Abbazia di Santa Maria di Grottaferrata

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Abbazia di Santa Maria o di San Nilo di Grottaferrata
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO
Grottaferrata AbbaziaS.Maria complesso-02.jpg
Abbazia di Santa Maria di Grottaferrata,
complesso monastico
Altre denominazioni
Stato bandiera Italia
Regione bandiera Lazio


Regione ecclesiastica Lazio

Provincia Roma
Comune Grottaferrata
Località
Diocesi Abbazia territoriale di Grottaferrata
Religione Cattolica
Indirizzo Corso del Popolo, 128
00046 Grottaferrata (RM)
Telefono +39 06 9459309
Fax +39 06 9450311
Posta elettronica [mailto: ]
Sito web Sito ufficiale
Sito web 2
Proprietà Abbazia territoriale di Grottaferrata
Oggetto tipo Abbazia
Oggetto qualificazione basiliana
Dedicazione Maria Vergine
San Nilo da Rossano
Vescovo
Sigla Ordine qualificante O.S.B.I.
Sigla Ordine reggente O.S.B.I.
Fondatore San Nilo da Rossano,
san Bartolomeo il giovane
Data fondazione 1004
Architetti

Giuliano da Sangallo (cinta muraria)
Baccio Pontelli (cinta muraria)

Stile architettonico
Inizio della costruzione 1004
Completamento XVIII secolo
Distruzione
Soppressione
Ripristino {{{Ripristino}}}
Scomparsa {{{Scomparsa}}}
Data di consacrazione 17 dicembre 1024 (chiesa)
Consacrato da papa Giovanni XIX
Data di inaugurazione
Inaugurato da
Strutture preesistenti villa romana
Pianta
Tecnica costruttiva
Materiali
Data della scoperta {{{Data scoperta}}}
Nome scopritore
Datazione scavi
Scavi condotti da
Altezza Massima
Larghezza Massima 13,50 m
Lunghezza Massima 20 m
Profondità Massima
Diametro Massimo {{{DiametroMassimo}}}
Altezza Navata
Larghezza Navata
Altitudine {{{Altitudine}}}
Iscrizioni
Marcatura
Utilizzazione
Note
Coordinate geografiche
41°47′09″N 12°40′01″E / 41.785875, 12.666803 bandiera Lazio
Mappa di localizzazione New: Lazio
Abbazia di Santa Maria di Grottaferrata
Abbazia di Santa Maria di Grottaferrata
Roma
Roma
Patrimonio UNESCO.png Patrimonio dell'umanità
{{{nome}}}
{{{nomeInglese}}}
[[Immagine:{{{immagine}}}|240px]]
Tipologia {{{tipologia}}}
Criterio {{{criterio}}}
Pericolo Bene non in pericolo
Anno [[{{{anno}}}]]
Scheda UNESCO
[[Immagine:{{{linkMappa}}}|300px]]
[[:Categoria:Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}|Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}]]

L'Abbazia di Santa Maria di Grottaferrata (in latino, Abbatia Territorialis B. Mariae Cryptaeferratae), detta anche Abbazia di San Nilo, è un complesso monumentale che ospita un monastero basiliano, di rito bizantino, situato nel comune di Grottaferrata (Roma).

Il monastero è sede dell'abate ordinario dell'Abbazia territoriale di Grottaferrata ed al suo interno si trova la Cattedrale di Santa Maria.

Toponimo

L'antico toponimo di Cryptaferrata deriva secondo alcuni studiosi dal criptoportico della villa su cui è in parte costruita l'abbazia, mentre per altri dalla cella sepolcrale, successivamente trasformata in cappella cristiana che tuttora si vede nella navata destra della chiesa.

Storia

Origini e fondazione

L'abbazia fu fondata nel 1004 da un gruppo di monaci provenienti dalla Calabria bizantina - e quindi greci di origine e di rito - e guidati da san Nilo da Rossano (910 - 1004), sul sito di una grande villa romana,[1] dove le fonti agiografiche narrano che gli sia apparsa Maria Vergine e che gli venne donato dal conte Gregorio I di Tuscolo, feudatario del luogo.

San Nilo non vide compiuta l'abbazia, poiché morì nei pressi dell'antico borgo di Tusculo,[2] alcuni mesi dopo la fondazione del cenobio. I lavori terminarono, vent'anni dopo, sotto la guida del discepolo prediletto san Bartolomeo il giovane (981 - 1055), co-fondatore dell'abbazia. Nel 1024, il monastero era completato, ed il 17 dicembre dello stesso anno, il papa Giovanni XIX (1024 - 1032) consacrò solennemente la chiesa, dedicandola alla Madre di Dio.

La protezione della casata di Tuscolo continuò anche nei decenni successivi alla fondazione: i papi Benedetto VIII, Giovanni XIX e Benedetto IX, rispettivamente figli e nipote di Gregorio, fecero al monastero notevoli elargizioni, fra cui terreni, vigneti, mulini e chiese. Risale a questa epoca (1037), la prima menzione del termine Crypta ferrata, da cui deriva l'attuale toponimo Grottaferrata, riportato in documento pontificio.

Basso Medioevo

Nel XII secolo i beni e i possedimenti dell'Abbazia andarono aumentando e comprendevano chiese, grange (fattorie) e terreni. Proprio a causa della sua prosperità e per la sua posizione strategica alle porte di Roma, però, il monastero si trovò suo malgrado coinvolto nelle lotte feudali, subendo ripetutamente occupazioni e saccheggi da parte di vari eserciti.

Nel 1163, dopo l'invasione delle milizie di Federico Barbarossa, i monaci furono costretti a fuggire da Grottaferrata ed rifugiarsi a Subiaco. Poterono fare ritorno solo dopo il 1191, anno in cui il borgo di Tuscolo fu completamente distrutto. Seguì un periodo di tranquillità e di riorganizzazione del cenobio, durante il quale venne riportata (1230) nell'abbazia la preziosa icona della Madre di Dio.

Nel 1241, l'imperatore Federico II di Svevia (1194 - 1250) s'insedia nell'abbazia, saccheggiandola. Segue ancora un periodo di lotte per il Papato durante lo Scisma d'Occidente (1378 - 1417).

Periodo della commenda

Dal 1462, l'abbazia fu sottoposta alla commenda ed il primo abate commendatario fu il cardinale Basilio Bessarione (1408 ca. - 1472), colto umanista greco, grazie al quale il cenobio visse un periodo di tranquillità sia spirituale sia economica.

Il monastero era stato più volte saccheggiato ed occupato da vari eserciti: per risolvere questa situazione di fragilità dell'abbazia il cardinale Giuliano Della Rovere, futuro papa Giulio II, che l'aveva ricevuta in commenda dallo zio Sisto IV nel 1473, la fece cingere da possenti mura, che ancora oggi lo circondano.

Dal XVI secolo, l'abbazia vide aumentare il suo prestigio in particolare sotto il governo (commenda) di cardinali appartenenti alla grande aristocrazia romana vicina al potere pontificio, quali i Colonna, i Farnese e i Barberini.

Seguirono poi vari abati commendatari, come il cardinale Giovanni Antonio Guadagni (1738 - 1759), ed infine Ercole Consalvi (1800 - 1824), che subì nel 1807 la soppressione napoleonica degli ordini religiosi.

Abbazia di Santa Maria di Grottaferrata, complesso monastico

Ottocento e Novecento

Dopo la caduta di Napoleone ed il ripristino dello Stato pontificio, nel 1833 il papa Gregorio XVI inviò a governare l'abbazia, come visitatore apostolico, il cardinale Mario Mattei (1792 - 1870), il quale dette nuovo impulso alla vita cenobitica ed intraprese lavori di rinnovamento che alterarono notevolmente l'aspetto strutturale della chiesa. Il regime della visita apostolica verrà abolito solo il 10 settembre 1869.

Con la presa di Roma nel 1870 ed il conseguente passaggio dei poteri dallo Stato pontificio a quello italiano, l'abbazia venne incamerata dal Regio Demanio. Il Governo italiano, sollecitato da personalità autorevoli come l'archeologo Giovanni Battista De Rossi e l'abate di Montecassino Luigi Tosti, nel 1874 dichiarò il monastero monumento nazionale, salvaguardandone così l'integrità.

Il 26 settembre 1937 con la bolla Pervetustum Cryptaeferratae di papa Pio XI l'abbazia fu elevata a monastero esarchico (Abbatia nullius dioecesis), ossia immediatamente dipendente dalla Santa Sede e dunque non soggetta al vescovo locale.

Descrizione

Fortificazioni roveriane

Abbazia di Santa Maria, ricostruzione in 3D del complesso monastico

L'abate commendatario, il cardinale Giuliano Della Rovere, decise di provvedere l'abbazia di una valida difesa, costruendovi intorno massicce opere di fortificazione. Le opere di difesa, realizzate fra il 1445 e il 1516, probabilmente su progetto di Giuliano da Sangallo (1463 - 1534) e Baccio Pontelli (1450 - 1494), sono costituite essenzialmente da un imponente muro di cinta e da una rocca posta nell'angolo nord-est del Palazzo residenziale dell'abate commendatario. La rocca, alta oltre venti metri, è munita sul davanti di una torre semicircolare dell'altezza dei muraglioni, con l'evidente scopo di difendere da tiri bassi l'adiacente ingresso al castello.

La cinta muraria racchiude completamente il complesso monastico, sostanzialmente suddiviso in due spazi rettangolari: nel primo affacciano il palazzo abbaziale e la tipografia, nel secondo la Cattedrale di Santa Maria.

Ingresso e primo cortile

Abbazia di Santa Maria di Grottaferrata, complesso monastico (pianta)

Si passa un ponte (originariamente era levatoio), che attraversando il fossato collega la strada con il complesso monumentale e, lasciando a sinistra, un torrione rotondo, addossato ad un altro quadrato e più alto, si entra, per un portale di pietra con emblemi che richiamano il committente dell'opera (Giuliano della Rovere), in un primo cortile, dove affaccia il Palazzo del Commendatario (XV secolo), al centro del quale è collocata:

Cortile porticato

Dal primo cortile a sinistra, per un androne, si accede ad un altro porticato, definito dal sinistro della chiesa e dal Palazzo del Commendatario, che presenta una splendida loggia fatta costruire dal cardinale Alessandro Farnese (1520 - 1589), a nove slanciate arcate su colonne dagli eleganti capitelli rinascimentali, alcuni con stemma roveresco, decorata con dipinti murali raffiguranti:

  • Episodi della distruzione della città di Tuscolo (1569), affresco, attribuiti al pittore fiammingo Cornelis Loots.

Museo

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Museo dell'Abbazia di San Nilo a Grottaferrata.

Dal cortile porticato, si accede al Museo, allestito in alcuni ambienti al piano terra del dal Palazzo del Commendatario, che espone reperti archeologici, opere d'arte e suppellettile liturgica, provenienti dagli scavi delle catacombe e dalle ville romane del territorio, o legati alla storia del monastero.

Biblioteca

Si accede dallo stesso cortile, alla biblioteca, risalente probabilmente agli anni di fondazione dell'abbazia, che fu attiva per tutto il Medioevo nella produzione di codici pregiati. Essa custodisce 1098 manoscritti, 50 incunaboli, 40.000 volumi a stampa, 300 periodici, tra i quali si notano codici del XI secolo, testi liturgici di grande importanza per lo studio della musica bizantina ed una preziosa collezione di cinquecentine. Alla biblioteca è connessa una tipografia e dal 1931 un importante laboratorio di restauro del libro.

Sagrato della chiesa

Dal primo cortile, si accede al sagrato della chiesa, dove al centro si trova:

Nell'angolo orientale del sagrato, accanto alla chiesa, si erge il campanile romanico del XII secolo, a cinque ordini di trifore sostenute da colonnine marmoree con capitelli "a stampella".

Cattedrale

La Cattedrale di Santa Maria, consacrata il 17 dicembre 1024 da papa Giovanni XIX, fu quasi completamente trasformata nel 1754, in particolare all'interno con un rivestimento di stucco in stile barocco, che ha ricoperto i dipinti murali delle pareti ed inglobando le colonne romane nei pilastri.

La chiesa, restaurata tra il 1902 ed il 1930 e ripristinata nelle forme originarie, rimuovendo le sostruzioni neogotiche ottocentesche, presenta totalmente integra la struttura del 1004.

Esterno

La facciata a salienti è aperta da un grande rosone e da finestre in marmo traforato, e decorata da archetti ciechi ogivali e da cornici in laterizio, che proseguono sui lati della chiesa.

Cattedrale di Santa Maria di Grottaferrata

Il pronao (atrio colonnato), che poggia su quattro colonne in pietra e su due pilastri in mattoni, immette nel nartece, che presenta un pavimento a spina e il soffitto ligneo, dove sono conservate le opere più antiche della chiesa:

  • a sinistra, Fonte battesimale (X - XI secolo), in marmo: si presenta a forma di cista cilindrica poggiato su leoni alati con una decorazione simbolica a bassorilievo.
  • al centro, Porta d'ingresso, detta speciosa (ossia "bella"), presenta gli stipiti, decorati a bassorilievo, in marmo con intarsi di pietre e pasta vitrea, databili tra l'XI e XII secolo. In stile romanico con influssi bizantini, ha le ante in legno scolpito di dimensioni diverse, riadattate forse da un altro edificio. Al di sopra della porta è collocato:

Inoltre, sulle pareti laterali del nartece si trovano due dipinti murali, ad affresco, di ambito bizantino del XX secolo, raffiguranti:

Interno

L'interno settecentesco, a pianta basilicale con profonda abside, è suddivisa in tre navate da pilastri che inglobano le colonne marmoree della villa romana. L'edificio presenta:

Arco trionfale
Cattedrale (interno)

L'arco trionfale, che divide la navata centrale dal presbiterio, riservato ai monaci, presenta una decorazione articolata su due registri:

Ambito campano, Madonna con Gesù Bambino (seconda metà del XIII secolo), tempera su tavola
Presbiterio

Nel presbiterio, è collocato:

Dietro l'iconostasi si cela il Vima (santuario), dotato di altare quadrato, secondo il rito bizantino, è sormontato da un baldacchino da cui pende:

Nella chiesa si celebra con il rito bizantino, in lingua greca.

Crypta ferrata

Lungo la navata destra si apre la Crypta ferrata, una cappella ricavata da una cella sepolcrale romana a due camere, che la tradizione ritiene la tomba di Tulliola, figlia di Cicerone.

L'ambiente presenta muri perimetrali in opera quadrata e volte a crociera; per la presenza di finestre con doppia grata in ferro venne denominato Crypta ferrata, da cui secondo alcuni studiosi deriva il toponimo Grottaferrata; trasformata in oratorio cristiano nel V secolo, fu poi donata dai Conti di Tuscolo a san Nilo da Rossano.

Al complesso degli edifici della villa romana appartiene anche, perfettamente conservato, il criptoportico a due navate, separate da un muro ad archi, su cui poggia la parte sud-ovest del monastero. La struttura in opera reticolata e blocchetti parallelepipedi permettono di datarlo al alla fine dell'epoca repubblicana.

Cappella di San Nilo

Dalla navata destra si accede alla Cappella di San Nilo, che in origine era un piccolo oratorio, dedicato ai martiri Adriano e Natalia, ampliato nel 1131 per ospitare - sotto l'altare - le spoglie dei due Santi fondatori: questa è detta anche Cappella farnesiana per l'intervento del cardinale Odoardo Farnese, che né commissionò l'impianto decorativo:

Domenichino, Costruzione dell'abbazia di Grottaferrata (1608 - 1610), affresco

Criptoportico

Dal sagrato della chiesa si accede al criptoportico (perfettamente conservato) a due navate, separate da un muro ad archi, su cui poggia la parte sud-ovest del monastero. La struttura architettonica, in opera reticolata e blocchetti parallelepipedi che permettono di datarla alla fine dell'epoca repubblicana, appartiene al complesso degli edifici della villa romana preesistente.

Note
  1. Secondo una tradizione, non confermata dai documenti scritti e dai resti archeologici, la villa sarebbe la dimora tuscolana del celebre scrittore e filosofo romano Marco Tullio Cicerone (106 a.C. - 43 a.C.).
  2. Il centro urbano di Tusculum, fondato in epoca pre-romana e distrutto nel 1191, è situato nell'attuale territorio di Grottaferrata.
  3. Scheda dell'opera nel Catalogo della Fondazione "Federico Zeri"
  4. Ibidem
  5. Ibidem
  6. Ibidem
  7. Ibidem
  8. Ibidem
  9. Ibidem
  10. Ibidem
  11. Ibidem
Bibliografia
  • AA.VV., San Nilo 1004-2004. Il monastero italo-bizantino di Grottaferrata, Editore De Luca, Roma 2005
  • Annarena Ambrogi (a cura di), L'Abbazia di San Nilo a Grottaferrata. Il complesso monumentale e la raccolta archeologica, Editore Tored, Roma 2013 ISBN 9788888617428
  • Centro socio culturale di Grottaferrata (a cura di), Crypta Ferrata. Grottaferrata. Storia, cultura, tradizioni, Editore Avverbi, 2012
  • Filippo Coarelli, Dintorni di Roma, in "Guide archeologiche Laterza", Editore Laterza, Bari 1981, p. 114
  • Luigi Devoti, L'Abbazia di Santa Maria di Grottaferrata, dalla fine del Medioevo al XX secolo, Editore 8&9, Velletri 1997
  • Luigi Devoti, L'Abbazia di Santa Maria di Grottaferrata, nel millenario della fondazione, Editore Il Minotauro, Roma 2004 ISBN 9788880730743
  • Mario D'Onofrio, L'Abbazia greca di Grottaferrata, Editore De Luca, Roma 2007 ISBN 9788880166214
  • Gian Maria Grasselli, Pietro Tarallo, Guida ai Monasteri d'Italia, col. "Piemme Pocket", Editore Piemme, Casale Monferrato 1994, pp. 346 - 347 ISBN 9788838443558
  • Gruppo Archeologico Latino (a cura di), L'Abbazia greca di Grottaferrata, Editore De Luca, Roma 2008 ISBN 9788880167631
  • Touring Club Italiano (a cura di), Lazio, col. "Guide Rosse", Editore Touring, Milano 2005, pp. 786 - 787 ISBN 9770390107016
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.