Lettera ai Romani

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Lettera ai Romani
San Paolo.jpg
Valentin de Boulogne o Nicolas Tournier (attr.), San Paolo scrive le sue lettere (1620 ca.), olio su tela; Houston, Museum of Fine Arts
Titolo originale
Altri titoli
Nazione [[]]
Lingua originale greco
Traduzione
Ambito culturale
Autore San Paolo apostolo
Note sull'autore
Pseudonimo
Serie
Collana
Editore
Datazione 57 - 58
Datazione italiana
Luogo edizione Corinto
Numero di pagine
Genere epistola
Ambientazione
Ambientazione Geografica
Ambientazione Storica

Personaggi principali:

Titoli dei racconti
Libro precedente
Libro successivo
Adattamento teatrale
Adattamento televisivo
Adattamento cinematografico
Note
Premi:
Collegamenti esterni:
ID ISBN
Virgolette aperte.png
Paolo servo di Cristo Gesù, apostolo per vocazione, prescelto per annunziare il vangelo di Dio, che egli aveva promesso per mezzo dei suoi profeti nelle sacre Scritture, riguardo al Figlio suo, nato dalla stirpe di Davide secondo la carne, costituito Figlio di Dio con potenza secondo lo Spirito di santificazione mediante la risurrezione dai morti, Gesù Cristo, nostro Signore. Per mezzo di lui abbiamo ricevuto la grazia dell'apostolato per ottenere l'obbedienza alla fede da parte di tutte le genti, a gloria del suo nome; e tra queste siete anche voi, chiamati da Gesù Cristo. A quanti sono in Roma diletti da Dio e santi per vocazione, grazia a voi e pace da Dio, Padre nostro, e dal Signore Gesù Cristo
Virgolette chiuse.png
(Rm 1,1-7)

La Lettera ai Romani è un testo contenuto nel Nuovo Testamento della Bibbia cristiana.

È scritta in greco e, secondo l'ipotesi maggiormente condivisa dagli studiosi, è stata composta da Paolo a Corinto attorno al 57 - 58.

È composta da 16 capitoli. I primi 11 capitoli contengono insegnamenti dottrinali circa l'importanza della fede in Gesù per la salvezza, contrapposta alla vanità delle opere della legge. Il seguito è composto da esortazioni di vario tipo.

A partire dal XVI secolo, in occasione della Riforma di Lutero, l'interpretazione teologica della lettera è stata al centro di vivaci polemiche tra i biblisti protestanti, che vi traggono il principio del "sola fide", e i biblisti cattolici, che a fianco della fede sottolineano l'importanza delle opere di carità per la salvezza dell'uomo.

Tra i commenti precedenti a Lutero, si può ricordare la Super Epistolam B. Pauli ad Romanos lectura di san Tommaso d'Aquino.

Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.