriente, noi teniamo molto alla nostra liturgia e alle nostre tradizioni. È la liturgia che ha molto contributo a conservare la fede cristiana nei nostri paesi lungo la storia. Il rito è come una carta d'identità e non solo un modo tra altri di pregare. Vi preghiamo di aver la carità di capire e rispettare l'attaccamento dei nostri fedeli alle proprie liturgie. 2. L'Eucaristia è il sacramento di unità nella parrocchia e non di frazionamento. Chiediamo pertanto che le celebrazioni Eucaristiche, in tutti i riti orientali, nonché nel rito latino, siano sempre presiedute dal parroco, o, nel caso del rito latino, in pieno accordo con lui. Celebrate l'Eucaristia con la parrocchia e secondo il modo della Chiesa locale. "Là dove c'è il vescovo, lì c'è la Chiesa", ha scritto Sant'Ignazio di Antiochia. Insegnate ai fedeli l'amore per le loro tradizioni liturgiche e mettete il vostro carisma al servizio dell'unità. 3. Vi chiediamo inoltre di mettervi seriamente allo studio della lingua e della cultura della gente, in segno di rispetto per loro e quale strumento di comprensione della loro anima e della loro storia, nel contesto della Terra Santa: pluralismo religioso, culturale e nazionale. Inoltre, nei nostri Paesi, Palestina, Israele, Giordania, tutti sono alla ricerca della pace e della giustizia, una ricerca che fa parte integrante della nostra vita di cristiani. Ogni predicazione dovrebbe guidare i nostri fedeli negli atteggiamenti concreti da assumere nel diversi contesti della vita e nella stessa situazione di conflitto che continua in Palestina: atteggiamento di perdono e di amore per il nemico, da un lato, e dall'altro, esigenza dei propri diritti: specialmente la dignità, la libertà e la giustizia. Vi chiediamo di predicare un Vangelo incarnato nella vita, un Vangelo che illumini tutti gli aspetti della vita e radichi i fedeli in Gesù Cristo Risorto e in tutto il loro ambiente umano, culturale e ecclesiale. Domandiamo a Dio di colmare i vostri cuori della sua forza e del suo amore, e di darvi la grazia affinché possiate colmare i cuori dei fedeli del suo amore e della sua forza. Gerusalemme, 25 febbraio 2007 † Michel Sabbah, Patriarca Latino di Gerusalemme
    † Elias Shakour, Arcivescovo Greco Melchita Cattolico di Acri, Haifa, Nazaret e di tutta la Galilea
    † George El-Murr, Arcivescovo Greco Melchita Cattolico di Filadelfia, Petra e della Giordania
    † Paul Sayyah, Arcivescovo Maronita di Haifa e della Terra Santa ed Esarca Patriarcale Maronita di Gerusalemme, dei Territori Palestinesi e della Giordania
    † Fouad Twal, Vescovo Coadiutore Latino, Gerusalemme
    † Kamal Bathish, Vescovo Ausiliare Latino, Gerusalemme
    † Selim Sayegh, Vicario Patriarcale Latino per la Giordania
    † Giacinto-Boulos Marcuzzo, Vicario Patriarcale Latino per Israele
    † Pierre Melki, Esarca Patriarcale Siro-Cattolico di Gerusalemme, di Terra Santa e della Giordania
    † George Bakar, Esarca Patriarcale Greco Melchita Cattolico di Gerusalemme.
    Rafael Minassian, Esarca Patriarcale Armeno Cattolico di Gerusalemme, di Terra Santa e di Giordania
    La fonte è estratta integralmente da Accoglienza e indicazioni dei Vescovi cattolici di Terra Santa al Cammino neocatecumenale (27-02-2007)
  93. Melkite Leader Invites Neocatechumenal Way. Zenit News Agency
Bibliografia
Testi delle catechesi del Cammino

La diffusione dei ciclostilati delle catechesi di Kiko e Carmen è stata per anni riservata ai soli catechisti del Cammino (Cfr. Gino Conti, Un segreto svelato. Note di commento al testo "Orientamenti alle èquipes di catechisti per la fase di conversione", edizioni Segno, 1997, p. 14). Alcuni testi in italiano sono reperibili sul sito critico di Gino Conti su geocities.com (archiviato). Tra i testi:

  • Orientamenti alle Équipes di Catechisti per la fase di conversione, edizione ciclostilata del Centro Neocatecumenale «Servo di Jahvè in san Salvatore», p.za S. Salvatore in Campo, Roma, 1982 (il testo originale è del febbraio 1972), 373 pagine
  • Orientamenti alle Équipes di Catechisti per lo «shemà» (appunti presi dai nastri degli "shemà" fatti da Kiko e Carmen ad alcune Comunità di Roma e Madrid nel 1974, pp. 110)
  • Orientamenti alle Équipes di Catechisti per la Convivenza della Rinnovazione del primo Scrutinio battesimale (appunti tratti dalle catechesi di Kiko e Carmen a Madrid nel 1972, con aggiunte del 1986, pp. 192)
Testi favorevoli
  • Ezechiele Pasotti (a cura di), Il Cammino neocatecumenale secondo Paolo VI e Giovanni Paolo II, edizioni Paoline, 1993
  • Piergiovanni Devoto, Il neocatecumenato. Un'iniziazione cristiana per adulti, editore Chirico, Napoli, 1994
  • Blázquez Pérez Ricardo, La Nuova Evangelizzazione, editore Grafitalica, 2000
  • Blázquez Pérez Ricardo, Guai a me se non annunciassi il vangelo. Iniziazione cristiana e nuova evangelizzazione, edizioni Grafite (collana "Biblioteca Neocatecumenale"), 1997
Testi critici
  • Enrico Zoffoli, I neocatecumenali - chi sono - quale il loro "credo" - cosa pensarne, edizioni Segno, Udine, 1990
  • Enrico Zoffoli, Magistero del Papa e catechesi di Kiko. Confronto a proposito del «Cammino neocatecumenale», edizioni Segno, Udine, 1992
  • Enrico Zoffoli, Eresie del Cammino neocatecumenale, edizioni Segno, Udine, 1992
  • Enrico Zoffoli, Catechesi neocatecumenale e ortodossia del Papa, edizioni Segno, Udine, 1992 (ristampato con approvazione ecclesiastica datata 28 febbraio 1995)
  • Enrico Zoffoli, Verità del Cammino neocatecumenale, edizioni Segno, Udine, 1996
  • Gino Conti, Neocatecumenali al bivio. Sussidio per una scelta (fra Catechismo della Chiesa cattolica e catechismo di Kiko Argüello), edizioni Segno, Udine, 1996
  • Gino Conti, Un segreto svelato. Note di commento al testo "Orientamenti alle equipes di catechisti per la fase di conversione", edizioni Segno, Udine, 1997
  • Elio Marighetto, I segreti del Cammino neocatecumenale, edizioni Segno, Udine, 2001
Voci correlate
Collegamenti esterni
Siti non ufficiali
Siti critici

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.