Sant'Ezequiel Moreno y Díaz

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Sant'Ezequiel Moreno y Díaz, O.A.R.
Stemmaezequielmoreno.jpg
Vescovo
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
Santo

Ezequiel.jpg

{{{didascalia}}}
Fortitudo mea et refugium meum es tu
Titolo
Età alla morte 58 anni
Nascita Alfaro
9 aprile 1848
Morte Monteagudo
19 agosto 1906
Sepoltura
Appartenenza Ordine degli Agostiniani Recolletti
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale
Ordinazione presbiterale 3 giugno 1871
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile
Consacrazione vescovile 1° maggio 1894
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo
Elevazione a Patriarca
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti Vescovo di Pasto
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi

Iter verso la canonizzazione

Venerato da Chiesa cattolica
Venerabile il 1° febbraio 1975, da Paolo VI
Beatificazione 1° novembre 1975, da Paolo VI
Canonizzazione 11 ottobre 1992, da Giovanni Paolo II
Ricorrenza 19 agosto
Altre ricorrenze
Santuario principale
Attributi
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
Scheda su santiebeati.it
Tutti-i-santi.jpgNel Martirologio Romano, 19 agosto, n. 18:
« A Monteagudo nella Navarra in Spagna, anniversario della morte di sant'Ezechiele Moreno Díaz, vescovo di Pastopoli in Colombia, dell'Ordine degli Agostiniani Recolletti, che nelle Isole Filippine e in America Meridionale spese tutta la sua vita per annunciare il Vangelo. »

Sant'Ezequiel Moreno y Díaz (Alfaro, 9 aprile 1848; † Monteagudo, 19 agosto 1906) è stato un vescovo spagnolo appartenuto all'Ordine degli Agostiniani Recolletti.

Biografia

Formazione

Ezequiel Moreno nacque il 9 aprile 1848 ad Alfaro, nella diocesi di Calahorra e La Calzada, in Spagna.

Fu il terzogenito di una famiglia povera; suo padre, Félix, di professione sarto, e sua madre, Josefa Díaz, diedero ai loro figli una profonda educazione cristiana.

Seguendo l'esempio del fratello primogenito Eustachio, il 21 settembre 1864 vestì l'abito religioso nel convento degli Agostiniani Recolletti di Monteagudo prendendo il nome di fra Ezequiel della Vergine del Rosario. Un anno dopo, il 22 settembre 1865, emetteva la professione religiosa. Nel 1866 fu trasferito al convento di Marcilla, dove fece gli studi di teologia.

La missione nelle Filippine

Nel 1869 fu inviato con altri 17 confratelli nelle Isole Filippine. Il 10 febbraio 1870 arrivò a Manila dove, il 3 giugno 1871, fu ordinato sacerdote. Fu destinato subito all'isola di Mindoro[1] accanto a suo fratello Eustachio.

L'integrità della sua condotta, il suo amore per gli ammalati e il suo ardore per la diffusione del vangelo gli guadagnarono ben presto la stima dei superiori che nel 1872, appena ventiquattrenne, gli affidano il delicato ufficio di cappellano castrense di una spedizione del governo spagnolo alle isole di Palawan[2]. Lì mise subito a frutto il suo zelo apostolico nella colonia militare e i suoi aneliti missionari nelle sue perlustrazioni alla ricerca di popoli che non conoscevano Dio.

Colpito da forti febbri, si vide costretto a ritornare a Manila. Appena convalescente fu nominato parroco di Calapan e vicario provinciale degli agostiniani recolletti dell'isola di Mindoro. Dal 1876 al 1880 occupò le cariche di parroco de Las Pinas e di Santo Tomàs in Batangas e, dal 1880 al 1885, svolse gli uffici di predicatore del convento di Manila, parroco di Santa Cruz e amministratore di Imus.

Superiore di Monteagudo

Il capitolo provinciale del 1885 nominò fra Ezequiel priore del convento di Monteagudo, dove venivano formati i missionari dell'Ordine, rimanendo in Spagna tre anni.

Restauratore dell'Ordine in Colombia

Terminato il suo mandato di superiore del convento di Monteagudo, si offrì come volontario per restaurare l'Ordine in Colombia. Nominato capo di una spedizione, alla fine del 1888 partì dalla Spagna con altri sei religiosi volontari arrivando a Bogotà il 2 gennaio 1889. Il suo primo obiettivo fu di ristabilire l'osservanza religiosa nelle comunità e di riattivare le missioni di Casanare, dove gli Agostiniani recolletti della Colombia avevano insegnato il vangelo per moltissimi anni.

Visitò di persona il vasto territorio visitando a dorso di mulo i piccoli villaggi disseminati sia in pianura che in montagna.

Vicario Apostolico di Casanare e Vescovo di Pasto

Nel 1893 fra Ezequiel, famoso ormai per il suo zelo missionario e per le sue virtù, fu nominato vescovo titolare di Pinara e vicario apostolico di Casanare[3], venendo ordinato a maggio del 1894.

Il 2 dicembre 1895 fu nominato vescovo di Pasto.

La malattia e la morte

Nel 1905 fu affetto da un tumore maligno al naso. I medici lo incoraggiano a recarsi in Europa per farsi operare, ma lui si rifiutò perché non voleva abbandonare il suo gregge. Solo dopo l'insistenza da parte dei suoi fedeli e dei suoi sacerdoti, nel dicembre dello stesso anno tornò in Spagna per sottoporsi a diversi interventi chirurgici a Madrid.

Sapendo vicina la morte volle passare gli ultimi giorni della sua vita nel convento di Monteagudo. Morì il 19 agosto 1906. Fu sepolto ai piedi dell'altare della chiesa della Vergine del Cammino,; i suoi resti mortali riposano oggi in una bella cappella costruita appositamente entro il recinto della chiesa dopo la beatificazione.

Fama di santità e processo di canonizzazione

La fama di santità del Vescovo Ezequil si diffuse non solo dentro l'ordine degli Agostiniani recolletti, ma anche in diverse parti del mondo, specialmente in Colombia. Furono moltissime le guarigioni attribuite alla sua intercessione, specialmente da tumori maligni.

Fu beatificato da Paolo VI il 1° novembre 1975. Fu canonizzato nella città di Santo Domingo l'11 ottobre 1992 da Giovanni Paolo II, che volle presentarlo al mondo come esempio di pastore e di missionario nel V Centenario dell'evangelizzazione dell'America.

Genealogia episcopale e successione apostolica


Predecessore: Vicario Apostolico di Casanare Successore: Stemma vescovo.png
Alberto Giraldo Jaramillo 23 ottobre 1893-2 dicembre 1895 Oscar Urbina Ortega I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Alberto Giraldo Jaramillo {{{data}}} Oscar Urbina Ortega
Predecessore: Vescovo di Pasto Successore: Stemma vescovo.png
Manuel José Cayzedo y Martínez 2 dicembre 1895-19 agosto 1906 Adolfo Perea I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Manuel José Cayzedo y Martínez {{{data}}} Adolfo Perea
Note
  1. All'epoca parte dell'Arcidiocesi di Manila, oggi sotto la giurisdizione del Vicariato apostolico di San Jose in Mindoro e del Vicariato apostolico di Calapan.
  2. Oggi sotto la giurisdizione ecclesiastica del Vicariato apostolico di Taytay e del Vicariato apostolico di Puerto Princesa.
  3. Il Vicariato Apostolico di Casanare fu eretto il 17 luglio 1893 ricavandone il territorio dalla diocesi di Tunja. Fu soppresso il 29 ottobre 1999; il suo territorio per la maggior parte andò a costituire la diocesi di Yopal.
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.