Paolo Emilio Cesi

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark
Paolo Emilio Cesi
175px
Cardinale
[[File:{{{Stemma istituzione}}}|50px]]
al secolo {{{alsecolo}}}
ERRORE in "fase canonizz"
{{{note}}}

Paolo Emilio Cesi.png

{{{didascalia}}}
'
Titolo cardinalizio
Incarichi attuali
Età alla morte 56 anni
Nascita Roma
1481
Morte Roma
5 agosto 1537
Sepoltura Santa Maria Maggiore (Roma)
Appartenenza
Vestizione {{{V}}}
Vestizione [[{{{aVest}}}]]
Professione religiosa [[{{{aPR}}}]]
Ordinato diacono {{{OrdinazioneDiaconale}}}
Ordinazione sacerdotale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione presbiterale in data sconosciuta
Ordinazione presbiterale [[{{{aO}}}]]
Consacrazione vescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
nominato vescovo {{{nominato}}}
nominato arcivescovo
nominato arcieparca {{{nominatoAE}}}
nominato patriarca {{{nominatoP}}}
nominato eparca {{{nominatoE}}}
Consacrazione vescovile in data sconosciuta
Consacrazione vescovile [[ ]]
Ordinazione arcivescovile PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Ordinazione patriarcale PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Elevazione ad Arcivescovo {{{elevato}}}
Elevazione a Patriarca {{{patriarca}}}
Elevazione ad Arcieparca {{{arcieparca}}}
Creazione
a Cardinale
PARAMETRO OBSOLETO! Modifica questa pagina e correggilo in base a queste istruzioni.
Creazione
a Cardinale
{{{P}}}
Creazione
a Cardinale
1º luglio 1517 da Leone X (vedi)
Cardinale elettore
Ruoli ricoperti
Creazione a
pseudocardinale
{{{pseudocardinale}}}
Eletto Antipapa {{{antipapa}}}
Opposto a {{{Opposto a}}}
Sostenuto da {{{Sostenuto da}}}
Scomunicato da
Riammesso da da
Emblem of the Papacy SE.svg Informazioni sul papato
° vescovo di Roma
Elezione
al pontificato
{{{inizio}}}
Consacrazione {{{consacrazione}}}
Fine del
pontificato
{{{fine}}}
(per causa incerta o sconosciuta)
Segretario {{{segretario}}}
Predecessore {{{predecessore}}}
Successore {{{successore}}}
Extra Anni di pontificato
Nomine
Cardinali creazioni
Proclamazioni
Antipapi {{{antipapi}}}
Eventi
Venerato da {{{venerato da}}}
Venerabile il [[{{{aV}}}]]
Beatificazione [[{{{aB}}}]]
Canonizzazione [[{{{aS}}}]]
Ricorrenza [[{{{ricorrenza}}}]]
Altre ricorrenze
Santuario principale {{{santuario principale}}}
Attributi {{{attributi}}}
Devozioni particolari {{{devozioni}}}
Patrono di {{{patrono di}}}
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Incoronazione
Investitura
Predecessore
Erede {{{erede}}}
Successore
Nome completo {{{nome completo}}}
Trattamento {{{trattamento}}}
Onorificenze
Nome templare {{{nome templare}}}
Nomi postumi
Altri titoli
Casa reale {{{casa reale}}}
Dinastia {{{dinastia}}}
Padre {{{padre}}}
Madre {{{madre}}}
Coniuge

{{{coniuge 1}}}

Consorte

Consorte di

Figli
Religione {{{religione}}}
Firma [[File:{{{firma}}}|150x150px]]
Collegamenti esterni
(EN) Scheda su gcatholic.org
(EN) Scheda su catholic-hierarchy.org
(EN) Scheda su Salvador Miranda

Paolo Emilio Cesi (Roma, 1481; † Roma, 5 agosto 1537) è stato un cardinale italiano.

Cenni biografici

Paolo Emilio nacque a Roma nel 1481, primogenito dei dodici figli di Angelo, di famiglia originaria dell'Umbria e avvocato concistoriale e della moglie Franceschina Cardoli di Narni. La famiglia diede alla Chiesa molti prelati: il fratello Federico Cesi fu pure porporato come il cugino di secondo grado Pierdonato Cesi.

Primi anni

Seguì la carriera ecclesiastica e compì studi giuridici, conseguendo la laurea in utroque iure.

Entrato presso la Curia romana nel 1502 divenne segretario pontificio con un canonicato nella basilica patriarcale liberiana di santa Maria Maggiore. Nel 1512 partecipò al Concilio Lateranense V come notaio. Divenne quindi canonico di san Pietro prima e protonotario apostolico poi, arrivando infine a dirigere la Cancelleria Apostolica. Nel concistoro del 1ºluglio 1517 papa Leone X lo creò cardinale del titolo di san Nicola inter Imagines.

Cardinalato

Il Cesi sembra avesse pochi tratti in comune con il pontefice, che lo aveva innalzato al rango di principe della Chiesa in particolare per alla sua ricchezza, con cui non mancò di sovvenire il papa e probabilmente anche all'influenza del padre. Infatti non risulta aver svolto, durante il pontificato del Medici, particolari incarichi e l'unico beneficio ecclesiastico che ottenne in quel periodo fu di amministrare la sede vacante di Lund in Svezia che, per forti contrasti, fu costretto a rinunciarvi dopo poco tempo.

Alla morte di Leone X il 1º dicembre 1521 i cardinali affidarono il governo dello Stato a una commissione di cinque membri, uno dei quali era il Cesi.

Il nuovo pontefice Adriano VI gli affidò l'amministrazione della sede vacante di Sion nel 1522, incarico che tenne sino alla nomina del nuovo vescovo nel 1529. Nel 1523, per un breve periodo fu amministratore della Diocesi di Todi, per dimettersi a favore del fratello Federico Cesi. Papa Adriano VI lo nominò uno dei giudici della causa contro il cardinale Francesco Soderini. Partecipò al conclave del 1523 che elesse papa Clemente VII. Nel gennaio 1524 divenne abate commendatario del monastero cistercense di Chiaravalle. Fu nominato amministratore della sede di Narni nel maggio di quell'anno; rinunciò all'incarico a favore del nipote Bartolomeo Cesi il 1º giugno seguente. Amministratore della sede vacante di Orte e Civita Castellana l'anno seguente, occupò l'incarico fino alla morte. In quell'anno gli fu affidata anche la sede vacante di Cervia. Si dimise dall'incarico, riservandosi il diritto di successione, a favore di Ottavio Cesi nel 1528. Alla morte di Ottavio nel 1534 la sede passò a un altro membro della sua famiglia, Giovanni Andrea Cesi.

Nel gennaio 1527 fece parte di una commissione incaricata di esaminare i problemi sorti con l'apostasia di Alberto di Brandeburgo, che lasciò i membri dell'Ordine Teutonico senza gran maestro. Perse tutti i suoi averi nel sacco di Roma per mano delle truppe imperiali nel maggio 1527 e si rifugiò a Castel Sant'Angelo. Nel dicembre 1527, mentre si diffondeva l'infondata voce della sua morte, fu consegnato, insieme al cardinale Franciotto Orsini, come ostaggio di Colonna, a garanzia della somma che il Papa aveva accettato di pagare, per poter fuggire indenne da Castel Sant'Angelo. Fu liberato nel febbraio 1528. In quell'anno divenne protettore del monastero di santa Restituta a Narni dove la sorella Firmina O.S.C. era badessa. Fu inviato a Roma nell'aprile 1528 dove il cardinale legato Lorenzo Campeggio temeva il ripetersi di scorrerie in città. Fu governatore di Roma in assenza del Papa nel 1529.

In quell'anno fu nominato amministratore apostolico della diocesi di Massa Marittima a cui rinunciò l'anno seguente.

Nel 1534 optò per la diaconia di Sant'Eustachio. Sempre sotto il pontificato di Clemente VII fu prefetto del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica.

Morto Clemente VII, il Cesi partecipò al conclave del 1534 che elesse Paolo III. Pochi giorni dopo la sua elezione il nuovo pontefice istituì una commissione formata da tre cardinali: il Cesi, Giovanni Piccolomini e Antonio Sanseverino, che aveva il generico compito di studiare una riforma dei costumi. Il 23 agosto 1535 fu costituita un'altra commissione, di cui faceva parte il Cesi, la quale doveva occuparsi dei problemi da risolvere e dei provvedimenti da adottare, relativamente a una riforma della città e della Curia di Roma.

Sotto le sollecitazioni di Carlo V d'Asburgo, giunto a Roma reduce dalla vittoriosa impresa di Tunisi, il Papa convocò una congregazione straordinaria comprendente il Cesi, la quale aveva il compito di preparare la bolla di convocazione del concilio, che il pontefice inizialmente pensò di tenere a Mantova.

L'ultimo suo incarico, divenuto nel frattempo arciprete di santa Maria Maggiore, prefetto della Segnatura di grazia e giustizia, cardinale protettore del ducato di Savoia e del regno d'Inghilterra, fu quello di far parte nel giugno 1537 di una commissione incaricata di imporre una tassa per finanziare la ristrutturazione dell'esercito pontificio e garantire una difesa autonoma del proprio territorio.

Morì a Roma 5 agosto 1537 e fu sepolto nella basilica di Santa Maria Maggiore.

Successione degli incarichi

Predecessore: Cardinale diacono di San Nicola fra le Immagini
(diaconia pro hac vice)
Successore: CardinalCoA PioM.svg
Carlo Domenico Del Carretto 6 luglio 1517-5 settembre 1534 Alfonso Carafa I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Carlo Domenico Del Carretto {{{data}}} Alfonso Carafa
Predecessore: Amministratore apostolico di Lund Successore: ArchbishopPallium PioM.svg
Jørgen Skodborg[1]
(arcivescovo metropolita)
6 febbraio 1520-12 luglio 1521 Didrik Slagheck
(arcivescovo metropolita)
I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Jørgen Skodborg[1]
(arcivescovo metropolita)
{{{data}}} Didrik Slagheck
(arcivescovo metropolita)
Predecessore: Amministratore apostolico di Sion Successore: BishopCoA PioM.svg
Matteo Schiner
(vescovo)
12 novembre 1522-8 settembre 1529 Adrian von Riedmatten I
(vescovo)
I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Matteo Schiner
(vescovo)
{{{data}}} Adrian von Riedmatten I
(vescovo)
Predecessore: Amministratore apostolico di Todi Successore: BishopCoA PioM.svg
Alderico Billioti[2]
(vescovo)
1º giugno - 12 giugno 1523 Federico Cesi
(vescovo)
I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Alderico Billioti[2]
(vescovo)
{{{data}}} Federico Cesi
(vescovo)
Predecessore: Amministratore apostolico di Narni Successore: BishopCoA PioM.svg
Carlo Soderini[3]
(vescovo)
20 maggio - 1º luglio 1524 Bartolomeo Cesi[4]
(vescovo)
I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Carlo Soderini[3]
(vescovo)
{{{data}}} Bartolomeo Cesi[4]
(vescovo)
Predecessore: Amministratore apostolico di Cervia Successore: BishopCoA PioM.svg
Pietro de Flisco[5]
(vescovo)
1º gennaio 1525-23 marzo 1528 Ottavio Cesi[6]
(vescovo)
I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Pietro de Flisco[5]
(vescovo)
{{{data}}} Ottavio Cesi[6]
(vescovo)
Predecessore: Amministratore apostolico di Civita Castellana Successore: BishopCoA PioM.svg
Francesco Franceschini[7]
(vescovo), O.F.M.
7 aprile 1525-5 agosto 1537 Pomponio Ceci
(vescovo)
I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Francesco Franceschini[7]
(vescovo), O.F.M.
{{{data}}} Pomponio Ceci
(vescovo)
Predecessore: Amministatore apostolico di Massa Marittima Successore: BishopCoA PioM.svg
Camillo Peruschini[8]
(vescovo)
6 ottobre 1529-21 ottobre 1530 Girolamo Ghianderoni[9]
(vescovo)
I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Camillo Peruschini[8]
(vescovo)
{{{data}}} Girolamo Ghianderoni[9]
(vescovo)
Predecessore: Arciprete della Basilica Liberiana di Santa Maria Maggiore Successore: Santa maria maggiore 051218-01.JPG
Andrea della Valle 3 agosto 1534-5 agosto 1537 Alessandro Farnese il Giovane I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Andrea della Valle {{{data}}} Alessandro Farnese il Giovane
Predecessore: Cardinale diacono di Sant'Eustachio Successore: CardinalCoA PioM.svg
Alessandro Farnese il Giovane 5 settembre 1534-5 agosto 1537 Agostino Trivulzio I
II
III
IV
V
VI
VII
VIII
IX
X
con
con
Alessandro Farnese il Giovane {{{data}}} Agostino Trivulzio
Note
  1. cfr. Father Jørgen Skodborg † su catholic-hierarchy.org. URL consultato il 14-07-2020
  2. cfr. Bishop Alderico Billiotti † su catholic-hierarchy.org. URL consultato il 14-07-2020
  3. cfr. Bishop Carlo Soderini † su catholic-hierarchy.org. URL consultato il 14-07-2020
  4. cfr. Bishop Bartolomeo Cesi † su catholic-hierarchy.org. URL consultato il 14-07-2020
  5. cfr. Bishop Pietro de Flisco † su catholic-hierarchy.org. URL consultato il 14-07-2020
  6. cfr. Bishop Octavio de Cesi † su catholic-hierarchy.org. URL consultato il 14-07-2020
  7. cfr. Bishop Francesco Franceschini, O.F.M. † su catholic-hierarchy.org. URL consultato il 14-07-2020
  8. cfr. Bishop Camillo Peruschini † su catholic-hierarchy.org. URL consultato il 14-07-2020
  9. cfr. Bishop Girolamo Ghianderoni † su catholic-hierarchy.org. URL consultato il 14-07-2020
Bibliografia
  • Franca Petrucci, CESI, Paolo Emilio su treccani.it, Treccani Dizionario Biografico degli Italiani , 2016 URL consultato il 3-07-2020

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.