San Guglielmo da Vercelli

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
San Guglielmo da Vercelli, O.S.B.
Religioso
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
Santo
{{{note}}}

Montevergine MuAbb D.A.Vaccaro S.GugliemoMontevergine+lupo XVIII.jpg

Domenico Antonio Vaccaro, San Guglielmo di Montevergine e il lupo mansueto (XVIII secolo, olio su tela; Mercogliano, Museo Abbaziale di Montevergine
{{{motto}}}
Titolo
{{{titolo}}}
Età alla morte 57 anni
Nascita Vercelli
1085
Morte Goleto
25 giugno 1142
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[]]
Professione religiosa 1100 ca.
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale [[{{{aO}}}]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi

Iter verso la canonizzazione

Venerato da Chiesa cattolica
Venerabile il [[]]
Beatificazione [[]]
Canonizzazione 1785, da Pio VI
Ricorrenza 25 giugno
Altre ricorrenze
Santuario principale Montevergine
Attributi baculo pastorale
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di Irpinia
Collegamenti esterni
Scheda su santiebeati.it
Tutti-i-santi.jpgNel Martirologio Romano, 25 giugno, n. 9:
« A Goleto presso Nusco in Campania, san Guglielmo, abate, che, pellegrino dalla città di Vercelli, fattosi povero per amore di Cristo, fondò su invito di san Giovanni da Matera il monastero di Montevergine, in cui accolse con sé dei compagni che istruì nella sua profonda dottrina spirituale, e aprì molti altri monasteri sia di monaci sia di monache nelle regioni dell'Italia meridionale. »

San Guglielmo da Vercelli detto anche Guglielmo da Montevergine (Vercelli, 1085; † Goleto, 25 giugno 1142) è stato un abate, eremita e fondatore italiano di monasteri; è venerato come santo dalla Chiesa cattolica.

Biografia

Bernardino Zenale, San Michele arcangelo con san Guglielmo di Montevergine e monaco cistercense (1490 ca.)

Di nobile famiglia, dopo molti pellegrinaggi si ritirò a vita eremitica sui monti dell'Irpinia, nei pressi di Avellino.

Tra il 1118 ed il 1124 gli sarebbe apparsa la Madonna, che gli avrebbe chiesto l'erezione del Santuario di Montevergine. Nel 1119 fondò il monastero degli eremiti di Montevergine, da cui ebbe origine la congregazione Verginiana dell'Ordine di San Benedetto (unita nel 1879 a quella Cassinese).

Nel 1128 affidò la comunità al monaco Alberto e si trasferì in Lucania sul monte Cognato, dove fondò un nuovo cenobio quando la comunità fu sufficientemente autonoma, andò a vivere a Goleto, ancora nell'Avellinese. Qui per un anno visse nel cavo di un gigantesco albero per poi riunire attorno a se una nuova comunità religiosa che formò uno monastero doppio: uno di monaci e uno di monache, ognuno con propria sede e propria chiesa. In seguito vondò altri monasteri in Irpinia e in Puglia, come ci è riferito nella sua prima biografia del XII secolo.

Si spense nel monastero di San Salvatore, oggi San Guglielmo al Goleto, nel territorio di Sant'Angelo dei Lombardi il 25 giugno del 1145.

Culto

Guglielmo fu sepolto nel monastero del Goleto, e nelle sue comunità fu subito venerato come santo. Alcuni vescovi autorizzano anche il culto pubblico, che sarà poi esteso a tutta la Chiesa nel 1785. Il suo corpo verrà traslato nel 1807 dal Goleto a Montevergine, dove si trova tuttora. E lo stesso monastero, per tutta la durata della seconda guerra mondiale, sarà il rifugio segreto e sicuro della Santa Sindone di Torino

Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.