Chiesa dei Santi Marcellino e Pietro al Laterano (Roma)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Disambig-dark.svg
Nota di disambigua - Se stai cercando altri significati del nome Santi Marcellino e Pietro, vedi Santi Marcellino e Pietro (disambigua).
1leftarrow.png Voce principale: Chiese di Roma.
Chiesa dei Santi Marcellino e Pietro al Laterano
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO
Chiesa dei Santi Marcellino e Pietro al Laterano RomaJPG.JPG
Roma, Chiesa dei Santi Marcellino e Pietro al Laterano (1751)
Altre denominazioni
Stato bandiera Italia
Regione bandiera Lazio


Regione ecclesiastica Lazio

Provincia Roma
Comune Stemma Roma
Località
Diocesi Roma
Vicariatus Urbis
Religione Cattolica
Indirizzo Via Labicana, 1
00184 Roma (RM)
Telefono +39 06 97840635
Fax
Posta elettronica santimarcellinoepietroallaterano@diocesidiroma.it
Sito web

[http:// Sito ufficiale]

Sito web 2
Proprietà
Oggetto tipo Chiesa
Oggetto qualificazione parrocchiale
Dedicazione Santi Marcellino e Pietro
Vescovo
Fondatore papa Siricio
Data fondazione IV secolo
Architetto

Girolamo Theodoli (ricostruzione del XVIII secolo)

Stile architettonico Neoclassico
Inizio della costruzione 1751
Completamento
Distruzione
Soppressione
Ripristino {{{Ripristino}}}
Scomparsa {{{Scomparsa}}}
Data di inaugurazione {{{AnnoInaugur}}}
Inaugurato da {{{InauguratoDa}}}
Data di consacrazione
Consacrato da {{{ConsacratoDa}}}
Titolo Santi Marcellino e Pietro (titolo cardinalizio)
Strutture preesistenti
Pianta croce greca
Tecnica costruttiva
Materiali
Data della scoperta {{{Data scoperta}}}
Nome scopritore {{{Nome scopritore}}}
Datazione scavi {{{Datazione scavi}}}
Scavi condotti da {{{Scavi condotti da}}}
Altezza Massima
Larghezza Massima
Lunghezza Massima {{{LunghezzaMassima}}}
Profondità Massima
Diametro Massimo {{{DiametroMassimo}}}
Altezza Navata
Larghezza Navata
Altitudine {{{Altitudine}}}
Iscrizioni
Marcatura stemma di papa Benedetto XIV
Utilizzazione
Note
Coordinate geografiche
41°53′21″N 12°30′11″E / 41.889047, 12.503128 Stemma Roma
Mappa di localizzazione New: Roma
Chiesa dei Santi Marcellino e Pietro
Chiesa dei Santi Marcellino e Pietro
Basilica di S. Pietro
Basilica di S. Pietro
Basilica di S. Giovanni in Laterano
Basilica di S. Giovanni in Laterano
Patrimonio UNESCO.png Patrimonio dell'umanità
{{{nome}}}
{{{nomeInglese}}}
[[Immagine:{{{immagine}}}|240px]]
Tipologia {{{tipologia}}}
Criterio {{{criterio}}}
Pericolo Bene non in pericolo
Anno [[{{{anno}}}]]
Scheda UNESCO
[[Immagine:{{{linkMappa}}}|300px]]
[[:Categoria:Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}|Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}]]

La Chiesa dei Santi Marcellino e Pietro al Laterano è un edificio di culto di Roma, situato nel centro storico della città, nel rione Monti.

Storia

La prima chiesa fu costruita alla fine del IV secolo, durante il pontificato di Siricio (384 - 399), a breve distanza dalla Catacomba omonima posta sulla via Labicana (oggi via Casilina): l'annesso ospizio divenne un centro molto importante per l'accoglienza dei pellegrini che giungevano a Roma, che poi nel XV secolo fu trasferito a San Giovanni in Laterano come Ospedale del Salvatore.

L'edificio fu restaurato una prima volta nel 740 circa da papa Gregorio III (731 - 741) e nuovamente nel 1256 da Alessandro IV (1254 - 1261) per ospitarvi le reliquie dei santi Marcellino e Pietro,[1] e di santa Marzia: quest'ultima custodita in un'urna sotto la mensa dell'altare maggiore.

Dopo alcuni secoli, nel 1751 papa Benedetto XIV (1740 - 1758) fece ricostruire radicalmente l'edificio da Girolamo Theodoli (16771766).

Nel 1707 Clemente XI (1700 - 1721) aveva affidato la chiesa ai monaci maroniti del Libano, che la lasciarono nel 1763 alle monache carmelitane, le quali vi rimasero fino al 1906.

Le sistemazioni urbanistiche successive al 1870 hanno leggermente infossato l'edificio rispetto alla sede stradale di via Merulana e via Labicana.

La chiesa è sede parrocchiale, istituita dal papa Pio X il 24 ottobre 1906 con la costituzione apostolica Susceptum Deo inspirante e affidata al clero diocesano di Roma. È, inoltre, sede del titolo cardinalizio della Santi Marcellino e Pietro: l'attuale titolare è il cardinale Dominik Jaroslav Duka.

Il 15 ottobre 2011 la chiesa è stata fatta oggetto di atti vandalici da parte di alcuni anarchici che, nelle loro proteste contro le politiche economiche mondiali, hanno distrutto nella canonica della chiesa un Crocifisso e una statua della Madonna di Lourdes.[2]

Descrizione

Esterno

L'impianto architettonico della chiesa è costituito da un dado basamentale, scandito in facciata da grandi paraste ioniche e sormontato da timpano triangolare, mentre la cupola a gradoni di chiara ispirazione borrominiana ricorda quella di Sant'Ivo alla Sapienza. Lo stemma e l'iscrizione che corre sulla facciata ricordano la ricostruzione effettuata nel 1751 da papa Benedetto XIV.

Interno

L'interno, articolato da paraste ioniche, ha una pianta a croce greca, con presbiterio absidato e quattro cappelle angolari sormontati da coretti.

Di particolare interesse storico-artistico:

Galleria fotografica

Note
  1. Secondo alcune fonti, le reliquie dei santi Marcellino e Pietro nel 827 vennero inviate in Francia da papa Gregorio IV (827 - 844) e poi traslate nell'Abbazia di Seligenstadt sul Meno, in Germania, da Eginardo (775840), ministro e biografo di Carlo Magno.
  2. AA.VV., Terrore e devastazione in chiesa, in "Famiglia Cristiana", 15 ottobre 2011 su famigliacristiana.it
Bibliografia
  • Carlo Cecchelli, Edoardo Persico, SS. Marcellino e Pietro: la chiesa e la catacomba, col. "Le chiese di Roma illustrate", Armani, Roma, 1933
  • Claudio Rendina, Le Chiese di Roma. Storia e segreti, col. "Tradizioni italiane", Newton & Compton, Roma, 2017, p. 195, ISBN 9788854188358
  • Touring Club Italiano (a cura di), Roma, col. "Guide Rosse", Touring, Milano, 2005, p. 528, ISBN 9770390107016
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.