Ira santa

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Disambig-dark.svg
Nota di disambigua - Se stai cercando altri significati di ira, vedi Ira (disambigua).
Mosè si adira e frantuma le tavole della legge al rendersi conto che il popolo adora il vitello d'oro (Gen 32)

La Bibbia e la teologia morale conoscono un'ira santa: essa si ha quando ci si adira in modo ragionevole per una colpa e se ne esige il corrispondente castigo[1]. Oltre al quarto vizio capitale, il termine "ira" indica quindi la reazione di Dio o dell'uomo di fronte al peccato e all'ingiustizia.

Nella Bibbia

Mentre alcune correnti filosofiche antiche, come lo stoicismo, riprovavano ogni impeto di collera in nome del loro ideale di apàtheia ("apatia"), la Bibbia conosce "ire sante", che esprimono in concreto la reazione di Dio contro la ribellione dell'uomo.

L'ira di Dio

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Ira di Dio

Propriamente, la Bibbia insegna che solo Dio può adirarsi: nell'Antico Testamento i termini di ira sono usati per Dio circa cinque volte più che per l'uomo.

Paolo, che tuttavia dovette incollerirsi più d'una volta (At 15,39), consiglia con saggezza: "Non fatevi giustizia da soli; lasciate fare all'ira divina, perché sta scritto: a me la vendetta, io darò la giusta paga, dice il Signore" (Rm 12,19). L'ira non è compito dell'uomo, ma di Dio. Gesù stesso proverà reazioni di ira (cfr. Mc 3,5).

Per accedere veramente all'amore di Dio il credente deve accostarsi al mistero della sua ira. Voler ridurre le espressioni che parlano dell'ira di Dio a espressioni mitiche di un'esperienza umana significa misconoscere la serietà del peccato e la tragicità dell'amore di Dio.

L'ira santa

El Greco, Gesù scaccia i mercanti dal tempio

Di fronte al peccato l'uomo può quindi partecipare dell'ira di Dio e concepire una "ira santa".

L'Antico Testamento ci attesta l'ira di Mosè contro gli Ebrei che mancano di fede (Es 16,20), che si costruiscono il vitello d'oro sull'Oreb (Es 32,19.22), che trascurano i riti (Lev 10,16), che non osservano l'anatema sul bottino (Lev 31,14).

Ugualmente, il testo sacro loda lo zelo di Fineès (Nm 25,11) che aveva trafitto un israelita insieme alla sua donna straniera idolatra (Nm 25,1-9). Ancora, Elia massacra i falsi profeti (1Re 18,40) e fa cadere il fuoco sugli emissari del re (2Re 1,10.12).

Nel Nuovo Testamento, Paolo ad Atene "fremeva dentro di sé al vedere la città piena di idoli" (At 17,16): dinanzi a questi e dinanzi al peccato, gli uomini di Dio sono, al pari di Geremia, "ripieni dell'ira di YHWH" (Ger 6,11; 15,17).

Nella Tradizione della Chiesa

San Tommaso d'Aquino, in linea con il concetto biblico di ira santa, insegna che di fronte a un comportamento cattivo è lecito imporre una riparazione "al fine di correggere i vizi e di conservare il bene della giustizia"[2].

Note
  1. Cfr. Eriberto Jone, Compendio di teologia morale, Marietti, Torino-Roma 1950, p. 77.
  2. San Tommaso d'Aquino, Summa theologiae, II-II, q. 158, a. 1, ad 3.
Bibliografia
Voci correlate

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.