Alberto Alberti

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Jump to navigation Jump to search
Alberto Alberti
Template-Cardinal (Bishop).svg
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

[[File:|250px]]

'
Titolo cardinalizio
Incarichi attuali
Età alla morte circa 59 anni
Nascita Firenze
1386 ca.
Morte Firenze
3 agosto 1445
Sepoltura Basilica di Santa Croce
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale in data sconosciuta
Ordinazione presbiterale [[{{{aO}}}]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo 4 marzo
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile 6 ottobre 1437 dal vescovo Paolo Alberti
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
18 dicembre 1439 da Eugenio IV (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Riammesso da da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Errore Lua in package.lua alla linea 80: module 'strict' not found.
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda
Invito all'ascolto
Firma autografa
[[File:{{{FirmaAutografa}}}|250px]]

Alberto Alberti (Firenze, 1386 ca.; † Firenze, 3 agosto 1445) è stato un vescovo e cardinale italiano.

Cenni biografici

Alberto nacque a Firenze nel 1386 da Giovanni di Cipriano e da Francesca di Bernardo de' Nobili.

A soli venti anni di età sostituì nella sua carica il padre, morto mentre era podestà di Perugia, ma decise ben presto di iniziare una carriera ecclesiastica. Giovanni XXIII lo chiamò a far parte della corte pontificia e in tale posizione lo mantenne anche Martino V, che lo nominò nel 1420 tesoriere pontificio in Bologna da poco tolta ai Bentivoglio. Rinaldo degli Albizzi,[1] lo accusò di aver violato i bandi comminati alla famiglia Alberti e ne confiscò i beni. Martino V protestò a lungo presso la signoria fiorentina, chiedendo la revoca del provvedimento, ma questa fu concessa solo nel 1425.

Attenuatasi l'asprezza della rivalità tra Alberti e Albizzi, all'Alberti fu conferito un canonicato nella metropolitana fiorentina e poco dopo fu nominato abate commendatanio di san Savino in Pisa e di Grottaferrata.

Eugenio IV lo richiamò in curia e nel 1434 lo nominò ambasciatore a Perugia, per trattarvi l'affare dei beni che il vescovo di quella città, padre Antonio Michelotti,[2] O.S.B. aveva devoluto alla Santa Sede. Nel marzo 1435 gli affidava il governo della stessa Perugia e quindi il mese seguente quello di Orvieto, inviandolo anche come ambasciatore presso Francesco Sforza, per discutere la pace fra lui e gli Orvietani.

Fu protonotario apostolico e governatore di Perugia.

Episcopato

Il 4 marzo 1437 fu nominato Amministratore apostolico della diocesi di Camerino e il 6 ottobre dello stesso anno venne consacrato vescovo a Perugia dal vescovo di Ascoli Piceno mons. Paolo Alberti[3], O.F.M.. Nella sua qualità di vescovo di Camerino prese parte ai lavori conciliari a Firenze, assecondando gli sforzi del pontefice per la riunione della Chiesa greca alla latina e intervenne in tal senso nelle trattative, giovandosi della conoscenza profonda del greco e latino. Si impegnò con zelo per l'unità della Chiesa nel Concilio di Firenze del 1439.

Cardinalato

Grato per il suo lavoro e per dimostrare ai Fiorentini la propria gratitudine per l'ospitalità offerta al concilio, Eugenio IV lo creò cardinale nel concistoro del 18 dicembre 1439 con il titolo di cardinale diacono di Sant'Eustachio. Ricevette il Titolo cardinalizio l'8 gennaio 1440.

Il 10 giugno 1440 fu inviato come legato nel Regno di Napoli a trattare la conclusione della pace fra Alfonso d'Aragona e Renato d'Angiò.

Tornato in Curia il 24 ottobre 1442, fu al fianco del Papa impegnato nel concilio. Il 4 ottobre 1444 fu nominato camerlengo del Collegio Cardinalizio.

Era uno dei cardinali che aveva in carica la causa di canonizzazione di Bernardino da Siena.

Morte

Morì il 3 o l'11 agosto 1445 nel monastero di Grottaferrata. Il suo cuore fu lasciato a Roma nella cappella sant'Ilario in Laterano, dove la lapide in sua memoria riporta la data del decesso al 3 agosto. Il corpo fu tumulato a Firenze in Santa Croce e qui la lapide in sua memoria ascrive la data del decesso all'11 agosto.

Genealogia episcopale

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Genealogia episcopale
  • Vescovo Paolo Alberti[4], O.F.M.
  • Cardinale Alberto Alberti

Successione degli incarichi

Predecessore: Governatore di Perugia e dell'Umbria Successore: Emblem Holy See.svg
Giordano Orsini
(legato apostolico)
1º gennaio 1435-18 dicembre 1439 Giovanni Maria Vitelleschi
(legato apostolico)
I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giordano Orsini
(legato apostolico)
{{{data}}} Giovanni Maria Vitelleschi
(legato apostolico)
Predecessore: Vescovo di Camerino Successore: BishopCoA PioM.svg
Pandolfo Almiano[5] 4 marzo 1437-11 agosto 1445 Battista Enrici[6] I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Pandolfo Almiano[5] {{{data}}} Battista Enrici[6]
Predecessore: Cardinale diacono di Sant'Eustachio Successore: CardinalCoA PioM.svg
Giacomo Isolani 8 gennaio 1439-3 agosto 1445 Giacomo di Coimbra I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giacomo Isolani {{{data}}} Giacomo di Coimbra
Predecessore: Camerlengo del Collegio Cardinalizio Successore: Emblem Holy See.svg
Giovanni Berardi di Tagliacozzo 4 ottobre 1444-3 agosto 1445 Pietro Barbo I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Giovanni Berardi di Tagliacozzo {{{data}}} Pietro Barbo
Note
  1. Arnaldo D'Addario, ALBIZZI, Rinaldo su treccani.it. URL consultato il 06-02-2021
  2. cfr. Bishop Antonio Michelotti, O.S.B. † su catholic-hierarchy.org. URL consultato il 20-06-2021
  3. cfr. Bishop Paolo Alberti, O.F.M. † su catholic-hierarchy.org. URL consultato il 20-06-2021
  4. cfr. Bishop Paolo Alberti, O.F.M. † su catholic-hierarchy.org. URL consultato il 20-06-2021
  5. cfr. Bishop Pandolfo Almiano su gcatholic.org. URL consultato il 20-06-2021
  6. cfr. Bishop Battista Enrici su gcatholic.org. URL consultato il 20-06-2021
Bibliografia