San Nilo da Rossano

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
San Nilo da Rossano, O.S.B.I.
Religioso
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo Nicola
Santo

Grottaferrata AbbaziaS.Maria Domenichino StorieS.Nilo-part. 1608-10.jpg

Domenichino, San Nilo da Rossano ed il miracolo del crocifisso (part.), 1608 - 1610, affresco; Grottaferrata, Abbazia di Santa Maria
{{{motto}}}
Titolo
{{{titolo}}}
Età alla morte 94 anni
Nascita Rossano
910
Morte Tusculum
26 settembre 1004
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa 940
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale [[{{{aO}}}]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da Chiesa cattolica e Chiesa ortodossa
Venerabile il [[]]
Beatificazione [[]]
Canonizzazione [[]]
Ricorrenza 26 settembre
Altre ricorrenze
Santuario principale
Attributi
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di Rossano
Collegamenti esterni
Scheda su santiebeati.it
Tutti-i-santi.jpgNel Martirologio Romano, 26 settembre, n. 6:
« Nella campagna tuscolana vicino a Roma, san Nilo il Giovane, abate, che, di origine greca, cercò una santa condotta di vita e, pervaso dal desiderio di penitenza, umiltà e peregrinazione, nonché insigne per spirito di profezia e sapienza di dottrina, fondò il celebre monastero di Grottaferrata secondo gli insegnamenti dei Padri orientali, dove nonagenario rese in chiesa lo spirito a Dio. »

San Nilo da Rossano, al secolo Nicola, detto anche Nilo il Giovane (Rossano, 910; † Tusculum, 26 settembre 1004), è stato un abate, eremita e fondatore italiano dell'Abbazia di Grottaferrata e dell'Ordine Basiliano Italiano di Grottaferrata.

Biografia

Nacque a Rossano da famiglia aristocratica (i Malena, ancora oggi ne è memoria il casino intitolato alla famiglia da cui prende il nome, situato sulla sponda del fiume Otturi). Frequentò la scuola annessa alla chiesa di Rossano, divenendo un eccellente calligrafo e innografo; si appassionò alla lettura delle Sacre Scritture e della vita dei Padri del deserto.

Secondo lo storico François Lenormant, Nicola si sposò prima di intraprendere la vita da monaco, affascinato dalla bellezza di una ragazza di più umili origini; ebbe una figlia, ma il matrimonio non durò molto. Fece in modo che moglie e figlia non avessero problemi economici e quindi si ritirò nell'eparchia del Mercurion molto probabilmente nel territorio di Viggianello (un'area ai confini fra Lucania e Calabria così detta perché nei pressi del fiume che era stato dedicato al dio pagano si erano insediati monasteri, ed eremi, costituendo una vera e propria "Tebaide".)

Si dedicò alla vita contemplativa e alla carità; raccolse e copiò numerosi codici. Essendo alla ricerca continua di una maggiore perfezione di spirito si ritirò in un recondito eremo e in una caverna dove c'era un altare consacrato a san Michele Arcangelo vicino Mercurion.

Non fu facile per Nicola diventare monaco e prendere i voti per via della sua originaria appartenenza al Decurionato Rossanese, ma pronunciò i voti nel convento di San Basilio.

Cominciò la sua attività sociale a San Demetrio Corone, fondando un monastero basiliano sulle rovine della chiesetta dedicata ai santi Adriano e Natalia. Dimorò a San Demetrio per venticinque anni, gettando le basi di un'istituzione monastica greca che aveva come compito la riunificazione tra le chiese di oriente e occidente.

« Non basta gridare contro le tenebre, bisogna accendere una luce »
(San Nilo )

Gli imperatori di Oriente Basilio II e Romano II lo pregarono di recarsi a Costantinopoli con la segreta intenzione di innalzarlo a quella sede patriarcale. Il cenobio di San Nilo venne devastato dai saraceni, i quali, penetrati nella Badia, scacciarono i monaci e stabilirono il loro sacrilego bivacco tra le mura della Mole silenziosa.

Solo nel 982 un altro basiliano, Vitale Cristoforo, fece risorgere il Cenobio dalle rovine rendendolo ancor oggi uno dei centri più importanti di sapere e civiltà.

Morì nel 1004 durante il pellegrinaggio a Roma nei pressi di Tusculum.

Di san Nilo si occupò il suo discepolo prediletto San Bartolomeo abate, che ebbe di lui grande stima dichiarando:

« San Nilo vedeva che tutti gli uomini, tutti gli animali, finanché ogni rettile che si muoveva sulla terra, erano in cecità e totalmente privi di luce e la terra stessa tutta quanta era circondata da una tenebra profonda e da una immensa caligine »
(Bartolomeo abate)

Cronologia

  • 910 ca. nasce a Rossano.
  • 940 ca. riceve l'abito monastico a S.Nazario nella Lucania (Principato di Salerno) ora Cilento.
  • 940 ca. dopo un soggiorno di quaranta giorni a S. Nazario, si reca nell'eparchia del Mercurion.
  • 940 ca. – 960 ca. vive una vita ascetica nell'eparchia del Mercurion molto probabilmente nelle spelonghe di Viggianello (PZ). In questi anni compie almeno un pellegrinaggio a Roma.
  • 960 ca. si trasferisce a S. Adriano presso Acri.
  • 980 ca. si reca a Capua.
  • 981 – 996 ca. risiede nel monastero di San Michele di Valleluce presso Montecassino.
  • 996 ca. si trasferisce a Serapo nei pressi di Gaeta.
  • 998 si reca a Roma alla corte di Ottone III; ritorna a Serapo (Gaeta).
  • 1004 (26 settembre) muore nella chiesa di S. Agata presso Tuscolo.
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.