Luis de Aliaga

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Luis de Aliaga, O.P.
Religioso
[[File:|120px]]
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
'

[[File:|250px]]

{{{didascalia}}}
Titolo
Incarichi attuali
Età alla morte circa 61 anni
Nascita Mosqueruela
1565 ca.
Morte Saragozza
13 dicembre 1626
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa 1583
Ordinato diacono
Ordinazione presbiterale
Ordinazione presbiterale [[{{{aO}}}]]
Nominato Abate {{{nominatoAB}}}
Nominato amministratore apostolico {{{nominatoAA}}}
Nominato vescovo
Nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
Nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
Nominato patriarca {{{nominatoP}}}
Nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ ]]
Elevazione ad Arcivescovo
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale per
Cardinale per
Cardinale elettore
Incarichi ricoperti Inquisitore generale di Spagna
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Riammesso da da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Durata del
pontificato
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato


Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
[[File:|100px|Stemma]]
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
Invito all'ascolto
Firma autografa
[[File:{{{FirmaAutografa}}}|250px]]

Luis de Aliaga (Mosqueruela, 1565 ca.; † Saragozza, 13 dicembre 1626) è stato un religioso, confessore e professore spagnolo.

Cenni biografici

Figlio maggiore di un mercante di tessuti lavorò nell'azienda di famiglia fino a quando, rimasto orfano attorno al 1582, entrò nell'Ordine di San Domenico con il fratello, Isidoro (Ch), protetto dal priore del convento di Saragozza e futuro confessore di Filippo III di Spagna, padre Jerónimo Xavierre.

Fu insegnante di teologia all'università di Saragozza, si dimise per occupare la posizione di priore del nuovo convento domenicano che fu aperto in città con il nome di Convento di San Ildefonso nel 1605.

L'anno seguente si trasferì a Madrid come assistente di padre Xavierre, e fu nominato confessore del duca di Lerma. Ben presto, Lerma gli ottenne la carica di confessore reale, nonostante che Aliaga non fosse, né un teologo famoso né un membro di spicco del clero.

Nella sua posizione di confessore, padre Aliaga influenzò il monarca nel decidere, nel 1609, l'espulsione dei Mori dalla Spagna. Il re gli offrì l'arcivescovado di Toledo, ma egli rifiutò, accettando comunque di essere nominato archimandrita di Sicilia (anche se la sua definitiva elevazione non fu confermata) e consigliere di stato.

Nonostante la sua iniziale vicinanza a Lerma, fu tra i responsabili della sua caduta nel 1618. Nel dicembre dello stesso anno, il re gli affidò la carica di Inquisitore generale apostolico di Spagna e di tutte le sue signorie, di cui prese possesso nel gennaio successivo. In attesa di ottenere molto presto la porpora, grazie agli sforzi avviati dalla Corona davanti alla Santa Sede.

Quando Filippo IV di Spagna nel 1621 salì al trono, padre Aliaga perse ogni influenza a Corete, che fu costretto a lasciare assieme alla carica di inquisitore generale. Fu esiliato nel monastero di Santo Domingo de Huete e successivamente in Aragona, dove morì, nel 1626.

Successione degli incarichi

Predecessore: Inquisitore generale di Spagna Successore: Inquisición española.svg
Bernardo de Sandoval y Rojas dicembre 16181621 Andrés Pacheco I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Bernardo de Sandoval y Rojas {{{data}}} Andrés Pacheco


Note
Bibliografia