Preghiera universale

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Preghiera dei fedeli.jpg

La Preghiera universale o Preghiera dei fedeli è una serie di preghiere di intercessione a carattere responsoriale recitata dai laici dell'assemblea o dal Diacono durante la Celebrazione eucaristica. È il culmine della Liturgia della Parola come la Comunione sacramentale lo è della Liturgia eucaristica. Viene introdotta e conclusa dal celebrante con una breve monizione. È utilizzata anche all'interno della Liturgia delle ore.

  • È universale per il suo contenuto, che apre gli orizzonti della preghiera al mondo intero.
  • È dei fedeli perché recitata da un laico o da un diacono con risposta dell'assemblea, cioè riservata ai battezzati, i quali, nutriti della Parola di Dio, esercitano in questo modo il loro sacerdozio battesimale.

Collocazione

Modalità

Si recita in piedi, ma in particolari momenti solenni, secondo l'opportunità, il diacono o un ministro dice la seguente ammonizione:

« mettiamoci in ginocchio.»

Il popolo si mette in ginocchio.

Terminate le intenzioni della preghiera universale, il diacono o un ministro dice:

« Alziamoci per la preghiera del sacerdote.»

Il popolo si alza, rispondendo: « Ci eleviamo a te, Signore.»

Le intenzioni sono prese dall'Orazionale per la preghiera universale[1] riportate, a seconda del Calendario liturgico, sul foglietto della Messa. Nel Rito ambrosiano le intenzioni sono proposte dal sussidio "La tenda" o a cura del Seminario di Milano[2]. Possono, inoltre, essere proposte dal lettore o da altro laico con supervisione del Sacerdote celebrante o del Diacono. Terminata la proclamazione della Professione di fede o il canto dopo il Vangelo per il Rito ambrosiano, il sacerdote stando alla sede o all'ambone, a mani giunte, con una breve monizione invita i fedeli alla preghiera universale. Quindi il cantore, il lettore o altro ministro, dall'ambone o da un altro luogo conveniente, rivolto al popolo propone le intenzioni, mentre il popolo risponde supplicando. Alla fine il sacerdote, a braccia aperte, conclude la preghiera con l'orazione a conclusione della Liturgia della parola. Essa non va mai omessa, anche quando si tralasciasse la preghiera universale.


La successione delle intenzioni di preghiera deve seguire la seguente priorità:

  1. per le necessità della Chiesa;
  2. per i governanti e per la salvezza di tutto il mondo;
  3. per quelli che si trovano in difficoltà;
  4. per la comunità locale.

Nelle celebrazioni particolari, come per esempio nella Confermazione, nel Matrimonio o nelle Esequie, la successione delle intenzioni può essere adattata maggiormente alla circostanza particolare.

Storia

L'usanza di offrire tali preghiere, forse in linea con la tradizione ebraica, è radicata nella Sacra Scrittura:

« Prima di tutto, quindi, esorto che si facciano suppliche, preghiere, intercessioni e ringraziamenti per tutti gli uomini, per i re e per tutti coloro che sono in posizioni elevate, affinché possiamo condurre una vita tranquilla e pacifica, devota e rispettosa in ogni modo. Questo è buono, ed è gradito agli occhi di Dio nostro Salvatore, il quale desidera che tutti gli uomini siano salvati e giungano alla conoscenza della verità. Perché c'è un solo Dio e un solo mediatore tra Dio e gli uomini, l'uomo Cristo Gesù, che ha dato se stesso in riscatto per tutti, la cui testimonianza è stata resa a suo tempo. »

La pratica è testimoniata da San Giustino Martire, da Sant'Agostino d'Ippona e dai messali del IV secolo del Rito romano con una serie di nove Solenni Preghiere di Intercessione, utilizzate attualmente solo per il Venerdì Santo e collocate nello stesso punto della Liturgia eucaristica[3]. La tradizione liturgica del Rito romano, possiede anche una preghiera dei fedeli risalente con ogni probabilità al V secolo conosciuta come "Deprecatio Gelasii"[4].

La preghiera universale andò poi in disuso, lasciando posto solo al saluto introduttivo Dominus vobiscum (il Signore sia con voi) e all'invito Oremus (preghiamo) senza alcun seguito di preghiera particolare che, durante la Messa in Rito tridentino e in Rito ambrosiano antico, il sacerdote pronunciava prima di introdurre l'Offertorio.

Questa parte della Messa beneficia dell'intervento del Concilio Vaticano II quando decretava nella Sacrosanctum Concilium la reintroduzione di quei riti perdutisi nel tempo[5][6].

Nel Rito ambrosiano antico

Nel Rito Ambrosiano, la preghiera dei fedeli ha avuto vigore in alcune occasioni anche prima del Concilio Vaticano II, con il canto ambrosiano per l'offertorio Dicamus omnes o con due formulari litanici: la Preci Divinae pacis con la risposta Domine miserere e poi il formulario Dicamus omnes, con la risposta kyrie eleison (Preces Quadragesimales), utilizzate ogni Domenica di Quaresima e tutt'oggi cantate nella I, II e III Domenica di Quaresima nel Duomo di Milano, nella Basilica di Sant'Ambrogio e in poche altre parrocchie. Queste ultime, risalenti al III secolo sono conservate ancora nella forma pre-costantiniana utilizzando la risposta latina e greca.

La loro antichità è mostrata anche dalle richieste: "per i perseguitati per la fede in carcere" e "ad metalla", una pena che fu eliminata dai romani dopo il 220 d.C e qui ancora menzionata. Interessante anche la preghiera per gli indemoniati. Queste preci hanno una originaria correlazione con quelle presenti nella divina liturgia di San Giovanni Crisostomo. Esse sono cantate all'inizio della Messa dal Celebrante o dal Diacono con responso del popolo, mentre in quello post-conciliare prendono il posto dell'attuale Preghiera dei fedeli. Quando Paolo VI, già arcivescovo di Milano, pensò di restaurare la prece universale nel Rito romano, aveva in mente proprio queste orazioni.

Deprecatio Quam Papa Gelasius Pro Universali Ecclesia Constituit Canendam Esse Supplica Che Papa Gelasio Ordinò Si Dovesse Cantare Per La Chiesa Universale
(LA) (IT)
Versiculus (℣) Responsum (℞) Versetto Responso
Dicamus omnes: Domine exaudi et miserere Diciamo tutti: Signore ascoltateci e abbiate misericordia.
Patrem Unigeniti et Dei Filium Genitoris ingeniti
et Sanctum Deum Spiritum fidelibus animis invocamus
Kyrie eleison Invochiamo con animi fedeli il Padre dell'Unigenito
e il Figlio di Dio Genitore ingenerato e lo Spirito Santo Iddio.
Signore, misericordia
Pro immaculata Dei vivi ecclesia, per totum orbem
constituta divinae bonitatis opulentiam deprecamur
Kyrie eleison Per la chiesa immacolata del Dio vivente, fondata
in tutta la terra, chiediamo la ricchezza della divina bontà
Signore, misericordia
Pro sanctis Dei magni sacerdotibus et ministris sacri altaris
cunctisque Deum verum colentibus populis Christum Dominum supplicamus
Kyrie eleison Per i santi sacerdoti del grande Iddio e i ministri del sacro
altare e tutti i popoli che adorano il Dio vero, supplichiamo Cristo Signore
Signore, misericordia
Pro universis recte tractantibus verbum veritatis
multiformem Verbi Dei sapientiam peculiariter obsecramus
Kyrie eleison Per tutti coloro che bene predicano la parola multiforme
della verità, preghiamo specialmente la sapienza del Verbo di Dio
Signore, misericordia
Pro his qui se mente et corpore propter caelorum regna castificant,
et spiritalium labore desudant, largitorem spiritalium munerum obsecramus
Kyrie eleison Per quelli che si fanno casti nella mente e nel corpo a motivo del regno dei cieli
e faticano nell'esercizio delle cose spirituali, supplichiamo il datore dei beni spirituali
Signore, misericordia
Pro religiosis principibus omnique militia eorum, qui iustitiam
et rectum iudicium diligunt, Domini potentiam obsecramus
Kyrie eleison Per i principi devoti e tutto il loro esercito, che amano la giustizia
e il buon diritto, preghiamo la potenza del Signore
Signore, misericordia
Pro iucunditate serenitatis et opportunitate pluviae atque aurarum vitalium blandimentis
ac diversorum temporum prospero cursu rectorem mundi Dominum deprecamur
Kyrie eleison Per la bontà del clima, la pioggia a tempo opportuno, per la propiziazione delle auree vitali
e per il prospero scorrere delle diverse stagioni, preghiamo il Signore rettore del mondo
Signore, misericordia
Pro his quos prima christiani nominis initiavit agnitio, quos iam desiderium
gratiae caelestis accendit, omnipotentis Dei misericordiam obsecramus
Kyrie eleison Per coloro che hanno iniziato a conoscere il nome cristiano, che già sono infiammati
dal desiderio della grazia celeste, supplichiamo la misericordia di Dio onnipotente
Signore, misericordia
Pro his quos humanae infirmitatis fragilitas, et quos nequitiae spiritalis invidia,
vel varius saeculi error involvit, Redemptoris nostri misericordiam imploramus
Kyrie eleison Per coloro che sono stretti dalla fragilità della debolezza umana, dall'invidia della nequizia
spirituale, dal molteplice errore del secolo, imploriamo la misericordia del nostro Redentore.
Signore, misericordia
Pro his, quos peregrinationis necessitar, aut iniquae potestatis
oppressio vel hostilitatis vexat aerumna, Salvatorem Dominum supplicamus
Kyrie eleison Per coloro che sono costretti alla peregrinazione, o sono vessati
dall'oppressione di un potere iniquo o dall'affanno dell'ostilità, supplichiamo Iddio Salvatore.
Signore, misericordia
Pro iudaica falsitate... aut haeretica pravitate deceptis
vel gentilium superstitione perfusis veritatis Dominum deprecamur
Kyrie eleison Perché siano sconfitte la falsità dei giudei e la malvagità
degli eretici e la superstizione dei gentili, supplichiamo il Signore della verità
Signore, misericordia
Pro operariis pietatis et his, qui necessitatibus laborantum
fraterna caritate subveniunt, misericordiarum Dominum deprecamur
Kyrie eleison Per gli operatori di misericordia e per coloro che sovvengono alle necessità
di chi è nella tribolazione con fraterna carità, supplichiamo il Signore della misericordia
Signore, misericordia
Pro omnibus intrantibus in haec sanctae domus Domini atria, qui religioso
corde et supplici, devotione convenerunt, Dominum gloriae deprecamur
Kyrie eleison Per tutti coloro che entrano in questa santa casa di Dio, che con cuore devoto e
supplice sono giunti per la preghiera, supplichiamo il Signore della gloria
Signore, misericordia
Pro emundatione animarum corporumque nostrorum, et
omnium venia peccatorum clementissimum Dominum supplicamus
Kyrie eleison Per la purificazione delle nostre anime e per il perdono
di tutti i peccati, supplichiamo il Signore clementissimo
Signore, misericordia
Pro refrigerio fidelium animarum, praecipue sanctorum Domini sacerdotum, qui huic
ecclesiae praefuerunt catholicae, Dominum spirituum et universae carnis iudicem deprecamur
Kyrie eleison Per il refrigerio delle anime dei fedeli e soprattutto dei santi sacerdoti di Dio, che furono
a capo di questa chiesa cattolica, supplichiamo il Signore degli spiriti e giudice di ogni carne.
Signore, misericordia
Mortificatam vitiis carnera et viventem fide animam Praesta, Domine, praesta Un'anima mortificata ai vizi della carne e vivida nella fede Concedeteci, o Signore
Castum timorem et veram dilectionem Praesta, Domine, praesta Il morigerato timore e il vero amore Concedeteci, o Signore
Gratum vitae ordinem et probabilem exitum Praesta, Domine, praesta Un buon trascorrere della vita e un'auspicabile sua fine Concedeteci, o Signore
Angelum pacis et solatia sanctorum Praesta, Domine, praesta L'angelo di pace e la consolazione dei Santi Concedeteci, o Signore
Nosmetipsos et omnia nostra, quae orto quae aucta per Dominum ipso auctore suscipimus,
ipso custode retinemus, ipsiusque misericordiae et arbitrio providentiae commendamus
Praesta, Domine, praesta Affidiamo noi stessi e tutto quanto è nostro, che sono state create da Dio, che abbiamo
ricevuto da lui, che custodiamo grazie a lui, alla sua misericordia e all'arbitrio della sua provvidenza
Concedeteci, o Signore
Preces Quadragesimales (Domenica I, III e V di Quaresima di Rito ambrosiano)
(LA) (IT)
Versiculus (℣) Responsum (℞) Versetto Responso

Divinae pacis, et indulgentiae munere
supplicantes, ex toto corde, et ex tota
mente, precamur te.

Domine, miserere.

Favoriti dal dono della pace e della misericordia divina,
supplichevoli, con tutto il cuore e con tutta
l'anima, noi ti preghiamo:

Signore, abbi pietà

Pro Ecclesia tua sancta catholica, quae
hic, et per universum orbem diffusa
est, precamur te.

Domine, miserere.

Per la Chiesa tua santa, cattolica, che
si è diffusa qui da noi e per l'universo orbe,
noi ti preghiamo.

Signore, abbi pietà

Pro Papa nostro N., et Pontifice nostro N.,
et omni clero eorum, omnibusque
sacerdotibus, ac ministris, precamur te.

Domine, miserere.

Per il nostro Papa N. e per il nostro Arcivescovo N.,
per tutto il loro clero e per tutti i
sacerdoti e ministri, noi ti preghiamo.

Signore, abbi pietà

Pro pace ecclesiarum, vocatione
gentium, et quiete populorum,
precamur te.

Domine, miserere.

Per la pace tra le Chiese, la vocazione
delle genti, la tranquillità dei popoli,
noi ti preghiamo.

Signore, abbi pietà

Pro civitate hac, et conversatione ejus,
omnibusque habitantibus in ea,
precamur te.

Domine, miserere.

Per questa città e per la sua conservazione
e per tutti quelli che vi abitano,
noi ti preghiamo.

Signore, abbi pietà

Pro aerum temperie, ac fructuum
foecunditate terrarum,
precamur te.

Domine, miserere.

Per la clemenza del tempo e la
fecondità della terra,
noi ti preghiamo.

Signore, abbi pietà

Pro virginibus, viduis, orphanis,
captivis, ac poenitentibus,
precamur te.

Domine, miserere.

Per le vergini, le vedove, gli orfani,
gli schiavi e i penitenti,
noi ti preghiamo.

Signore, abbi pietà

Pro navigantibus, inter agentibus,
in carceribus, in vinculis, in metallis,
in exiliis constitutis,
precamur te.

Domine, miserere.

Per i naviganti, i viandanti,
i carcerati, per coloro che si trovano in catene,
nelle miniere, in esilio,
noi ti preghiamo.

Signore, abbi pietà

Pro his, qui diversis infirmitatibus
detinentur, quique spiritibus vexantur
immundis,
precamur te.

Domine, miserere.

Per coloro che sono afflitti
da infermità o vessati
da spiriti immondi,
noi ti preghiamo.

Signore, abbi pietà

Pro his, qui in sancta tua Ecclesia
fructus misericordiae largiuntur,
precamur te.

Domine, miserere.

Per coloro che nella tua Santa Chiesa
dispensano con larghezza frutti di misericordia,
noi ti preghiamo.

Signore, abbi pietà

Exaudi nos, Deus, in omni oratione,
atque deprecatione nostra,
precamur te.

Domine, miserere.

Ascoltaci, o Dio, in ogni orazione
e supplica nostra,
noi te ne preghiamo.

Signore, abbi pietà

Dicamus omnes: Domine, miserere.

Kyrie eleison, Kyrie eleison, Kyrie eleison.

Diciamo unanimi: Signore, pietà.

Kyrie eleison, Kyrie eleison, Kyrie eleison.

Note
  1. Orazionele per la preghiera universale su liturgico.chiesacattolica.it. URL consultato il 01-06-2021
  2. Preghiera dei fedeli su chiesadimilano.it. URL consultato il 01-06-2021.
  3. (EN) Archdiocese of Canberra and Goulburn, The Liturgical Commission: The General Intercessions su web.archive.org (). URL consultato il 01-06-2021
  4. Josef Andreas Jungmann S.J., Missarum Sollemnia, vol. I, Marietti, Torino, 1953, pp. 273-283, ripreso dai lavori di dom Capelle O.S.B.
  5. Paolo VI op. cit., 50.
  6. Adolf Adam 1994, op. cit., p.49.
Bibliografia
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.