Monte degli Ulivi

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark

Coordinate: 31°46′35″N 35°14′37″E / 31.77639, 35.24361

Panorama di Gerusalemme dal Dominus flevit alle pendici del Monte degli Ulivi

Il Monte degli Ulivi (anche Monte Oliveto), è una collina situata ad est di Gerusalemme, dirimpetto alla Spianata del Tempio, diviso da esso dal fiume Kidron (in italiano Cedron) [1] .

È chiamato così per l'abbondanza di alberi d'ulivo di cui, in antichità, i suoi fianchi erano coperti.

Il cimitero ebraico sul Monte degli Ulivi e sullo sfondo la città di Gerusalemme.

Grafia

  • arabo:جبل الزيتون, الطور (Jebel ez-Zeitun, Jebel et-Tur, "Monte della Sommità")
  • ebraico: הר הזיתים (Har HaZeitim)

Riferimenti neo-testamentari

Il Monte degli Ulivi è il luogo in cui si sono verificati molti eventi biblici importanti.

Da Betfage (aramaico Bēt Pāgē), località presso Betania e verso il Monte degli Olivi, Gesù mandò a prendere l’asinello su cui entrò in Gerusalemme. Dalle pendici del Monte degli Ulivi Gesù vide la città santa e pianse su di essa.

Ai piedi del monte c'è il Getsemani (detto anche Orto degli Ulivi) dove, come narrano i vangeli, Gesù usava ritirarsi dopo i suoi soggiorni a Gerusalemme; e qui si ritirò anche prima della sua Passione. Da questo Monte Gesù ascese al cielo, secondo la narrazione di Luca (At. 1,9-12).

Alle pendici orientali del Monte degli Ulivi si colloca Betania, piccolo centro, a 5 km a Est di Gerusalemme, corrispondente all’attuale el-Āzariyye. Betania fu patria di Lazzaro, Marta e Maria, nonché di Simone il lebbroso che ospitò Gesù. Vi è stata ritrovata una basilica (4° sec.) che, distrutta da un terremoto (6° sec.), fu più tardi ricostruita dai Crociati.

Referenze archeologiche

Sul monte degli Ulivi sono le fondazioni della basilica dell’Eleona, eretta da sant’Elena e ripetutamente distrutta; vi sono tracce del tempio dell’Ascensione (376), poi ricostruito in forme più modeste; della basilica teodosiana del Getsemani e della Tomba della Vergine (5° e 12° sec.).

Nel libro di Zaccaria il Monte degli Ulivi è identificato come il luogo da cui Dio comincerà a far rinascere i morti alla fine dei secoli. Per questo motivo, gli ebrei hanno sempre cercato di essere sepolti sulle pendici della montagna. Dai periodi biblici ad oggi il monte è stato usato come cimitero per gli ebrei di Gerusalemme. Si valuta che vi siano circa 150.000 tombe.

I soldati romani si accamparono sul monte durante l'assedio di Gerusalemme del 70 durante la Prima guerra giudaica. Tale assedio portò alla distruzione della città ed in particolare del Secondo Tempio.

Veduta del Monte degli Ulivi

Luoghi importanti collocati sul Monte degli Ulivi

Note
  1. Chidron dal sito La Parola.Net
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.