Diocesi di Urgell

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark

Diocesi di Urgell
Dioecesis Urgellensis
Chiesa latina

Escut d'andorra al Palau Episcopal d'Urgell.JPG
vescovo Joan Enric Vives Sicília
Sede La Seu d'Urgell

sede vacante
La Seu d'Urgell

Amministratore apostolico {{{amministratore}}}
Nuvola apps important.svg
Ci sono degli errori relativi alla categorizzazione automatica dovuti al fatto che alcuni parametri non sono stati valorizzati!
  • Parametro: Parametro vescovo eletto senza parametro titolo eletto

Vedi {{Diocesi della chiesa cattolica/man}}

La voce è stata segnalata nella Categoria:Diocesi della chiesa cattolica/warning.

{{{vescovo eletto}}}
Suffraganea dell'arcidiocesi di Tarragona
Regione ecclesiastica {{{regione}}}
Mapa Bisbat d'Urgell.svg
Mappa della diocesi
Nazione bandiera Spagna
diocesi suffraganee
{{{suffraganee}}}
coadiutore
vicario
provicario
generale
ausiliari

Vescovi emeriti:

Parrocchie 363
Sacerdoti

107 di cui 98 secolari e 9 regolari
1.824 battezzati per sacerdote

37 religiosi 115 religiose 1 diaconi
202.803 abitanti in 7.630 km²
195.270 battezzati (96,3% del totale)
Eretta IV secolo
Rito romano
cattedrale {{{cattedrale}}}
Santi patroni
Pati de Palau 5, 25700 La Seu d'Urgell [Lleida], España
tel. 973.350.054 fax. 973.35.22.30

Sito ufficiale

Dati dall'annuario pontificio 2011 Scheda
Chiesa cattolica in Spagna
Tutte le diocesi della Chiesa cattolica
Il paese di Ivorra. Al centro è visibile il santuario, eretto dove nel 1010 avvenne un noto miracolo eucaristico

La diocesi di Urgell (in latino: Dioecesis Urgellensis) è una sede della Chiesa cattolica suffraganea dell'arcidiocesi di Tarragona. Nel 2010 contava 195.270 battezzati su 202.803 abitanti. È attualmente retta dall'arcivescovo (titolo personale) Joan Enric Vives Sicília.

Territorio

La diocesi comprende parte della provincia di Lleida e il principato di Andorra.

Sede vescovile è la città di La Seu d'Urgell, dove si trova la cattedrale di Santa Maria.

Il territorio è suddiviso in 9 arcipresbiterati e in 363 parrocchie.

Storia

La diocesi fu eretta nel IV secolo. Il primo vescovo conosciuto, san Giusto, partecipò ai concili di Toledo (531) e di Lleida e Valencia (546).

La successione episcopale non fu interrotta durante l'invasione araba (714).

Il vescovo Felice (781-799) fu accusato di adozionismo dai teologi carolingi e fu quindi deposto ed esiliato a Lione.

Nel 1010 nella località di Ivorra avvenne un famoso miracolo eucaristico: mentre il parroco Bernat Oliver, che nutriva dubbi sulla transustanziazione stava celebrando l'Eucaristia, il vino si tramutò in sangue vivo. Del miracolo il vescovo sant'Ermengol informò subito Papa Sergio IV. Reliquie del miracolo furono poi raccolte in un prezioso reliquiario nel 1426 e nel 1663 fu costruito un santuario.

A partire dal X secolo fino al XIII i vescovi di Urgell accumuleranno un rilevante patrimonio di signorie, entrando a pieno titolo nel sistema feudale del tempo. Dall'8 settembre 1278 i vescovi di Urgell sono anche Coprincipi di Andorra.

Intorno all'anno Mille le parrocchie sono raggruppate in arcidiaconati, trasformati in decanati nella seconda metà del XIII secolo e successivamente saranno ancora trasformati in officialati. In epoca moderna, verrà adottata l'attuale suddivisione in arcipresbiterati.

Nell'XI secolo fu introdotta nella diocesi la riforma gregoriana, cioò il passaggio dal rito visigotico al rito romano.

Grande importanza nel Medioevo ebbero le collegiate dei canonici: quelle di Mur e di Ager, furono forse le più importanti di tutta la Catalogna. Saranno abolite in seguito al concordato del 1851, insieme con il capitolo cattedrale, di cui si hanno documenti già nel IX secolo.

I secoli XII e XIII furono catterizzati dalla crisi albigese, che interessò soprattutto la parte settentrionale della diocesi. Molte chiese furono distrutte e nel 1195 la città e la cattedrale furono saccheggiate. Nella seconda metà del XIII secolo, grazie all'opera dei frati predicatori la crisi giunse al termine, non senza richiedere ancora il martirio di Pere de la Cadireta, Bernat de Travesseres e Ponç de Planès.

A partire dal XIV secolo la Santa Sede esercitò il diritto di elezione del vescovo, prima riservato al capitolo, e fino al Concilio di Trento molti dei vescovi non risiedettero nella diocesi.

Nel 1592 fu istituito il seminario diocesano.

Il 19 luglio 1593 cedette una porzione del suo territorio a vantaggio dell'erezione della diocesi di Solsona.

A partire dal XVII secolo si faranno più frequenti le designazioni dei vescovi da parte della Corona.

Nel 1803 alcune parrocchie il cui territorio era passato alla Francia con il Trattato dei Pirenei del 1659 furono cedute alle diocesi francesi.

Con l'abolizione del feudalesimo (1811 - 1837) la diocesi perse tutti i diritti di giurisdizione politica, conservando solo quelli sul principato di Andorra.

La legge di desamortización di Mendizábal del 1835 e successive leggi analoghe provocarono la chiusura di molti conventi e monasteri.

Durante la guerra civile spagnola, nel 1936 la persecuzione antireligiosa costò la vita a 107 sacerdoti diocesani, cui si devono aggiungere molti altri religiosi e laici, nonché la distruzione di una parte consistente del patrimonio religioso e culturale della diocesi. Alcune delle vittime della guerra civile sono già state canonizzate (primo fra tutti Jaume Hilari nel 1999), di altre è in corso il processo di beatificazione.

Nel 1957 i confini diocesani sono stati modificati per l'ultima volta.

Cronotassi dei vescovi

Statistiche

La diocesi al termine dell'anno 2010 su una popolazione di 202.803 persone contava 195.270 battezzati, corrispondenti al 96,3% del totale.


Fonti
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.