Chiesa di San Girolamo dei Croati a Ripetta (Roma)

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
1leftarrow.png Voce principale: Chiese di Roma.
Chiesa di San Girolamo dei Croati a Ripetta
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO
866RomaSGirolamoIllirici.jpg
Roma, Chiesa di San Girolamo dei Croati a Ripetta
Altre denominazioni Chiesa di San Girolamo degli Illirici, Chiesa di San Girolamo degli Schiavoni
Stato bandiera Italia
Regione bandiera Lazio


Regione ecclesiastica Lazio

Provincia Roma
Comune Stemma Roma
Località
Diocesi Roma
Vicariatus Urbis rettoria
Religione Cattolica
Indirizzo Via Tomacelli 132
00186 Roma (RM)
Telefono +39 06 99694410;
+39 06 6878284
Fax
Posta elettronica [mailto: ]
Sito web

[http:// Sito ufficiale]

Sito web 2
Proprietà
Oggetto tipo Chiesa
Oggetto qualificazione Rettoria
Dedicazione San Girolamo
Vescovo
Fondatore
Data fondazione
Architetti

Martino Longhi il Vecchio
Domenico Fontana

Stile architettonico Tardo-rinascimentale, barocco
Inizio della costruzione 1587
Completamento 1589
Distruzione
Soppressione
Ripristino {{{Ripristino}}}
Scomparsa {{{Scomparsa}}}
Data di inaugurazione {{{AnnoInaugur}}}
Inaugurato da {{{InauguratoDa}}}
Data di consacrazione
Consacrato da {{{ConsacratoDa}}}
Titolo San Girolamo dei Croati (titolo cardinalizio)
Strutture preesistenti Chiesa di Santa Marina de Posterula
Pianta croce latina
Tecnica costruttiva
Materiali laterizi, travertino
Data della scoperta {{{Data scoperta}}}
Nome scopritore {{{Nome scopritore}}}
Datazione scavi {{{Datazione scavi}}}
Scavi condotti da {{{Scavi condotti da}}}
Altezza Massima
Larghezza Massima
Lunghezza Massima {{{LunghezzaMassima}}}
Profondità Massima
Diametro Massimo {{{DiametroMassimo}}}
Altezza Navata
Larghezza Navata
Altitudine {{{Altitudine}}}
Iscrizioni SIXTUS V P.M. ORD. MIN. TEMPLUM A FUNDAMENTIS EREXIT PONT. SUI ANN. IIII SAL MDLXXXLVIII
Marcatura Stemma di papa Sisto V
Utilizzazione
Note
Coordinate geografiche
41°54′18″N 12°28′32″E / 41.90503, 12.47557 bandiera Italia
Patrimonio UNESCO.png Patrimonio dell'umanità
{{{nome}}}
{{{nomeInglese}}}
[[Immagine:{{{immagine}}}|240px]]
Tipologia {{{tipologia}}}
Criterio {{{criterio}}}
Pericolo Bene non in pericolo
Anno [[{{{anno}}}]]
Scheda UNESCO
[[Immagine:{{{linkMappa}}}|300px]]
[[:Categoria:Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}|Patrimoni dell'umanità in {{{stato}}}]]

La Chiesa di San Girolamo dei Croati a Ripetta, detta anche Chiesa di San Girolamo degli Illirici o San Girolamo degli Schiavoni, è un edificio di culto di Roma, situato nel largo San Rocco, nel rione Campo Marzio: questa è la chiesa nazionale dei croati.

Storia

Nella zona, prospiciente il porto fluviale di Ripetta, si era insediata fin dal XIV secolo una comunità di immigrati croati, all'epoca detti Illirici[1] o Schiavoni,[2] ai quali papa Niccolò V concesse con il breve Piis fidelium votis del 21 aprile 1453 la piccola e diruta chiesa dell'XI secolo, detta Santa Marina de Posterula, con il permesso di ricostruirla ed intitolarla al loro patrono, san Girolamo, e di istituirvi un ospizio ed un ostello per i poveri pellegrini connazionali.

Dal l'8 febbraio 1566, per volontà di papa Pio V (1566 - 1572), è sede del titolo cardinalizio di San Girolamo dei Croati: l'attuale titolare è il cardinale Josip Bozanic.

Sisto V (1585 - 1590), discendente di una famiglia dalmata e già cardinale titolare della chiesa, la fece ricostruire interamente, dotandola di una ricca decorazione pittorica e di preziosi arredi. I lavori di demolizione della chiesa primitiva e di costruzione della nuova ebbero inizio nel giugno del 1588, sotto la supervisione del cardinale titolare, Pedro de Deza Manuel (15201600). I progetti furono affidati a due noti architetti, Martino Longhi il Vecchio (1534 - 1591) e Domenico Fontana (15431607). I lavori procedettero con grande rapidità, tanto che già nel mese di luglio del 1589 la chiesa era terminata. Per la costruzione dell'edificio fu parzialmente utilizzato il materiale di spoglio proveniente dal Septizodium.[3] L'apparato decorativo venne affidato a Giovanni Guerra (15441618) e ad un'équipe da lui guidata composta da cinque pittori: Antonio Viviani (1560 - 1620), Andrea Lilli (1570 - 1631), Paris Nogari (1536 ca. - 1601), Avanzino Nucci (1552 - 1629) e Paolo Guidotti Borghese (1560 - 1629).

Con la bolla Sapientia Sanctorum, del 1 agosto 1589, lo stesso pontefice eresse la chiesa a collegiata e vi istituì un capitolo, costituito da dieci presbiteri, che dovevano essere di origine croata e saper utilizzare la lingua illirica. Sisto V avrebbe anche voluto portarvi le spoglie di san Girolamo dalla Basilica di Santa Maria Maggiore, ma non riuscì a dar seguito a tale proposito.

Nel 1847, per volontà di papa Pio IX, fu sottoposta a un complessivo restauro.

Collocata originariamente lungo la via di Ripetta, nel tessuto urbano fiorito attorno all'omonimo porto fluviale, è affiancata dalla Chiesa di San Rocco all'Augusteo. La demolizione del porto a seguito della sistemazione post-unitaria degli argini del Tevere e lo sventramento degli anni Trenta del secolo scorso, conseguente alla sistemazione dell'area intorno al Mausoleo di Augusto e all'erezione del complesso dell'Ara Pacis, hanno isolato le due chiese, ora connesse da un camminamento sopraelevato.

La chiesa è luogo sussidiario di culto della Parrocchia di San Lorenzo in Lucina.

Descrizione

Esterno

La facciata, di stile tardo-rinascimentale, progettata da Martino Longhi il Vecchio, è suddivisa in due ordini da un aggettante cornicione che reca l'iscrizione dedicatoria:

« SIXTUS V P.M. ORD. MIN. TEMPLUM A FUNDAMENTIS EREXIT PONT. SUI ANN. IIII SAL MDLXXXLVIII »

L'ordine inferiore è diviso in cinque settori verticali da sei paraste con capitelli ionici che inquadrano, ai lati, quattro nicchie e un imponente portale con timpano triangolare. Mentre quello superiore è articolato in tre settori verticali da quattro paraste corinzie che inquadrano due nicchie ai lati ed un'ampia finestra rettangolare. Al centro del timpano triangolare di coronamento è collocato:

Interamente in travertino, in contrasto con i fianchi in mattoni impaginati con lesene ripetitive e regolari, la struttura della facciata è arricchita sui fregi e tra i capitelli degli ordini da festoni e soprattutto da emblemi papali: teste di leone, le pere, i monti e le stelle su entrambi i livelli.

L'intero prospetto esterno, purtroppo, ha perso il suo slancio originario in seguito al rialzamento, alla fine del XIX secolo, della sede stradale.

Interno

Chiesa di San Girolamo dei Croati a Ripetta (interno)

La chiesa, perfettamente orientata (ossia con l'abside rivolto a Est), ha una pianta a croce latina, a navata unica con tre cappelle per lato e una finta cupola, decorata con un dipinto murale raffigurante:

Navata

L'ampia navata, coperta da una volta a botte, è decorata con uno splendido dipinto murale ad affresco, eseguito tra il 1847 e il 1852 ca., da Pietro Gagliardi,[4] raffigurante:

Lato sinistro

Lungo il lato sinistro si aprono tre cappelle, a pianta rettangolare, nelle quali si notano:

Transetto e presbiterio

I terminali del transetto, sono decorati da due dipinti murali ad affresco, eseguiti tra il 1847 e il 1852 ca. da Pietro Gagliardi, raffiguranti:

L'ampio presbiterio con abside rettangolare è decorato con pregevoli dipinti murali che presentano:

Lato destro

Lungo il lato destro si aprono tre cappelle, a pianta rettangolare, nelle quali si conservano:

Controfacciata

La controfacciata presenta di particolare interesse storico-artistico:

Note
  1. L'Illiria è la regione corrispondente alla parte occidentale della penisola balcanica, verso la costa sud-orientale del Mare Adriatico.
  2. Il termine Schiavoni indica gli abitanti della Schiavonia o Slavonia, una regione geografica e storica della Croazia orientale.
  3. Il Septizodium (in italiano, Settizonio o Settizodio) era una monumentale facciata-ninfeo, a più piani di colonne, fatta innalzare dall'imperatore Settimio Severo nel 203 ai piedi del colle Palatino.
  4. Scheda dell'opera nel Catalogo della Fondazione "Federico Zeri" . URL consultato il 04.09.2019
  5. Ibidem . URL consultato il 04.09.2019
  6. Ibidem . URL consultato il 04.09.2019
  7. Ibidem . URL consultato il 04.09.2019
  8. Ibidem . URL consultato il 04.09.2019
Bibliografia
  • Mariano Armellini, Le chiese di Roma dal secolo IV al XIX, Roma, 1891, pp. 328-329
  • Jasenka Gudelj, San Girolamo dei Croati a Roma: gli Schiavoni e il cantiere sistino, Alexander Koller, Alexander Kubersky-Piredda (a cura di), in "Identità e rappresentazione. Le chiese nazionali a Roma, 1450-1650", Campisano, Roma, 2015, pp. 297-325, ISBN 9788898229581
  • Claudio Rendina, Le Chiese di Roma. Storia e segreti, col. "Tradizioni italiane", Newton & Compton, Roma, 2017, p. 148, ISBN 9788854188358
  • Zvonimir Sersic, San Girolamo dei Croati: viaggio nell'arte, col. "Collectanea Croatico-Hieronymiana de Urbe", Pontificio Collegio Croato di San Girolamo, Roma, 2011, ISBN 9789532412826
  • Touring Club Italiano (a cura di), Roma, col. "Guide Rosse", Touring, Milano, 2005, pp. 361-362, ISBN 9770390107016
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.