Chiesa di Sant'Emerenziana (Roma)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
1leftarrow.png Voce principale: Chiese di Roma.
Chiesa di Sant'Emerenziana
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO
Q17 Trieste - Chiesa di Santa Emerenziana 4.JPG
Roma, Chiesa di Sant'Emerenziana (1940 - 1942)
Altre denominazioni
Stato bandiera Italia
Regione bandiera Lazio


Regione ecclesiastica Lazio

Provincia Roma
Comune Stemma Roma
Località
Diocesi Roma
Vicariatus Urbis
Religione Cattolica
Indirizzo Via Lucrino, 53
00199 Roma (RM)
Telefono +39 06 86218048
Fax +39 06 86218048
Posta elettronica SantEmerenziana@diocesidiroma.it
Sito web

Sito ufficiale

Sito web 2
Proprietà Pontificia Opera per la Preservazione della Fede e la Provvista di nuove Chiese in Roma
Oggetto tipo Chiesa
Oggetto qualificazione parrocchiale
Dedicazione Sant'Emerenziana
Vescovo
Fondatore cardinale Francesco Marchetti Selvaggiani
Data fondazione
Architetti

Tullio Rossi
Francesco Fornari

Stile architettonico Neoromanico
Inizio della costruzione 1940
Completamento 1942
Distruzione
Soppressione
Ripristino {{{Ripristino}}}
Scomparsa {{{Scomparsa}}}
Data di inaugurazione
Inaugurato da
Data di consacrazione 28 novembre 1942
Consacrato da
Titolo Sant'Emerenziana a Tor Fiorenza (titolo cardinalizio)
Strutture preesistenti
Pianta basilicale
Tecnica costruttiva
Materiali laterizio, travertino, marmi policromi
Data della scoperta {{{Data scoperta}}}
Nome scopritore {{{Nome scopritore}}}
Datazione scavi {{{Datazione scavi}}}
Scavi condotti da {{{Scavi condotti da}}}
Altezza Massima
Larghezza Massima 22 m
Lunghezza Massima 64 m
Profondità Massima
Diametro Massimo
Altezza Navata
Larghezza Navata
Altitudine {{{Altitudine}}}
Iscrizioni D.O.M. IN HONOREM S. EMERENTIANAE VIRGINIS ET MARTYRIS D.; MCMXXXXII
Marcatura Stemma di papa Pio XII
Utilizzazione
Note
Coordinate geografiche
41°55′44″N 12°30′57″E / 41.92899, 12.51573 bandiera Italia
Patrimonio UNESCO.png Patrimonio dell'umanità
{{{nome}}}
{{{nomeInglese}}}
[[Immagine:{{{immagine}}}|240px]]
Tipologia {{{tipologia}}}
Criterio {{{criterio}}}
Pericolo Bene non in pericolo
Anno [[{{{anno}}}]]
Scheda UNESCO
[[Immagine:{{{linkMappa}}}|300px]]
[[:Categoria:Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}|Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}]]

La Chiesa di Sant'Emerenziana è un edificio di culto di Roma, che si affaccia sull'omonima piazza, situata nel quartiere Trieste.

Storia

La chiesa venne costruita, tra il 1940 e il 1942, su progetto dell'architetto Tullio Rossi (1903 - 1995) e dell'ingegnere Francesco Fornari, per volere del papa Pio XII; fu consacrata solennemente il 28 novembre 1942.

La chiesa è sede parrocchiale, istituita il 25 novembre 1942 dal cardinale vicario Francesco Marchetti Selvaggiani (1871 - 1951) con il decreto Ad pastoralis officii e affidata al clero diocesano di Roma. Essa, inoltre, è sede del titolo cardinalizio di Sant'Emerenziana a Tor Fiorenza, istituito da papa Paolo VI il 5 marzo 1973: l'attuale titolare è il cardinale Jean-Pierre Kutwa.

Descrizione

Chiesa di Sant'Emerenziana (interno)

Esterno

La chiesa presenta una semplice facciata a capanna, in laterizi, aperta da i tre portali contigui, incorniciati da marmo travertino e sormontati da altrettante lunette decorate con mosaici raffiguranti:

Caratteristico è il grande arco che movimenta il prospetto frontale, entro la quale vi è il grande Stemma di Pio XII. Sull'architrave del portale centrale è posta l'iscrizione con l'anno di consacrazione:

« MCMXXXXII »

Una fascia orizzontale di travertino, che divide la facciata in due ordini, presenta l'iscrizione dedicatoria:

« D.O.M. IN HONOREM S. EMERENTIANAE VIRGINIS ET MARTYRIS D. »

Sul lato sinistro, s'innalza il campanile quadrangolare (h. 33 m) che sulla sommità presenta una cella campanaria aperta da una bifora (in alto) e da una monofora (in basso).

Interno

La chiesa, a pianta basilicale, è suddivisa in tre navate da pilastri, rivestiti di marmo cipollino e presenta sei cappelle laterali con altari in marmi policromi, mentre quello maggiore e la balaustra hanno decorazioni di marmo bianco, di porfido e di onice. La navata centrale, terminante in un'abside semicircolare, è coperta con volta a botte ribassata. Sopra le navate laterali s'impostano i matronei, sormontati da grandi finestre centinate.

All'interno, di notevole interesse storico-artistico:

« L'"Esaltazione della Chiesa", che dal basso verso l'alto, in una infinita tensione di volti e di mani protesi, s'incentra nel Cristo trasfigurato, che della Chiesa è origine, vita e compimento.
Nella parte basale, la Chiesa pellegrinante, dove l'artista ha identificato alcuni personaggi, che ebbero particolare incidenza nella sua vita personale o nella storia contemporanea: dal cardinale Traglia a Luther King.
Nella zona centrale ha inserito un gruppo di vescovi con il loro primo Fratello e Pastore universale, Paolo VI, che li guida verso la luce all'insegna del caratteristico pastorale. La figura del Cristo trionfante (oltre quattro metri d'altezza) domina al centro della grande Croce vivente con i suoi occhi d'ombra, le sue mani piagate di lavoratore, i suoi piedi di pellegrino infaticabile: essi poggiano sui simboli dei quattro Evangelisti. (...) Ai lati del Cristo, la Madonna in veste di Madre della Chiesa e la Santa Patrona Emerenziana, l'una e l'altra calamitate verso il Cristo, principio e termine di ogni santità, mentre al di sopra del Cristo un gioco astratto di primitivi astri e animali tessono intorno a lui, quasi un nuovo cantico delle creature»
Note
  1. Scheda dell'opera nel sito della parrocchia . URL consultato il 20.07.2019
Bibliografia
  • Claudio Rendina, Le Chiese di Roma. Storia e segreti, col. "Tradizioni italiane", Newton & Compton, Roma, 2017, p. 98, ISBN 9788854188358
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.