Zelo domus Dei

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Zelo Domus Dei
Bolla pontificia di Innocenzo X
C o a Innocenzo X.svg
Data 26 novembre 1648
(V di pontificato)
Traduzione del titolo Mossi dallo zelo per la famiglia di Dio
Argomenti trattati La Chiesa in Germania
Bolla precedente
Bolla successiva


Tutti i documenti di Innocenzo X
Tutte le Bolle pontificie

Zelo domus Dei ("Mossi dallo zelo per la famiglia di Dio") è un Breve di papa Innocenzo X del 26 novembre 1648.


Il documento costituì la reazione ad alcuni articoli inclusi nella pace di Westfalia, seguita alla Guerra dei Trent'anni; tali articoli a dire della Santa Sede offendevano e violavano i diritti della Chiesa.

La prima reazione fu la protesta del nunzio apostolico Fabio Chigi, futuro papa Alessandro VII.[1] Ad essa, a fronte dei gravissimi danni arrecati alla struttura della Chiesa Cattolica in Germania, la Santa Sede ritenne necessaria esprimere una solenne dichiarazione. Ciò avvenne con il breve in oggetto.

Ai reclami della Santa Sede si aggiunsero quelli di altri prìncipi, come il duca Carlo di Mantova, il duca Carlo di Lorena, il re di Spagna, l'arcivescovo di Salisburgo, ed altri.

Contenuto

Il breve dichiara nulli quegli articoli della Pace di Westfalia che ledono i diritti della Chiesa cattolica, senza toccare le altri parti del trattato e senza mettere in discussione la pace stessa.

Dopo aver elencato i danni che le decisioni e le disposizioni prese a Osnabrück e Münster hanno arrecato alla Chiesa, si ribadisce che ciò è stato fatto senza il consenso della Santa Sede.

Il documento disapprova anche l'allargamento dei prìncipi elettori e l'assegnazione di una ottava dignità elettorale ad un principe protestante.

Il breve nega poi la clausola in cui si dice che contro il trattato stesso non hanno nessun valore le norme di diritto canonico o civile, generale o particolare, nessun decreto dei concili, nessuna regola degli Ordini, né giuramenticoncordati con i papi, né altri decreti civili o ecclesiastici, dispense, assoluzioni o altre eccezioni.

Dopo la pubblicazione

La protesta pontificia non ebbe conseguenze pratiche. L'imperatore Ferdinando III proibì la diffusione del breve pontificio; tra i prelati tedeschi esso venne reso pubblico solo dall'arcivescovo di Treviri.

Note
  1. Fabio Chigi fu nunzio a Colonia dal 1639 al 1651; rappresentò la Santa Sede al congresso di pace di Münster nel 1643, ma si rifiutò di firmare il trattato di pace di Westfalia.
Fonti
Bibliografia
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.