San Frodoino

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
San Frodoino, O.S.B.
Religioso
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
Santo
Abate di Novalesa

[[File:|250px]]

{{{motto}}}
Titolo
Incarichi attuali
Età alla morte {{{età}}} anni
Nascita VIII secolo
Morte 10 maggio 816
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa VIII secolo
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale [[{{{aO}}}]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Riammesso da da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da Chiesa cattolica
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza 10 maggio
Altre ricorrenze
Santuario principale
Attributi
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
Scheda su santiebeati.it

San Frodoino (VIII secolo; † 10 maggio 816) è stato un monaco francese, ottavo abate di Novalesa.

Biografia

Infanzia e vocazione

Molto di quanto si conosce del monaco e della sua abbazia ci è arrivato attraverso un importante documento dell'XI secolo, il "Chronicon Novalicense", proveniente dallo scriptorium dell’abbazia di Novalesa.

Figlio di un nobiluomo franco, Magafredo, Frodoino entrò giovanissimo nell’abbazia benedettina, fondata pochi anni prima[1] all'imbocco della Val di Susa. Lì portò a termine la sua formazione culturale e religiosa e prese i voti.

Alla morte del suo predecessore Asinario, dopo il breve governo di Wilgarius, il 10 febbraio 773 fu eletto ottavo abate del monastero.

L’amicizia con Carlo Magno

Secondo il Chronicon Novalicense l’elezione fu spontanea ed unanime, ma di certo fu favorita dall'amicizia con Carlo Magno, allora re dei Franchi.

Già nel marzo del medesimo anno Frodoino si recò a Quierzy dal sovrano carolingio, che lo investì ufficialmente, assegnò privilegi ed immunità per l'abbazia e in data 25 marzo 773 concedette i proventi sui diritti di freda.

Nel settembre il quartier generale di Carlo Magno fu ospitato ed approvvigionato da Frodoino a Novalesa quando, chiamato in aiuto da Papa Adriano I, scese in Italia contro il re longobardo Desiderio.

Ancora il Chronicon Novalicense racconta che Carlo Magno, sconfitti i longobardi, nell'aprile del 774, sulla strada del ritorno, chiamò vicino a sè Frodoino al quale donò la curtis di Gabiano (Alessandria) e i domìni di Arva e Liana (diocesi di Maurienne).

La guida dell’Abbazia di Novalesa

Frodoino rese Novalesa un centro prestigioso e fecondo, sia sotto il profilo spirituale che culturale e politico.

In primo luogo, mise grande impegno nella difesa del patrimonio monastico, ricevendo donazioni come la villa di Olziate (attuale Oulx) lasciata da Hunno e la villa di Cumiana che fu ceduta all'abbazia da Teutcario pro anima nell'810; e ancora, l’intero territorio di Bardonecchia.

Le donazioni furono però anche motivo di numerose vertenze giudiziarie, in cui l’abbazia rimase coinvolta da chi pretendeva di opporsi: per esempio, la donazione di Oulx fu causa di una questione giudiziaria svoltasi in due processi – il secondo nell’827 - fra i servi della villa che pretendevano di essere affrancati e l’abbazia che ne uscì sempre vittoriosa.

In secondo luogo, Novalesa divenne anche un centro culturale e intellettuale, dove i giovani venivano avviati agli studi letterari: anche un figlio di Carlo Magno, Ugo, venne affidato alle cure dell'abate per divenire monaco (ed i seguito divenne lui stesso abate).

Frodoino diede notevole incremento agli studi; sotto di lui lavorò il monaco Atteperto, famoso copista di cui si conserva ancora un magnifico Evangeliario.

Inoltre, in quegli anni l'abbazia si arricchì anche delle preziose reliquie di San Valerico e di frammenti dei corpi dei Ss. Cosma e Damiano. Frodoino commissionò anche la realizzazione di una croce in oro, argento e pietre preziose, per conservare le reliquie del latte e dei capelli della Vergine e alcuni resti del santo prepuzio.

Frodoino iniziò anche lavori di ampliamento della chiesa, terminati poi dal suo successore.

Dopo quarantatré anni di governo, morì in fama di santità nell'816; è ricordato il 10 maggio.

Secondo il Chronicon Novalicense, dopo la morte i monaci commissionarono la stesura di una "Vita" al fine di incoraggiare il culto di Frodoino.

Note
  1. L’atto fondativo di Novalesa è il testamento di Abbone del 727.
Bibliografia
Voci correlate

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.