Ario

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Ario
Presbitero
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"

[[File:|250px]]

'
Titolo
{{{titolo}}}
Età alla morte 80 anni
Nascita 256
Morte 336
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale
Ordinazione presbiterale IV secolo
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Collegamenti esterni

Ario (256; † 336) è stato un eresiarca alessandrino, fondatore dell'arianesimo.

Biografia

Discepolo di Luciano di Antiochia, al tempo di Pietro di Alessandria aderì allo scisma meliziano. Intorno al 320, quando era Preposito generale alla chiesa di Baukalis cominciò a diffondere idee personali circa la Trinità. Ne seguirono polemiche e l'intervento del vescovo Alessandro che lo condannò in un pubblico dibattito. Più tardi la sua condanna fu sancita da un concilio di vescovi egiziani.

Ario allora si rifugiò presso Eusebio di Cesarea. Nel 325 l'imperatore Costantino convocò il concilio di Nicea I durante il quale i padri approvarono un simbolo di fede che introduceva il termine "consostanziale" per definire i rapporti tra il Figlio e il Padre e condannarono le tesi di Ario. Invano cercò di ottenere la riabilitazione, presentendosi anche a Costantino, ma senza ottenere nulla. Morì nel 336 senza essere stato reintegrato nella comunità.

Pensiero

Il documento più antico in cui Ario espone in modo semplice e radicale la sua dottrina è la breve lettera a Eusebio di Nicomedia. In essa afferma: " il figlio non è ingenerato né in alcun modo è parte dell'ingenerato, ma per volere e decisione del Padre è venuto all'esistenza prima dei tempi e dei secoli; prima di essere stato, sia creato, sia definito, sia fondato, non esisteva;".

Per Ario solo il Padre è ingenerato. Il Figlio è creato, ha un principio e deriva dal nulla. Ignorando la distinzione tra la generazione eterna del Figlio dal Padre, e la creazione nel tempo di tutte le cose, Ario pone il figlio dalla parte delle creature. Il Padre è la Monade assolutamente trascendente rispetto al figlio, il quale gli è inferiore. Anche se Ario chiama Cristo, Dio ,in realtà per lui è un Dio minore. L'unico è infatti il Padre e all'infuori di lui, non può esserci altro Dio nel vero senso dell'espressione. Ogni cosa che è fuori dal Padre è creata dal nulla ed è a lui subordinata. Quindi anche Cristo. Il figlio non è vero Dio e non coesiste con Lui nell'eternità. La natura del Figlio non procede da quella del Padre.

Opere

La sua produzione letteraria è andata in gran parte perduta. Restano soltanto: una professione di fede in forma di epistola diretta ad Alessandro di Alessandria; un'altra professione di fede diretta all'imperatore Costantino ed uno scritto, misto di prosa e di versi, dal titolo Θάλεια ossia "banchetto", di cui ci rimangono scarsi frammenti.

Bibliografia
  • Battista Mondin, Dizionario dei Teologi, Edizioni Studio Domenicano, Bologna 1991
  • Giacomo Canobbio, Piccolo lessico di teologia, Morcelliana, Brescia 1989
Voci correlate

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.