Ottavio Santacroce

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Jump to navigation Jump to search
Ottavio Santacroce
Vescovo
Template-Bishop.svg
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"

[[File:|250px]]

'
Titolo
Incarichi attuali
Età alla morte 39 anni
Nascita Roma
11 giugno 1542
Morte Praga
3 settembre 1581
Sepoltura Cattedrale di Praga
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale in data sconosciuta
Ordinazione presbiterale [[{{{aO}}}]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo 17 luglio 1576 da Gregorio XIII
nominato arcivescovo {{{nominatoA}}}
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile {{{C}}}
Consacrazione vescovile 9 settembre 1576 dal card. Fulvio Giulio della Corgna
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo
Elevazione a Patriarca
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Riammesso da da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
Invito all'ascolto
Firma autografa
[[File:{{{FirmaAutografa}}}|250px]]

Ottavio Santacroce, anche Santa Croce (Roma, 11 giugno 1542; † Praga, 3 settembre 1581), è stato un vescovo e nunzio apostolico italiano.

Cenni biografici

Nacque a Roma l'11 giugno 1542 da Onofrio e dalla sua terza moglie, Vetruria de' Massimi.

Si presero cura della sua educazione e formazione i cardinali Federico e Paolo Emilio Cesi, fratelli di Nicolosa, la prima moglie del padre.

Ottavio nel 1556 ottenne da Paolo IV una pensione di 500 scudi dalle rendite del convento di santa Maria di Chiaravalle. Studiò giurisprudenza a Bologna, dove gli fu conferito il dottorato in utroque iure nel 1566.

Sotto papa Pio V ottenne l'importante ufficio curiale di referendario utriusque signaturae, confermato da Gregorio XIII. Nel 1573 fu nominato governatore di Fermo, dove intrattenne contatti amichevoli con il cardinale Felice Peretti Montalto, futuro papa Sisto V. Agli inizi del 1576 fu trasferito al governo di Perugia. Il 18 luglio di quell'anno Ottavio fu nominato vescovo di Cervia, come successore del fratellastro Scipione. La consacrazione gli fu impartita nella Cattedrale di San Lorenzo di Perugia dal cardinale Fulvio Giulio della Corgna, assistito da mons. Francesco Bosio[1], vescovo della città e mons. Angelo Cesi[2] vescovo di Todi. Nel 1577 convocò un sinodo diocesano a Cervia.

Nell'estate del 1577 succedette a Girolamo Federici come nunzio apostolico a Torino. Il nunzio fu incaricato di sensibilizzare la corte savoiarda riguardo alla situazione in Provenza, dove i possedimenti pontifici ad Avignone e nel contado Venassino erano sottoposti a una continua minaccia da ugonotti e da cattolici anticuriali.

L'agenda politica di Santacroce in Savoia fu anche contraddistinta dal conflitto tra il Piemonte e la Francia intorno al marchesato di Saluzzo e dal tentativo del Ducato di Savoia di recuperare Ginevra.

Per combattere gli abusi all'interno della Chiesa e per promuovere l'attuazione dei decreti del Concilio di Trento, ostacolata dai vescovi, agì in stretta collaborazione con i gesuiti.

Durante la sua nunziatura la Sacra Sindone fu trasferita da Chambéry a Torino. Santacroce descrisse l'arrivo della reliquia nella capitale piemontese il 9 settembre 1578 che vide un grande afflusso dei fedeli savoiardi e di pellegrini forestieri.

La sua nunziatura torinese terminò poco tempo dopo la morte, il 30 agosto 1580, del duca Emanuele Filiberto. Passato un breve periodo nell'abbazia dei Santi Nazario e Celso presso Vercelli, di cui era abate commendatario, ebbe da Roma la notizia che gli era stata affidata la nunziatura presso la corte imperiale, dopo che era corsa la voce di una sua prossima nomina come nunzio a Parigi.

Si recò quindi presso la Santa Sede per ritirare i documenti di inizio missione, ovvero l'istruzione, le facoltà e i brevi credenziali. Il 24 aprile 1581 partì da Roma, dopo una sosta a Fiano, nella residenza della famiglia e un incontro con il granduca Francesco I di Toscana a Pratolino, si fermò alcuni giorni a Bologna. Fu quindi a Mantova, dove lo ricevette l'arciduchessa Eleonora. Dal passo del Brennero giunse a Innsbruck dove trattò temi politici e confessionali con il reggente del Tirolo, l'arciduca Ferdinando e sollecitò suo figlio, il cardinale Andrea d'Austria, a terminare i suoi studi di teologia.

Con tappe intermedie a Donauwörth, Ratisbona e Passau arrivò a Vienna il 1º giugno. Approfittò del suo soggiorno di una settimana nella capitale della Bassa Austria e dintorni per incontrare le autorità secolari ed ecclesiastiche e visitare il collegio dei gesuiti con il seminario degli alunni e il convento di Klosterneuburg.

Al suo arrivo a Praga il nunzio uscente, Orazio Malaspina, lo informò dello stato dell'Impero, dei Paesi ereditari asburgici e della corte. Il 25 giugno l'imperatore Rodolfo II d'Asburgo lo ricevette in prima udienza, accompagnato da Malaspina, che si congedò dall'imperatore per tornare in Curia.

In carica presso la corte imperiale da appena due mesi, Santacroce si ammalò gravemente. Dopo essersi confessato diede le sue ultime disposizioni il 1º settembre. Morì a Praga il 3 settembre e fu solennemente sepolto nella cattedrale.

Genealogia episcopale

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Genealogia episcopale

Successione degli incarichi

Predecessore: Governatore di Fermo Successore: Emblem Holy See.svg
Candido Zitelli da Norcia 2 aprile 1573 - 1576 Jacopo Boncompagni I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Candido Zitelli da Norcia {{{data}}} Jacopo Boncompagni
Predecessore: Governatore di Perugia Successore: Emblem Holy See.svg
Agostino Bernucci 4 gennaio - 18 luglio 1576 G. Pietro Ghislieri[3] I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Agostino Bernucci {{{data}}} G. Pietro Ghislieri[3]
Predecessore: Vescovo della diocesi di Cervia Successore: Bishopcoa.png
Scipione Santacroce[4] 18 luglio 1576-3 settembre 1581 Lorenzo Campeggi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Scipione Santacroce[4] {{{data}}} Lorenzo Campeggi
Predecessore: Nunzio apostolico nel Ducato di Savoia Successore: Emblem Holy See.svg
Girolamo Federici 29 giugno 1577-15 settembre 1580 Vincenzo Lauro I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Girolamo Federici {{{data}}} Vincenzo Lauro
Predecessore: Nunzio apostolico per il Sacro Romano Impero Successore: Flag of the Vatican City.svg
Orazio Malaspina 15 giugno 1581-3 settembre 1581 Giovanni Francesco Bonomi I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Orazio Malaspina {{{data}}} Giovanni Francesco Bonomi
Note
  1. cfr. Bishop Francesco Bossi † su catholic-hierarchy.org. URL consultato il 06-01-2021
  2. cfr. Bishop Angelo Cesi † su catholic-hierarchy.org. URL consultato il 06-01-2021
  3. Christoph Weber, LEGATI E GOVERNATORI DELLO STATO PONTIFICIO (1550-1809) su archivi.beniculturali.it (). URL consultato il 08-03-2021
  4. cfr. Bishop Scipione Santacroce † su catholic-hierarchy.org. URL consultato il 06-01-2021
Bibliografia