Tiberiade

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Tiberiade
arabo: طبرية
ebraico: טְבֶרְיָה
Panorama di Tiberiade
{{{didascalia}}}
Stato: bandiera Israele
Abitanti 39,700[1]  (2007)
Coordinate geografiche
Coordinate: 32°47′23″N 35°31′29″E / 32.789722, 35.524722
Mappa di localizzazione New: Israele
Tiberiade
Tiberiade (Israele)
[www.tiberias.muni.il Sito istituzionale]

Tiberiade è una città della Galilea che conta 39.900 abitanti, che si trova sulla riva occidentale del Mar di Galilea, nel territorio riconosciuto internazionalmente ad Israele.

Grafia

Storia

Tiberiade venne costruita attorno all'anno 20 da Erode Antipa, figlio di Erode il Grande, sul sito del villaggio di Rakkat, con lo scopo di farne la capitale del Regno di Galilea. Il nome Tiberiade venne scelto per onorare l'imperatore romano Tiberio: la forma greca Τιβεριάς (Tiberiás) derivava dalla forma semitica, preservandone il genere femminile.

All'inizio, gli Ebrei non vollero popolare la città, in quanto la presenza di un cimitero la rendeva impura: Erode, allora, obbligò a trasferirvisi le popolazioni rurali della Galilea. Anche il sinedrio venne trasferito a Tiberiade. Dopo l'espulsione degli Ebrei da Gerusalemme, nel 135, Tiberiade e la vicina Sefforis divennero i maggiori centri di cultura ebraica: la Mishnah, che divenne poi il Talmud di Gerusalemme, potrebbe essere stato iniziata qui.

Nel 351-352 Tiberiade fu uno dei centri della rivolta ebraica contro Gallo, volta a rovesciare il dominio romano: la ribellione fu però soppressa nel sangue e Tiberiade dovette subire una devastazione.[2]

Nel 613 fu a Tiberiade che scoppiò la rivolta ebraica contro Eraclio, in sostegno degli invasori sasanidi. Sotto l'Impero bizantino e il dominio degli Arabi, la città declinò, devastata dalle guerre e dai terremoti. Malgrado ciò, una comunità masoterica fiorì a Tiberiade dall'inizio dell'VIII alla fine del X secolo: questi monaci crearono una forma scritta delle vocalizzazioni dell'antico ebraico, ancora oggi utilizzata nel Giudaismo e nota come ebraico tiberiense, raffinata da Aaron ben Moses ben Asher.

A seguito delle Crociate, Tiberiade divenne la città principale del Principato di Galilea, compreso nel Regno di Gerusalemme, tanto che si parla anche di "Principato di Tiberiade". Saladino assediò la città durante la sua invasione del Regno, nel 1187 e nell'ottobre dello stesso anno sconfisse l'esercito crociato nella Battaglia di Hattin, appena fuori la città. Fu dopo questo episodio che la città fu abbandonata e l'insediamento spostato più a nord, nell'area della città moderna.

Vista da Tiberiade verso nord, sul Mar di Galilea

Nel 1558 Doña Gracia, già marrana, affittò il sito da Solimano il Magnifico: restaurò le mura cittadine, costruì una yeshiva e incoraggiò gli ebrei europei che fuggivano all'Inquisizione ad abitare la città. Tiberiade fiorì per i seguenti cento anni, fu devastata ancora, ma ancora ripopolata, da giudei Chassidim.

Nel XVIII e XIX secolo Tiberiade assistette ad una notevole immigrazione di rabbini, che resero la città un centro di studi ebraici, una delle Quattro città sante, assieme a Gerusalemme, Hebron e Safad.

Tiberiade moderna

Oggi Tiberiade è la meta vacanziera preferita in Israele settentrionale.

Nell'ottobre del 2004, un gruppo di rabbini che affermavano di rappresentare diverse comunità israeliane celebrò un rituale a Tiberiade, affermando di aver ricostituito il Sinedrio.

Note
  1. Table 3 - Population of Localities Numbering Above 1,000 Residents and Other Rural Population su cbs.gov.il (PDF), Ufficio Centrale Israeliano di Statistica, 2008-06-30. URL consultato il 2008-10-18
  2. Girolamo, Chronica, 15-21; Teofane, AM 5843.
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.