Beata Mariam Thresia Chiramel Mankidyan

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Beata Mariam Thresia Chiramel Mankidiyan, C.H.F.
Religiosa
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo Thresia
Beata
{{{note}}}

MANKIDIY.JPG

{{{didascalia}}}
{{{motto}}}
Titolo
{{{titolo}}}
Età alla morte 50 anni
Nascita Puthenchira
26 aprile 1876
Morte Kuzhikkattusseny
8 giugno 1926
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[]]
Professione religiosa 1914
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale [[{{{aO}}}]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi

Iter verso la canonizzazione

Venerata da Chiesa cattolica
Venerabile il 28 giugno 1999, da Giovanni Paolo II
Beatificazione 9 aprile 2000, da Giovanni Paolo II
Canonizzazione [[]]
Ricorrenza 8 giugno
Altre ricorrenze
Santuario principale
Attributi
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrona di
Collegamenti esterni
Scheda su santiebeati.it
Tutti-i-santi.jpgNel Martirologio Romano, 8 giugno, n. 10:
« Nel villaggio di Kuzhikkattussery nello Stato del Kerala in India, beata Maria Teresa Chiramel Mankidiyan, vergine, che, insigne per la vita eremitica e l'austerità delle sue penitenze, cercò Cristo nei più poveri e nei più emarginati e fondò la Congregazione delle Suore della Sacra Famiglia. »
(Santo di venerazione particolare o locale)

Beata Mariam Thresia Chiramel Mankidiyan, al secolo Thresia (Puthenchira, 26 aprile 1876; † Kuzhikkattusseny, 8 giugno 1926) è stata una religiosa e mistica indiana, fondatrice della congregazione delle Suore della Sacra Famiglia.

Vita

Infanzia e vocazione

Terza dei cinque figli di Thoma e Thanda Chiramel Mankidiyan, proveniva da una famiglia un tempo fu nobile ma decaduta. Fu battezzata il 3 marzo con il nome di Thresia. Sotto l’amorevole guida di sua madre, crebbe in pietà e santità.

Ancora molto giovane, come scrisse nell'autobiografia (breve scritto di sei pagine, redatto per obbedienza al padre spirituale), provò un intenso desiderio di amare Dio. Per tale scopo digiunava quattro volte la settimana e recitava il rosario mariano diverse volte al giorno.

Quando Thresia aveva dodici anni, morì sua madre, e con la sua morte cessò anche l'educazione scolastica della figlia. La fanciulla che cercava una vita nascosta, di preghiera, decise nel 1891 di fuggire di casa per condurre vita eremitica di preghiera e penitenza isolandosi nella foresta, ma il suo progetto, troppo difficile, fallì. Continuò a frequentare la chiesa parrocchiale con tre compagne, dandosi da fare per conservarla pulita e per decorare l'altare. Nel suo amore per Gesù voleva imitarlo nello zelo e nell'apostolato, aiutando i poveri, curando i malati, visitando e confortando le persone sole della parrocchia.

Il cammino mistico

Le sue pratiche penitenziali e ascetiche ricordavano il rigore estremo degli antichi monaci ed eremiti. Ricevette molti doni mistici come la profezia, la guarigione, l'aureola, il profumo. Come Santa Teresa d'Avila ebbe frequenti estasi e levitazioni. Il venerdì la gente si radunava per vedere Mariam Thresia sollevata da terra e appesa alla parete come un crocifisso; ebbe anche il dono delle stimmate, che teneva nascoste scrupolosamente.

Questi favori mistici, come spesso accade per queste persone straordinarie, furono accompagnate da frequenti vessazioni da parte della Chiesa e da attacchi diabolici. Fu sottomessa a frequenti esorcismi tra il 1902 e il 1905 dal parroco don Joseph Vithayathil, su ordine del Vescovo, accolti da Thresia con umiltà esemplare.

Dal 1902, fino alla morte, ebbe il suo curato come direttore spirituale. Gli aprì il cuore con fiducia seguendone il consiglio e obbedendogli ciecamente. Esistono 55 sue lettere; 53 furono scritte a lui per averne direzione e guida spirituale.

La fondazione della congregazione

Nel 1903 Mariam Thresia richiese al Vescovo il permesso di costruire una casa di ritiro e di preghiera, ma Mar John Menachery, vicario apostolico di Trichur, le suggerì di entrare nella Congregazione delle Clarisse Francescane, di recente introduzione nel Kerala, ma lei non sentiva che questa fosse la sua vocazione.

Nel 1912, sempre su consiglio del vicario, fu accolta in un convento di suore Carmelitane a Ollur. Sebbene accolta con gioia nella loro Congregazione, lei non si sentiva di farsi suora con loro.

Finalmente, nel 1913, Mar Menachery permise la costruzione di una casa di preghiera e mandò il suo segretario a benedirla. Thresia vi si trasferì, e le sue tre compagne la raggiunsero presto.

Il vescovo capì che era l'inizio di una nuova congregazione religiosa per il servizio della famiglia. Il 14 maggio 1914 la eresse canonicamente, chiamandola Congregazione della Sacra Famiglia sigla C.H.F. e ricevendo la professione perpetua di Mariam Thresia. Le sue tre compagne furono ammesse come postulanti nella nuova Congregazione, mentre lei fu costituita prima superiora e Padre Joseph Vithayathil come cappellano. Non avendo costituzioni scritte il vescovo stesso si procurò le Costituzioni delle Suore della Sacra Famiglia di Bordeaux presenti sull'isola di Ceylon, le adattò e la diede alla fondatrice che ne introdusse la stretta osservanza nella sua comunità.

Durante e dopo i difficili anni della prima guerra mondiale, con indomita energia e totale fiducia nella divina Provvidenza, la congregazione crebbe dando vita, in meno di dodici anni, a tre nuovi conventi, due scuole, due convitti, una casa di studio, e un orfanotrofio.

La morte

Madre Mariam Thresia morì l'8 giugno del 1926 in seguito ad una ferita provocata da un oggetto cadutole sulla gamba. La ferita non guariva a causa del diabete. Dopo la morte la fama di santità si sparse rapidamente per il fatto che dal cielo ella continuava a soccorrere i malati e i poveri con favori miracolosi.

Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.