Beato Antonio Rosmini

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
(Reindirizzamento da Antonio Rosmini)
Disambig-dark.svg
Nota di disambigua - Se stai cercando altri significati del nome Sant'Antonio, vedi Sant'Antonio (disambigua).
Beato Antonio Rosmini, I.C.
Presbitero
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
Beato

Rosmini-Hayez03 2.jpg

Francesco Hayez, Ritratto del beato Antonio Rosmini (metà del XIX secolo), olio su tela
{{{motto}}}
Titolo
{{{titolo}}}
Età alla morte 58 anni
Nascita Rovereto
24 marzo 1797
Morte Stresa
1° luglio 1855
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale
Ordinazione presbiterale Chiesa della SS. Trinità (Chioggia), 21 aprile 1821
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Immagini
Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi

Iter verso la canonizzazione

Venerato da Chiesa cattolica
Venerabile il [[]]
Beatificazione 18 novembre 2007, da Benedetto XVI
Canonizzazione [[]]
Ricorrenza 1 luglio
Altre ricorrenze
Santuario principale
Attributi
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di
Collegamenti esterni
Scheda su santiebeati.it
Virgolette aperte.png
Il Rosmini è una delle sei o sette intelligenze che più onorano l'umanità.
Virgolette chiuse.png

Beato Antonio Rosmini (Rovereto, 24 marzo 1797; † Stresa, 1° luglio 1855) è stato un presbitero e filosofo italiano, fondatore dell'Istituto della Carità e delle Suore della Provvidenza Rosminiane. È stato un profondo pensatore ("una delle sei, sette grandi intelligenze dell'umanità" secondo Alessandro Manzoni), autore di numerose opere,[1] ed una delle figure cattoliche più rappresentative del Risorgimento italiano.

Biografia

Studi e sacerdozio

Rovereto faceva parte, dal 1509, dell'Impero austro-ungarico. La famiglia era di alta condizione: il padre, Pier Modesto, era patrizio del Sacro Romano Impero, la madre Giovanna dei conti Formenti di Biascesa sul Garda.

Compì i primi studi dal 1804 al 1814. Dopo due anni di studi privati di filosofia, matematica e fisica (1814-1816), Antonio sostenne gli esami finali nel liceo imperiale ottenendo in tutte le materie la qualifica di "eminenza" e un giudizio che lo dice "dotato di acutissimo ingegno".

A diciannove anni si iscrisse a Padova alla facoltà di teologia di quella Università, facendovi conoscenza con Niccolò Tommaseo, a cui lo legherà sempre una profonda amicizia. Si laureerà il 23 giugno 1822. Negli anni vissuti a Padova concepì anche il progetto di una Enciclopedia cristiana italiana, come risposta cattolica alla Encyclopédie di Diderot e d'Alembert che voleva dimostrare l'inutilità di Dio come spiegazione della storia guidata dalla ragione. Nell'opera, Rosmini avrebbe voluto dimostrare il contrario: la ragione non cancella Dio, ma porta l'uomo a riconoscerne il primato nella storia.

Nel 1818 ricevette la tonsura e gli ordini minori per avviarsi al presbiterato a cui si sentiva chiamato fin dagli anni più verdi.

Tornato a Rovereto nel 1819 per prepararsi al sacerdozio, ricevette a Chioggia nella Chiesa della SS. Trinità l'ordinazione il 21 aprile 1821 e gli fu assegnato l'incarico di vicario parrocchiale a Lizzana.

Aveva redatto per sé due principi di vita spirituale:

« 1° pensare seriamente ad emendare me stesso dai miei vizi e a purificare l'anima mia dall'iniquità di cui è gravata fin dal nascere, senza andare in cerca d'altre occupazioni od opere a favore del prossimo, trovandomi nell'assoluta impotenza di fare da me stesso cosa alcuna in suo vantaggio; 2° non rifiutare i servizi di carità verso il prossimo quando la divina Provvidenza me li offrisse e presentasse, essendo Iddio potente di servirsi di chiunque, e anche di me, per le sue opere, e in tal caso conservare una perfetta indifferenza a tutte le opere di carità facendo quella che mi è proposta con egual fervore come qualunque altra in quanto alla mia libera volontà »

Il primo viaggio a Roma

Nell'aprile 1823 il patriarca di Venezia Ladislao Pyrcher lo volle con sé in un soggiorno a Roma. L'incontro con l'anziano Pio VII segnò notevolmente il giovane Rosmini, dal momento che il papa lo incoraggiò non solo a continuare gli studi di filosofia, ma a dedicarsi all'apostolato della cultura.

Nel 1826 si stabilì a Milano, dove frequentò, tra le altre, la casa di Alessandro Manzoni, avendo l'occasione di leggere in bozze I Promessi Sposi. L'amicizia con Manzoni sarà un altro significativo legame per Rosmini: un tipico esempio di amicizia complementare.

Manzoni era attratto dalla filosofia; Rosmini con il Manzoni si sforzò di coltivare la sua vena poetica.

Al grande poeta e romanziere lombardo piaceva l'ideale di prete e di uomo che vedeva incarnato nel roveretano.

Esule dall'Impero austriaco per l'amore manifestato all'Italia, Rosmini lasciò Milano e si stabilì nel Piemonte sabaudo, vi fu ben accolto.

Il mercoledì delle ceneri del 1828 iniziò la Quaresima in solitudine al Sacro Monte Calvario di Domodossola. Nell'arco di due mesi scrisse le Costituzioni dell'Istituto della Carità, la Congregazione religiosa che avrebbe fondato e di cui già aveva in mente l'impostazione spirituale ed il campo di attività apostolica. Fonderà poco dopo anche le Suore della Provvidenza Rosminiane.

L'incontro con Pio VIII

Il 15 maggio 1829 l'amico cardinale Mauro Cappellari - il futuro Gregorio XVI - gli procurò un'udienza di cui Rosmini conserverà perenne ricordo: il nuovo papa Pio VIII lo ricevette e lo confermò nella sua duplice missione di pensatore ("Si ricordi, Ella deve attendere a scrivere libri, e non occuparsi degli affari della vita attiva; ella maneggia assai bene la logica e noi abbiamo bisogno di scrittori che sappiano farsi temere") e di fondatore ("se Ella pensa di cominciare con una piccola cosa e lasciar fare tutto il resto al Signore, noi approviamo").

Pubblicò a Roma, l'anno seguente, le Massime di perfezione cristiana, un libretto a cui Rosmini rimarrà affezionato fino alla morte: sei proposizioni costituiscono questo "manuale del cosa fare per vivere felici in un mondo felice"; sono i principi a cui Antonio Rosmini ispirò tutto il suo operare:

  1. Santità: desiderare unicamente ed infinitamente di piacere a Dio, cioè di essere giusto;
  2. Chiesa: rivolgere tutti i propri pensieri ed azioni all'incremento e alla Gloria della Chiesa di Gesù Cristo;
  3. Vocazione: rimanersi in perfetta tranquillità circa tutto ciò che avviene per la divina disposizione - non solo riguardo a sé, ma anche alla Chiesa di Cristo, operando a pro di essa dietro la divina chiamata;
  4. Provvidenza: abbandonarsi totalmente alla divina Provvidenza;
  5. Umiltà: riconoscere intimamente il proprio nulla;
  6. Discernimento: disporre tutte le occupazioni della propria vita con spirito di intelligenza.

L'opera Delle Cinque Piaghe della Santa Chiesa

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Delle Cinque Piaghe della Santa Chiesa.

Ritornato al Calvario di Domodossola, concluse nel 1832 Delle Cinque Piaghe della Santa Chiesa, l'opera più famosa, che sarà pubblicata a Lugano solo nel 1848, senza il nome dell'autore, dopo l'elezione di Pio IX al soglio pontificio: una disamina dei mali che affliggevano la Chiesa cattolica già nella prima metà di quel secolo.

Nel 1837, su richiesta di papa Gregorio XVI, aveva inviato a Roma le Costituzioni dell'Istituto della Carità, che saranno approvate con il Breve "In sublimi".

Dal 1839 si stabilì a Stresa e continuò la pubblicazione di opere che diverranno oggetto - particolarmente il Trattato della coscienza morale (1841) - di accuse e dissapori. Ha inizio così quella che presso gli storici va sotto il nome di "Questione rosminiana". Fra gli avversari emergono alcuni gesuiti, a capo dei quali troviamo il Preposito generale della Compagnia, l’austero asceta olandese Gerhard Roothan.

Il Risorgimento

Nel 1848, durante la prima guerra d'Indipendenza, il re Carlo Alberto di Savoia affida a Rosmini una missione diplomatica presso Pio IX in vista di un concordato tra la Chiesa e il Piemonte.

Rosmini, che condivideva il movimento di liberazione nazionale, individuava nel federalismo il miglior modello possibile per un Paese composito come l'Italia. Il Papa accolse Rosmini con affetto e stima, e sei giorni dopo gli preannunciava addirittura il cappello cardinalizio, con l'intenzione di nominarlo Segretario di Stato. Ma nell'autunno cominciarono a scatenarsi intorno al Rosmini invidie personali, diffidenze sulle sue idee politiche, e dubbi sull'ortodossia delle sue ultime pubblicazioni.

Nel novembre il domenicano Giacinto De Ferrari consegnava in Curia le severe conclusioni del proprio esame sul libro le Cinque Piaghe; analogo, anche se più moderato, il giudizio di mons. Giovanni Corboli-Bussi sulla Costituzione civile secondo la giustizia sociale.

Pio IX, a seguito dell'avvento della Repubblica Romana, fu costretto a lasciare Roma per rifugiarsi a Gaeta. Rosmini lo seguì, ma anche qui il partito politicamente intransigente e a lui avverso, capeggiato dal cardinale Giacomo Antonelli, Segretario di Stato, si rafforzò.

Pio IX continuò a dimostrarsi ben disposto verso il roveretano, rendendosi conto della atmosfera di insincerità in cui si trovava immerso, ma presto giunse anch'egli a cambiare parere. Mentre Rosmini si trovava a Napoli, nel 1849, gli avversari gli inflissero il colpo mortale: le Cinque Piaghe e la Costituzione civile secondo la giustizia sociale vennero messe all'Indice.

La questione rosminiana

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Questione rosminiana.

Rosmini, figlio devoto della Chiesa, immediatamente dichiarò la propria sottomissione e, prima di rientrare in Piemonte, scrisse un testo di alta spiritualità, l'Introduzione del Vangelo secondo San Giovanni commentata.

Gli avversari ripartirono all'attacco e indussero Pio IX a sottoporre a lungo esame tutte le opere del Rosmini. Il 26 aprile 1854 la Commissione dichiarò che nulla c'era da censurare, ed il 3 luglio il decreto fu di assoluzione piena. "Sia lodato Iddio che manda, di quando in quando, di questi uomini per la Chiesa", affermò Pio IX. Ma le polemiche non si placarono: si veda, ad esempio, il contrasto fra il gesuita Giuseppe Maria Cornoldi, che attaccava Rosmini, e Pietro De Nardi, che lo difendeva.

Santuario del SS. Crocifisso a Stresa

Sulla sua santità personale non ci sono stati mai dubbi da parte della Chiesa, pesò grandemente, sul corso della sua Causa di Beatificazione, un ulteriore giudizio espresso dal Sant'Uffizio: giudicò erronee 40 proposizioni tratte dalle opere di Rosmini e con il decreto Post obitum (del 1887, pubblicato soltanto il 7 luglio 1888) le condannò. Solo il 1 luglio 2001 - fu resa pubblica la "Nota" della Congregazione per la Dottrina della Fede, a firma dall'allora Prefetto Cardinale Joseph Ratzinger, che riabilitava queste quaranta proposizioni.

La beatificazione

Il 26 giugno 2006 Papa Benedetto XVI autorizzò la Congregazione delle Cause dei Santi a promulgare il decreto sull'esercizio eroico delle virtù testimoniate da Antonio Rosmini, e conferendogli il titolo di venerabile. Il 1 giugno 2007 fu pubblicato il decreto sul miracolo attribuito all'intercessione del venerabile.

Il 18 novembre 2007 la Chiesa ha beatificato il grande roveretano a Novara, con una solenne concelebrazione presieduta dal cardinale José Saraiva Martins[2].

Le sue spoglie riposano nel santuario del SS. Crocifisso dei Rosminiani a Stresa.

Fortuna del pensiero

Fra i suoi primi seguaci, dal punto di vista intellettuale, va ricordato il filosofo Pietro De Nardi, che ne difese il pensiero e l'ortodossia contro le critiche di varia provenienza.

Note
  1. L'edizione completa delle opere di Antonio Rosmini è curata da Città Nuova Editrice.
  2. Omelida del card. José Saraiva Martins. Santa Sede
Bibliografia
  • Michele Federico Sciacca, La filosofia morale di Antonio Rosmini, Bocca, Milano, 1955.
  • Michele Federico Sciacca, Interpretazioni rosminiane, Marzorati, Milano, 1958.
  • Clemente Riva, Il problema dell'origine dell'anima intellettiva secondo Antonio Rosmini, Domodossola, Edizioni Rosminiane Sodalitas, 1956
  • Ferruccio Bravi, I Rosmini di Bolzano, Bolzano (Centro di documentazione storica per l'Alto Adige) 1983. 20.
  • Clemente Riva, La missione diplomatica di Rosmini a Roma nel 1848-49, Roma, Cossidente, 1966
  • Clemente Riva, Attualità di A. Rosmini, Roma, Ed.Studium, 1970
  • Italo Scotucci, La creazione in Rosmini, (premessa di Clemente Riva), Roma, Ed. Studium, 1972
  • Alfeo Valle, Momenti e valori della spiritualità rosminiana, Roma, Città Nuova editrice, 1978.
  • Giorgio Campanini, Antonio Rosmini - Il fine della Società e dello Stato, Roma, Edizioni Studium, 1988
  • Giovanni Pusineri, Rosmini (Edizione riveduta ed aggiornta da Remo Bessero Belti), Stresa, Edizioni Rosminiane Sodalitas, 1989.
  • Michele Dossi, Profilo filosofico di Antonio Rosmini, Brescia, Morcelliana, 1998, ISBN 88-372-1687-4.
  • Alfeo Valle, Antonio Rosmini. Il carisma del fondatore, Rovereto, Longo Editore, 1991
  • Fulvio De Giorgi, La scienza del cuore. Spiritualità e cultura religiosa in Antonio Rosmini, Bologna, Il Mulino, 1995.
  • Alberto Petrolli, Rosmini prete filosofo. Saggi scelti, pp. 388, ill. Ediz. Petrolli, Rovereto (Tn), apr. 1998.
  • Giuseppe Cantillo, Persona e società tra etica e teodicea sociale. Saggio su Rosmini, Napoli, Luciano Editore, 1999
  • Paolo Marangon, Il Risorgimento della Chiesa. Genesi e ricezione delle "Cinque piaghe" di A. Rosmini, collana Italia Sacra, Roma, ed. Herder, 2000
  • Umberto Muratore, Conoscere Rosmini. Vita, pensiero, spiritualità, Stresa, Edizione Rosminiane Sodalitas, 2002
  • Antonio Rosmini, Frammenti di una storia della empietà, a c. di Alfredo Cattabiani con una nota filologica di M. Albertazzi, Trento,La Finestra, 2003
  • Fulvio De Giorgi, Rosmini e il suo tempo. L'educazione dell'uomo moderno tra riforma della filosofia e rinnovamento della Chiesa (1797-1833) Morcelliana, 2003.
  • Elvio Ciferri, Rosmini Serbati Antonio, in "Encyclopedia of the Romantic Era", New York-London, Fitzroy Dearborn, 2004
  • Michele Dossi, Il Santo Probito, La vita e il pensiero di Antonio Rosmini, Trento, Il Margine, 2007, ISBN 978-88-6089-021-4.
  • Umberto Muratore, Come lievito nella massa. Evangelizzare oggi, in una visione rosminiana, Stresa, Edizioni Rosminiane Sodalitas, 2007.
  • Francesco Paoli, Antonio Rosmini, Virtù quotidiane, Verona, Edizioni Fede & Cultura, 2007. ISBN 978-88-89913-27-7
  • Maurizio De Paoli, Antonio Rosmini. Maestro e profeta, Milano, Edizioni San Paolo, 2007.
  • Valentino Salvoldi, Antonio Rosmini. Una storia d'amore, Stresa, Editore Velar, 2007.
  • Cirillo Bergamaschi, Beato Antonio Rosmini. Chiamata di tutti gli uomini alla santità in Cristo, Stresa, Edizioni Rosminiane Sodalitas, 2008.
  • Umberto Muratore, Conoscere Rosmini. Vita, pensiero, spiritualità - TERZA EDIZIONE, Stresa, Edizioni Rosminiane Sodalitas, 2008.
  • Piero Sapienza, Eclissi Dell'educazione? La sfida educativa nel pensiero di Rosmini, Roma, Libreria Editrice Vaticana, 2008.
  • Umberto Muratore, La vocazione rosminiana, Stresa, Edizioni Rosminiane Sodalitas, 2009.
  • Gianni Picenardi (a cura di), Antonio Rosmini, Scritti Pedagogici, Stresa, Edizioni Rosminiane Sodalitas, 2009.
  • Eduino Menestrina, Rosmini. L'uomo e il santo. 1º testimonianze dei religiosi, Verona, Edizioni Fede & Cultura, 2009.
  • Giuseppe Goisis, Il pensiero politico di Antonio Rosmini e altri saggi fra critica ed Evangelo, S. Pietro in Cariano (VR), Gabrielli Editori, maggio 2009.
  • Pier Paolo Ottonello, L'enciclopedia di Rosmini seconda edizione accresciuta, Venezia, Marsilio Editori, 2009.
  • Comunità di San Leolino (a cura di), Una profezia per la Chiesa. Antonio Rosmini verso il Vaticano II, Panzano in Chianti FI, Edizioni Feeria comunità di San Leolino, 2009.
  • Michela Maria Riva (a cura di), Antonio Rosmini, Amore e Verità, Saggio Antologico, Edizioni Il Falco D'Oro, 2009.
  • Eduino Menestrina, Rosmini, l'uomo e il santo. 2° testimonianze di Trentini, Verona, Edizioni Fede & Cultura, 2010.
  • Roberto Prezzi, Antonio Rosmini: Lizzana - Rovereto - Roma pastorale e spiritualità, Eizioni Osiride, Rovereto, 2010.
  • Umberto Muratore, Rosmini per il Risorgimento. Tra unità e federalismo, Edizioni Rosmininane Sodalitas, Stresa, 2010.
  • Cirillo Bergamaschi, Antonio Rosmini. La perfezione della vita cristiana, Edizioni Rosminiane Sodalitas, Stresa, 2010.
  • Luciano Malusa, Antonio Rosmini per l'unità d'Italia. Tra aspirazione nazionale e fede cristiana, Franco Angeli, Milano, 2011.
  • Domenico Fisichella, Il caso Rosmini. Cattolicesimo, nazione, federalismo. Carocci, Roma, 2011.
  • Gianni Picenardi (a cura di), Rosmini Politico. Edizioni Rosminiane Sodalitas, Stresa, 2011.
  • Umberto Muratore, Apologia della fedeltà. In difesa dei valori etici e spirituali, Edizioni Rosminiane Sodalitas, Stresa, 2011.
  • Marcello Landi, L'influenza di Rosmini sul pensiero del mazziniano Aurelio Saffi. Suggerimento per una possibile ricerca, in Charitas n. 10, ottobre 2011, pp. 278-281.
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.