San Giovanni Battista Piamarta

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
San Giovanni Battista Piamarta, F.N.
Presbitero
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
Santo
{{{note}}}

91909A.JPG

{{{didascalia}}}
{{{motto}}}
Titolo
Incarichi attuali
Età alla morte 71 anni
Nascita Brescia
26 novembre 1841
Morte Remedello
25 aprile 1913
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale 24 dicembre 1865
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi

Iter verso la canonizzazione

Venerato da Chiesa cattolica
Venerabile il 1986, da Giovanni Paolo II
Beatificazione 12 ottobre 1997, da Giovanni Paolo II
Canonizzazione 21 ottobre 2012, da Benedetto XVI
Ricorrenza 25 aprile
Altre ricorrenze
Santuario principale
Attributi
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
Scheda su santiebeati.it
Virgolette aperte.png
«Io obbedisco e il resto lo lascio fare al Signore, il quale saprà realizzare meglio di me i suoi progetti.»
«Se l'opera è sua, nessuno lo fermerà»
Virgolette chiuse.png
(San Giovanni Battista Piamarta)
Tutti-i-santi.jpgNel Martirologio Romano, 25 aprile, n. 12:
« Nel villaggio di Remedello in provincia di Brescia, beato Giovanni Piamarta, sacerdote, che tra grandi difficoltà fondò l'Istituto Artigianelli di Brescia e nelle vicinanze di una colonia agricola allo scopo di fornire ai giovani una formazione religiosa insieme all'apprendimento di un mestiere diede vita alla Congregazione della Sacra Famiglia di Nazareth. »
(Santo di venerazione particolare o locale)

San Giovanni Battista Piamarta (Brescia, 26 novembre 1841; † Remedello, 25 aprile 1913) è stato un presbitero, educatore e fondatore italiano delle Congregazioni della Sacra Famiglia di Nazareth e delle Umili Serve del Signore, una delle personalità di maggior rilievo della seconda metà dell'Ottocento.

Vita

Infanzia

Nacque da una famiglia povera e, rimasto orfano di madre a 9 anni, crebbe vivacissimo nei vicoli dei rioni popolari della città, trovando un sostegno educativo nel nonno materno e nell'oratorio che affinarono la sua sensibilità e la sua straordinaria generosità.

La sua adolescenza fu difficile e grazie al parroco di Vallio Terme (Bs) poté entrare nel seminario diocesano.

Ministero sacerdotale

Ordinato presbitero il 24 dicembre 1865, iniziò il suo ministero sacerdotale a Carzago Riviera, Bedizzole; fu nominato, poi parroco della chiesa di Sant'Alessandro in città e in seguito a Pavone Mella.

Le prime esperienze oratoriane furono per lui una preziosa possibilità di conoscere da vicino la gioventù alle prese con il duro mondo delle fabbriche della nascente industria bresciana. Nei 13 anni di fecondo apostolato colse risultati ammirabili e il rispetto dei suoi ragazzi.

L'Istituto Artigianelli

Lasciò la parrocchia di Pavone Mella per tornare nella sua Brescia, dove si dedicò a realizzare un'opera da tempo pensata e sognata. Per dare ai giovani una sicura preparazione professionale e cristiana e riflettendo sull'abbandono spirituale e la perdita della fede di tanti giovani che confluivano in città per motivi di lavoro, egli, poverissimo ma fiducioso nella provvidenza, avviò l'Istituto Artigianelli il 3 dicembre 1886 con l'aiuto del sacerdote monsignor Pietro Capretti, conosciuto durante l'esperienza nell'oratorio di Sant'Alessandro.

Seppur con enormi difficoltà, dal 1888 la crescita degli "artigianelli" non si fermò più, si moltiplicarono i fabbricati e i laboratori e i giovani ricevettero una buona preparazione tecnica. Pochi anni dopo, rivolse la sua sollecitudine anche al mondo dell'agricoltura, dando origine con padre Giovanni Bonsignori alla Colonia Agricola di Remedello (Brescia), con lo scopo di ridare vitalità e dignità all'agricoltura.

Le nuove congregazioni

Attorno a padre Piamarta si radunarono presto alcuni religiosi, per condividere con lui gli ideali e le fatiche della sua missione. Nel marzo 1900 il Padre degli Artigianelli realizzò un proprio progetto, istituendo una Famiglia Religiosa, composta da sacerdoti e laici che guidassero l'educazione dei giovani; diventò il fondatore della Congregazione della Sacra Famiglia di Nazareth.

Per mezzo della serva di Dio Madre Elisa Baldo, fece nascere, il 15 marzo 1911, la Pia Società delle Povere Serve del Signore, eretta poi in Congregazione con il nome di Umili Serve del Signore, per una reciproca collaborazione nel campo educativo. Accanto alle sue fondazioni e alla direzione delle sue opere, Piamarta si pose anche al servizio del popolo di Dio, dedicandosi al ministero dell'evangelizzazione, della predicazione, delle confessioni, della direzione spirituale e all'assistenza ai poveri, degli infermi, delle vedove, degli operai; sostenne le vocazioni sacerdotali e religiose. Gli furono affidati anche difficili incarichi dai superiori ecclesiastici; sostenne la stampa cattolica.

La morte

Padre Piamarta morì il 25 aprile 1913 a Remedello, al termine di una vita tutta spesa al servizio di Dio e dei fratelli. Nel 1926 la sua salma fu traslata nella chiesa dell'Istituto Artigianelli da lui costruita; nel 1986 la Chiesa ne riconobbe l'eroicità delle virtù e il 12 ottobre 1997 Papa Giovanni Paolo II lo dichiarò Beato. Il 21 ottobre 2012 fu canonizzato da Papa Benedetto XVI.

Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.