Francesco Borghero

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Jump to navigation Jump to search
Francesco Borghero, S.M.A.
Presbitero
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"

Borghero anziano.jpg

p. Francesco Borghero
'
Titolo
Incarichi attuali
Età alla morte 62 anni
Nascita Ronco Scrivia
1830
Morte Genova
1892
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[]]
Professione religiosa [[]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale
Ordinazione presbiterale 1854
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Riammesso da da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Errore Lua in package.lua alla linea 80: module 'strict' not found.
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
Invito all'ascolto
Firma autografa
[[File:{{{FirmaAutografa}}}|250px]]
Virgolette aperte.png
P. Borghero fu un grande pioniere dell'evangelizzazione. Non è rimasto molto tempo sulla terra africana, ma vi ha fatto lunghi e faticosi viaggi, sempre alla ricerca di fondazioni nuove, più salubri per i suoi missionari. Era un gigante della missione. Ciò che ha fatto, le tracce che ha lasciato al di là del suo Diario, testimoniano che era un uomo non comune, un prete pieno di zelo, un evangelizzatore appassionato di Gesù Cristo. La sua attenzione verso i bisogni più comuni della gente così come la sua capacità di relazionarsi anche con i grandi di questo mondo saltano agli occhi.
Virgolette chiuse.png
(Bernardin Gantin, prefazione a Francesco Borghero, 2002.)

Francesco Borghero (Ronco Scrivia, 1830; † Genova, 1892) è stato un presbitero e missionario italiano, della Società delle Missioni Africane, tra i primi evangelizzatori del Benin.

Vita

Fu il primogenito di dodici figli. Ricevette la sua formazione umanistica presso i Gesuiti a Voghera, e quella teologica nel seminario di Genova.

Seguì l'Abate benedettino Pier Francesco Casaretto a Subiaco, dove venne ordinato presbitero nel 1854, e dove insegnò fino al 1857. Animato dal desiderio della missione, non riuscendo a partire missionario con i benedettini si unì a Mons. Brésillac che lo portò con sé a Lione nel luglio 1858 ed entrò quindi nella Società delle Missioni Africane fondata dallo stesso Brésillac.

Il 18 aprile 1861 sbarcò con lo spagnolo P. Francesco Fernandez a Ouidah in Benin, e quella data segnò l'inizio della presenza dei missionari cattolici in quel Paese. In questa città e nelle città vicine, incontrò ex schiavi brasiliani che vivevano in una sorta di sincretismo religioso. A loro sono dedicò le prime cure pastorali.

Cartina della Costa degli schiavi, 1865, opera del Borghero e dell'esploratore Richard Burton, scopritore delle foci del Nilo

Si dedicò con dedizione assoluta all'annuncio del Vangelo, alla cura dei malati e all'educazione dei giovani. Il 1º dicembre celebrò la prima Messa ad Abomey. L'8 marzo giunse a Lagos, nell'attuale Nigeria e ivi celebrò la prima Messa. Il 10 marzo ripartì alla volta di Accra, nell'attuale Ghana). Il 16 marzo giunse a Cape Palmas, nello stato indipendente della Liberia, dove incontrò il presidente e gli chiese il permesso di fondare nel paese missioni cattoliche.

Al ritorna dall'Africa, nel 1865, unico sopravvissuto delle prime spedizioni, la Santa Sede lo mise a disposizione del duca Scipione Salviati, esponente di spicco del cattolicesimo romano e internazionale. Terminò la sua vita nel 1892, professore e direttore spirituale in uno dei due seminari maggiori di Genova.

Spiritualità missionaria

Cartina della Costa degli schiavi, 1865, opera del Borghero

Il Borghero fu un uomo dalle mille conoscenze e dai mille interessi. Iniziando il suo affascinante Diario, propone a coloro che vogliono diventare missionari ciò che in effetti rispecchia la sua formazione e la sua vita:

« Un missionario deve avere prima di tutto lo spirito degli apostoli, l'amore per N.S. Gesù Cristo a un grado eroico, il desiderio ardente di propagare la Chiesa tra tutti i popoli. Consiste in questo il suo principale patrimonio. Ma per servirsene nel migliore dei modi in mezzo agli uomini ha bisogno anche di quei mezzi umani che hanno attinenza alla vita esteriore.

Perciò, oltre agli studi sacri, propri dello stato ecclesiastico, il missionario si trova nella necessità di conoscer un certo numero di lingue, di possedere le nozioni elementari dell'astronomia, la geografia, l'architettura, la medicina e la chirurgia spicciola, l'agricoltura. Deve sapere anche servirsi delle sue mani per essere, all'occasione, falegname, fabbro e sarto, senza contare che, più d'ogni altro, deve essere avvezzo alla fatica delle marce a piedi, sotto l'ardore del sole, al rigore del freddo. Deve inoltre potersi nutrire delle cose più semplici, accontentandosi di poco, in grado di dormire sulla nuda terra, a cielo aperto quando le circostanze lo esigono. »

(Diario del primo missionario del Dahomey 1860-1864, p. 42)

Opere

Il p. Borghero al tempo della sua partenza per la missione

Di lui ci rimangono innumerevoli scritti. Una parte delle sue lettere sono appena state pubblicate in francese:

  • (FR) Lettres du Dahomey: Correspondance des premiers Pères de la Société des Missions Africaines (Avril 1861-1862), Karthala 2011, ISBN 9782811105136

In italiano è stato pubblicato:

Bibliografia
Voci correlate