San Tiziano di Oderzo

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
San Tiziano di Oderzo
Vescovo
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
Santo
{{{note}}}

S.TizianoOderzo.jpg

San Tiziano di Oderzo
{{{motto}}}
Titolo
{{{titolo}}}
Età alla morte circa 77 anni
Nascita Eraclea
555 ca.
Morte Oderzo
16 gennaio 632
Sepoltura Cattedrale di Santa Maria Assunta
Appartenenza Diocesi di Vittorio Veneto
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale [[{{{aO}}}]] da San Floriano di Oderzo
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile 620
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti Vescovo di Oderzo
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da Chiesa cattolica
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza 16 gennaio
Altre ricorrenze
Santuario principale Cattedrale di Santa Maria Assunta a Vittorio Veneto
Attributi mitria, baculo pastorale
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di Diocesi di Vittorio Veneto, Ceneda, Oderzo, Vittorio Veneto
Collegamenti esterni
Scheda su santiebeati.it
Scheda nel sito della diocesi o congregazione
Tutti-i-santi.jpgNel Martirologio Romano, 16 gennaio, n. 6:
« A Oderzo in Veneto, san Tiziano, vescovo. »

San Tiziano di Oderzo (Eraclea, 555 ca.; † Oderzo, 16 gennaio 632) è stato un vescovo italiano, venerato come santo dalla Chiesa cattolica.

Biografia

Nacque da una nobile famiglia di Eraclea, antica città posta nel litorale veneto, secondo la tradizione nell'anno 555. Ebbe come maestro Floriano, vescovo di Oderzo: da lui fu ordinato diacono, sacerdote e quindi economo diocesano.

Le sue attività caritatevoli lo resero noto nella regione, tanto che quando Floriano lasciò la propria cattedra vacante per andare a Ravenna (o a Pola) forse a causa del cosiddetto Scisma dei Tre Capitoli, Tiziano fu eletto suo successore a furor di popolo[1], pur avendo quest'ultimo cercato, inutilmente, di farlo tornare a casa.

Visse religiosamente e divenne noto per le sue predicazioni e per il suo netto rifiuto dell'Arianesimo, allora diffuso tra le popolazioni longobarde.

Sarcofago di san Tiziano di Oderzo; Vittorio Veneto, Cattedrale di Santa Maria Assunta

Morì a Oderzo, forse nel 632, il 16 gennaio e fu sepolto nella cattedrale della città, oggi non più esistente. Il corpo del santo oggi riposa nella Cattedrale di Santa Maria Assunta, nel quartiere di Ceneda, a Vittorio Veneto in un sarcofago di bronzo di stile neo-bizantino.

Il culto

Il culto di san Tiziano è comprovato sin dall'VIII secolo.

È il santo patrono della città di Vittorio Veneto, della Diocesi e della città di Oderzo. Si festeggia il 16 gennaio.

Leggenda di san Tiziano

Pomponio Amalteo, Il corpo di san Tiziano di Oderzo trainato dai buoi e trascinato dagli angeli contro corrente sul fiume Livenza (1534), tempera su tavola; Vittorio Veneto, Museo Diocesano d'Arte Sacra "Albino Luciani"

Nella cattedrale di Oderzo, secondo alcune leggende trasmesseci dalla tradizione religiosa, sarebbero avvenuti molti "miracoli" che ne fecero aumentare la venerazione come santo in tutta la regione.

Una leggenda nata sulla storia del trafugamento delle sue spoglie racconta che il corpo del santo sarebbe stato sottratto una notte dai suoi conterranei di Eraclea per portarlo nella loro città. Gli abitanti di Oderzo, venuti a sapere del furto, avrebbero rincorso gli eracleani con intenzioni ostili reclamando la restituzione delle spoglie. Un vecchio sarebbe riuscito a evitare la battaglia consigliando alle parti di depositare il corpo di Tiziano in una barca sul Livenza, lasciando alla volontà di Dio la scelta del luogo dove Tiziano avrebbe riposato. La barca, risalendo "miracolosamente" il fiume, si sarebbe fermata a Settimo, attuale Portobuffolè, alcuni chilometri a monte. I religiosi opitergini (abitanti di Oderzo) letta questa come una vittoria, avrebbero posto il corpo su un carro che però i buoi non sarebbero riusciti a smuovere.

Fu così che il vecchio sarebbe riapparso, consigliando tre giorni di preghiera e digiuno, al termine dei quali una vedova del luogo attaccò il carro alla sua mucca e al suo vitello, che si diressero nella chiesa di Ceneda, dove appunto il corpo del santo oggi riposa. Sul luogo verrà edificata in seguito l'attuale cattedrale.

La verità storica dice invece che il corpo fu spostato prima ad Eraclea, città di fondazione opitergina oggi scomparsa tra le paludi della laguna di Venezia, poi a Ceneda, nelle prealpi venete, dai Longobardi, in quanto la gloriosa Oderzo, continuamente saccheggiata dai barbari, non era più sicura.

Saranno gli stessi Longobardi, a opera di Grimoaldo, a radere definitivamente al suolo la città nel 667 circa. A Ceneda verrà trasferita nello stesso periodo anche la sede vescovile.

Nell'arte

Nell'iconografia tradizionale san Tiziano di Oderzo viene raffigurato in vesti episcopali con mitria e baculo pastorale. Fra le opere di maggior rilievo storico-artistico, che lo raffigurano, si ricorda:

Predecessore: Vescovo di Oderzo Successore: Stemma vescovo.png
Floriano Inizio VII sec.-632 Magno I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Floriano {{{data}}} Magno
Note
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.