Arcidiocesi di Tolosa

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark

Arcidiocesi di Tolosa
Archidioecesis Tolosana (-Convenarum-Rivensis)
Chiesa latina

[[File:|290px]]
arcivescovo metropolita Robert Jean Louis Le Gall
Sede Tolosa

sede vacante
Tolosa

Amministratore apostolico {{{amministratore}}}
Nuvola apps important.svg
Ci sono degli errori relativi alla categorizzazione automatica dovuti al fatto che alcuni parametri non sono stati valorizzati!
  • Parametro: Parametro vescovo eletto senza parametro titolo eletto

Vedi {{Diocesi della chiesa cattolica/man}}

La voce è stata segnalata nella Categoria:Diocesi della chiesa cattolica/warning.

{{{vescovo eletto}}}
Suffraganea
Regione ecclesiastica Midi
Haute-Garonne-Position.png
Mappa della diocesi
Regione ecclesiastica
Regione ecclesiastica della diocesi
Nazione bandiera Francia
diocesi suffraganee
Albi, Auch, Cahors, Montauban, Pamiers, Rodez, Tarbes e Lourdes
coadiutore
vicario
provicario
generale
ausiliari Hervé Gaschignard

Cariche emerite:

Emile Marcus
Parrocchie 630
Sacerdoti

305 di cui 203 secolari e 102 regolari
2.501 battezzati per sacerdote

215 religiosi 424 religiose 23 diaconi
1.200.000 abitanti in 6.367 km²
763.000 battezzati (63,6%% del totale)
Eretta III secolo
Rito romano
cattedrale {{{cattedrale}}}
Santi patroni
B.P. 7208, 24-26 rue Perchepinte, 31073 Toulouse CEDEX 7, France
tel. 5.61.14.82.70 fax. 5.61.52.08.22

Sito ufficiale

Dati dall'annuario pontificio 2010 Scheda
Chiesa cattolica in Francia
Tutte le diocesi della Chiesa cattolica
Interno dell'ex cattedrale di Nostra Signora a Saint-Bertrand-de-Comminges
L'ex cattedrale della Natività della Vergine a Rieux-Volvestre

L'arcidiocesi di Tolosa (in latino: Archidioecesis Tolosana (-Convenarum-Rivensis)) è una sede metropolitana della Chiesa cattolica appartenente alla regione ecclesiastica Midi. Nel 2010 contava 763.000 battezzati su 1.200.000 abitanti. È attualmente retta dall'arcivescovo Robert Jean Louis Le Gall.

Territorio

L'arcidiocesi comprende il dipartimento francese dell'Alta Garonna.

Sede arcivescovile è la città di Tolosa, dove si trova la cattedrale di santo Stefano. Nella diocesi sorgono due chiese ex cattedrali: la chiesa di Nostra Signora a Saint-Bertrand-de-Comminges e la chiesa della Natività della Vergine a Rieux-Volvestre.

Il territorio è suddiviso in 630 parrocchie.

Storia

La diocesi di Tolosa fu eretta verso la metà del III secolo ad opera di san Saturnino, che evangelizzò la regione. Originariamente era suffraganea dell'arcidiocesi di Narbona (oggi diocesi di Carcassonne e Narbona).

Fra l'XI e il XIII secolo nella diocesi era diffuso il catarismo.

Il 23 luglio 1295 cedette una porzione del suo territorio a vantaggio dell'erezione della diocesi di Pamiers.

Agli inizi del XIV secolo Pierre de La Chapelle-Taillefert fu il primo vescovo ad essere creato cardinale; nei secoli seguenti Tolosa sarà spesso sede cardinalizia.

L'11 luglio 1317 la sede di Tolosa fu elevata al rango di arcidiocesi metropolitana con la bolla Salvator noster di papa Giovanni XXII e contestualmente cedette altre porzioni di territorio a vantaggio dell'erezione di quattro diocesi: Montauban, Saint-Papoul, Lombez e Rieux (oggi tutte soppresse ad eccezione di Montauban). Il 26 settembre dello stesso anno cedette altre porzioni di territorio a vantaggio dell'erezione delle diocesi di Lavaur e Mirepoix.[1]

Il protestantesimo apparve a Tolosa nel 1532, veicolato da studenti stranieri. Nel 1550 il cardinal Coligny, arcivescovo della città, si dimise per abbracciare la Riforma, quattordici anni dopo si sposò. Frattanto nel 1563 i cattolici si erano riuniti in una lega per difendere le prerogative del cattolicesimo, ottenendo il dominio della città dal 1586 al 1595. Enrico IV sarà riconosciuto soltanto nel 1596.

In seguito al Concordato l'arcidiocesi di Tolosa il 29 novembre 1801 modificò i suoi confini per adattarsi ai dipartimenti dell'Alta Garonna e dell'Ariège, includendo quindi il territorio delle diocesi di Couserans, di Pamiers e di Rieux, nonché parte del territorio delle diocesi di Comminges, di Lectoure, di Lombez, di Mirepoix, di Montauban e di Saint-Papoul.

Furono soppresse tutte le diocesi menzionate, ma una diocesi fu ristabilita il 6 ottobre 1822, ricavandone il territorio dall'arcidiocesi di Tolosa: si tratta della diocesi di Pamiers. Gli arcivescovi di Tolosa ebbero in quella data il privilegio di aggiungere al proprio titolo quello degli arcivescovi di Narbona.

Il 19 gennaio 1935 furono riconosciuti agli arcivescovi di Tolosa anche i titoli delle diocesi di Comminges e di Rieux, sedi soppresse che ricadevano nel territorio arcivescovile.

Il 14 giugno 2006 il titolo di Narbona è stato trasferito ai vescovi di Carcassonne, nel cui territorio sorge l'antica sede metropolitana.

Cronotassi dei vescovi

Statistiche

Note
  1. Cfr. Louis Caillet, La papauté d'Avignon et l'Eglise de France, 1975, p. 112.
Fonti

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.