Odoardo Cibo

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Odoardo Cibo
Primatenoncardinal.png
Vescovo
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

Odoardo Cibo.JPG

Ritratto di Odoardo Cibo; Lucerna, convento dei Cappuccini, Galleria dei nunzi
'
Titolo
Età alla morte 85 anni
Nascita Genova
6 dicembre 1619
Morte Massa Carrara
6 febbraio 1705
Sepoltura Cattedrale dei Santi Pietro e Francesco
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale {{{O}}}
Ordinazione presbiterale [[]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo 28 luglio 1670
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile 1670
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca 13 ottobre 1689
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org

Odoardo Cibo anche Cybo o Cybo Malaspina (Genova, 6 dicembre 1619; † Massa Carrara, 6 febbraio 1705) è stato un patriarca e nunzio apostolico italiano.

Cenni biografici

Nacque a Genova il 6 dicembre 1619, sestogenito di quattordici figli di Carlo I Cibo Malaspina, duca di Massa e principe di Carrara, e di Brigida nata Spinola. La famiglia aveva dato alla Chiesa molti prelati, cardinali e il pontefice Innocenzo VIII.

Come i suoi fratelli maggiori Alderano e Lorenzo (Ch) fu avviato alla carriera ecclesiastica. Dopo il dottorato in utroque iure ottenuto presso l'università di Pisa, fu a Roma dove prese servizio presso la Curia romana. Sotto Alessandro VII e Clemente IX fu prefetto e governatore di molte città pontificie. Fu pure al seguito del fratello maggiore Alderano, già cardinale dal 1645 all'età di trentadue anni, e legato pontificio di Ferrara e di Romagna.

In vista della sua nomina a nunzio fu nominato il 28 luglio 1670 arcivescovo In partibus infidelium di Seleucia di Isauria. Non si hanno dati sulla sua consacrazione presbiterale e vescovile. Il 1° agosto seguente accettò la nomina a nunzio in Svizzera, sede tra le più disagevoli e faticose e di secondaria importanza. Fu presso i cantoni confederati cattolici per nove anni fino al 18 ottobre 1679, quando venne sostituito da mons. Giacomo Cantelmo.

Nel 1674 visitò il Vallese, dove il 30 novembre consacrò il vescovo Adrian V von Riedmatten,[1] eletto vescovo e conte del Vallese nel 1672. Svolse un ruolo di mediazione nella annosa controversia giudiziaria che oppose il capitolo della cattedrale san Nicola di Friburgo a Jean-Baptiste de Strambino,[2] vescovo di Losanna, nominato a Roma da papa Alessandro VII, che nel 1663 aveva preso possesso della diocesi stabilendosi a Friburgo. L'approvazione delle rivendicazioni giuridiche del vescovo da parte di una speciale congregazione romana nel 1675, contro la volontà del capitolo e del governo friburghese, restò però lettera morta. Nel 1674 Cibo si oppose alla soppressione del collegio gesuitico a Bellinzona. Nel 1676 il fratello cardinal Alderano divenne Segretario di Stato, nonostante ciò il Cibo non chiese di essere sostituito che tre anni dopo, rientrando così a Roma nell'ottobre del 1679. Nel gennaio dell'anno seguente fu nominato segretario della Congregazione de Propaganda Fide, carica che ricoprì per quindici anni, sino all'agosto del 1695.

Il segretariato della Congregazione comportava importanti e delicati incarichi come l'invio di procuratori o visitatori che rendessero conto dello stato delle missioni e mantenessero i rapporti con i collegi e i seminari sparsi in tutto il mondo. Altro incarico era la pubblicazione da parte della tipografia della Congregazione di tutte le opere necessarie alla conservazione e alla propaganda della Fede e naturalmente la gestione finanziaria. Cibo sostenne la vecchia richiesta dei missionari in Cina, rinnovata nel 1685, di adottare la lingua cinese nella celebrazione della messa e nelle altre preghiere. Ne presentò una sua istanza al pontefice che tuttavia, dopo vari indugi, la respinse.

Con l'elezione al soglio pontificio di papa Alessandro VIII, eletto anche grazie all'appoggio dato dal fratello Alderano, Odoardo fu elevato a patriarca di Costantinopoli il 13 ottobre del 1689. Nel 1698 il Cibo tenne i sinodi di Velletri e di Ostia, voluti dal fratello, che era titolare di tali diocesi. Gli ultimi anni del soggiorno romano del Cibo videro la morte del fratello Alderano il 22 luglio 1700 e il suo ritiro definitivo da ogni carica.

Nel 1702 lasciò definitivamente Roma per ritirarsi a Massa dove morì tre anni dopo, il 6 febbraio 1705. Fu sepolto nella tomba di famiglia nel duomo dei Santi Pietro e Francesco.

Successione degli incarichi

Predecessore: Arcivescovo titolare di Seleucia di Isauria Successore: Archbishop CoA PioM.svg
Girolamo Grimaldi-Cavalleroni 28 giugno 1670 - 13 ottobre 1689 Andrea Santacroce I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Girolamo Grimaldi-Cavalleroni {{{data}}} Andrea Santacroce
Predecessore: Nunzio apostolico per la Svizzera Successore: Emblem Holy See.svg
Rodolfo Acquaviva d'Aragona 11 agosto 1670 - 1679 Giacomo Cantelmo I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Rodolfo Acquaviva d'Aragona {{{data}}} Giacomo Cantelmo
Predecessore: Patriarca titolare di Costantinopoli Successore: PatriarchNonCardinal PioM.svg
Stefano Ugolini (Ch) 13 ottobre 1689 - 6 aprile 1705 Lodovico Pico Della Mirandola I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Stefano Ugolini (Ch) {{{data}}} Lodovico Pico Della Mirandola


Note
  1. Bernard Truffer, Dizionario storico della Svizzera, Riedmatten, Adrian V von.
  2. Pierre Surchat, Dizionario storico della Svizzera, Strambino, Jean-Baptiste de.
Bibliografia
  • Enrico Stumpo, Dizionario Biografico degli Italiani, vol. 25, (1981), online
  • Urban Fink, Dizionario storico della Svizzera, Cibo, Odoardo

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.