San Pietro il Venerabile

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
San Pietro il Venerabile, O.S.B.
Monaco
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo Pierre de Montboissier
Santo
{{{note}}}

Peter the Venerable.jpg

Miniatura con Pietro e i suoi monaci
{{{motto}}}
Titolo
Incarichi attuali
Età alla morte 64 anni
Nascita Francia
1092
Morte Cluny
1156
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale [[{{{aO}}}]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da Chiesa cattolica
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza 25 dicembre
Altre ricorrenze
Santuario principale
Attributi
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
Scheda su santiebeati.it
Tutti-i-santi.jpgNel Martirologio Romano, [[25 dicembre]]:
« Nel monastero di Cluny in Burgundia, nell'odierna Francia, beato Pietro il Venerabile, abate, che resse l'Ordine monastico secondo i precetti della primitiva osservanza e compose numerosi trattati. »

San Pietro il Venerabile, al secolo Pierre de Montboissier (Francia, 1092; † Cluny, 1156) è stato un abate e teologo francese riformatore di Cluny.

Biografia

Appartenente alla nobile famiglia dei conti di Montboissier, venne educato nel convento di Sauxillanges. Nel 1109 entra nell'Abbazia di Cluny che allora era guidata da Ugo I. Alla morte di questi la direzione passa a Ponzio di Mergueil. Durante il suo governo però si moltiplicano gli abusi e si diffonde la corruzione tra i monaci. Così, nel 1122, per favorire la riforma della vita religiosa viene eletto Pietro, dal momento che di lui si apprezzavano lo zelo e la pietà. Egli, infatti, animato da un grande senso della Chiesa, si consacra interamente al servizio dei Papi, per realizzare quel progetto di riforma fermamente voluto da Gregorio VII e alla cui attuazione stavano lavorando San Pier Damiani, San Bernardo di Chiaravalle, San Riccardo di San Vittore e altri. Grande viaggiatore, svolse un importante ruolo diplomatico soprattutto con l'elezione al papato, nel 1130, di Innocenzo II. Dopo una lunga permanenza in Spagna, Pietro fece tradurre in latino il Corano; combatté le dottrine islamiche e affermò le sue teorie in opposizione all'ebraismo; si scagliò contro le dottrine di Pietro di Bruys con la sua Epistola adversus petrobrusianos.

Riformò l'abbazia di Cluny, oppressa da difficoltà finanziarie: considera fondamentale rivedere il dominio signorile che per lui è necessario per assicurare un tenore di vita dignitoso ai monaci. Tale è infatti lo scopo della Dispositio rei familiaris. Anche gli inventari indicati nella Constitutio expense cluniaci costituiscono una fonte preziosa per gli storici, perché attestano i redditi, le semenze, le tecniche agricole utilizzate per la conduzione materiale dell' Abbazia. Notevole, in quest'opera, fu la parte svolta dal vescovo di Winchester, Henri de Blois.

Pietro il Venerabile ebbe anche un ruolo determinante nella contesa tra Pietro Abelardo e Bernardo di Clairvaux a seguito della scomunica del primo da parte del Concilio di Sens, convocato su richiesta di Bernardo per condannare la teologia abelardiana, soprattutto in materia trinitaria. Per rispondere alle richieste del papa Innocenzo II, Pietro accolse Abelardo, che era in viaggio per Roma, nell'abbazia di Cluny. In seguito, grazie alla mediazione di Pietro il Venerabile, Bernardo e Abelardo si riconciliarono e anche la scomunica fu sospesa. Pietro inviò così un riconciliato e anziano Abelardo in un priorato di Cluny, Chalon-sur-Saône dove egli trascorse gli ultimi anni della sua vita.

Pietro il Venerabile è anche famoso per aver iniziato, seppure in modo settoriale, uno studio sistematico dell'Islam. Ordinò infatti la traduzione in latino di molte opere arabe (tra cui anche il Corano[1]), che furono ritrovate nella biblioteca dell'Abbazia. È probabile che leggendo queste opere Abelardo abbia trovato l'ispirazione per il personaggio del filosofo nella sua ultima opera Dialogo tra un filosofo, un giudeo e un cristiano, scritta proprio a Chalon-sur-Saône, descritto come circonciso e figlio di Ismaele (quindi musulmano). Pietro di adopera per l'unione delle Chiese, esorta i giudei alla conversione a Cristo e organizza una sorta di Crociata intellettuale destinata a facilitare l'avvicinamento fra cristiani e musulmani. Uomo raffinato e pacifico sapeva praticare la carità verso tutti.

Opere e pensiero

Come teologo Pietro lasciò soprattutto tre trattati polemici, espressione della sua volontà di combattere per la fede della Chiesa. Essi sono:

  • Adversus iudaeos
  • Contra saracenos
  • Contra petrobrusianos

Scrisse inoltre un trattato sui miracoli:

  • De miraculis libri duo

Grande maestro di vita spirituale nel suo copioso epistolario insiste soprattutto sulla preghiera mentale che implica tre attività inseparabili per alimentare la carità:

La sua contemplazione si incentra sui due grandi misteri della risurrezione e della trasfigurazione. Non sorprende quindi la devozione di Pietro per la trasfigurazione, di cui introdusse a Cluny la festa e per cui compose un ufficio e il testo di uno splendido sermone. Pietro il Venerabile fu anche autore di un ricco epistolario, in cui spicca per importanza e frequenza la riflessione sull'amicizia.

Note
  1. L'incarico fu affidato a Roberto di Ketton e a Ermanno Dalmata. Una traduzione compendiata si trova in Aldobrandino Malvezzi, L'islamismo e la cultura europea, Firenze, Sansoni, 1956, pp. 90-91.
Bibliografia
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.