Diocesi di Vittorio Veneto

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark

Diocesi di Vittorio Veneto
Dioecesis Victoriensis Venetorum
Chiesa latina

CattedraleCeneda.JPG
vescovo Corrado Pizziolo
Sede Vittorio Veneto

sede vacante
Vittorio Veneto

Amministratore apostolico {{{amministratore}}}
Nuvola apps important.svg
Ci sono degli errori relativi alla categorizzazione automatica dovuti al fatto che alcuni parametri non sono stati valorizzati!
  • Parametro: Parametro vescovo eletto senza parametro titolo eletto

Vedi {{Diocesi della chiesa cattolica/man}}

La voce è stata segnalata nella Categoria:Diocesi della chiesa cattolica/warning.

{{{vescovo eletto}}}
Suffraganea
Regione ecclesiastica Triveneto
225px-VittorioVeneto diocesi.png
Mappa della diocesi
Provincia italiana di Treviso
Collocazione geografica della diocesi
Nazione bandiera Italia
diocesi suffraganee
{{{suffraganee}}}
coadiutore
vicario
provicario
generale
ausiliari

Vescovi emeriti:

Alfredo Magarotto
Parrocchie 162 (12 vicariati )
Sacerdoti

267 di cui 211 secolari e 56 regolari
1.256 battezzati per sacerdote

65 religiosi 563 religiose 22 diaconi
364.870 abitanti in 1.420 km²
335.500 battezzati (91,9% del totale)
Eretta VI secolo
Rito romano
cattedrale {{{cattedrale}}}
Santi patroni San Tiziano
(16 gennaio)
Via Lorenzo Da Ponte 116, 31029 Vittorio Veneto, Treviso, Italia
tel. +3904389481 fax. 0438.948.222 @

Sito ufficiale

Dati dall'annuario pontificio 2011 riferiti al 2010 Scheda
Chiesa cattolica in Italia
Tutte le diocesi della Chiesa cattolica

La diocesi di Vittorio Veneto (in latino: Dioecesis Victoriensis Venetorum) è una sede della Chiesa cattolica suffraganea del patriarcato di Venezia e appartenente alla regione ecclesiastica Triveneto. Nel 2010 contava 335.500 battezzati su 364.870 abitanti. È attualmente retta dal vescovo Corrado Pizziolo.

Territorio

La diocesi comprende la parte meridionale della Valbelluna tra il Piave e Belluno, la provincia di Treviso ad est del Piave (anche se il confine, dopo le grave di Papadopoli, retrocede notevolmente rispetto al corso d'acqua), un lembo della provincia di Pordenone sino al Livenza e, infine, la parte della provincia di Venezia orientale compresa tra il Livenza e il canale Grassaga. Nel complesso si estende su 1420 km² delimitati ad est e ad ovest all'incirca dal corso dei fiumi Piave e Livenza.

Sede vescovile è la città di Vittorio Veneto, dove si trova la cattedrale di Santa Maria Assunta. Oltre a Vittorio, i centri maggiori della diocesi sono Conegliano, Oderzo e Sacile.

Il territorio è suddiviso in 162 parrocchie raggruppate in dodici foranie.

Foranie e parrocchie

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Parrocchie della Diocesi di Vittorio Veneto.

Storia

La diocesi si estende sulla maggior parte dell'antico territorio di Opitergium, l'attuale Oderzo: importante municipium romano, con l'avvento del Cristianesimo divenne sede vescovile. Dei cinque vescovi conosciuti di Oderzo tre sono venerati come santi: san Tiziano, san Magno e San Floriano. Il primo è l'attuale patrono della diocesi e si festeggia il 16 gennaio.

Tra il V e il VII secolo, con le invasioni barbariche, Oderzo fu più volte saccheggiata e distrutta. La sede vescovile venne allora trasferita ad Eraclea, importante centro della Laguna Veneta e sotto l'influenza bizantina. Ma i territori dell'entroterra, rimasti in mano longobarda, finirono per costituire una nuova diocesi con sede a Ceneda, emergente ducato longobardo.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi le voci Diocesi di Oderzo e Diocesi di Eraclea.

Nella seconda metà del X secolo, l'imperatore Ottone I investì il vescovo Sicardo del titolo di conte. Da questo momento, i vescovi esercitarono sul territorio anche il potere temporale; nel XIV secolo la loro influenza si estese anche sulla contea di Tarzo. Questa situazione, sebbene molto ridimensionata, rimase anche dopo la conquista della Serenissima, ma nel 1768 Venezia aboliva la contea vescovile e insediava a Ceneda un podestà.

Nel Medioevo alcune potenti famiglie locali tentarono, inutilmente, di trasferire la sede vescovile a Conegliano.

Alla fine del XIX secolo, per motivi storico-culturali, fu bocciata l'idea di unire la diocesi con quella vicina di Treviso.

Il 13 maggio 1939, in seguito alla fusione di Serravalle e Ceneda per la nascita del nuovo comune di Vittorio Veneto, la diocesi assunse l'attuale denominazione.

Tra il 1958 e il 1969 la cattedra vescovile è stata di Albino Luciani, che in seguito fu eletto papa con il nome di Giovanni Paolo I.

Cronotassi dei vescovi

[modifica]

Statistiche

La diocesi al termine dell'anno 2010 su una popolazione di 364.870 persone contava 335.500 battezzati, corrispondenti al 91,9% del totale.

Vescovi originari di questa diocesi

Missioni Fidei Donum

Personalità legate alla diocesi

Bibliografia
Voci correlate
Note
  1. Partecipa al Concilio di Trento.
  2. Ha battezzato e dato il proprio nome a Emanuele Conegliano, paroliere di Wolfgang Amadeus Mozart.
  3. Deceduto prima di prendere possesso della diocesi ligure.
Collegamenti esterni


Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.