Tichico

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
San Tichico
Personaggio del Nuovo Testamento
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
Santo
{{{note}}}

[[File:{{{immagine}}}|250px]]

{{{didascalia}}}
{{{motto}}}
Titolo
{{{titolo}}}
Età alla morte anni
Nascita Efeso
I secolo
Morte I secolo
Sepoltura
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale [[{{{aO}}}]]
Appartenenza
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile [[ {{{aC}}} ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Arcivescovo dal {{{elevato}}}
Patriarca dal {{{patriarca}}}
Arcieparca dal {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza 29 aprile
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Collegamenti esterni
Tutti-i-santi.jpgNel Martirologio Romano, 29 aprile, n. 2:
« Commemorazione di san Tichico, discepolo di San Paolo Apostolo, che lo chiama nelle sue Lettere caro fratello, ministro fedele e compagno nel servizio del Signore. »
(Santo di venerazione particolare o locale)
San Tichico (in greco Τυχικὸς, Tychikòs, "fortunato"[1], in latino Tychicus) (Efeso, I secolo) è un personaggio del Nuovo Testamento, evangelizzatore dell'Asia proconsolare, probabilmente di Efeso, fedele compagno e collaboratore di San Paolo[2].

Dati neotestamentari

Il nome di Tichico compare per la prima volta verso la fine del terzo viaggio dell'Apostolo (anno 58), dove viene nominato insieme ad altri sei o sette in At 20,4: in tale versetto il Codice Claromontano, la versione copta-saʿidica e una glossa marginale della siriaca harclense lo dicono di Efeso.

Probabilmente fu, insieme a Trofimo, delegato delle Chiese dell'Asia che mandavano a Gerusalemme le offerte per i cristiani, per garanzia (voluta da Paolo) che le offerte stesse erano amministrate fedelmente (2Cor 8,19-23).

Verso il 62 è nuovamente al fianco di Paolo, prigioniero a Roma, che lo dice "caro fratello e ministro fedele, mio compagno nel servizio del Signore" (Col 4,7) e "fratello carissimo e fedele ministro nel Signore" (Ef 6,21); Paolo lo invia in Asia perché porti notizie orali riguardanti lui insieme alla lettera per i colossesi (con Onesimo), e a quella per gli efesini.

Intorno al 65 lo ritroviamo ancora con Paolo in missione attraverso la Grecia; qui l'Apostolo dà a Tito appuntamento a Nicopori di Epiro, esprimendo l'intenzione di mandare Artema o Tichico a Creta per sostituirlo durante l'assenza (Tt 3,12); è probabile che vi abbia mandato Artema e che Titico abbia seguito l'Apostolo a Roma, se di qui nel 66-67 Paolo raccomanda a Timoteo di venire insieme con Marco, dicendogli di aver già inviato Tichico alla volta di Efeso (2Tim 4,12) per prendere temporaneamente il suo posto.

Altri dati

Le altre vicende della sua vita sono incerte. Tradizioni varie lo fanno vescovo di Colofone nella Ionia[3], di Calcedonia in Bitinia[4], di Neapolis in Cipro[5].

Alcuni martirologi lo dicono diacono; il Martirologio Romano di inizio del XX secolo situa la sua commemorazione a Pafo in Cipro.

Note
  1. Nonostante il significato del nome greco, Tichico va distinto dal Fortunato "primizia dell'Acaia" di 1Cor 16,17.
  2. Luigi Vagaggini (1954) 83.
  3. Secondo il Menologio di Basilio II Bulgaroctono; tale Menologio lo commemora il 9 Aprile e lo dice successore di Sostene.
  4. Lo avrebbe designato vescovo di quella comunità Sant'Andrea Apostolo (R. A. Lipsius, Apokryphe Apostelgeschichte und Apostellegenden, Brunswick, 1883, p. 579).
  5. Michel Le Quien, Oriens christianus, Parigi, 1740, I, 125; II, 1061.
Bibliografia
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.