Gaspare Visconti

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Jump to navigation Jump to search
Gaspare Visconti
Coat of arms of Archbishops Visconti.svg
Arcivescovo
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"

Gaspare Visconti.jpg

Ritratto di Gaspare Visconti nel 1595
'
Titolo
Incarichi attuali
Età alla morte {{{età}}} anni
Nascita Milano
1538
Morte Milano
12 gennaio 1595
Sepoltura Milano Cattedrale di Santa Maria Nascente
Appartenenza Arcidiocesi di Milano
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale non si hanno informazioni
Ordinazione presbiterale [[]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo 5 novembre 1584
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile Cappella Sistina, 13 dicembre 1584 dal cardinale Tolomeo Gallio
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo 28 novembre 1584
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Riammesso da da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine Presbiteri
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Errore Lua in package.lua alla linea 80: module 'strict' not found.
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
Invito all'ascolto
Firma autografa
[[File:{{{FirmaAutografa}}}|250px]]

Gaspare Visconti (Milano, 1538; † Milano, 12 gennaio 1595) è stato un arcivescovo italiano, successore di Carlo Borromeo alla Cattedra ambrosiana.

Biografia

Nascita e formazione

Gaspare Visconti nacque a Milano il 5 gennaio 1538 da Giovanni Battista di Galeazzo di nobile famiglia milanese appartenete alla linea dei signori di Fontaneto[0 1] e da Violante di Princivalle Visconti. Ebbe due fratelli, Eriprando e Galeazzo e due sorelle, Eleonora e Giulia domenicana osservante nel convento milanese dei Santi Domenico e Lazzaro.

Le notizie riguardanti i suoi anni giovanili sono scarse, ma è certo che conseguì la laurea In utroque iure all'Università di Pavia e si indirizzò tardi alla carriera ecclesiastica. Nel 1562 fu lettore di Diritto canonico presso l'Ateneo pavese e, nel 1564, fu ascritto al Collegio milanese dei nobili giureconsulti durante l'ultimo anno di pontificato di Pio IV.

I primi incarichi

Il 6 gennaio 1578 fu nominato da Gregorio XIII uditore milanese della Sacra Rota, succedendo a Pomponio Cotta[1 1]. Ricoprì la carica di uditore il 16 giugno 1578 dopo aver sostenuto alcuni dibattimenti di diritto canonico e civile e successivamente svolse anche il ruolo di uditore delle cause del Sacro Palazzo.

Durante la sua permanenza a Roma risiedette presso la basilica di Santa Prassede negli appartamenti di Carlo Borromeo.

Nel 1581 fu inviato a Malta da Gregorio XIII in qualità di Legato pontificio per ricomporre il grave dissidio che si era originato tra i gerosolimitani e che aveva portato alla deposizione del gran maestro Jean de la Cassière, ritenuto incapace di esercitare efficacemente il governo dell'Ordine. La guida dei cavalieri venne assunta da Mathurin d'Aux de Lescout (Mathurin Romegas), esponente della fazione insorta. Visconti inviò i due contendenti a Roma affinché chiarissero al papa le loro posizioni e assunse la carica di amministratore pro tempore dell'ordine. Cassière e Romegas morirono pochi mesi dopo per cui, il 12 gennaio 1582, Visconti assistette all'elezione del nuovo gran maestro, il cardinale Hughes de Loubenx de Verdalle[2 1].

Ministero episcopale

Il 5 novembre 1584 fu nominato vescovo eletto di Novara, ma non prese mai possesso di quella sede per il fatto che si rese vacante la sede di Milano a causa della scomparsa di Carlo Borromeo. Fu elevato, per tanto, arcivescovo il 28 novembre e consacrato il 13 dicembre dal cardinale Tolomeo Gallio e fece il suo solenne ingresso in arcidiocesi a Milano il 22 luglio 1585. Durante questo lasso di tempo di sette mesi chiese al giovanissimo Federico Borromeo di occuparsi dell'amministrazione della sede, impegno che fu declinato dal suo futuro successore per poter proseguire gli studi presso l'Università di Pavia.

In qualità di arcivescovo proseguì le direttrici intraprese dal suo predecessore, portando avanti e conducendo a compimento molte delle iniziative che erano state a suo tempo concepite e impostate da Carlo Borromeo. Curò la formazione del Clero e dei religiosi, pubblicò il Messale, il Sacramentale e il Breviario, inviò nelle valli elvetiche ottimi e preparati sacerdoti a contrastare l'eresia protestante, dedicò particolare attenzione alle istituzioni educative, caritative e assistenziali. Diede inizio ad attività assistenziali per ammalati e poveri, promosse anche l'edilizia religiosa con nuove fondazioni di chiese e attraverso interventi di restauro e di ampliamento di preesistenti edifici di culto.

Durante il suo episcopato decennale effettuò numerose visite pastorali e celebrò sei sinodi diocesani.

La morte

Morì a Milano il 12 gennaio 1595. Lasciò erede universale l'Ospedale Maggiore con la richiesta di essere sepolto nel Duomo davanti all'altare dedicato a Sant'Agnese. Le esequie furono presieduta da Marsilio Landriani[3 1], vescovo di Vigevano.

Genealogia episcopale

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Genealogia episcopale

Successione degli incarichi

Predecessore: Vescovo di Novara Successore: BishopCoA PioM.svg
Francesco Bossi 5 novembre 1584-28 novembre 1584 Cesare Speciano I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Francesco Bossi {{{data}}} Cesare Speciano
Predecessore: Arcivescovo di Milano Successore: ArchbishopPallium PioM.svg
Carlo Borromeo 28 novembre 1584-12 gennaio 1595 Federico Borromeo I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Carlo Borromeo {{{data}}} Federico Borromeo
Note esplicative
  1. Fontaneto d'Agogna, comune italiano della provincia di Novara e facente parte dell'area delle Colline novaresi nella regione Piemonte.
  1. Pomponio Cotta, (Milano, ... – Novara, 11 dicembre 1579), vescovo di Novara dal 1577 al 1579 e Legato pontificio a Malta. Precedente uditore per Milano dal 1560.
  1. Hughes de Loubenx de Verdalle, (Loubens, 13 aprile 1531 – La Valletta, 4 maggio 1595), cardinale diacono di Santa Maria in Portico Octaviae dal 15 gennaio 1588 al 4 maggio 1595 e Gran Maestro del Sovrano Militare Ordine di Malta dal 12 gennaio 1582 al 4 maggio 1595.
  1. Marsilio Landriani su catholic-hierarchy.org. URL consultato il 15-01-2022
Bibliografia
Collegamenti esterni