Sant'Agnese di Roma

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
(Reindirizzamento da Sant'Agnese)
Disambig-dark.svg
Nota di disambigua - Se stai cercando altre sante di nome Agnese, vedi Sant'Agnese (disambigua).
Sant'Agnese di Roma
Laica · Martire
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
Santa

Pisa Duomo A.Sarto S.Agnese 1524.jpg

Andrea del Sarto, Sant'Agnese di Roma (1524); Pisa, Duomo
{{{motto}}}
Titolo
{{{titolo}}}
Età alla morte 12-13 anni
Nascita Roma
III secolo fine
Morte Roma
21 gennaio 305 ca.
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale [[{{{aO}}}]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerata da Chiesa cattolica e tutte le altre chiese che ammettono il culto dei santi
Venerabile il [[]]
Beatificazione [[]]
Canonizzazione [[]]
Ricorrenza 21 gennaio
Altre ricorrenze
Santuario principale Basilica di Sant'Agnese fuori le Mura
Attributi Agnello, giglio, palma
Devozioni particolari Nel giorno della sua festa vengono benedetti dal Papa due agnelli la cui lana è usata per tessere il pallio degli arcivescovi
Patrona di Vergini, castità, fidanzate, giardinieri, ortolani e Ordine dei Trinitari
Collegamenti esterni
Scheda su santiebeati.it
Tutti-i-santi.jpgNel Martirologio Romano, 21 gennaio, n. 1:
« Memoria di sant'Agnese, vergine e martire, che, ancora fanciulla, diede a Roma la suprema testimonianza di fede e consacrò con il martirio la fama della sua castità; vinse, così, sia la sua tenera età che il tiranno, acquisendo una vastissima ammirazione presso le genti e ottenendo presso Dio una gloria ancor più grande; in questo giorno si celebra la deposizione del suo corpo. »

Sant'Agnese di Roma (Roma, III secolo fine; † Roma, 21 gennaio 305 ca.) è stata una laica e martire latina. Secondo la tradizione latina, fu una nobile fanciulla, appartenente alla gens Clodia martirizzata durante le persecuzioni di Diocleziano all'età di 12-13 anni..

Cenni biografici

Molto varie e talvolta contrastanti sono le notizie circa la sua vita e il suo martirio.

Secondo la tradizione più attestata, il figlio del Prefetto di Roma si era invaghito di Agnese senza essere ricambiato, per la qual cosa si era ammalato seriamente. Dopo il netto rifiuto da parte della fanciulla, il padre del giovane, saputo che Agnese aveva fatto voto di castità, le impose la clausura fra le vestali, con le quali avrebbe dovuto rendere il culto alla dea che proteggeva la città di Roma. Al rifiuto di Agnese, il prefetto l'avrebbe fatta rinchiudere in un postribolo. Qui però nessun cliente aveva osato toccarla, tranne un uomo che la tradizione religiosa vuole accecato da un angelo bianco, cui però successivamente, per intercessione della stessa Agnese, Dio rese la vista.

La tradizione agiografica racconta che Agnese, accusata di magia, fu a quel punto condannata al rogo, ma le fiamme si divisero sotto il suo corpo senza neppur lambirlo ed i suoi capelli crebbero tanto da coprire la sua nudità.

Dopo questo "miracolo" Agnese fu trafitta con colpo di spada alla gola, nel modo con cui si uccidevano gli agnelli. Per questo, nella iconografia tradizionale, compare spesso in compagnia di un agnello. Dopo la sua morte il suo corpo fu sepolto nella catacomba oggi conosciuta come Catacomba di Sant'Agnese.

Il culto di Sant'Agnese

Scrisse di lei Sant'Ambrogio nell'inno Agnes Beatae Virginis:

(LA) (IT)
« In morte vivebat pudor
vultumque texerat manu
terra genuflexu petit
lapsu verecundo cadens »
« La pudicizia viveva anche nella morte
si coprì il volto con la mano
cadde a terra in ginocchio
e fu vereconda anche nel cadere »
(Sant'Ambrogio )

e anche San Damaso ne esaltò l'esempio.

Il suo nome è inserito nel Canone romano. Nel Martirologio romano è riportato lo scritto di san Girolamo che di lei dice:

« Con gli scritti e con le lingue di tutte le genti, specialmente nelle chiese, fu lodata la vita di Agnese; la quale vinse e l'età e il tiranno e col martirio consacrò la gloria della castità. »
(San Girolamo)

Nel giorno della sua celebrazione, il 21 gennaio, la liturgia riporta questa antifona al Magnificat:

(LA) (IT)
« Stans beata Agnes in medio flammae, expansis manibus, orabat ad Dominum: Omnipotens, adorande, colende, tremende, benedico te et glorifico nomen tuum in aeternum » « Sant'Agnese, in piedi in mezzo al fuoco, aprendo le mani, pregava il Signore: Onnipotente, degno di adorazione, di lode e di timore, benedico te e glorifico il tuo nome in eterno »
(dal Magnificat )
Agnello benedetto dal Papa la cui lana è usata per tessere il pallio degli arcivescovi

Ad Agnese sono dedicati, a Roma, la Chiesa di Sant'Agnese in Agone, in piazza Navona, nel luogo del martirio e il complesso monumentale di Sant'Agnese fuori le mura, fatto erigere dalla principessa Costantina, figlia dell'imperatore Costantino I, sulle catacombe nelle quali fu sepolto il suo corpo. Qui, ogni anno il 21 gennaio, due agnelli allevati da religiose vengono benedetti e offerti al papa perché dalla loro lana siano tessuti i palli dei patriarchi e dei metropoliti del mondo cattolico.

Alessandro Algardi, Giovanni Buratti, Altare con rilievo con Sant'Agnese condotta al martirio (1662 - 1663), marmo; Roma, Chiesa di Sant'Agnese in Agone: l'opera è posta nel luogo del sacrificio della giovane.

Sant'Agnese è la patrona delle vergini, delle fidanzate e dei giardinieri. Anche l'Almo collegio Capranica, tradizionalmente costruito sul luogo della sua casa natale, la venera come patrona.

Sant'Agnese è figura importante del romanzo Fabiola o la Chiesa delle catacombe (di Nicholas Wiseman), di cui si ricorda la versione cinematografica (Fabiola) realizzata da Alessandro Blasetti nel 1949.

Sant'Agnese e la festa delle male lingue

A L'Aquila il giorno di Sant'Agnese si festeggiano le male lingue.

L'origine della tradizione è incerta, ma la versione più probabile è questa[1]: nei primi anni della fondazione della città, vari gruppi di persone si riunivano presso locande e osterie per criticare i signori del tempo. Uno di questi gruppi fu esiliato dalla città il 21 gennaio e per questo motivo furono detti "quelli di Sant'Agnese". Furono poi riammessi dopo sei mesi, a seguito delle numerose richieste da parte delle madri, mogli e fidanzate, a condizione che non facessero più pettegolezzi all'interno delle mura cittadine: presero pertanto a riunirsi presso un'osteria vicino Porta della Rivera.

Sull'esempio di questo gruppo, esistono ancor oggi numerose confraternite di male lingue che ogni anno si riuniscono in grandi conviviali, durante i quali vengono elette numerose cariche sociali, alcune dal significato ovvio (ju Presidente, ju Secretariu, la Lengua Zozza), altre meno comprensibili ma più colorite (la Mamma deji cazzi deji atri, la Lima Sorda, ju Zellusu, ju Recchie Fredde, ju Capisciò).

Per valorizzare questo aspetto della cultura aquilana, da qualche anno si organizza un convegno annuale su Sant'Agnese, dal titolo "Pianeta Maldicenza"[2].

Note
  1. AA.VV., Aggenda Aquilana 2000, Edizioni Centopercento, L'Aquila, 1999
  2. Sito web: Maldicenza
Bibliografia
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.