Giuseppe Alessandro Furietti

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Giuseppe Alessandro Furietti
Stemma cardinale.png
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

1759 IOSEPHUS ALEXANDER FURIETTI - FURIETTI GIUSEPPE ALESSANDRO.JPG

{{{didascalia}}}
{{{motto}}}
Titolo cardinalizio
Età alla morte 80 anni
Nascita Bergamo
23 gennaio 1683
Morte Roma
14 gennaio 1764
Sepoltura
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale Vedi nota[1]
Ordinazione presbiterale [[]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile Mai nominato vescovo
Consacrazione vescovile [[ ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo
Elevazione a Patriarca
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
Creazione
a Cardinale
24 settembre 1759 da Clemente XIII (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Giuseppe Alessandro Furietti (Bergamo, 23 gennaio 1683; † Roma, 14 gennaio 1764) è stato un cardinale, letterato, archeologo, antiquario ed erudito italiano.

Cenni biografici

Nacque a Bergamo nella parrocchia di sant'Andrea il 23 gennaio 1685, figlio di Giovanni Furietti, patrizio di Bergamo e principe di Valenzano e di Caterina nata Terzi, pure di famiglia patrizia.

Dopo gli studi di grammatica nella sua città studiò retorica e filosofia presso il Collegio Elvetico di Milano, poi teologia e matematica presso il Collegio Borromeo di Pavia. Attorno al 1705 presso l'Università di Pavia conseguì il dottorato in utroque iure. Non vi sono dati sulla sua ordinazione sacerdotale che avvenne probabilmente a Bergamo attorno a quegli anni.

Appassionato di storia e desideroso di intraprendere la carriera ecclesiastica, nel 1709 si trasferì a Roma, lavorando presso i tribunali della Santa Sede. Nel 1710 fu ammesso in Arcadia col nome di Entesto Calameo. Fu aiutante di studio di mons. Giovanni Francesco Barbarigo, revisore della Sacra Romana Rota per la repubblica di Venezia.

Nel 1715 l'ambasciatore di Venezia Nicola Duodo e papa Clemente XI gli affidarono una delicata missione diplomatica, recarsi a Malta per ottenere dal Gran Maestro dell'Ordine d Malta i vascelli necessari a difendere dai Turchi alcuni presidi della Repubblica Veneta in Morea. Anche se gli aiuti giunsero in ritardo e la Morea venne abbandonata, il comportamento del Furietti fu apprezzato e contribuì a fargli ottenere da Innocenzo XIII il 19 gennaio 1722 l'ammissione al Prelatura romana come referendario dei Tribunali della Segnatura Apostolica di giustizia e di grazia.

Nel 1725 venne nominato luogotenente civile del cardinale vicario e l'8 ottobre 1732 ottenne da Clemente XII la luogotenenza civile dell'uditore della Camera apostolica, carica che ricoprì fino al 1743. Benedetto XIV in quell'anno lo promosse alla segreteria della Sacra Congregazione del Concilio a cui, in seguito, si aggiunse anche quella della Residenza dei vescovi, cariche che mantenne fino alla sua elevazione alla porpora sedici anni dopo.

Fu creato cardinale nel concistoro del 24 settembre 1759 e il 27 settembre di quell'anno ricevette la berretta rossa e il titolo di cardinale presbitero dei Santi Quirico e Giulitta. Venne subito assegnato alle congregazioni del Concilio, delle Immunità, della Disciplina regolare e della Segnatura di grazia, dichiarato protettore della Chiesa e nazione bergamasca e della collegiata e capitolo di Argenta.

Morì a Roma il 14 gennaio 1764. I funerali si tennero nella chiesa di santa Maria sopra Minerva e fu seppellito nella chiesa della nazione bergamasca a Roma.

La sua ricca biblioteca fu lasciata in eredità alla città di Bergamo con la clausola che fosse aperta al pubblico. Il lascito, costituito da 1363 volumi e dai manoscritti del Furietti, costituì il primo nucleo della Civica Biblioteca Angelo Mai di Bergamo.[2]

Opere

Furietti fu anche archeologo e letterato. Esordì con l'edizione delle opere di Gasparino e Guiniforte Barzizza (Roma 1723), due importanti umanisti del XV secolo suoi conterranei, opere alle quali il Furietti fornì una dotta prefazione e una biografia di Gasparino, che gli valse gli elogi del grande sorico Ludovico Antonio Muratori. Essendo poi sorta una questione di precedenza fra i votanti della Segnatura di grazia e quelli della Segnatura di giustizia, egli, membro dei primi, ne difese in giudizio i diritti con due orazioni a stampa, Alla santità di n.s. papa Benedetto XIV, Memoriale per li votanti di segreteria di grazia contro li votanti di segreteria di giustizia, Roma, 1742 e il Memoriale di replica... (ibid. 1743). La causa ebbe molta risonanza e, quando la vittoria arrise alle tesi del Furietti, egli ne ricavò ulteriore prestigio. Qualche anno dopo pubblicò Marci Publii Fontanae Bergomatis vita (Bergamo 1752), biografia in bel latino classicheggiante di un poeta bergamasco del XVI secolo, usata come prefazione all'edizione delle poesie di quello curata dall'abate Pierantonio Serassi, anch'egli bergamasco, noto studioso del Torquato Tasso, che sarà suo collaboratore e dal 1759 suo segretario. Per questo egli cominciò in quel periodo a raccogliere lettere di Maurizio Cattaneo, che fu precettore del Tasso, lavoro che non completò mai ma che venne adoperato dal Serassi per la sua Vita dell'autore della Gerusalemme liberata.

Successione degli incarichi

Predecessore: Segretario della Congregazione del Concilio Successore: Emblem Holy See.svg
Carlo Alberto Guidobono Cavalchini 9 settembre 1743-24 settembre 1759 Giuseppe Simonetti I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Carlo Alberto Guidobono Cavalchini {{{data}}} Giuseppe Simonetti
Predecessore: Cardinale presbitero dei Santi Quirico e Giulitta Successore: CardinalCoA PioM.svg
Luca Melchiore Tempi 19 novembre 1759-14 gennaio 1764 Antonio Lante Montefeltro Della Rovere I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Luca Melchiore Tempi {{{data}}} Antonio Lante Montefeltro Della Rovere
Note
  1. In data sconosciuta secondo alcune fonti (vedi collegamenti esterni in tabella). Secondo Treccani nel 1705 a Bergamo. Guido Fagioli Vercellone op. cit.
  2. Ivano Sonzogni, "Una Biblioteca per i bergamaschi di gran talento, il cardinale Furietti e la fondazione della Civica, Bergomum", Bollettino della Civica Biblioteca', n. 2, 1994.
Bibliografia

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.