Beato Luigi Talamoni

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Beato Luigi Talamoni
Presbitero
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
Beato

91537C.JPG

'
Titolo
{{{titolo}}}
Età alla morte 77 anni
Nascita Monza
3 ottobre 1848
Morte Milano
31 gennaio 1926
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale
Ordinazione presbiterale 4 marzo 1871
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi

Iter verso la canonizzazione

Venerato da Chiesa cattolica
Venerabile il [[]]
Beatificazione 21 marzo 2004, da Giovanni Paolo II
Canonizzazione [[]]
Ricorrenza 20 maggio
Altre ricorrenze nel Rito Ambrosiano il 3 ottobre
Santuario principale
Attributi
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di
Collegamenti esterni
Tutti-i-santi.jpgNel Martirologio Romano, 20 maggio, n. 15 ( nel Rito Ambrosiano il 3 ottobre):
« A Milano, beato Luigi Talamoni, sacerdote, che, coltivando la sua vocazione di educatore dei giovani, esercitò il proprio ministero con somma dedizione e con attiva partecipazione alle difficoltà della società del suo tempo e istituì la Congregazione delle Suore Misericordine di San Gerardo. »
(Santo di venerazione particolare o locale)

Beato Luigi Talamoni (Monza, 3 ottobre 1848; † Milano, 31 gennaio 1926) è stato un sacerdote, educatore e fondatore italiano, fu anche insegnante e consigliere comunale di Monza.

Cenni biografici

Nacque in una modesta famiglia di Monza, in contrada dei Mulini, il 3 ottobre 1848, secondo dei sei figli di Giuseppe Talamoni, artigiano cappellaio, e di Maria Angelica nata Sala. Fu battezzato lo stesso giorno nel Duomo di Monza coi nomi di Luigi Domenico.

Frequentò gli studi elementari e fece la Prima Comunione e la Cresima, il 1° luglio 1861, presso l'Oratorio di Monza, detto del Carrobiolo, fondato dal Servo di Dio Padre Fortunato Redolfi, barnabita, e retto al suo tempo da un altro Servo di Dio Padre Luigi Villoresi. Luigi venne così a contatto con le esperienze più entusiasmanti della pastorale giovanile del tempo, ma anche con quegli anni difficili per la Chiesa di Milano. Mentre era in atto la seconda guerra d'indipen­denza, nel 1859, morì l'arcivescovo Bartolomeo Carlo Romilli e il successore Paolo Angelo Ballerini, incontrò la fiera opposizione del Go­verno Italiano e non poté mai prendere possesso della sua Sede. Alle sue sofferenze, però, supplì sempre l'affetto della popolazione e di buona parte del clero.

Fu ordinato sacerdote il 4 marzo 1871 e fu inviato ad insegnare al "Collegio San Carlo" di Milano, dove ebbe come allievo (1874-75) Achille Ratti, il futuro Papa Pio XI. Nel 1875 venne chiamato al "Seminario di Monza", come insegnante di ginnasio. Si impegnò inoltre nell'attività pastorale, soprattutto nella predicazione e nel confessionale del Duomo.

La crescente affermazione del socialismo lo indusse all'impegno politico: accettò di essere inserito nelle liste civiche del "Comitato cattolico di Monza" e nel 1893 venne eletto nel Consiglio comunale.

Il suo impegno politico fu rivolto alla richiesta di scuole ed asili, a migliorare lo stato delle pubbliche vie e alla loro sicurezza, all'illuminazione e alla difesa della moralità. Chiese case per i meno abbienti e la tutela del piccolo commercio, medicine per i poveri, il miglioramento dell'ambiente carcerario. Nonostante la sua riconferma elettorale del 1923, il clima di violenza instaurato dal fascismo costrinsero alle dimissioni il consiglio comunale.

Incoraggiò e diresse l'opera assistenziale avviata da Maria Biffi Levati (1835-1905) con la quale fondò la congregazione delle "Suore Misericordine di San Gerardo", di cui scrisse il primo regolamento.

Morì a Milano, nella clinica delle Suore di Maria Bambina, il 31 gennaio 1926 a 77 anni e gli furono tributate esequie solenni a cura del comune di Monza.

Culto

Consolidatasi la fama della sua santità l'arcivescovo di Milano, il cardinale Ildefonso Schuster avviò l'iter per la canonizzazione, ed il relativo processo informativo fu completato dal suo successore, il cardinale Giovanni Battista Montini.

Dal vecchio cimitero cittadino di san Gregorio la sua salma è stata esumata il 20 maggio 1966 e tumulata nelle cappella della Casa Madre delle Suore Miseri­cordine di San Gerardo, Piazza Santa Margherita 2, Monza.

Il 21 marzo 2004, in piazza San Pietro a Roma è stato proclamato beato dal papa Giovanni Paolo II. In questa occasione la sua salma è stata traslata dalla chiesa delle suore Misericordine al Duomo di Monza.

Il 3 ottobre 2009, con solenne celebrazione nel Duomo di Monza presieduta dal cardinale Dionigi Tettamanzi, arcivescovo di Milano, l'arciprete mons. Silvano Provasi ha annunciato il pronunciamento positivo della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti circa l'istanza di proclamazione del Beato quale patrono della nuova provincia di Monza e della Brianza.[1]

Note
  1. L'Arcivescovo affida al Beato Talamoni la nuova Provincia di Monza su chiesadimilano.it. URL consultato il 4-10-2009
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.