Diocesi di Grosseto

Da Cathopedia, l'enciclopedia cattolica.
100%Decrease text sizeStandard text sizeIncrease text size
Share/Save/Bookmark

Diocesi di Grosseto
Dioecesis Grossetana
Chiesa latina

Cattedrale di Grosseto.jpg
vescovo Rodolfo Cetoloni, O.F.M.
Sede Grosseto

sede vacante
Grosseto

Amministratore apostolico {{{amministratore}}}
Nuvola apps important.svg
Ci sono degli errori relativi alla categorizzazione automatica dovuti al fatto che alcuni parametri non sono stati valorizzati!
  • Parametro: Parametro vescovo eletto senza parametro titolo eletto

Vedi {{Diocesi della chiesa cattolica/man}}

La voce è stata segnalata nella Categoria:Diocesi della chiesa cattolica/warning.

{{{vescovo eletto}}}
Suffraganea dell'arcidiocesi di Siena-Colle di Val d'Elsa-Montalcino
Regione ecclesiastica Toscana
225px-Italy Tuscany Diocese map Grosseto.svg.png
Mappa della diocesi
Nazione bandiera Italia
diocesi suffraganee
{{{suffraganee}}}
coadiutore
vicario
provicario
generale
ausiliari

Vescovi emeriti:

Giacomo Babini
Parrocchie 50
Sacerdoti

78 di cui 53 secolari e 25 regolari
1.540 battezzati per sacerdote

25 religiosi 27 religiose 4 diaconi
127.280 abitanti in 1.239 km²
120.141 battezzati (94,3% del totale)
Eretta 9 aprile 1138
Rito romano
cattedrale {{{cattedrale}}}
Santi patroni
Corso Carducci 11, 58100 Grosseto, Italia
tel. 0564 29044 fax. 0564 20116 @

Sito ufficiale

Dati dall'annuario pontificio 2011 riferiti al 2010 Scheda
Chiesa cattolica in Italia
Tutte le diocesi della Chiesa cattolica

La diocesi di Grosseto (in latino Dioecesis Grossetana) è una sede della Chiesa cattolica suffraganea dell'arcidiocesi di Siena-Colle di Val d'Elsa-Montalcino appartenente alla regione ecclesiastica Toscana. Nel 2010 contava 120.141 battezzati su 127.280 abitanti.

Territorio

La diocesi comprende parte della provincia di Grosseto.

Sede vescovile è la città di Grosseto, dove si trova la Cattedrale di San Lorenzo di Grosseto

Il territorio è suddiviso in 50 parrocchie.

Storia

La diocesi di Roselle fu eretta nel corso del IV secolo. Era inizialmente suffraganea della diocesi di Roma e la sede si trovava al di fuori della cerchia muraria dell'antica città etrusco-romana. L'originaria cattedrale è stata identificata con alcuni ruderi situati in località La Canonica e risulta essere stata in funzione fino al XII secolo.

Proprio nel corso del XII secolo, una serie di eventi determinarono il definitivo trasferimento della sede vescovile da Roselle a Grosseto. A tal proposito, un ruolo fondamentale fu sicuramente svolto da papa Innocenzo II che soggiornò più volte nella città di Grosseto tra il 1133 e il 1137, dopo la precedente visita di papa Callisto II del maggio 1120, trovando sempre una calorosa accoglienza dalla popolazione e dai rappresentanti cittadini. Durante una delle sue presenze nel capoluogo maremmano, il Papa assistette, tra l'altro, all'assedio portato alla città dalle truppe tedesche del duca Arrigo di Baviera (1137), dopo il rifiuto dei Grossetani di prestare il servizio dovuto all'Imperatore. Dopo aver conosciuto da vicino sia la città che il carattere e il temperamento dei suoi abitanti, il papa decise di trasferire in tempi rapidissimi a Grosseto la storica sede vescovile di Roselle, evento che si concretizzò il 9 aprile 1138. Da allora, la diocesi di Grosseto inglobò l'intero ambito territoriale del preesistente vescovato di Roselle, mutando seppur marginalmente nel corso dei secoli i propri confini fino ad arrivare a quelli attuali.

Nel corso del Duecento la diocesi comprendeva 21 pievi e la sua suddivisione rimase pressoché immutata anche durante il secolo successivo. Tuttavia, attorno alla metà del Quattrocento vi fu un periodo di 17 anni durante i quali l'amministrazione della diocesi fu affidata a due cardinali, mentre nel 1459 la diocesi, inizialmente suffraganea di Roma, divenne ad esserla di Siena.

Un lungo periodo di declino caratterizzò il Cinquecento e il Seicento, secoli nei quali i vescovi risiedevano spesso fuori dai confini diocesani e vi si recavano solo per svolgerne le funzioni.

Sul finire del Settecento, la dominazione napoleonica portò alla temporanea cessione di alcune parrocchie di Castiglione della Pescaia nel territorio della diocesi di Ajaccio; il secolo successivo vide la sede vacante per un decennio, proprio a cavallo con l'Unità d'Italia.

Dal 1924 al 1932, durante l'episcopato di Gustavo Matteoni, la diocesi di Grosseto fu unita in persona episcopi alle diocesi di Sovana e Pitigliano.

Il 21 maggio 1989 la città e la diocesi di Grosseto ricevettero la visita di papa Giovanni Paolo II, il terzo pontefice della storia a recarsi nel capoluogo maremmano, a distanza di 852 anni dall'ultima visita di un papa.

Cronotassi dei vescovi

Parrocchie

Statistiche

La diocesi al termine dell'anno 2010 su una popolazione di 127.280 persone contava 120.141 battezzati, corrispondenti al 94,3% del totale.

Fonti
Voci correlate
Collegamenti esterni

Suggerimenti



Poni il mouse qui sopra per vedere i contributori di questa voce.