Diocesi di Béziers

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark

Diocesi di Béziers
Dioecesis Biterrensis
Chiesa latina

Cathebeziers.jpg
Vescovo titolare {{{vescovo}}}
Arcivescovo titolare {{{arcivescovo}}}
Diocesi suffraganee
Diocesi suffraganea di arcidiocesi di Narbona
Nazione bandiera Francia
Regione ecclesiastica {{{regione}}}
Sede Béziers
Eretta III secolo
Soppressa 29 novembre 1801
Vacante {{{vacante}}}
territorio unito alla diocesi di Montpellier


provincia
ecclesiastica
[[Immagine:{{{mappaprovincia}}}|200 px]]
collocazione
geografica
[[Immagine:{{{mappacollocazione}}}|200 px]]

Dati dall'annuario pontificio

Chiesa cattolica in Francia
Elenco delle sedi titolari
Diocesi soppresse

La diocesi di Béziers (in latino: Dioecesis Biterrensis) è una sede soppressa della Chiesa cattolica.

Territorio

Sede vescovile era la città di Béziers nell’attuale dipartimento dell'Hérault, dove fungeva da cattedrale la chiesa dei Santi Nazario e Celso.

Nel 1671 la diocesi comprendeva circa 100 parrocchie, salite a 130 nel 1745.

Storia

Il primo vescovo di Béziers secondo la tradizione sarebbe Afrodisio (Aphrodisius), un santo egiziano che avrebbe ospitato la Sacra Famiglia ad Hermopolis e sarebbe successivamente diventato discepolo di Cristo, quindi avrebbe accompagnato Sergio e Paolo in Gallia e sarebbe morto martire a Béziers. Il primo vescovo storicamente noto è Paolino (Paulinus) menzionato nel 418; san Guiraud fu vescovo di Béziers dal 1121 al 1123; san Domenico di Guzmán rifiutò la sede di Béziers per dedicarsi alla crociata contro gli albigesi.

La diocesi era suffraganea dell'arcidiocesi di Narbona.

Fu soppressa in seguito al Concordato con la bolla Qui Christi Domini di papa Pio VII del 29 novembre 1801 e il suo territorio incorporato in quello della diocesi di Montpellier.

Cronotassi dei vescovi

Note
  1. Nipote del precedente vescovo e cardinale omonimo.
Bibliografia
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.