San Luigi Orione

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
San Luigi Orione, F.D.P.
Presbitero
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo
Santo
Fondatore della Piccola Opera della Divina Provvidenza

Cara Don Orione.jpg

{{{motto}}}
Titolo
{{{titolo}}}
Età alla morte 67 anni
Nascita Pontecurone
23 giugno 1872
Morte Sanremo
12 marzo 1940
Sepoltura Santuario della Madonna della Guardia, Tortona.
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale 13 aprile 1895
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi

Iter verso la canonizzazione

Venerato da Chiesa cattolica
Venerabile il [[]]
Beatificazione 26 ottobre 1980, da Giovanni Paolo II
Canonizzazione 16 maggio 2004, da Giovanni Paolo II
Ricorrenza 12 marzo
Altre ricorrenze 16 maggio (Piccola Opera della Divina Provvidenza) e Rito Ambrosiano
Santuario principale Santuario di Nostra Signora della Guardia (Tortona)
Attributi
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di
Collegamenti esterni
Scheda su santiebeati.it
Scheda nel sito della diocesi o congregazione
Tutti-i-santi.jpgNel Martirologio Romano, 12 marzo, n. 14 (nel Rito Ambrosiano il 16 maggio):
« A Sanremo in Liguria, san Luigi Orione, sacerdote, fondatore della Piccola Opera della Divina Provvidenza per il bene dei giovani e di tutti gli emarginati. »

San Luigi Orione (Pontecurone, 23 giugno 1872; † Sanremo, 12 marzo 1940) è stato un presbitero e fondatore italiano della Piccola Opera della Divina Provvidenza.

Biografia

La formazione e l'incontro con don Bosco

Il 14 settembre 1885 entrò tra i Francescani di Voghera, ma nel giugno del 1886 ne venne dimesso a causa di una grave malattia per la quale rischiò la morte. Il 4 ottobre 1886 divenne allievo nell'Oratorio di Valdocco a Torino, dove rimase tre anni. Venne notato da san Giovanni Bosco che lo annoverò tra i suoi prediletti. Il 16 ottobre 1889 entrò nel seminario di Tortona, dove gli venne anche affidato il compito di custodire in Duomo. Il 2 marzo 1892 iniziò l'apostolato per la gioventù. Il 3 luglio dello stesso anno inaugurò l'Oratorio san Luigi. A ventun anni, il 15 ottobre 1893, aprì un collegio nel rione san Bernardino di Tortona.

Zelante sacerdote

Fu ordinato sacerdote il 13 aprile 1895.

A partire dal 1899 cominciò a raccogliere intorno a sé un primo gruppo di sacerdoti e chierici che andranno a costituire la Piccola Opera della Divina Provvidenza, approvata dal vescovo diocesano nel 1903. Fervido ammiratore del beato Antonio Rosmini, le prime Costituzioni manoscritte dell'Opera, del 1904, "ricalcano e meglio sarebbe dire copiano la Regola dell'Istituto della Carità fondato dal Rosmini e approvata nel 1839"[1]. Accanto a questa opera volle anche costituire un ramo di religiosi contemplativi, chiamati gli Eremiti della Divina Provvidenza: con la vestizione dei primi tre eremiti, a Stazzano, il 30 luglio 1899, Don Orione diede avvio alla famiglia degli Eremiti.

Nel 1908 si recò a Messina e Reggio Calabria devastate dal terremoto per partecipare agli aiuti; lì si dedicò per tre anni soprattutto alla cura degli orfani. In particolare, a Reggio Calabria contribuì alla nascita del santuario di sant'Antonio. Aiutò in egual modo i terremotati della Marsica nel 1915. Nello stesso anno fondò la Congregazione delle Piccole Suore Missionarie della Carità.

Nel frattempo, nel 1909, era riuscito a portare i conforti della religione cattolica all'ex Presidente del Consiglio Alessandro Fortis, raggiungendolo travestito da infermiere, in quanto Fortis era un notorio massone[2].

Al termine della prima guerra mondiale cominciò la fase di espansione dell'opera orionina: fondazione di collegi, di colonie agricole e di opere caritative e assistenziali sia in Italia (Milano, Genova, Roma) sia nel mondo (Buenos Aires, San Paolo del Brasile, Santiago del Cile). Inviò missionari in Brasile (1913), Argentina e Uruguay (1921), in Palestina (1921), in Polonia (1923), a Rodi (1925), negli Stati Uniti d'America (1934), in Inghilterra (1935), in Albania (1936). Egli stesso, nel 1921-22 e nel 1934-37, si recò in visita missionaria nell'America Latina, in Argentina, Brasile, Cile, Uruguay.

Fondò inoltre il santuario di Nostra Signora della Guardia a Tortona, in provincia di Alessandria (1931) e quello della Madonna di Caravaggio a Fumo di Corvino San Quirico, presso Pavia (1938).

Il miracolo per la canonizzazione

Per la canonizzazione del beato Luigi Orione, la Chiesa cattolica ha ritenuto miracolosa la guarigione di Pierino Penacca, guarito nel 1991 da un tumore maligno.

Nel 1990 Pietro Penacca, di 78 anni, abitante a Momperone, in provincia di Alessandria, fu ricoverato all'Ospedale San Raffaele di Milano, dove gli fu diagnosticato un carcinoma ai polmoni. I medici dissero che, a causa dell'età avanzata, non erano consigliabili né un intervento chirurgico né la chemioterapia. I familiari, ai primi di gennaio del 1991, si rivolsero all'intercessione di don Orione e il malato, nel giro di una settimana, guarì completamente. Dopo la guarigione, Penacca è vissuto per altri dodici anni, lavorando nei campi e come falegname. È morto di vecchiaia nel 2001.

Il caso, dopo il processo diocesano, durato dal 4 gennaio al 12 marzo 1999, fu sottoposto alla Congregazione per le Cause dei Santi che, il 7 luglio 2003, promulgò il decreto sul miracolo, dichiarando l'inspiegabilità della guarigione, rapida, completa e duratura.[3]

Opere di don Orione

Don Orione non pubblicò alcun libro in vita, ma scrisse moltissimo, e alcune raccolte di suoi appunti, lettere, e scritti vari sono state pubblicate postume:

Note
  1. Flavio Peloso, Rosmini Antonio, beato: si realizza una previsione e un augurio di Don Orione, [online
  2. I sacramenti "in articulo mortis" ad Alessandro Fortis
  3. Dal sito ufficiale della Piccola Opera della Divina Provvidenza
Bibliografia
  • AA.VV., San Luigi Orione: da Tortona al mondo. Atti del Convegno di studi (Tortona, 14-16 marzo 2003), Edizioni Vita e Pensiero, 2004;
  • Flavio Peloso, Don Luigi Orione e padre Pio nel decennio della tormenta: 1923-1933. Fatti e documenti, Jaca Book, 1999.
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.