Evangelista

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark

Evangelista è il nome attribuito dalla Bibbia ai primi annunciatori del Vangelo insieme con gli apostoli, passato in seguito a indicare gli autori dei quattro Vangeli canonici:

Il termine evangelista, che deriva dal verbo greco εὐαγγελίζομαι (ossia, annunciare lieti eventi), significa "colui che annuncia la buona novella".

Nel Nuovo Testamento

Nel Nuovo Testamento il termine è utilizzato tre volte, riferito a seguaci di Cristo:

Nelle fonti cristiane

I primi autori cristiani hanno usato il termine a partire dal II secolo,[1] ma la prima fonte che fa riferimento agli evangelisti, quali autori dei Vangeli, è sant'Ireneo di Lione (130 - 202), che nel suo Adversus Haereses, molto concisamente, così descrive questi personaggi:

« Così Matteo scrisse nella lingua degli ebrei il primo Vangelo, al tempo in cui Pietro e Paolo evangelizzavano Roma e vi fondarono la Chiesa. Dopo la partenza di questi ultimi, Marco, discepolo e interprete di Pietro, mise per scritto quello che Pietro predicava. Dal canto suo Luca, il compagno di Paolo, consegnava in un libro il Vangelo che il suo maestro predicava. Poi Giovanni, il discepolo del Signore, quello che si era addormentato sul suo petto, pubblicò anche lui un Vangelo quando si trovava a Efeso in Asia »
(Adv. Hae., III, Preliminare)

Iconografia

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Tetramorfo.

L'arte cristiana, fin dalle origini, influenzata dalla visione di san Giovanni, riportata dall’Apocalisse (4,6-7) ed ispirata dal libro di Ezechiele (1,4-11), ha dato origine ad un ricco patrimonio figurativo, che seguendo i padri della Chiesa, ha legato l'immagine dei quattro esseri viventi a quella degli evangelisti.

Nelle opere d'arte più antiche gli evangelisti sono paragonati ai quattro fiumi del Paradiso terrestre e rappresentati come corsi d'acqua che sgorgano da una roccia, interpretata come la roccia che Mosè aveva percosso con la verga per farne sgorgare l'acqua con cui ristorare il popolo assetato. Questa iconografia è individuabile in alcuni sarcofagi e sculture altomedievali.

Già dal II secolo i quattro esseri viventi della visione di Ezechiele e di san Giovanni a vengono identificati come i simboli degli evangelisti, secondo le diverse interpretazioni dei padri della Chiesa. La spiegazione e distribuzione degli attributi deriva da san Girolamo e viene stabilita definitivamente da san Gregorio Magno; nella tradizione e nell'arte figurativa cristiana, quindi, vengono attribuite ai quattro evangelisti le immagini simboliche in relazione agli incipit dei rispettivi Vangeli:

La raffigurazione di questa simbologia non comincia prima del IV secolo; infatti, nei dipinti murali delle catacombe, sui rilievi dei sarcofagi e sui vetri con fondo dorato non ritroviamo mai questo motivo iconografico.

La prima opera, però, dove i simboli sono esplicitamente associati a ciascun evangelista è nel mosaico presbiteriale della Basilica di San Vitale a Ravenna, realizzato nel VI secolo:

  • Decorazione musiva parietale con Evangelisti e simboli (540 - 547 ca.): questi hanno tra le mani il testo che li identifica e, sopra il loro capo, appaiono i quattro simboli, secondo l'interpretazione di san Girolamo.[2][3][4][5]


Ravenna BaS.Vitale Maestr.ravennati S.Matteo 540-7ca.jpg Ravenna BaS.Vitale Maestr.ravennati S.Marco 540-7ca.jpg Ravenna BaS.Vitale Maestr.ravennati S.Luca 540-7ca.jpg Ravenna BaS.Vitale Maestr.ravennati S.Giovanni 540-7ca.jpg

Maestranze ravennati, Evangelisti e simboli (540 - 547 ca.), mosaico; Ravenna, Basilica di San Vitale

Molto più raramente gli evangelisti sono raffigurati da entità ibride, con corpo umano e testa animale, come si può vedere ad Aquileia, dove la loro testa è quella dell'animale del tetramorfo, e in molti Evangeliari.

Gli evangelisti, oltre che con le immagini simboliche, sono stati raffigurati con sembianze umane. San Matteo e san Giovanni, che fanno parte dei dodici apostoli, sono rappresentati come degli uomini anziani e saggi, mentre Luca e Marco, che erano discepoli, vengono presentati con un aspetto giovanile. Sono numerosi, inoltre, le opere in cui sono ritratti come scribi intenti a redigere il proprio vangelo appoggiati su cattedre o seduti in sontuosi troni entro studioli. Nel tardo Medioevo si moltiplicano questi esempi, che hanno origine dal dipinto murale con gli Evangelisti e simboli (12751290), affresco, di Cimabue ubicato nella volta centrale del transetto della Basilica superiore di San Francesco di Assisi,[6] in cui sono distribuiti nelle quattro vele ed hanno un carattere decisamente più umano rispetto agli esempi più antichi: san Matteo e san Giovanni sono rappresentati più anziani di san Luca e san Marco, mentre i loro simboli assumono un aspetto quasi domestico.

L'arte medievale collega spesso le figure degli evangelisti con quelle dei profeti e dei dottori della Chiesa; nel primo caso sono associati ai quattro profeti maggiori (Isaia, Geremia, Daniele ed Ezechiele) che rappresentano i loro precursori nell’Antico Testamento; nel secondo caso, i quattro dottori della Chiesa (sant'Agostino, sant'Ambrogio, san Girolamo e san Gregorio Magno) siedono in cattedra variamente abbinati agli evangelisti.

Oltre, ai diversi modi di rappresentare gli evangelisti, va posta l'attenzione anche dove questi sono stati e continuano ad essere rappresentati: li ritroviamo, infatti, sui calici e reliquiari, sulle legature degli evangeliari e su molti altri oggetti liturgici ed arredi sacri. All'interno dell'edificio sacro sono raffigurati sui pennacchi e sulle vele, ma soprattutto li troviamo presenti sulla gran parte degli amboni esistenti nelle chiese, sia antiche che moderne, in riferimento al loro essere annunciatori della parola di Dio.

Note
  1. Ippolito di Roma, De Anticristo, 56; Tertulliano, Adversus Praxean, 21-23.
  2. Scheda dell'opera nel sito del Centro Internazionale di Documentazione sul Mosaico
  3. Ibidem
  4. Ibidem
  5. Ibidem
  6. Scheda dell'opera nel Catalogo della Fondazione "Federico Zeri"
Bibliografia
Voci correlate
Collegamenti esterni
  • W. Melczer, Evangelisti su treccani.it in Enciclopedia dell'Arte Medievale, Treccani, (1995). URL consultato il 13-2-2017
  • Micaela Soranzo, Iconografia degli evangelisti su stpauls.it in Vita Pastorale, San Paolo, (ottobre 2009). URL consultato il 13-2-2017

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.