Annunciazione del Signore

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Disambig-dark.svg
Questa voce tratta della festività dell'Annunciazione
⇒  Se cercavi il fatto evangelico, vai a Annunciazione a Maria
Disambig-dark.svg
Nota di disambigua - Se stai cercando altro voci riguardanti l'Annunciazione, vedi Annunciazione (Disambigua).

Annunciazione del Signore

Torino GalSabauda O.Gentileschi Annunciazione 1623.jpg
Orazio Gentileschi, Annunciazione (1623), olio su tela; Torino, Galleria Sabauda
Solennità
Mistero celebrato Annuncio della nascita di Gesù Cristo
Riferimenti
Periodo {{{periodo}}}
Data 25 marzo[1]
Data mobile {{{data mobile}}}

Data nel 2020: Errore nell'espressione: operatore < inatteso.
Data nel 2021: Errore nell'espressione: operatore < inatteso.
Data nel 2022: Errore nell'espressione: operatore < inatteso.

Colore liturgico Bianco
Rito
Note
Rito Romano
Tipologia {{{tipologiaRR}}}
Periodo
Colore liturgico {{{coloreRR}}}
Data {{{dataRR}}}
Data {{{data mobileRR}}}
Data nel 2020: Errore nell'espressione: operatore < inatteso.

Data nel 2021: Errore nell'espressione: operatore < inatteso.
Data nel 2022: Errore nell'espressione: operatore < inatteso.

Rito Ambrosiano
Tipologia {{{tipologiaRA}}}
Periodo
Colore liturgico {{{coloreRA}}}
Data {{{dataRA}}}
Data {{{data mobileRA}}}
Data nel 2020: Errore nell'espressione: operatore < inatteso.

Data nel 2021: Errore nell'espressione: operatore < inatteso.
Data nel 2022: Errore nell'espressione: operatore < inatteso.

Di precetto in {{{di precetto in}}}
Celebrata in
Celebrata a
Tradizioni religiose
Data d'istituzione {{{data d'istituzione}}}
Chiamata anche
Feste correlate
Tutti-i-santi.jpgNel Martirologio Romano, 25 marzo, n. 1:
« Solennità dell'Annunciazione del Signore, quando nella città di Nazareth l'angelo del Signore diede l'annuncio a Maria: "Ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e verrà chiamato Figlio dell'Altissimo" e Maria rispondendo disse: "Ecco la serva del Signore; avvenga per me secondo la tua parola". E così, compiutasi la pienezza dei tempi, Colui che era prima dei secoli, l'Unigenito Figlio di Dio, per noi uomini e per la nostra salvezza si incarnò nel seno di Maria Vergine per opera dello Spirito Santo e si è fatto uomo. »

L'Annunciazione del Signore è la solennità liturgica nella quale si celebra l'Annunciazione a Maria, da parte dell'Angelo Gabriele, del concepimento di Gesù.

La solennità dell'Annunciazione si celebra il 25 marzo[1].

Contrariamente al sentire popolare, che vi vede una solennità mariana, si tratta di una solennità cristologica: il Mistero che in essa si celebra è l'incarnazione del Figlio di Dio nel grembo di Maria.

Le prime tracce sicure della solennità dell'Annunciazione si hanno nel VII secolo. Nella liturgia ambrosiana è documentata dal messale del IX-X secolo. L'Annunciazione è narrata con modalità differenti in Matteo 1,18-25 e in Luca 1,26-38.

Nella liturgia

La Chiesa inserisce nella celebrazione i seguenti brani biblici a struttura ternaria e anno unico:

Rito Romano

Rito Ambrosiano

Dal Lezionario postconciliare

Dal 1976 fino al 2008 le comunità di Rito Ambrosiano hanno celebrato l'Eucaristia lungo l'anno (festiva e feriale) con un Messale Ambrosiano rinnovato a norma dei decreti del Concilio Vaticano II completo e autonomo (ad eccezione del Lezionario, ancora incompleto e supplementare rispetto al Lezionario Romano). Durante quest'ultimo periodo le letture della solennità hanno subito delle modifiche rispetto alle letture preconciliari[2]. Il nome delle letture avevano la stessa dicitura del Rito romano, ossia Prima lettura, Salmo responsoriale, Seconda lettura.

Nel Rito ambrosiano antico

Nel rito ambrosiano antico la solennità è denominata In Festo Anuntitionis Beatæ Mariæ Virginis. Le letture in Rito moderno hanno subito notevoli cambiamenti.

Successivamente all'antifona dopo il Vangelo, il celebrante stende solennemente la Sindone[3] e recita la preghiera utilizzata in ogni celebrazione eucaristica, denominata Oratio Super Sindonem (Orazione sulla Sindone):

{{{titolo1}}}
« Signore, che per il miracolo operato nel seno verginale di Maria hai illuminato tutto il mondo, concedi per la sua intercessione di ottenere ciò che non possiamo avere per i nostri meriti. »


({{{4}}})



Note
  1. 1,0 1,1 Se cade di Domenica, in entrambi i riti, romano e ambrosiano, la celebrazione è posticipata al lunedì 26, sempre che quest'ultimo giorno non sia parte integrante della Settimana Santa o dell'Ottava di Pasqua o, solo per il Rito ambrosiano, cada nel sabato in Traditione Symboli, allora la solennità è posticipata al lunedì della II settimana di Pasqua.
  2. Centro ambrosiano di documentazione e studi religiosi op. cit.
  3. Velo che copre le Oblate, il pane e il vino posti sull'altare per il sacrificio.
Bibliografia
  • Dizionario di liturgia ambrosiana, Marco Navoni (a cura di), NED, Milano, 1996
  • Piccolo messale ambrosiano festivo, Tipografia G. De Silvestri, Milano, 1957
  • Centro ambrosiano di documentazione e studi religiosi, Messale Ambrosiano Festivo, Edizioni Piemme, 1986
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.